8 per mille: il boom dei buddisti e il calo della Chiesa, tra conti che non tornano

Calano le firme per la Chiesa Cattolica

«Calano le firme alla Chiesa cattolica, che per la ripartizione dell’8 per mille di quest’anno deve contare su 45mila contribuenti in meno. Certo è sceso il numero totale dei contribuenti ed è dunque piuttosto scontato che scenda anche quello di chi opta per la Chiesa ma, stando ai dati provvisori relativi ai prossimi due anni, questo calo potrebbe rivelarsi duraturo».

Il segretario dell’Uaar , Stefano Incani, interviene a commentare i dati 8 per mille appena diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e relativi alla dichiarazione dei redditi del 2014 (redditi 2013).

«Per la prima volta — prosegue Incani — il MEF ha diffuso dati e cifre relativi anche alle ripartizioni future, che se confermati indicherebbero un trend interessante. Se nel 2014 sono stati 15.180.978 i contribuenti a scegliere di destinare l’8 per mille alla #Chiesa (l’anno precedente erano stati 15.226.291), nel 2015 questa cifra si attesterebbe a 14.410.554 e nel 2016 a 13.944.967… Data la loro provvisorietà li prendiamo con le pinze in attesa di avere quelli definitivi e consapevoli che, in virtù del meccanismo per cui le quote non espresse — quelle che non vengono destinate, perché il contribuente non firma né per lo Stato né per una delle confessioni religiose che ha accesso ai fondi — sono comunque ripartite in proporzione alle firme ottenute, la Chiesa cattolica continuerà a incamerare ogni anno la gran parte dei fondi: circa l’80% a fronte di un 37% circa di contribuenti che attualmente la sceglie come destinataria».

«Tra i dati diffusi dal MEF — prosegue il segretario Uaar — quello che più salta agli occhi è il boom dell’Unione buddhista italiana, entrata nell’elenco dei destinatari, insieme all’Unione induista italiana, proprio nel 2014: 71.997 contribuenti l’hanno scelta, facendola balzare al quarto posto come firme e come fondi incassati, pari a 4.861.164 euro. Da quest’anno peraltro è possibile destinare l’8 per mille anche all’Istituto buddista italiano Soka Gakkai, per cui la corsa al tesoretto diventa ancora più competitiva… Per noi dell’Uaar l’accesso della Soka Gakkai tra i destinatari è tra l’altro di particolare importanza dato che si tratta di un istituto filosofico qualificato come ente religioso: praticamente ciò cui puntava l’Uaar con la richiesta di intesa con lo Stato avanzata negli anni passati e respinta a ragione del fatto che non siamo una religione…».

«Cogliamo infine l’occasione — conclude Incani — per sottolineare come i dati del MEF relativi agli importi ripartiti quest’anno non coincidano con quelli diffusi come di consueto dalla Cei con un paio di mesi di anticipo e ripresi da tutti i giornali. La Cei aveva dichiarato che “la somma relativa all’otto per mille dell’IRPEF assegnata alla Chiesa Cattolica per il 2017 risulta pari ad euro 986.070.639,38 determinati da euro 1.012.493.224,92 a titolo di anticipo dell’anno 2017, ed un conguaglio sulle somme riferite all’anno 2014, negativo di euro 26.422.585,54”. Ma sul sito del MEF si legge che la somma a titolo di anticipo è di 1 miliardo e 38 milioni di euro, da cui vanno detratti i 26 milioni di cui sopra. Ne risulterebbe che la cifra spettante alla Chiesa sarebbe di 1 miliardo e 12 milioni e non di 986 milioni. Nel dubbio noi diamo credito alla Cei ma ci piacerebbe che sul sito del MEF i dati fossero più chiari e trasparenti».

     
 
 

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI

 

Licenza Creative Commons

 
Crediti :

UAAR

Categorie
LAICITA' E RAZIONALISMO

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE