Contattaci

ESTERI

Atomica, in rete i test nucleari Usa: tolto il segreto su decine di filmati

Pubblicato

il

Sono un promemoria per l’umanità, che riemerge dagli archivi del nostro passato peggiore. Decine di immagini di esplosioni atomiche e nucleari devastanti: macabri funghi che si innalzano nel cielo, colossali sfere di fuoco che si formano nel deserto. Riprese condotte durante decine di test atomici e nucleari sul territorio degli Stati Uniti e negli atolli sperduti del Pacifico fino agli anni Sessanta. E rimaste coperte dal segreto per oltre mezzo secolo.

Adesso il Lawrence Livemore National Laboratory ha pubblicato sul web alcune di queste pellicole, una minuscola parte degli oltre diecimila filmati realizzati durante le esplosioni. Non si tratta solo di un’attività archivistica. Come ha spiegato il fisico Greg Spriggs, le vecchie pellicole erano in pericolo e rischiavano di decomporsi, mentre possono ancora dare un contributo alla sicurezza degli arsenali nucleari statunitensi. “Non abbiamo dati sperimentali sugli effetti della detonazione di armi nucleari nell’atmosfera. Gli unici disponibili sono questi antichi test, ma il modo in cui venivano analizzati negli anni Cinquanta non era molto preciso“.

Così le immagini sono state digitalizzate e sottoposte a una rilettura scientifica, partendo dalle caratteristiche delle telecamere con cui erano state raccolte, per riesaminare i parametri dei test. Le nuove misurazioni hanno rivelato che c’erano stati errori anche del 20 per cento nella stima di alcuni risultati fondamentali: “Abbiamo scoperto cose nuove negli effetti delle detonazioni che erano completamente sfuggite agli scienziati dell’epoca“.

Nelle loro ricerche, gli esperti del laboratorio sono riusciti a individuare la posizione di 6500 pellicole, alcune delle quali rimaste chiuse nelle custodie per quasi sessant’anni: molte avevano un forte odore di aceto, segno che la decomposizione era cominciata. Altre erano ancora negli archivi blindati della base di Los Alamos, dove venne progettata e costruita la prima bomba statunitense.

Finora le autorità hanno autorizzato la desecretazione di pochissimi documenti, circa “cinque dozzine”. Perché si tratta degli ultimi test nucleari statunitensi realizzati in superficie – poi si è passati a prove in miniere sotterranee – sono ritenuti dall’intelligence potenzialmente ancora interessanti per quegli Stati canaglia che tentano di costruire ordigni atomici. La digitalizzazione e rilettura dei dati è stata condotta su una decina di film, ottenendo informazioni considerate “molto importanti”.

A partire dalle dimensioni del fungo che si spande nell’atmosfera, dalla portata dell’onda d’urto e dagli effetti complessivi dell’ordigno. “È incredibile la quantità di energia provocata dall’esplosione. Se anche grazie a questi video riusciremo a far capire quanta devastazione provochino le armi nucleari, forse la gente in futuro eviterà di impiegarle“.

Un monito attualissimo: il presidente Donald Trump ha annunciato il potenziamento dell’arsenale nucleare statunitense, dando il via a una nuova corsa agli armamenti. Che potrebbe riportare il mondo nel terrore della reciproca distruzione totale, come ai tempi della Guerra Fredda. Ma con leader probabilmente molto meno solidi di quelli di allora.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

la Repubblica

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia una recensione

Scrivi un commento

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
Notificami

ESTERI

Sparatoria nel liceo in Texas

Sono morte almeno 8 persone e ci sono diversi feriti: l’aggressore è stato arrestato dalla polizia, una seconda persona è stata fermata

Pubblicato

il

ggi, intorno alle 7.45 di mattina ora locale (le 15.45 in Italia) una persona ha sparato alla Santa Fe High School di Santa Fe, in Texas, circa 50 chilometri a sud di Houston. Lo sceriffo della contea di Harris Ed Gonzalez ha detto che potrebbero esserci tra gli 8 e i 10 morti. Diverse altre persone sono state ferite, tra cui un agente di polizia in servizio presso la scuola. L’assalitore è stato fermato dalla polizia: non sono state diffuse informazioni sulla sua identità, ma una fonte dello Houston Chronicle ha detto che si tratta di un uomo e alcune testimonianze fanno pensare che fosse uno studente della scuola. Gonzalez ha detto che una seconda persona “di interesse” è stata fermata e che la polizia la sta interrogando.

Una testimone ha detto che questa mattina poco dopo l’orario di ingresso a scuola è scattato l’allarme antincendio e che mentre gli studenti si dirigevano verso le uscite si sono sentiti degli spari. Un altro studente ha raccontato che una persona è entrata in un’aula dove era in corso una lezione d’arte e ha iniziato a sparare con quello che sembrava essere un fucile da caccia. La polizia è intervenuta isolando la scuola e perquisendo tutti gli studenti che si trovavano nell’area. L’assalitore è stato fermato e non è ferito.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 
Crediti :

il Post

Continua a leggere

ESTERI

Attacco a Parigi, uomo grida “Allah Akbar” e si scaglia contro i passanti: un morto e almeno otto feriti

‘attacco intorno alle 21 in centro nella zona dell’Opéra piena di locali e brasserie affollate di sabato sera. Il procuratore capo di Parigi, François Molins: “L’aggressore, secondo alcune testimonianze, ha gridato Allah Akbar”. L’Isis rivendica. Il presidente Macron: “Non arretreremo di un centimetro davanti ai nemici della libertà”. ll ministro degli Interni Collomb: “Atto odioso”. L’assalitore, di circa vent’anni, privo di documenti

Pubblicato

il

 

Parigi, torna l’incubo terrorismo. Un uomo in serata ha aggredito con un coltello alcuni passanti in centro a Parigi, nella zona dell’Opéra, ed è stato ucciso dalla polizia. Una delle persone colpite è morta. Si tratta di un 29enne. Altri otto sono rimasti feriti, almeno due delle quali in gravi condizioni. Secondo il procuratore capo di Parigi, François Molins, “l’aggressore durante l’attacco ha gridato ha gridato Allah Akbar”. E l’Isis ha poi rivendicato, affermando tramite il proprio organo di propaganda Amaq, che l’assalto è stato messo a segno da “un soldato” dello Stato islamico.

L’attacco è avvenuto in serata, intorno alle 21, in rue de Monsigny, all’altezza della fermata metro “Quatre septembre”, tra l’Opéra e la sede della Borsa, nel 2° arrondissement. Una zona piena di locali, bar e brasserie molto frequentate il sabato sera. I primi video pubblicati su Twitter hanno mostrato un fuggi fuggi generale, grida di panico, gente che si stende a terra. Molti passanti si sono rifugiati nei ristoranti, gridando che fuori c’era un uomo col coltello insanguinato che inseguiva tutti. Numerose persone hanno trovato rifugio nei ristoranti che hanno subito bloccato le porte dall’interno.

La zona per ore è rimasta blindata, con un via vai di sirene e auto della polizia. Dell’aggressore fino a tarda sera si è saputo poco: non aveva addosso alcun documento. Ha un’età di circa vent’anni, con la barba, vestito di scuro. Avrebbe fattezze mediorientali. Per l’identificazione si sta procedendo con gli esami genetici e delle impronte digitali.

Secondo alcune testimonianze l’aggressore, mentre gridava frasi del terrorismo jihadista, si è scagliato anche contro le forze polizia per cercare di colpire qualche agente. E a loro urlava: “Uccidetemi o vi ammazzo”. Sul posto si è subito recato anche il capo della polizia Michel Delpuech.

Il ministro degli Interni Gérard Collomb ha ringraziato le forze di polizia per il loro “sangue freddo e la rapidità con cui hanno abbattuto l’aggressore”. Aggiungendo anche che “il mio primo pensiero va alle vittime di questo atto odioso”. E il presidente francese Macron su twitter scrive, tra l’altro: “La Francia paga di nuovo il prezzo del sangue ma non arretra di un centimetro davanti ai nemici della libertà”.

Si indaga dunque sulla matrice terroristica. E salgono a 245 le vittime di attentati sul suolo francese dal 2015.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

la Repubblica

Continua a leggere

ESTERI

Sudan, sposa bambina condannata all’impiccagione: ha ucciso il marito-stupratore

Noura Hussein aveva 13 anni quando è stata data in sposa a un suo cugino che aveva il doppio dei suoi anni. Per difendersi dall’ennesima violenza l’ha accoltellato. E’ stata condannata alla pena di morte ed è detenuta in catene nella prigione femminile di Omdurman. Su Change.org l’appello per chiederne la liberazione

Pubblicato

il

A 13 anni i genitori l’hanno data in sposa a un suo cugino di secondo grado, che aveva il doppio dei suoi anni. E a fronte dell’ennesimo tentativo di stupro l’ha accoltellato, uccidendolo. Lei è Noura Hussein, che oggi ha 19 anni ed è in carcere, in catene, nella prigione femminile di Omdurman in Sudan in attesa dell’impiccagione. A consegnarla alla polizia sono stati gli stessi famigliari. Su Change.org è stata lanciata una petizione per chiedere la liberazione della ragazza.

“Lei – spiega Antonella Napoli, presidente di Italians for Darfur  – si è opposta con tutte le sue forze” alle violenze “ma non è bastato. Quando per sottrarsi all’ennesimo stupro si è difesa con un coltello uccidendo il suo carnefice è stata consegnata alla polizia dalla sua famiglia e sarà condannata a morte”. Gli avvocati di Noura, Adil Mohamed Al-Imam e Mohaned Mustafa Alnour, “con il quale abbiamo già collaborato per il caso di Meriam Ibrahim, la donna incinta all’ottavo mese salvata dalla condanna a morte per apostasia, hanno già presentato un ricorso – sottolinea Napoli, che è in diretto contatto con i legali – ma se non venisse accolto Noura finirà sul patibolo per essere impiccata”.

Per la presidente di Italians for Darfur “la storia di questa sposa bambina è terribile. Eravamo d’accordo di non parlare del caso fino alla sentenza. Quando nel 2012 venne celebrato il matrimonioreligioso, grazie all’intervento di una zia, a cui la ragazzina aveva chiesto aiuto, non fu ‘consumato’. Due anni dopo, tornata a casa dei genitori, Noura fu costretta a sposarsi anche legalmente. Consegnata al suo carnefice dalla sua stessa famiglia è stata violentata dall’uomo con l’aiuto dei suoi familiari, chiamati a verificare che da quel momento fossero marito e moglie anche di fatto. Quando il giorno dopo stava per ripetersi la stessa violenzala quindicenne si è difesa e impugnato un coltello pugnalò il consorte”. Giovedì scorso “un tribunale di Omdurman, città gemella della capitale Khartoum sull’altra sponda del Nilo, l’ha condannata a morte per aver ucciso il suo stupratore. Raccogliamo quante più firme possibili da inviare al presidente del Sudan Omar Hassan al Bashir per chiedere la grazia e l’immediata liberazione di Noura”, conclude l’appello.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Continua a leggere

Newsletter

Esteri

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...