Contattaci

ITALIA

Arrestato Davide Vannoni. Continuava a praticare il metodo Stamina

Pubblicato

il

Davide Vannoni, il contestato «padre» del metodo Stamina è stato arrestato questa mattina, mercoledì, dalla magistratura di Torino; l’accusa contestata al terapeuta è quella di aver proseguito all’estero, in particolare in Georgia, le cure dichiarate completamente inefficaci e che già gli erano costate una condanna in Italia e il divieto assoluto di proseguirne la pratica. Vannoni è stato arrestato nella sua abitazione a Moncalieri (Torino) dai carabinieri dei Nas su ordine del pm Vincenzo Pacileo: la prima accusa nei suoi confronti e di associazione a delinquere. Il fermo è scattato dopo che gli inquirenti, in base ad alcune intercettazioni telefoniche, si erano convinti che Vannoni stava per lasciare l’Italia. La notizia che gli ex pazienti di Vannoni stavano proseguendo con la cura “proibita” in Georgia era arrivata nei mesi scorsi e confermata da un malato di Sla torinese; questi avrebbe detto che il terapeuta faceva da “supervisore” in un ospedale di Tblisi. Anche la rivista Nature aveva lanciato l’allarme nel novembre scorso, sul fatto che il metodo Stamina continuava a essere praticato nell’Est Europa.

Facebook come trappola

Vannoni è ora accusato di aver ‘adescato’, usando anche i social network come Facebook, malati affetti da patologie neuro degenerative incurabili, in Italia, e li avrebbe convinti a farsi curare in Georgia, in una clinica privata a Tibilisi, pagando infusioni di staminali. Sarebbero stati decine i pazienti da tutta Italia convinti a recarsi all’estero, a proprie spese, per sottoporsi alle infusioni che costavano 30mila euro circa ciascuna. Ma per chi ne comprava cinque accattava lo sconto. Quei malati, secondo la magistratura, non solo non sono mai guariti, ma sarebbero stati ingannati con l’obiettivo di guadagnare e la loro salute sarebbe stata messa in pericolo perché le infusioni di Vannoni non hanno ‘alcun fondamento scientifico’

La condanna e lo stop alle cure

Il metodo Stamina, secondo Vannoni, si basa sull’infusione di cellule staminali e dovrebbe servire a curare malattie neurodegenerative. Tuttavia Vannoni, che non è medico ma laureato in scienze della comunicazione, si è sempre rifiutato di svelarne i contenute alla comunità scientifica. Il 18 marzo 2015 Vannoni aveva patteggiato davanti al pm di Torino Raffaele Guariniello una pena a un anno e dieci mesi (pena sospesa) con l’impegno a non praticare più in Italia la terapia. Già nel 2013 il ministero della salute aveva definito Stamina una cura priva di ogni base scientifica. Vannoni, attraverso un ricorso al Tar era riuscito a strappare il permesso di praticare le infusioni sui suoi pazienti all’ospedale di Brescia; qui i medici si erano però rifiutati di ottemperare all’ordinanza.

La truffa prescritta

Benchè screditato davanti a tutta la comunità medica, i pazienti non avevano perso fiducia nei confronti dell’inventore di Stamina e periodicamente sono andati a manifestare davanti all’ospedale di Brescia quando non venivano garantite loro le cure. Davide Vannoni era imputato in un secondo processo, a Torino, per tentata truffa: aveva cercato di accreditare il suo metodo alla regione Piemonte. Le accuse erano cadute per via della prescrizione.



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Clicca per commentare

Leave a Reply



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ITALIA

Virus, a Fiumicino aereo del Qatar con 125 bengalesi a bordo: «Non saranno fatti sbarcare»

Un aereo della Qatar Airways con a bordo 125 bengalesi è atterrato all’aeroporto di Fiumicino

Pubblicato

il

Un aereo della Qatar Airways con a bordo 125 bengalesi è atterrato all’aeroporto di Fiumicino. Il velivolo, proveniente da Doha, è arrivato al terminal 5, come già avvenuto per il precedente sbarco di cittadini provenienti da Dacca. I passeggeri bengalesi Qatar Airways sarebbero dovuti sbarcare perché il volo, non provenendo da Dacca, non è soggetto allo stop deciso dal ministero della Salute per una settimana. 

Virus, dal Bangladesh con test falsi. ​Caccia a 600 positivi introvabili

Coronavirus, D’Amato: «Su quell’aereo era malato 1 su 8, necessari tamponi all’imbarco»

Qatar Airways «segue scrupolosamente tutte le normative stabilite dal governo italiano e dall’Enac», affermano fonti della compagnia aerea.

Ma il ministero degli interni ha deciso che i 125 bengalesi a bordo non possono entrare in Italia. E non potranno neppure scendere dall’aereo, a eccezione di chi avrà bisogno di cure mediche immediate. Sempre a bordo sarà consegnato loro il decreto di respingimento per gravi motivi sanitari. Poi saranno tutti fatti riletture per Doha alle 16. Scenderanno invece gli 80 passeggeri sullo stesso volo ma provenienti da altri Paesi. Una volta a terra – nel Terminal T5 di Fiumicino – saranno sottoposti a tamponi eppoi dovranno sottostare alla quarantena, indicando alle autorità il luogo dove riesideranno.

A bordo anche alcuni italiani. Uno di loro, proveniente dalla Thailandia via Doha, ha raccontato: «Non si capisce perché ci hanno viaggiare con bengalesi. Siamo preoccupati? Certo». Anche a lui è stato fatto il tampone. Tra i viaggiatori bengalesi a bordo ci sarebbe una donna che avrebbe chiesto l’intervento dei sanitari. Ma le autorità italiane parlano di una malore causato dal lungo viaggio e non collegabile al Covid.

Intanto in una lettera inviata ieri al Commissario Ue alla Salute e alla Sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, e al ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, il ministro della Salute Roberto Speranza chiede di delineare insieme nuove «rigorose misure cautelative per gli arrivi da aree extra Schengen ed extra Ue». In tale contesto «chiederei a Commissione e Presidenza di promuovere un maggiore coordinamento tra gli Stati Membri e garantire, così, una maggiore efficacia alla realizzazione dell’obiettivo di contenere la diffusione di contagi causati da focolai di origine esterna» di Covid.

«E’ necessario che Enac emetta una indicazione operativa chiara alle linee aeree affinché non imbarchino, per il tempo stabilito dalla massima autorità sanitaria del Paese, questi passeggeri –  dichiara il Responsabile dell’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio, Alessio D’Amato – Comunque le nostre squadre di medici e infermieri sono già sul posto, ma dico con estrema chiarezza che non si può scaricare sul solo nostro servizio sanitario regionale questo onere, peraltro senza alcun tipo di programmazione. Occorrono delle regole ferree e chiare, basta fare lo scarica barile, se vogliamo a monte rafforzare la sorveglianza sanitaria ed impedire rischi effettivi di ritorno. Roma non può sostenere questa pressione. Auspico che vengano assunte decisioni che vadano in tal senso nelle prossime ore».«E’ necessario che Enac emetta una indicazione operativa chiara alle linee aeree affinché non imbarchino, per il tempo stabilito dalla massima autorità sanitaria del Paese, questi passeggeri –  dichiara il Responsabile dell’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio, Alessio D’Amato – Comunque le nostre squadre di medici e infermieri sono già sul posto, ma dico con estrema chiarezza che non si può scaricare sul solo nostro servizio sanitario regionale questo onere, peraltro senza alcun tipo di programmazione. Occorrono delle regole ferree e chiare, basta fare lo scarica barile, se vogliamo a monte rafforzare la sorveglianza sanitaria ed impedire rischi effettivi di ritorno. Roma non può sostenere questa pressione. Auspico che vengano assunte decisioni che vadano in tal senso nelle prossime ore».



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

ITALIA

Coronavirus: in Lombardia 364 nuovi casi e 68 morti nelle ultime 24 ore

oronavirus: in Lombardia 364 nuovi casi e 68 morti nelle ultime 24 ore
„Tristemente raggiunta la cifra monstre degli oltre 15mila decessi, la metà dei morti italiani: in Lombardia 364 nuovi casi nelle ultime 24 ore, 70 a Brescia con tre decessi“

Pubblicato

il

L’altalena dei numeri non permette ancora di tirare il fiato: in Lombardia aumentano sia i nuovi casi di positività al Covid-19 che la loro percentuale sul totale dei tamponi effettuati (circa 150 in più rispetto a domenica, ma forse ancora pochi). Nel Bresciano sono ancora 70 i nuovi casi di Coronavirus, quasi 30 in più rispetto a due giorni fa: ma sono solo tre i decessi, uno nella Bassa Bresciana (a Visano, che piange la quarta croce) e due in Valle Camonica.

Gli ultimi aggiornamenti in Lombardia

Sono 364 in più i nuovi casi di Coronavirus in Lombardia nelle ultime 24 ore: il 4,84% del totale dei tamponi processati (ovvero 7.508: domenica erano 7.369, sabato 11.478) e il 48,92% di tutti i nuovi casi italiani, che sono 744 per un totale di 219.814 dall’inizio dell’epidemia (di questi 81.871 in Lombardia, il 37.24%). Aumentano (di poco) anche i decessi lombardi, che sono 68 tra domenica e lunedì: il 37,99% di tutti i nuovi decessi italiani, più 179 nelle ultime 24 ore, che portano il totale a 30.739, di cui il 48,97% in Lombardia, dove è stata superata quota 15mila (sono 15.054).

Dopo l’inattesa risalita dei ricoverati in terapia intensiva, i dati ricominciano a calare: sono 37 in meno le persone che attualmente si trovano in ospedale, totale 5.738 di cui 5.397 (il 94,05%) in buone condizioni e 341 in terapia intensiva, poco più di un terzo di tutti i ricoverati in terapia intensiva d’Italia (che sono 999, per la prima volta sotto i mille dopo due mesi).

I dati per provincia: a Mantova zero casi

I dati per provincia confermano aumenti ancora significativi a Milano (più 114 nelle ultime 24 ore, totale 21.490 di cui 9.071 in città), a Brescia (più 70, totale 13.620) e a Bergamo (più 50, totale 11.791). Sono 24 i nuovi casi a Pavia, totale 4.801, e 19 i nuovi casi a Monza e Brianza, totale 5.074: si avvicina alla soglia dello zero la provincia di Cremona, solo 2 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 8 negli ultimi due giorni, totale 6.250 mentre sono davvero zero i nuovi casi a Mantova (uno negli ultimi due giorni), totale 3.251.

Coronavirus: in Lombardia 364 nuovi casi e 68 morti nelle ultime 24 ore
„E intanto che si avvicina la “data X” del 18 maggio, alcuni numeri sul tema delle riaperture differenziate: degli 82.488 pazienti attualmente positivi in tutta Italia, quasi il 70% (totale 56.249) è concentrato nelle quattro regioni più produttive del Nord. Sono 30.411 in Lombardia, il 36,86% del totale, poi 13.338 in Piemonte, 7.040 in Emilia Romagna, 5.460 in Veneto.



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

ITALIA

Papa Francesco, scivolone durante la telefonata al ragazzo autistico: «Ci rivedremo all’inferno

Scivolone del Papa al telefono con un ragazzo sofferente di autismo «Allora ci rivedremo all’inferno» dice il pontefice

Pubblicato

il

Città del Vaticano – «Allora ci rivedremo all’inferno». Dice proprio così Papa Francesco a un ragazzo affetto da una patologia riconducibile all’autismo e alla sua mamma, durante una telefonata ad una famiglia di Caravaggio. Il Papa ha telefonato loro dopo avere ricevuto una toccante lettera in cui gli spiegavano le difficoltà vissute per colpa del Coronavirus. La mamma del giovane, al termine della telefonata, ha ringraziato tanto il pontefice per avere regalato loro quei momenti di gioia e commozione e gli promette che pregherà sicuramente per lui ma che non ne ha di certo bisogno perchè è già un santo.

E’ a questo punto che Papa Francesco, forse messo a disagio dal complimento sulla sua santità, si è lasciato andare ad una battuta che ha spiazzato i presenti: «allora ci rivedremo all’inferno» tanto che la signora, sgranando gli occhi, gli ha ripetuto che loro sicuramente andranno tutti all’inferno ma di sicuro lui no.

Il video è stato ripreso con il telefonino da uno dei familiari ed è stato poi pubblicato dalla Provincia di Cremona. Nel frattempo il video ha preso subito a girare rimbalzando su vari siti cattolici, tra cui Korazim, sollevando perplessità per quella battuta non proprio felice.



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

Chi Siamo

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Talk De Girolamo, Fagnani-Giuli e Perego su Rai2, Fazio su Rai3

Dopo 2 giorni di proteste violente contro il presidente Keita

Zona vicina alla spiaggia frequentata dal principale sospetto

'Via anche procuratore'. Si inasprisce scontro istituzionale

Secondo un rapporto dell'aviazione civile di Teheran

Per la prima volta dopo settimane alla presenza dei difensori

Lunedì i funerali in duomo, sarà lutto cittadino a Terni

80% viene da altri Paesi

Giro elettorale da Rapallo al ponente. Bagnasco, troppi cantieri

A Santa Maria Capua Vetere. Dirigenti, presenteremo denuncia

Contagiati anche la figlia e il suocero, pure lui celebre attore

Un sito palestinese aveva menzionato 'defezione ed arresto'

Ma era stato lui stesso a sponsorizzare contratto da 1,3 mld

Dopo 2 giorni di proteste violente contro il presidente Keita

Zona vicina alla spiaggia frequentata dal principale sospetto

Torneo era ripreso solo 4 giorni fa.Positivi anche in altri club

Anche il membro dello staff risultato ieri positivo

Difensore turco si riaggrega a gruppo dopo 'crac' gennaio scorso

Il giocatore salterà le ultime partite della Liga

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 

I più letti