Contattaci

PRETI PEDOFILI

Abusi da un prete in parrocchia/ Pedofilia Isernia, Giorgio: “così mi molestava”

Pubblicato

il

Si chiama Giorgio Babics, ha oggi 34 anni e da settimane sta denunciando pubblicamente la storia accaduta 17 anni fa in un paesino della provincia di Isernia: #pedofilia , un’infanzia violata dalle molestie del parroco e da altri uomini di chiesa. Un quadro orrendo che è al vaglio della magistratura e delle indagini interne parallele della Diocesi guidata dal Vescovo Cibotti: «Giorgio accusa di pedofilia la sua ex guida spirituale, quel sacerdote conosciuto in Polonia, Paese natale di entrambi. A Lublino il prelato entrò a far parte del nucleo familiare di Giorgio, tanto che decise di portarlo con sé in Italia, nel paesino a pochi chilometri da Isernia, per dargli un futuro. Però, proprio in quel piccolo centro, all’interno della casa canonica, il sacerdote avrebbe usato violenza e oggi Giorgio è convinto di non essere l’unica vittima», si legge su Primo Piano Molise che fin dall’inizio ha seguito la storia e le accuse di Giorgio. Oggi il 34enne sarà ospite a Pomeriggio 5 per raccontare anche sulla tv nazionale la sua storia e le sue precise accuse che andranno ovviamente tutte verifica per evitare inutili processi mediatici, in un caso o nell’altro. Il racconto che Giorgio fa delle molestie subite è comunque agghiacciante: «Mi portava in giro, mi faceva guidare la macchina, voleva sempre abbracci. Io all’epoca ero poco più che un bambino, ma non c’erano le molestie che sono iniziate in provincia di Isernia, in un paesino isolato. Io da straniero non parlavo molto bene la lingua ed ero totalmente dipendente da lui. Dopo qualche mese dal nostro arrivo ha iniziato a fare altro, a toccarmi a mettermi le mani nelle mutande e a fare cose poco cristiane, come dice il vescovo».

LA LETTERA DI SCUSE DEL VESCOVO

Con una lunga lettera pubblicata sul sito online della Diocesi di Isernia, il Vescovo Camillo Cibotti ha provate a rivolgere al giovane ex ragazzo abusato in parrocchia e a tutta la comunità le scuse e il perdono per i presunti fatti gravissimi avvenuti. «Chiedo perdono per le vicende passate e per quelle che hanno ancora forti ripercussioni nel presente. Sono qui per questo», scrive il vescovo di Isernia-Venafro. «Le mie parole non scaturiscono in risposta al clamore mediatico che si è generato in queste ultime settimane nei confronti di uno dei fatti su menzionati; sono generate dall’amore per la giustizia e la verità. È vero: me ne starei volentieri in silenzio, come un padre che sta di fronte ad un figlio che è caduto in qualche genere di disgrazia. E il figlio, in questo caso, ha il volto della nostra Chiesa locale. Come suo membro, non posso negare che queste vicende mi addolorano profondamente proprio per questo: perché tornano a far sanguinare una ferita tuttora aperta. Sebbene sia qui da poco più di tre anni, posso dire di conoscere quanto accaduto in passato: conosco i fatti che sono documentati e conosco anche tutto il cammino che questa Chiesa ha fatto e continua a compiere nello scegliere la verità e la trasparenza».

Il vescovo poi replica dicendo che la #Chiesa in tutti questi anni ha preso forte posizione ai tanti, troppi casi di pedofilia che purtroppo affollano le cronache quotidiane degli ultimi decenni. «Ho ascoltato il più possibile: i sacerdoti coinvolti in varie forme, i fedeli della Parrocchia presenti in alcuni dei fatti accaduti, altre persone interessate per vari motivi. Non ho potuto confrontarmi solo con chi ha scelto la via mediatica, a scapito della possibilità di dialogo e di collaborazione. Ma, nonostante questo, la mia scelta è stata chiara fin dal principio: ho cercato un costante confronto con la Magistratura. Incredulo e addolorato da quanto stava accadendo, ne ho preso atto.?Seguendo l’esempio di Sua Santità, Papa Francesco, ho agito in comunione con lui». È lo stesso Giorgio a rispondere in questi giorni, intervistato da Primo Pieno Molise: «Ritengo che abbia fatto un gesto importante, però mi è mancato un elemento ovvero una telefonata. Poteva dirmi “ciao, come stai?”, ma alla fine non voglio sminuire il gesto che ha fatto».

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
3 Commenti

3
Lascia una recensione

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Ospite

Nella mia regione

Ospite

i pretacci la peggior razza che esiste sulla terra il vaticano il vero cancro di questo marcio sistema

Ospite

Dovremmo fare un falo’ pretale…

PRETI PEDOFILI

Prete pedofilo Don Giovanni Trotta condannato a 18 anni di carcere

Trotta, ridotto allo stato laicale già nel 2012 proprio per ragioni correlate ad abusi su minori, è stato condannato un anno fa con il rito abbreviato alla pena di 8 anni di reclusione

Pubblicato

il

Il Tribunale di Foggia ha condannato alla pena di 18 anni di reclusione e 120mila euro di multa l’ex sacerdote 57enne Giovanni Trotta, imputato per violenza sessuale aggravata, produzione e diffusione di materiale pedopornografico e adescamento di minori ai danni di 9 minorenni di età compresa, all’epoca dei presunti abusi, fra i 12 e i 13 anni. La Procura di Bari, che ha coordinato le indagini, aveva chiesto la condanna a 21 anni di reclusione. Le motivazioni della sentenza si conosceranno tra 90 giorni.

I fatti contestati risalgono al 2014. Trotta, ridotto allo stato laicale già nel 2012 proprio per ragioni correlate ad abusi su minori, è stato condannato un anno fa con il rito abbreviato alla pena di 8 anni di reclusione per violenza sessuale nei confronti di un altro 11enne ed è tuttora in carcere per entrambe le vicende.

ANSA

 

IL CASO DON GIOVANNI TROTTA

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Continua a leggere

PRETI PEDOFILI

Arcivescovo condannato per aver insabbiato gli abusi di un prete pedofilo

E’ la prima volta che un così alto prelato cattolico viene condannato per questo reato

Pubblicato

il

L’arcivescovo australiano Philip Wilson rischia di scontare due anni di carcere per aver coperto un prete pedofilo che aveva abusato sessualmente di alcuni minori.

Il 67enne è stato condannato dal tribunale di Newcastle, a nord di Sidney, nonostante si fosse sempre dichiarato non colpevole.

E’ la prima volta al mondo che un così alto prelato cattolico viene condannato per questa tipologia di reato.

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Pourfemme

Continua a leggere

PRETI PEDOFILI

Lecce: accuse di pedofilia su bimbo di 9 anni, denunciato un sacerdote

È stata depositata nei giorni scorsi una querela per presunti abusi sessuali ai danni di un ragazzino che all’epoca dei fatti aveva nove anni

Pubblicato

il

Destinatario della querela un sacerdote della diocesi di Lecce, don Carmelo Rampino, che secondo il racconto della presunta vittima, approfittando della fragilità del ragazzino che a seguito del divorzio della madre aveva lasciato il papà per tornare con lei a vivere nel leccese, avrebbe da prima sostituito la figura paterna, ammiccandosi la madre, aiutandolo negli studi e assecondando quello che era all’epoca un suo grande desiderio, diventare un sacerdote.

Stando al racconto di Paolo (nome di fantasia) gli abusi si sarebbero protratti fino ai sedici anni quando il ragazzo decide di fuggire all’estero e provare a rifarsi una propria vita. Si sposa, ha dei figli, sembra essersi lasciato tutto alle spalle ma invece, nel 2016, proprio il giorno del suo anniversario di matrimonio scatta qualcosa e il passato riemerge in modo devastante costringendo Paolo ad un ricovero, a seguito del quale anche la moglie viene a conoscenza del triste passato del marito.

Nei giorni scorsi, oltre alla formale querela formulata dalla Rete L’ABUSO e depositata attraverso i canali diplomatici in quanto Paolo attualmente residente all’estero, sono state inviate anche rispettive messe in mora, la prima nei confronti del sacerdote Rampino Carmelo, la seconda nei confronti della diocesi di Lecce, responsabile civile.

L’Ufficio di Presidenza

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 
Continua a leggere

Newsletter

Preti Pedofili

Database Preti Pedofili

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...