Contattaci

ESTERI

Anonymous, l’Isis nel web non può vivere

Pubblicato

il

[glossary_exclude]Anonymous[/glossary_exclude] ha attaccato e messo offline alcuni  dei server utilizzati dell’ [glossary_exclude]Isis[/glossary_exclude]. L’operazione di blocco della propaganda terroristica continua senza sosta

[dropcap style=”style1″]I[/dropcap]l gruppo [glossary_exclude]Anonymous[/glossary_exclude] Security Team Europe ha diffuso un comunicatovideo in tutta la rete Internet, per informare i cittadini del mondo di avere attaccato ed oscurato alcuni server utilizzati dall’ Isis . Dagli attentati d’estremismo religioso islamico al Charlie Hebdo compiuti dall’Isis (definiti da Anonymous “peggio dei barbari perchè almeno i barbari avevano un obiettivo” Anonymous ha lavorato in rete senza sosta, mettendo offline account e siti web di membri e simpatizzanti dell’Isis, si parla di diverse migliaia di account, segnalati anche all’antiterrorismo. Il nuovo comunicato rende noto a tutti che, dopo l’attentato di Dacca, il team di attivisti ha cominciato a pianificare un attacco web alle postazioni internet dell’Isis. Nel frattempo una nuova strage compiuta da un soldato dell’Isis a Nizza, la sera dei festeggiamenti  nella ricorrenza della presa della Bastiglia ha stroncato in modo atroce la vita di 84 persone, bambini compresi.  L’operazione di cui parla Anonymous nel video infatti è denominata #OpNice  ( Operazione Nizza ) ed è attualmente in corso. L’obiettivo è chiaro: liberare Internet dalla propaganda estremista islamica, proprio perchè è la propaganda l’elemento detonante che sta muovendo i vari folli in tutto il mondo.

L’ operazione Nizza dall’Anonymous Security Team

Anonymous Security Team ha dichiarato di avere avviato quella che in gergo viene definita #OpNice  cioè un’ operazione d’attacco digitale in risposta agli atti terroristici di matrice islamica avvenuti a Nizza. Anonymous sottolinea di volere andare fino in fondo e di completare gli attacchi informatici  per mettere offline tutti gli account ed i siti Internet di membri e simpatizzanti dell’Isis.  Tramite i video terrà informati gli utenti di tutti gli sviluppi.[edsanimate_start entry_animation_type= “zoomInLeft” entry_delay= “0” entry_duration= “3” entry_timing= “linear” exit_animation_type= “” exit_delay= “” exit_duration= “” exit_timing= “” animation_repeat= “1” keep= “yes” animate_on= “scroll” scroll_offset= “75” custom_css_class= “”]anonymous[edsanimate_end]

Anonymous avrebbe raccolto informazioni personali di alcuni membri dell’Isis

Isis abbiamo i vostri indirizzi IP reali, sappiamo dove abitate e che lavoro fate”, queste, altre dichiarazioni estrapolate dal video di Anonymous che specifica di essere entrato nei siti dei terroristi e di aver comunicato “alle autorità competenti tutte le informazioni in loro possesso“. Durante l’attacco digitale l’AST avrebbe inoltre, “già la stessa sera dell’attentato di Nizza”, distrutto 33 server in uso all’Isis “affittati da Cloudflare” in realtà Cloudflare rilascia servizi gratuiti rivolti a tutti, è un semplice provider e non c’entra nulla con gli attacchi o con l’Isis, questo lo specifichiamo. Il servizio di Cloudflare serve ad avere dei “mirror” (delle copie) in diversi punti del mondo di un proprio sito Internet o di un proprio server in maniera da rendere più veloci le connessioni.

Il gruppo di esperti hacker raggruppati sotto l’idea denominata Anonymous ha tenuto a sottolineare di non avere alcun timore dell’Isis e di condurre le varie operazioni d’attacco senza sosta.
Anonymous è costantemente sulle tracce dei terroristi, ma il problema principale è  appunto la propaganda del fondamentalismo religioso diffusa su Internet, questa attira sovente persone con problemi mentali, repressi che trovano ragione proprio nella violenza come metodo di soluzione alle loro repressioni o al loro disagio mentale. Non di rado un folle uccide eleggendosi o autoproclamandosi soldato dell’Isis. Questo è un metodo d’attacco conosciuto, l’utilizzo di persone con problemi che vengono detonate verso gli obiettivi, in questo caso gli “infedeli”. Un sistema di arruolamento veloce, sicuro ed economico. Per questo motivo è importantissimo bloccare la propaganda in rete prima che si attivino stragi a catena, i folli che emulano i folli.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia una recensione

Scrivi un commento

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
Notificami

ESTERI

Esplode un motore sul volo New York-Dallas: un morto e sette feriti

Ancora ignote le cause dell’incidente del Boeing 737 della Southwest Airlines

Pubblicato

il

Un morto e sette feriti, tra cui una donna che ha rischiato di essere risucchiata fuori dal finestrino ed è stata trattenuta dagli altri passeggeri: è il bilancio dell’incidente aereo che ha coinvolto un Boeing 737 della Southwest Airlines, costretto ad un drammatico atterraggio di emergenza all’aeroporto di Filadelfia dopo che uno dei due motori è esploso in aria danneggiando con i suoi frantumi un finestrino, le ali e la fusoliera.

Si tratta della prima vittima in un incidente riguardante una compagnia aerea Usa dal 2009.

L’aereo era partito dal Laguardia di New York ed era diretto a Dallas, con a bordo 143 passeggeri e 5 membri dell’equipaggio.

Ad un certo punto si è sentito un botto: era l’esplosione del motore sinistro, che poi si è parzialmente staccato. Sono seguite scene di panico, come documentano anche i video postati su Fb da alcuni viaggiatori. “Tutti sono impazziti, e gridavano, urlavano”, ha riferito alla Cnn un passeggero, Marty Martinez.

La rottura dell’oblo ha causato la depressurizzazione della cabina e la donna seduta accanto al finestrino è stata quasi aspirata all’esterno ma i suoi vicini l’hanno tenuta per le mani e l’hanno riportata dentro. Intanto dall’alto scendevano le maschere per l’ossigeno e i piloti davano le istruzioni per l’atterraggio di emergenza, avvenuto in sicurezza, nonostante un piccolo incendio per la perdita di carburante, domato prontamente dai vigili del fuoco. Alla fine un piccolo miracolo visti i danni riportati dal velivolo.

“L’intera famiglia della Southwest è devastata e porge la sua più profonda e sentita solidarietà ai clienti, ai dipendenti, ai familiari e alle persone care colpiti da questo tragico evento”, ha scritto in un comunicato la compagnia aerea, le cui azioni hanno subito perdite in Borsa di oltre il 3%, poi contenute a -1,1% in chiusura.

I motori del Boeing 737 sono costruiti dalla Cfm international, una società franco-americana controllata da Safran e General Electric. Le cause dell’incidente non sono ancora state accertate.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 
Continua a leggere

ESTERI

Macron difende i raid: ‘Abbiamo salvato l’onore dell’Occidente’

Il presidente francese davanti all’Europarlamento ha celebrato l’attacco accusando la Russia di smantellare l’ordine internazionale sulle armi chimiche. Poi sull’Europa: rischiamo una guerra civile

Pubblicato

il

Per Macron non è guerra. Anzi i raid in Siria di Francia, Regno Unito e Stati Uniti hanno salvato “l‘onore della comunità internazionale“. Il presidente francese, Emmanuel Macron, davanti all’Europarlamento, ha celebrato l’attacco accusando la Russia di smantellare l’ordine internazionale sulle armi chimiche. “Sulla Siria, questo intervento della Francia, del Regno Unito e degli USA non ha niente a che vedere con l’Iraq o la Libia. Non abbiamo dichiarato guerra a nessuno“, ha spiegato #Macron : “Se si crede nel multilateralismo e nella forza del diritto a un certo punto si deve poter decidere che non si cede a quelli che vogliono distruggere il multilateralismo“.

Il presidente francese ha sottolineato che “l’unica guerra che conduciamo oggi” in #Siria è quella contro l’organizzazione dello Stato islamico, “ma c’è una guerra parallela, quella che conduce Bashar al Assad da sette anni. Non abbiamo dichiarato guerra a Assad, ma abbiamo condotto un lavoro costante diplomatico e umanitario per difendere i nostri valori“. Macron ha spiegato che l’operazione mirava a distruggere “tre siti di produzione e trasformazioni di armi chimiche” e che non ha prodotto nessuna vittima. Il presidente francese ha ricordato che una risoluzione del 2017 prevedeva “un ricorso alla forza” in caso di utilizzato di armi chimiche.

A quelli che si indignano di fronte alle immagine che abbiamo visto di donne e bambini, chiedo: dovevamo restare seduti? I diritti sono per noi, i principi sono per noi, ma la realta’ e’ per gli altri? No!“, ha detto Macron. Secondo il presidente francese, “questi bombardamenti non risolvono nulla, ma mettono fine a un sistema a cui ci eravamo abituati, secondo il quale il campo del diritto diventa il campo dei deboli”. Macron davanti ai rappresentanti della Ue ha poi detto che tra spinte illiberali, chiusure tra Est e Ovest, l’accumularsi di egoismi nazionali, “sta venendo a galla una specie di guerra civile“. Va di conseguenza affermata una “sovranità europea”.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 
Crediti :

Globalist

Continua a leggere

ESTERI

Trump dà il via libera allʼattacco contro la Siria: pioggia di missili su Damasco

Operazione congiunta tra Usa, Gb e Francia. Usati missili Tomahawk ma anche jet militari. Mosca: reagiremo

Pubblicato

il

Con un messaggio alla nazione inviato alle 3:00 di notte (ora italiana) il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato l’inizio dei raid contro la Siria in risposta ai presunti attacchi con gas nervino contro la popolazione. Una pioggia di missili si è abbattuta contro Damasco e altri obiettivi sensibili. Blitz militare condotto assieme alla Gran Bretagna e alla Francia. Usati sia missili Tomahawk che jet militari. Mosca: reagiremo.

 

Assad: “Ancora più determinati a sconfiggere il terrorismo”

Gli attacchi della notte contro Damasco aumentano la determinazione a continuare “a distruggere il terrorismo in ogni angolo della Siria”. Lo ha detto il presidente siriano Bashar Al Assad, citato dai media internazionali, aggiungendo che l’Occidente ha agito dopo aver perso il controllo nel conflitto siriano.

 

Oggi riunione a Bruxelles degli ambasciatori Nato

Gli ambasciatori del Consiglio Nord Atlantico si riuniscono oggi pomeriggio nel quartier generale della Nato, a Bruxelles. Obiettivo dell’incontro è un aggiornamento di Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti sugli ultimi sviluppi in Siria. Ci sarà poi una conferenza stampa del segretario generale Nato Jens Stoltenberg.

 

May; siamo intervenuti con 4 Tornado

La partecipazione britannica all’attacco si è limitata a quattro Tornado, come ha confermato Theresa May, aggiungendo che i quattro jet della Raf hanno lanciato in particolare missili contro una installazione militare siriana a 15 miglia da Homs, dove gli alleati occidentali sostengono che Damasco abbia conservato uno stock di armi chimiche in violazione agli impegni Opac nel 2013.

 

Parigi: “Distrutto in buona parte l’arsenale chimico”

I raid in Siria hanno distrutto “una buona parte dell’arsenale chimico” di Damasco, ha riferito il ministro degli Esteri francese a Bfmtv.

 

Parigi: altri raid in caso di nuovi attacchi chimici

“Gli obiettivi fissati sono stati raggiunti”, ha detto il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian e avverte: “Se la linea rossa (di attacchi chimici) sarà di nuovo oltrepassata, ci saranno altri raid, ma penso che la lezione sia stata compresa”.

 

Merkel: intervento militare necessario

Il governo tedesco sostiene l’attacco contro il regime siriano di Usa, Francia e Regno Unito, ritenendo “l’intervento militare necessario e appropriato” dopo il presunto attacco chimico di sabato scorso a Douma. Lo ha dichiarato la cancelliera tedesca Angela Merkel in una nota precisando comunque che la Germania non prenderà parte alle azioni militari.

 

Mosca: la Siria ha abbattuto 71 missili Usa

Mosca dice che la difesa aerea siriana ha abbattuto 71 missili cruise Usa su 103 e precisa che non ci sono stati feriti, mentre i siti militari siriani hanno subito solo danni minori.

 

Mosca: “Le forze aeree in stato di combattimento”

Le forze aeree difensive russe sono state messe in stato di combattimento. Lo fa sapere lo Stato Maggiore russo, citato da Interfax, dopo l’attacco contro la Siria.

 

May: “Da Londra nessun contatto preventivo con Mosca”

Nella conferenza stampa a Downing Street, Theresa May ha poi negato che ci siano stati contatti preventivi con Mosca sull’attacco, almeno da parte del suo Paese: “Il Regno Unito non è stato coinvolto in nulla del genere. Ma è stata fatta un’approfondita e appropriata pianificazione prima di questa azione per assicurare di poterne minimizzare l’impatto sui civili”.

 

Gentiloni: “Dall’Italia non sono partite azioni belliche”

L’azione di questa notte è stata una risposta “motivata dall’uso di armi chimiche”. Lo dice il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, chiarendo che “dall’Italia non sono partite azioni belliche” e avvertendo che l’intervento, “circoscritto e mirato a colpire le armi chimiche”, “non può e non deve essere l’inizio di un’escalation”.

May: “Raid giusto contro armi chimiche di Assad”

 

Putin: “Un atto di aggressione”

 

Attacco in Siria, Iran: “Da Trump, Macron e May atti criminali”

 

Damasco, siriani in strada con bandiere russe

 

Usa: “Nessun segnale di rappresaglie da Siria o Russia”

 

Damasco, siriani in strada con bandiere russe dopo attacco

 

Mosca: non attivati i nostri sistemi di difesa

 

I missili colpiscono un obiettivo

 

La risposta della contraerea siriana

 

Francia: “Mosca avvertita prima dell’attacco”

Mosca: “Lanciati oltre 100 missili”

 

L’Iran: ci saranno conseguenze regionali

 

Tv siriana: 3 feriti a Homs

 

La Nato appoggia l’attacco

 

Calma tesa a Damasco

 

Russia: nessun missile nelle nostre aree antiaeree

 

Usa: “La nostra risposta non è finita”

 

La Russia: “Media occidentali responsabili”

 

Mosca: Damasco colpita quando c’è chance di pace

 

Siria: “Lanciati 30 missili, un terzo abbattuti”

Pioggia di missili su Damasco

 

Pentagono: massimo danno e rischi minimi civili

 

Mosca: attacco Usa non resterà senza conseguenze

 

Difesa Usa: 3 gli obiettivi, a Damasco e Homs

 

Capo forze armate Usa, prima ondata raid finita

 

Ministero Difesa Gb canta già vittoria

 

Macron: intervento contro armi chimiche

 

May: non puntiamo a rovesciare regime Assad

 

Trump: “Attacco chimico crimine di un mostro”

 

Trump: “Con GB e Francia contro barbarie”

Cnn: navi e velivoli Usa usati in attacchi

 

Trump: azione fino a fine uso armi chimiche

 

May: “Ho ordinato a forze Gb di colpire”

Media confermano esplosioni a Damasco

Trump: ho ordinato attacco in Siria

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Tgcom

Continua a leggere

Newsletter

Esteri

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...