Alla ricerca del misterioso fotone oscuro

All’inizio, il suo nome era P438. Successivamente, è stato modificato in Na64: si tratta di un nuovo esperimento del Cern di Ginevra, progettato per cercare prove dell’esistenza della materia oscura. In particolare, l’obiettivo di Na64 è quello di scovare – sempre ammesso che esista – il cosiddetto fotone oscuro, ovvero la particella che dovrebbe essere responsabile di trasportare la forza elettromagnetica nel mondo della materia oscura, proprio come fanno i fotoni in quello della materia visibile. Secondo alcune teorie, ancora tutte da verificare, i fotoni oscuri potrebbero interagire con quelli visibili, in un processo detto mixing. L’esperimento del Cern mira proprio a osservare gli effetti di tale processo.

“Per usare una metafora”

, ha appena spiegato Sergei Gninenko, portavoce della collaborazione Na64, “si pensi a un dialogo tra due persone che non parlano la stessa lingua, ovvero la materia oscura e quella visibile. Il fotone oscuro potrebbe essere una sorta di mediatore che parla una delle due lingue e comprende l’altra”. L’esperimento, spiegano ancora dal Cern, si basa sul principio fisico della conservazione dell’energia. Un fascio di elettroni, di cui si conosce molto precisamente l’energia iniziale, viene puntato verso un rivelatore. Le interazioni tra gli elettroni del fascio e i nuclei atomici del rivelatore producono fotoni visibili; in virtù della conservazione dell’energia, l’energia di tali fotoni dovrebbe essere equivalente a quella degli elettroni.

 
 

Licenza Creative Commons

 

 

 

Crediti :

Wired

Categorie
Ricerca

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

  • Ricerca : l’ Italia non la sostiene

    Italia vicina a raggiungere gli obiettivi della Europe 2020 Strategy per quanto riguarda l’istruzione. Ancora lontano quello dell’investimento in ricerca ar salire l’investimento in ricerca fino all’1,53% del Pil,...
  • Rosetta, i mattoni della vita sulla cometa

    La sonda dell’Esa Rosetta ha trovato tracce di glicina e fosforo sulla coda della cometa 67P. Il presidente dell’Asi Battiston: “Alcune molecole organiche molto basilari potrebbero essere piovute sulla...
  • Ricerca perduta. Occorre cambiare rotta

    Alla ricerca della ricerca perduta a ricerca perduta – Nel suo essere nostalgica, nella sua celebrazione di qualcosa che è stato e che forse si ritiene non essere più,...
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE