Contattaci

ESTERI

Anonymous minaccia l’Arabia saudita: “Non uccidete Alì Mohammed al-Nimr”

Pubblicato

il

Gli hacktivisti attaccano i siti sauditi e avvertono i reali che non si fermeranno di fronte all’esecuzione del giovane condannato a morte per aver partecipato alle manifestazioni della primavera araba

uova operazione Anonymous. Dopo diversi attacchi ai siti del governo saudita durante il weekend minaccia di colpirne le infrastrutture del paese “se Ali Mohammed al-Nimr non sarà graziato”. Il giovane 21enne Ali Mohammed al-Nimr è stato condannato alla pena di morte tramite decapitazione e successiva crocifissione del cadavere per aver partecipato alle manifestazioni della primavera araba quando era sedicenne “e per aver incitato alla rivolta” i suoi amici via SMS. La decisione ha suscitato un’ondata di proteste in tutto il mondo e la moltiplicazione di petizioni online, come quella di Avaaz, che ha raccolto un milione di firme e quella di Change.org, lanciata da un italiano per chiedere la grazia in favore del giovane. Anche il nuovo leader del Labour inglese ha inviato una lettera a Cameron per chiedere di intervenire e “impedire l’orribile sentenza”.

Gli anonymous di tutto il mondo si sono dunque coalizzati per impedire la sentenza hanno agito con il solito schema. Lanciando l’hashtag #OpNimr su Twitter, una serie di tweet preimpostati e creando una lista di siti governativi da attaccare, infine mandando offline i siti del ministero dell’Economia e Finanze, della Giustizia e quello dell’Informazione del regime della famiglia Sahud. In seguito hanno diffuso su Pastebin, la lavagna anonima su cui pubblicano i propri comunicati, numerosi nominativi di alti ufficiali e impiegati del ministero della difesa.

“Migliaia di persone muoiono ogni anno a causa del governo saudita e adesso sarà punito per queste azioni. Noi non perdoniamo, noi non dimentichiamo, aspettateci.” Questa è l’accusa di Anonymous contro il regime. In ben due video, uno del 22 settembre, e un altro del 26 gli Anonymous hanno chiesto di fermare l’esecuzione affermando che il giovane Alì è stato torturato e costretto a firmare una confessione in cui si autoaccusa.

Pur aggiungendo la propria voce a quella della comunità internazionale che ha chiesto di bloccare l’esecuzione, Anonymous ha inserito nel proprio videocomunicato una nota polemica verso le Nazioni Unite, che proprio nei giorni della sentenza di morte del giovane ha ottenuto la guida del Consiglio per i Diritti Umani alle Nazioni Unite aiutati segretamente dal Regno Unito come dimostra un dispaccio del Cablegate diffuso tramite Wikileaks.

decapitato-arabia-saudita

LEGGI

Incompatibilità tra progresso e religioni, ragazzini decapitati e crocifissi

 

La sorte di Alì in questo momento è incerta e nessuno sa se la sentenza di morte sia stata eseguita, perciò gli hacktivisti si preparano a un attacco in grande stile.
Come riportato dalla testata International Business Time, i siti finora colpiti sono una ventina, con metodo DdoS (Distributed Denail of Service attacks) e “le crew esterne di Antisec e Hagash hanno collaborato a prelevare dump di database tramite Sql Injection”. Questa mattina alle 8:47 è stata messa offline per breve tempo anche la Banca Islamica di Sviluppo.

 

 

Crediti :

la Repubblica

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

ESTERI

Violenza a Parigi, scontri sugli Champs Elysées dopo la parata militare

Le tv hanno mostrato immagini di manifestanti che erigevano barricate e davano fuoco a cestini della spazzatura, prima di essere dispersi dalla polizia con i lacrimogeni.

Pubblicato

il

Scontri fra polizia e manifestanti dei gilet gialli sono avvenuti a Parigi sugli Champs Elysèes, alcune ore dopo la fine della parata del 14 luglio. L’emittente Bfmtv ha mostrato immagini di manifestanti che erigevano barricate e davano fuoco a cestini della spazzatura, prima di essere dispersi dalla polizia con i lacrimogeni.
La prefettura ha poi reso noto su Twitter di “aver evacuato l’area con la forza” di fronte alle “violenze” sugli Champs Elysées. Secondo Le Figaro, la polizia ha creato un cordone di sicurezza attorno a Fouquet’s, la nota brasserie, che ha riaperto ieri dopo essere stata date alle fiamme e devastata dai gilet gialli in marzo.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

ESTERI

Chi è Carola Rackete, il capitano della Sea Watch 3 che ha forzato il blocco navale

La 31enne tedesca è entrata in acque italiane dopo 14 giorni di stallo, infrangendo il divieto imposto dal decreto sicurezza. In un’intervista ha detto che aiutare gli altri è un “obbligo morale”

Pubblicato

il

Carola Rackete (foto: Till M. Egen/Sea-Watch.org.)

Il 26 giugno verrà ricordata come una data in cui è successo un fatto straordinario: una nave di una ong del Mediterraneo, la Sea Watch 3, ha infranto il divieto d’ingresso imposto dal ministro Salvini ed è entrata in acque italiane. La decisione, annunciata su Twitter dalla stessa ong e confermata dai dati Gps sulla navigazione, è stata presa dal capitano della nave Carola Rackete, dopo che la Corte di Strasburgo aveva respinto il ricorso presentato dai 42 migranti a bordo della nave per sbarcare in Italia.

“Sono allo stremo. Li porto in salvo”, ha detto Rackete, aggiungendo di essere consapevole dei rischi cui va incontro: una sanzione che va da un minimo di diecimila a un massimo di cinquantamila euro – non solo per il comandante, ma anche per l’armatore e il proprietario della nave – e il sequestro dell’imbarcazione (due misure introdotte dal decreto sicurezza bis, approvato lo scorso 11 giugno dallo stesso ministro dell’Interno).

La rotta di Sea Watch negli ultimi giorni

Dal salvataggio in mare dei migranti a bordo della nave a oggi sono passati 14 giorni. Da allora, sono sbarcate solo dieci persone per ragioni mediche. Rackete ha raccontato che gli altri sono disperati. “Qualcuno minaccia lo sciopero della fame, altri dicono di volersi buttare in mare o tagliarsi la pelle”.

Chi è Carola Rackete

Trentun anni d’età, nazionalità tedesca, Carola Rackete conosce cinque lingue e ha una laurea in Conservazione ambientale, ottenuta alla Edge University nel Lancashire. Nonostante la giovane età, ha già una lunga esperienza in mare. Non ancora venticinquenne, è stata al timone di una nave rompighiaccio nel Polo Nord nell’ambito di una missione per uno dei maggiori istituti oceanografici tedeschi. Ha poi lavorato come secondo ufficiale di bordo per la Ocean Diamond e per la Arctic Sunrise di Greenpeace, e collaborato con la flotta della British Antarctic Survey, un’organizzazione del Regno Unito impegnata in progetti di ricerca nell’Antartide.

Fa parte di Sea Watch dal 2016. In un’intervista a Repubblica, ha detto a questo proposito: “La mia vita è stata facile, ho potuto frequentare tre università, sono bianca, tedesca, nata in un paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto ho sentito un obbligo morale di aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità”.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

ESTERI

Liberato Alessandro Sandrini, rapito in Siria nel 2016

Il 33enne bresciano è stato liberato da un gruppo di siriani ribelli chiamati ‘il governo della salvezza’

Pubblicato

il

L’italiano Alessandro Sandrini, rapito in Siria nel 2016 al confine turco-siriano è stato liberato. Lo ha confermato il premier Conte che ha dichiarato: “Il connazionale Alessandro Sandrini è stato liberato al termine di un’articolata attività condotta, in territorio estero, in maniera coordinata e sinergica dall’intelligence italiana, dalla polizia giudiziaria e dall’unità di crisi del Ministero degli Esteri”.

Sandrini è stato liberato da un gruppo ribelle siriano della provincia di Idlib, il ‘Governo siriano di salvezza’, che ha diffuso la notizia sui social. L’operazione è scattata dopo aver saputo che un gruppo criminale attivo in zona e specializzato in rapimenti si nascondeva lungo il confine con un ostaggio.
Sandrini era comparso lo scorso anno in un video in cui compariva inginocchiato con alle spalle due uomini armati e indosso una tuta arancione che ricordava quelle utilizzate dall’Isis. I suoi rapitori, però, non sono parte dello Stato islamico.

Il nome di Alessandro Sandrini è comparso due volte tra gli imputati del tribunale di Brescia: la prima volta per un processo per rapina e ricettazione (aveva tentato di vendere dei tablet rubati e aveva compiuto una rapina nel 2016). Sarà infatti ora ascoltato dai pm di Roma.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Distacco di soli due decimi di secondo. Terzi gli statunitensi [...]

Yen si apprezza su dollaro ed euro [...]

Presidente canta vittoria, 'è finita', ma non è così [...]

Per aver sfidato mandati su domanda cittadinanza in censimento [...]

Dopo che la presunta vittima ha ritirato la denuncia [...]

Imputato padre a Macerata.Decisione dopo audizione madre vittima [...]

Protestano per invasione blatte e chiedono casa popolare [...]

Visita comando pompieri Nuoro dopo weekend di roghi in Ogliastra [...]

Il social segnala e intervengono i Cc, era arma giocattolo [...]

A raggirarli professionisti infedeli e una badante, 13 indagati [...]

Presidente canta vittoria, 'è finita', ma non è così [...]

Per aver sfidato mandati su domanda cittadinanza in censimento [...]

Dopo che la presunta vittima ha ritirato la denuncia [...]

In migliaia si uniscono alle manifestazioni contro il governo [...]

Candidata dem evoca tweet del tycoon su deputate progressiste [...]

Ex romanista Guillermo verso S.Lorenzo, ma starà fermo tre mesi [...]

Decide finale delle deluse un gol dopo soli 3' firmato da Ighalo [...]

Doppietta di Portanova, poi Merola e Raspadori. Sabato la Spagna [...]

All'attaccante in passato si sono interessati Milan e Napoli [...]

In evidenza il bulgaro Despodov con una doppietta [...]

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

I più letti