Contattaci

Bufale

Angeli e gaffe, tutte le bufale sul terremoto di Ischia

Pubblicato

il

Subito dopo la scossa di terremoto di magnitudo 4,0 che nella serata di lunedì 21 agosto ha colpito l’isola di Ischia, in Campania, in rete e sui social network hanno iniziato – come sempre in questi casi –- a diffondersi una serie di bufale e false notizie. Tralasciando le solite e sterili polemiche riguardo alla quantificazione dell’energia sprigionata dal terremoto, che in ogni caso non ha nulla a che vedere con le eventuali sovvenzioni statalialla ricostruzione, ecco quali sono le fake news più chiacchierate della settimana.

1. Un angelo NON ha salvato i fratellini
Quello della presenza soprannaturale che scende dal cielo in soccorso dei più bisognosi è ormai un tema ricorrente in molte bufale che accompagnano le tragedie italiane, e non solo. In questo caso il sito Sky 24 ore, notoriamente dedito al clickbaiting, ha pubblicato un articolo dal titolo Miracolo ad Ischia – un angelo appare nel cielo e subito dopo salvati i fratellini sotto le macerie. Partendo dalla vera notizia dei tre fratellini rimasti incastrati nel crollo di un edificio, l’articolo racconta che “la sagoma di un angelo è apparsa nel cielo”, e che “improvvisamente si è riaccesa la speranza”, consentendo ai soccorritori di estrarre dalle macerie i tre ragazzini.

ischia

Che si tratti di una bufala è evidente da almeno due elementi: il primo è che nessuna testata giornalistica ha ripreso una simile notizia, il secondo (e più importante) è che la foto spacciata come prova inoppugnabile, autentica e originale, è in realtà uno scatto già pubblicato in rete da anni e riciclato più volte in occasione di bufale su presunti angeli comparsi tra le nubi.

Spulciando tra gli archivi, la stessa immagine è stata usata dall’elezione di Papa Francesco alla tragedia di Rigopiano. In realtà l’articolo-bufala si smaschera da sé, quando afferma che “qualcuno ha dichiarato che si sia trattato solo del caso, un allineamento fortuito delle nuvole, una clamorosa coincidenza, che ha ricreato un’immagine netta e così mistica” . Si tratta infatti di un palese caso di pareidolia, ossia della tendenza del nostro cervello a rintracciare oggetti noti all’interno di forme casuali, in questo caso date dalle mutevoli conformazioni delle nubi.

2. Carlo Conti NON ha fatto una gaffe
Subito dopo la scossa a Ischia, sul profilo Instagram carloconti.it è stata pubblicata una foto la cui didascalia spiegava che “c’è stata una scossa piccola di terremoto ad Ischia: tutto bene, c’è un mio amico, la situazione è tranquilla […]”. Dato che poco più tardi il terremoto si è rivelato essere molto più devastante di quanto si fosse pensato all’inizio, la frase è stata interpretata come una gaffe e attribuita al conduttore televisivo di Rai Uno. Riguardo alla frase in sé, si tratta di un malinteso che ha interessato anche molte testate giornalistiche, che nei primi minuti dopo la scossa – ragionando in base al valore relativamente basso della magnitudo – hanno sottostimato i danni a cose e persone provocati dal sisma.

E soprattutto a scrivere il messaggio non è stato il vero Carlo Conti, ma l’amministratore di una fan page non autorizzata. Il vero profilo del conduttore, infatti, conta su Instagram circa 30mila seguaci, mentre l’account carloconti.it ne ha oltre 180mila e da molti è erroneamente creduto quello ufficiale. Come racconta Velvet gossip, il vero Carlo Conti ha da subito chiarito l’equivoco e la sua estraneità all’accaduto, dando mandato ai legali di tutelare la propria immagine contro “le false dichiarazioni attribuite a Carlo Conti […] pubblicate su un profilo fake di Instagram […] che non ha alcuna autorizzazione a pubblicare per suo conto”.

3. A sperare nel Vesuvio NON è Sara Lalli
Era trascorsa appena qualche ora dalla scossa che ha colpito Ischia quando sui social ha iniziato a circolare un presunto screenshot di un post su Facebook scritto da un account firmato Sara Lalli. Il messaggio, che riportava testualmente “Speravamo nel Vesuvio, ma il terremoto va bene lo stesso”, ha suscitato scalpore e indignazione, soprattutto perché si è diffuso mentre arrivavano le notizie dei decessi sull’isola al largo del golfo di Napoli.

ischia

Tuttavia, si tratta di una foto e non di un post condivisibile, dunque non è noto se questo post sia mai stato pubblicato in forma testuale su Facebook o se si tratti di un fotomontaggio. In secondo luogo, come ha fatto notareDavid Puente dal suo blog, esiste davvero su Facebook un profilo di nome Sara Lalli (al momento sospeso) con la stessa foto-profilo, ma è palesemente un account fake. Le immagini della sedicente Sara, infatti, sono in realtà scatti della cantante e fotomodella romena Antonia Carla Iacobescu, utilizzati anche in un falso profilo su Ask e in un account fake su Twitter. Ovviamente è impossibile sapere se l’autore del messaggio sia solo un troll o una persona convinta delle proprie affermazioni.

4. Libero NON ha fatto un sondaggio terremoto-terrorismo
Un’altra bufala diffusa su Facebook racconta di un presunto sondaggiopubblicato da Libero in cui si chiederebbe agli utenti se preferirebbero morire durante un terremoto oppure in un attentato terroristico. Si tratta tuttavia di un evidente fotomontaggio, svelato anzitutto dal tipo di carattere scelto per il testo, che non coincide con quello utilizzato online dalla testata giornalistica diretta da Vittorio Feltri.

ischia

Come segnalato da Bufale.net, il falso sondaggio è in realtà ispirato a un vero quesito pubblicato da Libero nell’agosto dell’anno scorso, che chiedeva però quale terremoto degli ultimi 40 anni avesse scosso di più gli utenti. Anche il vero sondaggio aveva scatenato qualche polemica, quindi fu rimosso dagli stessi autori. Nessuno però ha mai pensato di chiedere ai lettori di scegliere tra terremoto e terrorismo.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia una recensione

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
Notificami

Bufale

La bufala degli incidenti con auto fantasma

Ennesima bufala che sta girando per il Web. Divenuta virale a causa dei soliti ( tanti ) creduloni

Pubblicato

il

Un video, proprio in questi giorni, è divenuto virale, mostra delle automobili che si schiantano contro  auto fantasma o muri invisibili.

 

Prima di tutto vediamo il video:

 

 

Quello che si può subito notare è che gli incidenti avvengono in  sedi stradali praticamente vuole. Le riprese si interrompono subito dopo l’incidente senza mostrare le reazioni successive degli autisti coinvolti, dei passeggeri, dei passanti ecc.

 

Al minuto 00:15 il conducente prosegue la sua corsa senza mostrare alcuna reazione, fermandosi semplicemente  nei pressi delle striscie pedonali.

Al minuto 00:26 un gruppo di automobilisti non mostra alcuna reazione. E’ evidente che l’auto  “incidentata” è stata inserita in un tempo successivo, in fase di montaggio video.

Al minuto 00:36 addirittura  chi è dietro alla telecamera attende l’incidente ed allarga il quadro seguendo l’auto. Preveggenza?

Ma che sia davvero un fake, una bufala colossale, lo si evince al minuto 00:41 , ci sono due pedoni che discutono (indicati dalla freccia rossa) , si verifica l’incidente e nemmeno si girano, nemmeno hanno un sobbalzo, anzi, si salutano e tirano dritto per le loro strade.

Il videomontaggio non è certo da Oscar ma con un po’ di studio grafico, le persone che lo hanno assemblato potrebbero anche trovare  lavoro  nel cinema “fai da te” o in qualche miniserie.

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Continua a leggere

Bufale

Come si sconfiggono le fake news?

Una ricerca del Parlamento Europeo fa il punto sulla disinformazione online. La soluzione? Passa dalla cultura

Pubblicato

il

È passato un anno e mezzo dalla vittoria di Donald Trump, ma quale sia stato il ruolo giocato dalle fake news nell’elezione di uno dei più improbabili presidenti degli Stati Uniti (o nella vittoria della Brexit, per fare un altro esempio) è ancora un tema ampiamente dibattuto.

“Un recente studio ha sottoposto a un campione di elettori americani una serie di notizie attendibili e di bufale, chiedendo in quanti le ricordassero e se all’epoca le avessero ritenute vere”, si legge in un recente papercommissionato dal Parlamento Europeo per fare il punto sulla disinformazione online. “Nel caso di notizie da prima pagina attendibili, il 70% del campione ricordava di averle viste e il 60% di averle ritenute attendibili. Solo il 15% ricordava invece di aver visto le notizie false e l’8% di averci creduto. Una percentuale simile alle notizie placebo che sono state ideate appositamente per il test”.

Di conseguenza, “l’impatto delle fake news sulle elezioni potrebbe essere molto inferiore a quanto temuto”, conclude il paper.

Ma è proprio così? Parecchi altri studi – tra cui uno appena condotto dalla Ohio State University – hanno invece confermato quanto la disinformazione potrebbe aver aiutato Donald Trump a conquistare la Casa Bianca; mentre altre ricerche hanno messo in collegamento il fenomeno fake news, inestricabilmente legato ai social network, alla diffusione del populismo in Europa (Italia compresa).

Ovviamente, sarebbe ingenuo pensare che la trasformazione politica in corso in Occidente sia causata dalle bufale.

Allo stesso tempo, è rischioso sottostimare i pericoli che si nascondono dietro a fake news che riescono a circolare con una velocità molto maggiore(anche sei volte superiore) rispetto alle notizie attendibili o ai video complottisti presenti su piattaforme come YouTube che – come è stato dimostrato – possono far entrare alcuni utenti in un turbine infinito di contenuti sempre più estremi e complottisti.

Ma che cos’è una fake news? Secondo Ziga Turk, docente all’Università di Lubiana e autore della ricerca del Parlamento Europeo, sotto questa etichetta si possono riportare “tutte le forme di informazioni false, inaccurate e fuorvianti che vengono create e promosse con lo scopo di fare profitti o causare intenzionalmente un danno pubblico”.

Le due motivazioni sono molto diverse: nel caso economico (probabilmente quello più antico), chi ospita fake news sul proprio sito lo fa sapendo che queste possono ottenere un’enorme circolazione sui social; garantendo ottimi introiti pubblicitari ai siti che le ospitano (considerando anche l’investimento minimo necessario a crearle). Niente di più facile che inventare bufale sugli immigrati che vogliono trasformare il colosseo in un luogo di culto islamico, per fare solo un esempio, per infiammare un certo tipo di utenza e garantirsi una vasta circolazione (e quindi un ritorno economico).

Col tempo, quello che probabilmente è nato come un metodo veloce per fare soldi su internet (Paul Horner, il defunto “re delle fake news”, dichiarava di guadagnare oltre diecimila dollari al mese), si è trasformato in una vera e propria arma politica; utilizzata sia da pagine Facebook artigianali, sia da veri e propri eserciti di professionisti (com’è il caso dei famosi troll russiassoldati allo scopo di destabilizzare le democrazie occidentali). Le bufale, ovviamente, non sono nate oggi (basti pensare al Protocollo dei Savi di Sion o al falso editto di Costantino); ma – come si spiega nella ricerca – la struttura stessa del web ha consentito che potessero circolare con una facilità estremamente superiore.

“Nella struttura tradizionale delle news, un professionista crea un contenuto. Questo viene poi controllato dai redattori che lavorano nei media. Il contenuto che possiede le qualità richieste, viene infine pubblicato”.

In questo processo, quindi, ci sono dei filtri di controllo che offrono una certa garanzia su qualità e veridicità. Sul web, invece, “chiunque può creare un contenuto: gli autori possono o meno fare le proprie verifiche e controlli di qualità; mentre internet fornisce una vasta gamma di servizi per la pubblicazione e diffusione in autonomia”.

Dalle bufale della alt-right diffuse su Reddit, ai siti di controinformazione cospirazionista come InfoWars; fino ai meme riportanti notizie incontrollate (come quella della “cugina di Renzi portaborse al Senato”) che circolano su Facebook e Twitter, “non c’è un solo punto in cui il contenuto scambiato possa essere controllato e verificato prima della diffusione”, scrive Ziga Turk. Questa posizione rischia però di sottostimare quanto ormai le bufale riescano a diffondersi anche sui quotidiani più istituzionali, e quanto alcuni siti di controinformazione possano invece essere portatori di contenuti di qualità.

Ma, allora, come si combattono le fake news? Il tema è estremamente delicato: “La libertà d’espressione è una pietra angolare della democrazia, e coloro che hanno in mano il potere non dovrebbe abusarne per favorire un versante del dibattito pubblico” si sottolinea nel paper, facendo piazza pulita delle proposte di istituire qualcosa di simile a un ministero della Verità (guidato dai governi o appaltato agli stessi social network) deputato a

decidere cosa sia una fake news (soprattutto considerando quanto ciò sarebbe rischioso nei paesi meno democratici).

Allo stesso tempo, l’attenzione del paper nei confronti della libertà d’espressione rischia di essere fuorviante: una fake news non è un’opinione estrema, radicale o scomoda; ma una notizia falsa creata in malafede. E in quanto tale, verificabile. Una delle fake news più importanti degli ultimi tempi è, ovviamente, quella del Pizzagate: la bufala secondo cui in una pizzeria di Washington si nascondeva un giro di pedofilia a uso e consumo delle élite del Partito Democratico (compresi i coniugi Clinton). Una fake news in tutto e per tutto – nata su 4Chan e poi arrivata fino al già citato InfoWars – che ha spinto un 28enne a entrare nel locale armato di fucile.

Bloccare la circolazione di una bufala di questo tipo difficilmente si sarebbe potuta considerare una forma di censura; ma chi dovrebbe essere deputato a farlo? “Il problema di tutti i metodi che interferiscono deliberatamente con l’informazione cui un utente può accedere è che le persone potrebbero non volere che qualcun altro scelga e filtri le notizie per loro”, si legge sempre sul report. “Si potrebbe facilmente pensare che questo venga fatto a scopi politici o ideologici. Se le piattaforme fossero libere di agire in questo modo, inoltre, si darebbe loro un potere spropositato sulla pubblica opinione”.

Ed è qui che entra in gioco quella che, a oggi, sembra essere la soluzione meno controversa per arginare la diffusione delle fake news: “Una tecnica per ridurre il propagarsi delle bufale è l’etichettatura”, scrive Turk. In questo caso, invece di censurare, “Facebook (o altre piattaforme) aggiungono informazioni sulla credibilità di una storia e avvertono l’utente prima che decida di condividerla”Non solo Facebook, ma anche YouTube e altri stanno iniziando ad appoggiarsi con sempre maggiore frequenza alle tante realtà specializzate in fact-checking (tra cui Snopes o FactCheck.org); a cui vengono inviati i contenuti che gli algoritmi della piattaforma ritengono sospetti in modo da verificarne la veridicità.

Non si tratta di incollare l’adesivo di fake news su alcune informazioni (strategia, tentata da Facebook, che si è rivelata un boomerang: trasformando quell’etichetta in una sorta di medaglia al merito); ma di fornire informazioni aggiuntive che forniscano agli utenti un quadro più completo. Ma sarà sufficiente questo per sconfiggere bufale e teorie del complotto?

Probabilmente, no. “Ci sono però anche modi non tecnici per fermare le fake news, o almeno per evitare che le persone ci credano”, conclude la ricerca del Parlamento Europeo. “È chiamato buon senso e alfabetizzazione mediatica. I cittadini devono diventare consapevoli che internet è un ambiente molto diverso dalla televisione e dai giornali. Non ci sono redattori e non ci sono controllori. Gli utenti devono essere vigili e attenti per non cascare in nessuna delle fake news che circolano. Su internet, ogni giorno è il primo di aprile. Ogni giorno, bisogna consumare i contenuti criticamente”. Più di censura, algoritmi e fact-checking, insomma, può fare la cultura.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Bufale

Tutte le bufale col magnetismo

L’ennesimo “ragazzo magnetico” finisce sulla stampa, ma non è la sola bufala che parla di magnetismo. Ecco una rassegna

Pubblicato

il

La meccanica quantistica è da tempo il jolly che molte pseudoscienze utilizzano per mimetizzarsi tra le reali discipline scientifiche. Dall’omeopatia alle scie chimiche espressioni come entanglement sono comunissime, ma a volta basta solo l’aggettivo quantistico per dare immediatamente peso a un paragrafo senza senso. La realtà è che solamente chi ha studiato fisica per anni a livello universitario può avere un’idea di cosa sia la meccanica quantistica che vada oltre le metafore della divulgazione: i bufalari, come la maggior parte di noi, non hanno idea di cosa significhino davvero quei termini. Ma prima della meccanica quantistica c’era un’altra branca della fisica che alimentava, e tuttora alimenta, le fantasie fuffare: il magnetismo. L’elenco delle bufale che lo riguardano sarebbe sterminato, vediamo alcune delle più diffuse.

1. Le persone magnetiche
Più o meno ogni anno i quotidiani online ci deliziano con gallery di presunte persone magnetiche, una qualità che sarebbe dimostrata dal gran numero di stoviglie che riescono ad attaccare ai lori al corpi.

Qualche giorno fa per esempio il Corriere, La RepubblicaBlitz e molti altri hanno rilanciato la notizia del tredicenne bosniaco Elvir Silayciya, il cui sogno sarebbe addirittura entrare nel Guinnes dei primati.

Paolo Attivissimo, per l’ennesima volta, ha spiegato che le persone magnetiche sono una clamorosa bufala. Nelle fotografie e nei video si vede persino che i magneti umani, specialmente quando hanno a che fare con oggetti più pesanti, si inclinano all’indietro: perché mai non in avanti? Gli oggetti attaccati sono inoltre di diversi materiali, per esempio plastica, metallo o legno, ma se ci fosse di mezzo un campo magnetico agirebbe in modo molto diverso su di essi.

Ciò che accomuna gli attrezzi di scena è invece che sono tutti piuttosto lisci, e infatti la ragione per cui aderiscono è che la pelle diventa facilmente appiccicosa con l’aiuto di un po’ di sudore e sebo. Basta una spolverata di talco e Magneto è sconfitto.

2. I nodi di Hartmann

Se avete mai messo piede a una fiera del benessere potreste esservi imbattuti in individui che cercando di convincervi che dovete schermare il vostro corpo e tutta la vostra casa da tutta una serie di misteriosi fenomeni. Alcuni si offrono anche, dietro lauto compenso, di venire a casa vostra e identificare i punti più nocivi, sui quali potete anche adagiare un (costoso) tappetino protettivo.

Trattandosi di pseudoscienza, ognuno ha il suo copione ma prima o verranno nominati i nodi di Hartmann e le geopatologie: esisterebbe sulla Terra un reticolo di linee di forza di origine magnetica e i punti in cui queste si incrociano (i nodi) sarebbero deleteri per la salute, fino al punto di causare il cancro. Peccato che l’unico modo per trovare questi nodi sia usare delle bacchette da rabdomante.

Quando questi esperti sono messi alla prova con esperimenti in doppio cieco falliscono miseramente, a parte quelli che decidono di rifiutare il test perché “i nodi si spostano” e quindi potrebbero non trovarsi nello stesso posto di pochi minuti prima. In pratica una versione all’occidentale del Feng-Shui.

3. Moto perpetuo
I magneti sono un componente standard di molte presunte macchine per il moto perpetuo. Ancora oggi di tanto in tanto spunta qualche inventore che affida il giudizio delle proprie creazioni a YouTube. E così dei gadget che a una sagra di paese attirerebbero solo qualche sguardo annoiato, diventano improvvisamente dei fenomeni.

Tralasciando il fatto che il moto perpetuo non può esistere (qualcuno potrebbe dire che è il solito complotto ordito dagli scienziati) il punto è che chiunque può costruire queste macchine (in rete si trovano facilmente molti progetti) e capire che sono solo illusioni.

 

 

4. Magnetoterapia

Il medico tedesco Franz Anton Mesmer alla fine del ‘700 fece letteralmente impazzire l’Europa e i gli Stati Uniti con la teoria del magnetismo animale, secondo la quale esisterebbe un fluido che permea tutto l’universo e che scorre anche attraverso gli organismi viventi. Le malattie, secondo Mesmer, erano causate da squilibri nello scorrimento del fluido attraverso gli esseri umani e potevano essere guarite controllandolo. Mesmer si esibiva con magneti e altri attrezzi di scena e le persone sentivano immediatamente un effetto: il fluido era tornato a scorrere nel modo giusto.

La popolarità del nuovo fenomeno cresceva e Re Luigi XVI ordinò all’Accademia delle scienze di investigare. L’accademia istituì una commissione, di cui faceva parte anche Benjamin Franklin, per mettere alla prova l’esistenza di questo fluido. Mesmer, furbamente, non si fece esaminare e mandò invece alla commissione un suo assistente. Il verdetto fu unanime: in condizioni di controllo diventava evidente che il magnetismo animale era un gioco di suggestione e auto-suggestione.

I risultati dell’indagine non riuscirono però ad affossare il mesmerismo e oggi le stesse superstizioni, opportunamente aggiornate ai tempi moderni, le troviamo nella magnetoterapia. E oggi come allora continuano a generare considerevoli profitti, come si capisce da questo articolo tra i blog di Il Fatto Quotidiano (h/t Giornalismo Ascientifico).

5. Acqua magnetizzata
Torniamo alla fiera del benessere: tra i tanti sistemi per rendere la vostra acqua di rubinetto migliore di quanto già non sia, troverete certamente quello che vuole vendervi qualche gadget per fare l’acqua magnetizzata, un miracoloso elisir per la vostra salute che non usa nessun pericoloso additivo chimico.

Per prima cosa l’acqua non è una sostanza magnetizzabile, quindi il nome è ingannevole. L’unica parte scientificamente plausibile (anche se le prove sono discordanti) riguardo a questi sistemi è che il campo magnetico nel quale scorre l’acqua potrebbe modificare la tendenza dei minerali disciolti a depositarsi.

Secondo i venditori questo permetterebbe di avere un’acqua dura che si comporta come un’acqua molto meno dura, senza aver però rimosso il calcio come farebbe un normale decalcificatore. Se anche questo fosse fosse vero, rimane il fatto che si tratta sempre della stessa acqua e non c’è assolutamente alcun beneficio per salute a consumarla.

Perché queste bufale perseverano se il magnetismo, a differenza della meccanica quantistica, è da tempo nei programmi delle scuole dell’obbligo? Una risposta, forse, l’hanno già data gli Insane Clown Posse, quando nel 2009 ruppero l’internet con il loro singolo Miracles.

” Water, fire, air and dirt
Fucking magnets, how do they work?
And I don’t wanna talk to a scientist
Y’all motherfuckers lying, and getting me pissed. “

 

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Newsletter

Bufale

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...