Contattaci

Pubblicato

il

E’ morto il gendarme eroe che si era offerto al posto di una donna in ostaggio del terrorista di Trebes. Si chiamava Arnaud Beltrame, 45 anni. Il presidente francese Emmanuel Macron gli ha reso pubblicamente omaggio, affermando che il tenente colonnello ha “onorato la sua arma e il suo Paese” e che tutta la Francia gli rivolge un pensiero. Ferito gravemente durante l’attacco, è deceduto alcune ore dopo.

Il terrorista Redouane Lakdim

Il terrorista Redouane Lakdim

Sposato in punto di morte – Il tenente-colonnello Arnaud Beltrame, morto questa mattina dopo essersi volontariamente offerto in ostaggio al terrorista Radouane Lakdim in cambio della libertà per una donna, è stato unito in matrimonio religioso con la sua compagna nella notte, poco prima di morire. Padre Jean-Baptiste, un sacerdote che conosceva bene Arnaud e la compagna Marielle, è arrivato di corsa nella hall dell’ospedale di Carcassonne, quando ormai l’ufficiale dei gendarmi era moribondo. Il religioso ha chiesto di vedere Arnaud, che da alcune settimane, insieme con Marielle, con la quale erano già sposati civilmente, avevano dedicato “una trentina di ore” alla preparazione del matrimonio cattolico. La data delle nozze religiose era stata fissata per inizio giugno. “Prego – ha detto padre Jean-Baptiste dopo un’ora in sala rianimazione al capezzale dell’ufficiale con la sua compagna – per queste nozze. Gli ho impartito il sacramento del matrimonio e quello dell’estrema unzione”.

La madre: “Mi direbbe: ho fatto il mio lavoro” – “Sapevo che doveva per forza trattarsi di lui”: la madre di Arnaud Beltrame, il tenente colonnello dei gendarmi ucciso dal terrorista Redouane Lakdim, si confida dopo la morte del figlio ai microfoni di RTL. “E’ sempre stato così – ha detto la donna, – lui ha sempre fatto tutto per la patria, da quando è nato”. “Era la sua ragione di vita – ha aggiunto – quella di difendere la patria”. “Oggi – ha continuato – mi direbbe ‘mamma ho fatto soltanto il mio lavoro’. Faceva parte del suo modo di essere”.

Aveva simulato un attacco in un supermercato – Secondo quanto si apprende da fonti del quotidiano locale La Depeche du Midi, Beltrame aveva da poco organizzato un’esercitazione con i suoi uomini. Il tenente colonnello, si apprende, aveva voluto simulare – come in una premonizione – un attacco terroristico contro un supermercato.

Trovato il testamento del terrorista: riferimenti a IsisGli inquirenti francesi impegnati nelle indagini sull’attentato nel sud della Francia hanno ritrovato nella casa del killer a Carcassonne “una lettera-testamento manoscritta”, nella quale Radouane Lakdim “fa allusione all’organizzazione dello stato islamico”. E’ quanto riferisce la tv Lci.

Fermato un amico del killer Un minorenne amico di Redouane Lakdim è stato posto in stato di fermo nell’ambito delle indagini sull’attentato di ieri a Carcassonne e Trebes: è quanto rivelano fonti vicine all’inchiesta citate da Bfm-Tv. Nato nel 2000, il ragazzo è stato fermato questa notte per associazione terrorista. In Francia, il fermo per terrorismo può durare fino a 96 ore contro le normali 24 o 48 ore.

Crediti :

Tgcom

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

ESTERI

Violenza a Parigi, scontri sugli Champs Elysées dopo la parata militare

Le tv hanno mostrato immagini di manifestanti che erigevano barricate e davano fuoco a cestini della spazzatura, prima di essere dispersi dalla polizia con i lacrimogeni.

Pubblicato

il

Scontri fra polizia e manifestanti dei gilet gialli sono avvenuti a Parigi sugli Champs Elysèes, alcune ore dopo la fine della parata del 14 luglio. L’emittente Bfmtv ha mostrato immagini di manifestanti che erigevano barricate e davano fuoco a cestini della spazzatura, prima di essere dispersi dalla polizia con i lacrimogeni.
La prefettura ha poi reso noto su Twitter di “aver evacuato l’area con la forza” di fronte alle “violenze” sugli Champs Elysées. Secondo Le Figaro, la polizia ha creato un cordone di sicurezza attorno a Fouquet’s, la nota brasserie, che ha riaperto ieri dopo essere stata date alle fiamme e devastata dai gilet gialli in marzo.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

ESTERI

Chi è Carola Rackete, il capitano della Sea Watch 3 che ha forzato il blocco navale

La 31enne tedesca è entrata in acque italiane dopo 14 giorni di stallo, infrangendo il divieto imposto dal decreto sicurezza. In un’intervista ha detto che aiutare gli altri è un “obbligo morale”

Pubblicato

il

Carola Rackete (foto: Till M. Egen/Sea-Watch.org.)

Il 26 giugno verrà ricordata come una data in cui è successo un fatto straordinario: una nave di una ong del Mediterraneo, la Sea Watch 3, ha infranto il divieto d’ingresso imposto dal ministro Salvini ed è entrata in acque italiane. La decisione, annunciata su Twitter dalla stessa ong e confermata dai dati Gps sulla navigazione, è stata presa dal capitano della nave Carola Rackete, dopo che la Corte di Strasburgo aveva respinto il ricorso presentato dai 42 migranti a bordo della nave per sbarcare in Italia.

“Sono allo stremo. Li porto in salvo”, ha detto Rackete, aggiungendo di essere consapevole dei rischi cui va incontro: una sanzione che va da un minimo di diecimila a un massimo di cinquantamila euro – non solo per il comandante, ma anche per l’armatore e il proprietario della nave – e il sequestro dell’imbarcazione (due misure introdotte dal decreto sicurezza bis, approvato lo scorso 11 giugno dallo stesso ministro dell’Interno).

La rotta di Sea Watch negli ultimi giorni

Dal salvataggio in mare dei migranti a bordo della nave a oggi sono passati 14 giorni. Da allora, sono sbarcate solo dieci persone per ragioni mediche. Rackete ha raccontato che gli altri sono disperati. “Qualcuno minaccia lo sciopero della fame, altri dicono di volersi buttare in mare o tagliarsi la pelle”.

Chi è Carola Rackete

Trentun anni d’età, nazionalità tedesca, Carola Rackete conosce cinque lingue e ha una laurea in Conservazione ambientale, ottenuta alla Edge University nel Lancashire. Nonostante la giovane età, ha già una lunga esperienza in mare. Non ancora venticinquenne, è stata al timone di una nave rompighiaccio nel Polo Nord nell’ambito di una missione per uno dei maggiori istituti oceanografici tedeschi. Ha poi lavorato come secondo ufficiale di bordo per la Ocean Diamond e per la Arctic Sunrise di Greenpeace, e collaborato con la flotta della British Antarctic Survey, un’organizzazione del Regno Unito impegnata in progetti di ricerca nell’Antartide.

Fa parte di Sea Watch dal 2016. In un’intervista a Repubblica, ha detto a questo proposito: “La mia vita è stata facile, ho potuto frequentare tre università, sono bianca, tedesca, nata in un paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto ho sentito un obbligo morale di aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità”.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

ESTERI

Liberato Alessandro Sandrini, rapito in Siria nel 2016

Il 33enne bresciano è stato liberato da un gruppo di siriani ribelli chiamati ‘il governo della salvezza’

Pubblicato

il

L’italiano Alessandro Sandrini, rapito in Siria nel 2016 al confine turco-siriano è stato liberato. Lo ha confermato il premier Conte che ha dichiarato: “Il connazionale Alessandro Sandrini è stato liberato al termine di un’articolata attività condotta, in territorio estero, in maniera coordinata e sinergica dall’intelligence italiana, dalla polizia giudiziaria e dall’unità di crisi del Ministero degli Esteri”.

Sandrini è stato liberato da un gruppo ribelle siriano della provincia di Idlib, il ‘Governo siriano di salvezza’, che ha diffuso la notizia sui social. L’operazione è scattata dopo aver saputo che un gruppo criminale attivo in zona e specializzato in rapimenti si nascondeva lungo il confine con un ostaggio.
Sandrini era comparso lo scorso anno in un video in cui compariva inginocchiato con alle spalle due uomini armati e indosso una tuta arancione che ricordava quelle utilizzate dall’Isis. I suoi rapitori, però, non sono parte dello Stato islamico.

Il nome di Alessandro Sandrini è comparso due volte tra gli imputati del tribunale di Brescia: la prima volta per un processo per rapina e ricettazione (aveva tentato di vendere dei tablet rubati e aveva compiuto una rapina nel 2016). Sarà infatti ora ascoltato dai pm di Roma.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Yen si mantiene stabile su dollaro ed euro [...]

Maggioranza M5S si ricompone, Sonia Schellino nuova vicesindaco [...]

Negati i domiciliari, 'rischio di fuga e di inquinamento prove' [...]

'Non sono contento, disapprovo'. Ma ieri non ha mosso un dito [...]

Per corruzione internazionale su presunti fondi russi [...]

A Cecina. Per 40enne avviate procedure di espulsione [...]

Per corruzione internazionale su presunti fondi russi [...]

Rigettato ricorso della difesa, il 24 luglio prevista sentenza [...]

In centinaia alle esequie a Fragagnano, paese natale di Massaro [...]

Cassazione dichiara inammissibile ricorso, tragedia nel Catanese [...]

Capo del partito Progressive Advance ha chiesto aiuto a lobbista [...]

Trump avrebbe scelto l'erede dell'ex giudice della Corte Suprema [...]

Il ministro degli Esteri norvegese chiede prudenza alle parti [...]

Negati i domiciliari, 'rischio di fuga e di inquinamento prove' [...]

'Non sono contento, disapprovo'. Ma ieri non ha mosso un dito [...]

Andata in Italia il 25 luglio, ritorno in Ungheria l'1 agosto [...]

Dopo il 12-0 in amichevole. "Ma ancora ci sarà da lavorare" [...]

Il giocatore rischia di non partire per la tournee in Asia [...]

Tripletta di Antonucci, vanno a segno anche Dzeko e Spinazzola [...]

Su Malinovskyi e Muriel. "Mancini alla Roma? Un buon affare" [...]

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

I più letti