Contattaci

ITALIA

Amianto, ecco i 50 processi dove 1500 vittime attendono ancora giustizia

Pubblicato

il

Non c’è solo la Eternit di Casale Monferrato. Ecco la mappa delle aziende e dei processi di tutta Italia

Chiedi trasparenza sull’amianto in Italia.
Firma la petizione #AddioAmianto su Change.org

In Italia sono circa 1500 le vittime di amianto che attendono giustizia. Operai, familiari, associazioni, uniti per chiedere che la mannaia della prescrizione non lasci impuniti i responsabili del disastro ambientale e delle morti. Nelle aule di tribunale non si racconta solo il dramma di Eternit, il cui processo bis per l’omicidio volontario degli ex dipendenti è appena cominciato. Nei cinquanta principali procedimenti penali per amianto, monitorati da Wired nell’ambito dell’inchiesta “Il prezzo dell’Amianto”, sono quasi 500 gli imputati. Imprenditori, manager, responsabili della sicurezza, amministratori locali e persino volti noti della politica sono accusati di non aver tutelato la salute dei lavoratori, né tantomeno dei loro familiari o dei residenti nei quartieri a ridosso delle fabbriche della morte. Anche loro, vittime inconsapevoli di un killer di nome asbesto.

 

L’avvio di un’inchiesta

Sulla mappa sono indicati i nomi delle aziende in cui si sono registrati casi di decessi o di malattie, tali da dare il via a procedimenti penali. Un’indagine può scattare sia in seguito a denunce di privati – cittadini o associazioni – che su input delle aziende sanitarie. “Prevenzione e aspetti giudiziari possono proseguire di pari passo con l’inoltro di numerose denunce di malattie professionali alle varie Procure della Repubblica competenti per sede delle aziende dov’è stata prestata l’attività lavorativa a rischio”, spiega Alfonso Cirillo, medico responsabile dell’Unità operativa amianto dell’Asl Napoli 3, che comprende il Sito di Interesse Nazionale del litorale vesuviano, dove sono stati censiti 81 milioni di metri quadrati di amianto da bonificare. Qui tra il 2012 e il 2014 sono stati visitati 1635 ex lavoratori, mentre le denunce alla magistratura sono state 529.

Non solo Guariniello

In Italia il più alto tributo in termini di vittime è stato pagato dall’Eternit di Casale Monferrato e dalle sue sedi di Bagnoli, Cavagnolo e Rubiera. Al processo bis il proprietario svizzero Stephan Schmidheiny è accusato dell’omicidio volontario di 258 persone.
Il Piemonte è la Regione col maggior numero di procedimenti in corso, avviati prevalentemente dal sostituto procuratore di Torino Raffaele Guariniello. L’ultimo caso ha riguardato la presenza di amianto a Palazzo Nuovo, sede delle facoltà umanistiche dell’Università. L’edificio, in seguito alle proteste degli studenti, è stato chiuso. Il magistrato ha ordinato perizie sulla presenza di materiale cancerogeno e intanto ha inviato un avviso di garanzia al rettore Gianmaria Ajani per omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. Le sue responsabilità, tuttavia, sono limitate, visto che la pericolosità dell’edificio si conosce da almeno vent’anni, per via di casi accertati di mesotelioma pleurico.
Altri poli industriali critici si trovano in Emilia Romagna, dove è in corso il processo per 75 vittime del Petrolchimico di Ravenna, e in Friuli Venezia Giulia, dove si registrano oltre 220 le vittime per le quali è stata avviata l’azione penale. Il più grande processo italiano per numero di imputati, 39, riguarda la Fincantieri di Monfalcone, conclusosi nel 2013 con la condanna di 13 ex dirigenti a pene tra due e sette anni. Il ritardo di un anno e mezzo nella pubblicazione delle motivazioni del verdetto hanno frenato il processo d’Appello, determinando un concreto rischio di prescrizione dei reati. Alcuni parlamentari, tra cui il senatore del Pd, Felice Casson, che da magistrato avviò le prime indagini sull’amianto in Fincantieri, hanno chiesto l’intervento del ministro della Giustizia Andrea Orlando, che di recente ha ordinato un’ispezione al tribunale di Gorizia.
E’ di pochi giorni fa, inoltre, la notizia della richiesta di rinvio a giudizio di 29 persone nell’ambito dell’inchiesta Isochimica, azienda che negli anni Ottanta ad Avellino avrebbe dovuto bonificare i vagoni ferroviari, ma finì col provocare danni alla salute degli operai e dei residenti del quartiere. Il procuratore della Repubblica Rosario Cantelmo ha chiuso le indagini e chiesto il processo per l’imprenditore Elio Graziano, per funzionari di Ferrovie dello Stato e Asl, e attuali o ex amministratori comunali (tra cui il sindaco Giuseppe Galasso). Le vittime sono 9, mentre le parti civili circa 300.

Una questione di sopravvivenza

Un processo già prescritto in partenza, molto simile al primo filone Eternit, è stato quello celebrato a carico di tre ex dirigenti della Sacelit di San Filippo del Mela, comune di settemila abitanti nel Messinese, ribattezzato la “Casale Monferrato siciliana”. Molte, infatti, le analogie con il più noto caso di contaminazione in Italia: l’alto numero di decessi (121 dipendenti su 220 a inizio 2015), la produzione di manufatti in fibrocemento, il dramma di mogli e figli. A tenere il conto delle vittime è Salvatore Nania, presidente del comitato ex esposti amianto, che comprende anche ex lavoratori della Pirelli di Villafranca Tirrena, della Centrale Enel di San Filippo del Mela e della Raffineria Mediterranea di Milazzo. Dopo che il primo processo si era chiuso in Cassazione con la prescrizione, uno nuovo sta per aprirsi a carico di tre dirigenti. “Ma sarà un altro buco nell’acqua”, afferma Salvatore. “I veri responsabili sono già morti, da tempo sapevamo che non ci sarebbe stata giustizia. Dal 1997 abbiamo combattuto e vinto una battaglia per i risarcimenti, che fortunatamente la Sacelit ci ha accordato. Finora l’azienda ha pagato circa 20 milioni di euro”. Il presidente del comitato appare sfiduciato quando si parla di giustizia penale, ricorda che “gli ordini arrivavano da Milano e Covili, Cirino e Vicini (i tre imputati prosciolti, ndr) erano meri esecutori. Frequentavano i nostri stessi luoghi, erano esposti ai nostri stessi rischi”.

Le assoluzioni alla Franco Tosi

La Sacelit era una delle società del gruppo Italcementi, guidato dalla storica famiglia Pesenti, di cui fa parte Giampiero Pesenti, titolare della Franco Tosi di Milano, altra fabbrica in cui hanno perso la vita 32 operai. A fine aprile l’imprenditore 84enne e altri sette manager sono stati assolti con formula piena dal tribunale di Milano, nonostante la richiesta di condanna a sei anni da parte del pm Maurizio Ascione. Quest’ultimo è l’alter ego di Guariniello in Lombardia. Con lui sono partite inchieste sull’Enel di Turbigo,sulla Pirelli di Milano e la Fiat Arese, tutte nella fase del primo grado di giudizio.
Tornando in Sicilia, alla Sacelit la consapevolezza che l’amianto potesse provocare danni alla salute cominciò a crescere a fine anni Settanta. “Ci davano rassicurazioni – prosegue Salvatore Nania –, infatti ci capitava anche di pranzare seduti sui sacchi di amianto blu, che veniva miscelato con altre sostanze per realizzare lastre o tubi. Poi nel 1979 leggemmo un articolo del Corriere della sera sui primi casi di malattia negli Stati Uniti. Entrammo in agitazione e chiedemmo protezione e prevenzione. Per qualche mio collega è stato troppo tardi, ne ho visti morire troppi. Almeno ci siano i risarcimenti per consentire alle famiglie di sopravvivere”. Tornati a casa dopo una giornata di lavoro quegli operai diventavano un pericolo vagante. “Anche abbracciare il proprio bambino poteva metterlo a rischio. Molti figli si sono ammalati. Tante le mogli che nel lavare le tute hanno respirato fibre di amianto. Quattro di loro sono morte, altre otto si sono ammalate di asbestosi e noduli polmonari. Penso a quelle famiglie e alla loro lotta per la sopravvivenza, al di là dei processi e della giustizia”.

 

Crediti e Fonti :

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Clicca per commentare

Leave a Reply



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ITALIA

Virus, a Fiumicino aereo del Qatar con 125 bengalesi a bordo: «Non saranno fatti sbarcare»

Un aereo della Qatar Airways con a bordo 125 bengalesi è atterrato all’aeroporto di Fiumicino

Pubblicato

il

Un aereo della Qatar Airways con a bordo 125 bengalesi è atterrato all’aeroporto di Fiumicino. Il velivolo, proveniente da Doha, è arrivato al terminal 5, come già avvenuto per il precedente sbarco di cittadini provenienti da Dacca. I passeggeri bengalesi Qatar Airways sarebbero dovuti sbarcare perché il volo, non provenendo da Dacca, non è soggetto allo stop deciso dal ministero della Salute per una settimana. 

Virus, dal Bangladesh con test falsi. ​Caccia a 600 positivi introvabili

Coronavirus, D’Amato: «Su quell’aereo era malato 1 su 8, necessari tamponi all’imbarco»

Qatar Airways «segue scrupolosamente tutte le normative stabilite dal governo italiano e dall’Enac», affermano fonti della compagnia aerea.

Ma il ministero degli interni ha deciso che i 125 bengalesi a bordo non possono entrare in Italia. E non potranno neppure scendere dall’aereo, a eccezione di chi avrà bisogno di cure mediche immediate. Sempre a bordo sarà consegnato loro il decreto di respingimento per gravi motivi sanitari. Poi saranno tutti fatti riletture per Doha alle 16. Scenderanno invece gli 80 passeggeri sullo stesso volo ma provenienti da altri Paesi. Una volta a terra – nel Terminal T5 di Fiumicino – saranno sottoposti a tamponi eppoi dovranno sottostare alla quarantena, indicando alle autorità il luogo dove riesideranno.

A bordo anche alcuni italiani. Uno di loro, proveniente dalla Thailandia via Doha, ha raccontato: «Non si capisce perché ci hanno viaggiare con bengalesi. Siamo preoccupati? Certo». Anche a lui è stato fatto il tampone. Tra i viaggiatori bengalesi a bordo ci sarebbe una donna che avrebbe chiesto l’intervento dei sanitari. Ma le autorità italiane parlano di una malore causato dal lungo viaggio e non collegabile al Covid.

Intanto in una lettera inviata ieri al Commissario Ue alla Salute e alla Sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, e al ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, il ministro della Salute Roberto Speranza chiede di delineare insieme nuove «rigorose misure cautelative per gli arrivi da aree extra Schengen ed extra Ue». In tale contesto «chiederei a Commissione e Presidenza di promuovere un maggiore coordinamento tra gli Stati Membri e garantire, così, una maggiore efficacia alla realizzazione dell’obiettivo di contenere la diffusione di contagi causati da focolai di origine esterna» di Covid.

«E’ necessario che Enac emetta una indicazione operativa chiara alle linee aeree affinché non imbarchino, per il tempo stabilito dalla massima autorità sanitaria del Paese, questi passeggeri –  dichiara il Responsabile dell’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio, Alessio D’Amato – Comunque le nostre squadre di medici e infermieri sono già sul posto, ma dico con estrema chiarezza che non si può scaricare sul solo nostro servizio sanitario regionale questo onere, peraltro senza alcun tipo di programmazione. Occorrono delle regole ferree e chiare, basta fare lo scarica barile, se vogliamo a monte rafforzare la sorveglianza sanitaria ed impedire rischi effettivi di ritorno. Roma non può sostenere questa pressione. Auspico che vengano assunte decisioni che vadano in tal senso nelle prossime ore».«E’ necessario che Enac emetta una indicazione operativa chiara alle linee aeree affinché non imbarchino, per il tempo stabilito dalla massima autorità sanitaria del Paese, questi passeggeri –  dichiara il Responsabile dell’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio, Alessio D’Amato – Comunque le nostre squadre di medici e infermieri sono già sul posto, ma dico con estrema chiarezza che non si può scaricare sul solo nostro servizio sanitario regionale questo onere, peraltro senza alcun tipo di programmazione. Occorrono delle regole ferree e chiare, basta fare lo scarica barile, se vogliamo a monte rafforzare la sorveglianza sanitaria ed impedire rischi effettivi di ritorno. Roma non può sostenere questa pressione. Auspico che vengano assunte decisioni che vadano in tal senso nelle prossime ore».



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

ITALIA

Coronavirus: in Lombardia 364 nuovi casi e 68 morti nelle ultime 24 ore

oronavirus: in Lombardia 364 nuovi casi e 68 morti nelle ultime 24 ore
„Tristemente raggiunta la cifra monstre degli oltre 15mila decessi, la metà dei morti italiani: in Lombardia 364 nuovi casi nelle ultime 24 ore, 70 a Brescia con tre decessi“

Pubblicato

il

L’altalena dei numeri non permette ancora di tirare il fiato: in Lombardia aumentano sia i nuovi casi di positività al Covid-19 che la loro percentuale sul totale dei tamponi effettuati (circa 150 in più rispetto a domenica, ma forse ancora pochi). Nel Bresciano sono ancora 70 i nuovi casi di Coronavirus, quasi 30 in più rispetto a due giorni fa: ma sono solo tre i decessi, uno nella Bassa Bresciana (a Visano, che piange la quarta croce) e due in Valle Camonica.

Gli ultimi aggiornamenti in Lombardia

Sono 364 in più i nuovi casi di Coronavirus in Lombardia nelle ultime 24 ore: il 4,84% del totale dei tamponi processati (ovvero 7.508: domenica erano 7.369, sabato 11.478) e il 48,92% di tutti i nuovi casi italiani, che sono 744 per un totale di 219.814 dall’inizio dell’epidemia (di questi 81.871 in Lombardia, il 37.24%). Aumentano (di poco) anche i decessi lombardi, che sono 68 tra domenica e lunedì: il 37,99% di tutti i nuovi decessi italiani, più 179 nelle ultime 24 ore, che portano il totale a 30.739, di cui il 48,97% in Lombardia, dove è stata superata quota 15mila (sono 15.054).

Dopo l’inattesa risalita dei ricoverati in terapia intensiva, i dati ricominciano a calare: sono 37 in meno le persone che attualmente si trovano in ospedale, totale 5.738 di cui 5.397 (il 94,05%) in buone condizioni e 341 in terapia intensiva, poco più di un terzo di tutti i ricoverati in terapia intensiva d’Italia (che sono 999, per la prima volta sotto i mille dopo due mesi).

I dati per provincia: a Mantova zero casi

I dati per provincia confermano aumenti ancora significativi a Milano (più 114 nelle ultime 24 ore, totale 21.490 di cui 9.071 in città), a Brescia (più 70, totale 13.620) e a Bergamo (più 50, totale 11.791). Sono 24 i nuovi casi a Pavia, totale 4.801, e 19 i nuovi casi a Monza e Brianza, totale 5.074: si avvicina alla soglia dello zero la provincia di Cremona, solo 2 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 8 negli ultimi due giorni, totale 6.250 mentre sono davvero zero i nuovi casi a Mantova (uno negli ultimi due giorni), totale 3.251.

Coronavirus: in Lombardia 364 nuovi casi e 68 morti nelle ultime 24 ore
„E intanto che si avvicina la “data X” del 18 maggio, alcuni numeri sul tema delle riaperture differenziate: degli 82.488 pazienti attualmente positivi in tutta Italia, quasi il 70% (totale 56.249) è concentrato nelle quattro regioni più produttive del Nord. Sono 30.411 in Lombardia, il 36,86% del totale, poi 13.338 in Piemonte, 7.040 in Emilia Romagna, 5.460 in Veneto.



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

ITALIA

Papa Francesco, scivolone durante la telefonata al ragazzo autistico: «Ci rivedremo all’inferno

Scivolone del Papa al telefono con un ragazzo sofferente di autismo «Allora ci rivedremo all’inferno» dice il pontefice

Pubblicato

il

Città del Vaticano – «Allora ci rivedremo all’inferno». Dice proprio così Papa Francesco a un ragazzo affetto da una patologia riconducibile all’autismo e alla sua mamma, durante una telefonata ad una famiglia di Caravaggio. Il Papa ha telefonato loro dopo avere ricevuto una toccante lettera in cui gli spiegavano le difficoltà vissute per colpa del Coronavirus. La mamma del giovane, al termine della telefonata, ha ringraziato tanto il pontefice per avere regalato loro quei momenti di gioia e commozione e gli promette che pregherà sicuramente per lui ma che non ne ha di certo bisogno perchè è già un santo.

E’ a questo punto che Papa Francesco, forse messo a disagio dal complimento sulla sua santità, si è lasciato andare ad una battuta che ha spiazzato i presenti: «allora ci rivedremo all’inferno» tanto che la signora, sgranando gli occhi, gli ha ripetuto che loro sicuramente andranno tutti all’inferno ma di sicuro lui no.

Il video è stato ripreso con il telefonino da uno dei familiari ed è stato poi pubblicato dalla Provincia di Cremona. Nel frattempo il video ha preso subito a girare rimbalzando su vari siti cattolici, tra cui Korazim, sollevando perplessità per quella battuta non proprio felice.



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

Chi Siamo

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Secondo i dati della Johns Hopkins University

Media, giunte da deposito di missili ad ovest della capitale

Dopo giornata negativa a Wall Street e timori coronavirus

Secondo la Reuters, ci saranno invece Cisco, Ericsson e Nokia

Indagini, la società Dama provò a rivenderne 25mila

Uscito a febbraio dopo condanna a 8 anni per omicidio Savarino

Indagini, la società Dama provò a rivenderne 25mila

Sentenza del Tar, rimborsi a studenti per 4,8 milioni di euro

Dopo esposto Regione, chiesti chiarimenti a Mit e Aspi

Il delitto a Perugia nel marzo 2013

Secondo i dati della Johns Hopkins University

Media, giunte da deposito di missili ad ovest della capitale

Ma servono più studi su ipotesi e sue implicazioni

Immunologo suggerisce nuovo lockdown per stati più colpiti

Nel giorno festa Indipendenza Usa. Era stata eretta nel 2019

"Stiamo facendo un lavoro importante e penso si veda"

Veneti avanti al 2', poi Candreva e autogol Dimarco. Pari Veloso

Di De Paul, Okaka e Lasagna le reti del successo dei friulani

Visitati i quartieri generali di Livorno e Pordenone

Entra e segna, ha capito calcio di Gattuso, pronto a sfondare

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 

I più letti