Contattaci

LAICITA'

…E auguri anche alla giustizia!

Pubblicato

il

L’Ordine degli Avvocati di Ancona, istituzione pubblica soggetta come ogni altro ordine professionale a vigilanza da parte del Ministero della Giustizia, quest’anno ha organizzato uno scambio di auguri di buon Natale attraverso la celebrazione di una messa. Una funzione religiosa pubblicizzata perfino attraverso il loro portale istituzionale.

Come spesso accade per un irrefrenabile desiderio di lustro e visibilità in ambienti importanti, a officiare il rito di culto non sarà il semplice parroco reggente della “chiesa accanto” ma nientemeno che l’arcivescovo di Ancona e Osimo mons. Angelo Spina, già noto alle cronache per la sua avversità al riconoscimento dei diritti civili delle coppie gay sulla scia della fantomatica e quanto mai inconsistente “ideologia gender”.

Avversità al riconoscimento dei diritti civili delle coppie gay

Evidenza

In aggiunta a tutto ciò, come se non bastasse, la messa natalizia in questione verrà celebrata in una delle aule giudiziarie del Palazzo di Giustizia di Ancona. Proprio così. Un rito religioso che verrà officiato alle ore 9 di una giornata lavorativa, in una delle aule del Tribunale di Ancona dove normalmente si tengono le udienze. Come se il sistema giudiziario italiano, vista la sua proverbiale “rapidità”, potesse permettersi di utilizzare le proprie aule per celebrare riti decisamente estranei a quelli processuali. Come se il personale delle cancellerie, gli avvocati o i magistrati del tribunale avessero la pressante necessità di una messa per scambiarsi eventuali auguri di buon Natale, o come se a distanza di 50 metri dall’ingresso di questo Palazzo di Giustizia non ci fosse già una chiesa, la parrocchia dei SS Cosma e Damiano, abbondantemente in grado di ospitare tutti.

Viene spontaneo chiedersi come possa essere stata concepita la richiesta di una messa in un’aula giudiziaria, ma soprattutto con quale criterio possa essere stata autorizzata una funzione religiosa in un Tribunale della Repubblica, a questo punto laica solo in teoria, in pieno orario di lavoro. Perché un particolare non di poco conto da rilevare è che l’invito a partecipare è stato promosso all’interno dello stesso Palazzo di Giustizia ed esteso a tutti, non certo ai soli membri dell’Ordine degli Avvocati. Dunque viene altrettanto spontaneo chiedersi come verrà regolato l’orario di lavoro per i tanti dipendenti del tribunale che raccoglieranno questo invito.

Parteciperanno alla messa anziché occuparsi di quanto di loro competenza, ovvero amministrare la giustizia?

Evidenza

Godranno di eventuali ore di permesso, oppure parteciperanno alla messa anziché occuparsi di quanto di loro competenza, ovvero amministrare la giustizia? E per i dipendenti che non prenderanno parte alla funzione religiosa, magari perché disinteressati, non credenti o credenti in un’altra confessione religiosa? Quale uguaglianza e parità di trattamento del lavoratore riserverebbe loro l’amministrazione? La situazione sembra piuttosto articolata e complessa, oltre che ovviamente al limite del grottesco, non solo per la scelta di un luogo inidoneo ma anche per un momento indiscutibilmente inopportuno.

Mentre tentiamo di riprenderci dallo sgomento per queste scelte del tutto prive di buonsenso in seno alle istituzioni, e mentre come ogni anno puntuali impazzano istanze identitariste e clericali per l’imposizione di presepi in luoghi pubblici, riteniamo anche noi sia giunto il momento di fare gli auguri a tutti i cittadini. Pare infatti che ce ne sia tanto bisogno. Specialmente per via del bassissimo livello di laicità che si è capaci di raggiungere in questo Paese.

 





Licenza Creative Commons



 

Crediti :

UAAR

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

LAICITA'

I costi della Chiesa e il governo del cambiamento (in peggio)

Se qualcuno si ostina a negarlo, in Italia esiste di fatto ancora una religione di stato

Pubblicato

il

Non c’è tre senza quattro: la Corte dei conti non molla. Come già nel 2014, nel 2015 e nel 2016, nei giorni scorsi ha diffuso l’ennesima relazione critica nei confronti del meccanismo dell’8×1000. Infischiandosene delle orecchie di tutti i mercanti.

È un’attività meritoria e impressionante, attestata ormai da diverse centinaia di pagine. Lo scopo, secondo le parole della stessa Corte, è quello di individuare “gli elementi di debolezza della normativa, risalente a oltre 30 anni, e della sua applicazione, al fine di indicare proposte per migliorarne l’impianto complessivo”. Cinque sono le “criticità più rilevanti”: “la problematica delle scelte non espresse e la scarsa pubblicizzazione del meccanismo di attribuzione delle quote; l’entità dei fondi a disposizione delle confessioni religiose; la poca pubblicizzazione delle risorse erogate alle stesse; la rilevante decurtazione della quota statale”. Se ci aggiungiamo il cospicuo numero di problemi minori, non possiamo che trarre la conclusione che l’8×1000 ha bisogno di urgenti lavori di ristrutturazione. Come minimo. Perché i lati oscuri sono così numerosi e significativi che la sua completa demolizione sarebbe sicuramente più semplice.

Interferenza nel processo decisionale delle opzioni operate dai contribuenti

Sono almeno tre gli aspetti importanti su cui si sofferma l’ultima deliberazione. Per cominciare, la Corte è tornata a esaminare l’operato di alcuni Caf cattolici, a cui ha nuovamente addebitato una — non così tanto sporadica — “infedele trasmissione e interferenza nel processo decisionale delle opzioni operate dai contribuenti”: due comportamenti che rappresentano “un grave vulnus all’istituto”. Il sito del Caf Acli si permetteva addirittura di linkare al controverso concorso I feel Cud, riservato alle parrocchie. La Cei l’ha ora trasformato in un meno imbarazzante TuttixTutti: l’entità dei premi assegnati continua tuttavia a mostrarci platealmente quanto accentuato sia l’interesse dei vescovi per questa caccia al tesoro. Le buone notizie sono due: il collegamento non è più presente, e la Consulta nazionale dei Caf ha dovuto diffondere ai suoi aderenti raccomandazioni specifiche per evitare che si ripetano le malversazioni.

I magistrati contabili denunciano inoltre, con ancora più forza che in passato, che, “in violazione dei principi di buon andamento, efficienza ed efficacia della pubblica amministrazione, lo Stato mostra disinteresse per la quota di propria competenza”. Per la precisione, risulta essere “l’unico competitore che non sensibilizza circa le proprie attività l’opinione pubblica con campagne pubblicitarie”, dando così “l’impressione che l’istituto sia finalizzato — più che a perseguire lo scopo dichiarato — a fare da apparente contrappeso al sistema di finanziamento diretto delle confessioni”. Va detto che, nel 2017, proprio in seguito alle numerose sollecitazioni, per la prima volta abbiamo potuto assistere a uno spot a favore dell’8×1000 statale. Ma, come rileva implacabilmente la stessa Corte, “l’attività segnalata è risultata irrilevante rispetto alla pubblicità posta in essere dalle confessioni religiose”. Vere e proprie briciole. Come se non bastasse, nel 2018 si è tornati alle cattive abitudini: la totale inattività dello stato. A tutto vantaggio delle confessioni religiose.

Se qualcuno si ostina a negarlo, in Italia esiste di fatto ancora una religione di stato

Una vera e propria novità contenuta in questa deliberazione è la pubblicazione dei verbali della commissione paritetica Italia-Santa Sede, incaricata di proporre modifiche al meccanismo. Per la parte governativa ne fanno parte la pressoché silente Fabrizia Lapecorella (direttrice generale delle Finanze), il prof. Carlo Cardia (opinionista del quotidiano dei vescovi Avvenire) e il molto più determinato prof. Francesco Margiotta Broglio. La parte ecclesiastica è invece guidata da mons. Nunzio Galantino: già segretario generale della Conferenza episcopale italiana, è ora diventato (per meriti acquisiti sul campo?) presidente dell’Apsa, l’ente che amministra l’immenso patrimonio economico della Santa Sede. Si noti come la commissione lavori in assenza delle altre undici confessioni religiose sottoscrittrici di intese con lo stato, che un interesse per l’8×1000 ce l’hanno ovviamente a loro volta. Anche se qualcuno si ostina a negarlo, in Italia esiste di fatto ancora una religione di stato.

Dalla pubblicazione dei verbali ricaviamo un’informazione importante: la parte governativa non è così arrendevole come potevamo supporre, risultati alla mano. Per esempio, ha chiesto che la Chiesa non usi le somme dell’8×1000 per i suoi tribunali ecclesiastici e per i suoi mezzi di comunicazione. Tali somme dovrebbero invece essere rese disponibili per gli interventi caritativi. Non è bello che i nostri soldi siano utilizzati per la sua evangelizzazione, giusto? Anche se è proprio ciò che accade con la messa domenicale trasmessa dalla Rai…

Tuttavia, ogni modifica al meccanismo deve essere concordata tra le parti. E la Chiesa (nonostante i suoi tanti spot, nonostante le sue tante dichiarazioni urbi et orbi), a leggere i verbali, non sembra molto interessata ad aumentare i fondi destinati alla carità. Alla proposta governativa ha infatti opposto un deciso “no”. E non ha avuto alcuno scrupolo a dichiarare che “il contributo ai tribunali ecclesiastici risponde a una precisa visione ed esigenza pastorale”: a riprova, la sua delegazione ha chiamato in causa direttamente papa Francesco, secondo il quale rappresenterebbero un “servizio alla verità nella giustizia”. A seguire le cronache, i tribunali cattolici sono ormai soprattutto uno stratagemma per non pagare gli alimenti in caso di divorzio. Del resto, ricordiamolo, sono stati condannati persino dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. Ma pare proprio che dobbiamo continuare a pagarglieli noi.

Revisione della quota dell’8 per mille in vista di un suo possi­bile ridimen­siona­mento

Dai verbali siamo venuti anche a sapere che lo stato, a partire dal 2013, ha chiesto che, “tenuto conto degli anni trascorsi dalla data di entrata in vigore della legge n. 222/1985, venga concretamente discussa l’opportunità di una revisione della quota dell’8 per mille in vista di un suo possi­bile ridimen­siona­mento quantitativo”. È una modifica ritenuta necessaria dalla stessa Corte dei conti, “tenendo conto del più che soddisfacente livello del flusso finanziario e anche in ragione della generale crisi economica dell’area occidentale”. Per averne la prova provata sono sufficienti pochi numeri, nudi e crudi: “prendendo a riferimento i valori del 1990, si rileva che, nel 2011, il valore dell’Irpef erariale è aumentato del 179%, il PIL nominale del 126% e l’indice dei prezzi al consumo (inflazione) soltanto dell’84%. L’incremento dell’Irpef nel periodo (e, quindi, quello dell’8 per mille” risulta, pertanto, “molto superiore sia a quello dell’inflazione sia a quello del PIL nominale”.

E tuttavia, anche in questo caso la parte cattolica ha risposto con un sonoro “no”: non è in alcun modo disponibile ad accettare una riduzione del miliardo di euro che riceve ogni anno. E pazienza se quasi tre italiani su dieci sono a rischio povertà. Del resto, l’andazzo li indirizza sempre più spesso alle Caritas diocesane, estesamente finanziate dalle amministrazioni locali (che hanno ormai abdicato a svolgere funzioni di assistenza sociale) e, ora, persino da Poste Italiane.

Non vuole in alcun modo intaccare il malloppo che la Chiesa cattolica intasca

Lo stato sembra dunque essersi reso conto che l’importo destinato all’8×1000 è ormai enorme, e che è indispensabile ridurlo. È un dato da registrare positivamente, che si accompagna però a una notizia decisamente pessima, legata al cambiamento di governo: “nell’adunanza del 4 ottobre 2018 i rappresentanti della Presidenza del Consiglio dei ministri hanno dichiarato che non vi sono state indicazioni da parte del vertice politico circa l’opportunità di porre in discussione la questione della riduzione della quota dell’8 per mille”. Pare proprio che l’esecutivo gialloverde la pensi diversamente da quelli che l’hanno preceduto e, ancor di più, dalla stessa Corte dei conti, perché non vuole in alcun modo intaccare il malloppo che la Chiesa cattolica intasca da tre decenni.

Stiamo parlando dello stesso governo che ci ha fatto fare una figuraccia con tutti i paesi dell’eurozona in quanto non sa dove recuperare le risorse necessarie a finanziare i suoi ambiziosi programmi. Ma non ci dobbiamo sorprendere. Perché è lo stesso governo che non vuole chiedere alla Chiesa l’Ici arretrata sugli immobili adibiti a uso commerciale (cinque miliardi, euro più euro meno). Ed è lo stesso governo che non intende trattenere tali fondi dall’8×1000, come ha confermato il ministro dell’economia Tria rispondendo a una interrogazione dell’on. Riccardo Magi: non intende farlo, ha affermato, per non “ledere le scelte dei contribuenti” (sic). Anche se lede ancor di più il dettato costituzionale stanziando fondi aggiuntivi per le scuole private — annunciandolo, peraltro, nel corso di un convegno delle scuole cattoliche. Insomma: c’è il concreto rischio che i costi pubblici della Chiesa (oltre sei miliardi l’anno) aumentino ulteriormente.

Il governo ha intanto proposto alla guida dell’Istat l’antiabortista Gian Carlo Blangiardo, che va ad aggiungersi al nutrito plotone integralista giunto al potere grazie alla Lega. Non c’è che dire: è proprio il governo del cambiamento. In peggio. Laicamente, dovrebbe essere mandato a casa al più presto.





Licenza Creative Commons



Crediti :

UAAR

Continua a leggere

LAICITA'

Silvana De Mari condannata per le sue frasi contro la comunità Lgbt. Disse: “L’omosessualità è contro natura”

L’autrice è stata condannata per diffamazione e dovrà pagare una multa di 1500 euro. Per il giudice “offendeva in più occasioni l’onore e la reputazione delle persone con tendenza omosessuale” e sosteneva che “tollerare l’omosessualità equivale ad accettare la pedofilia”

Pubblicato

il

Il suo nome è diventato molto noto per gli interventi critici contro la comunità Lgbt e gli omosessuali. Secondo lei l’omosessualità è “contro natura”, accostabile anche al satanismo. A darle sostegno, anche oggi in aula, c’erano invece simpatizzanti deimovimenti Pro Vita e del Popolo della Famiglia. La dottoressa Silvana De Mari, 65 anni, autrice di libri fantasy ha subito oggi una condanna per le sue affermazioni. Il tribunale di Torino l’ha ritenuta responsabile di diffamazione e le ha inflitto una multa di 1.500 euro, superiore rispetto a quella chiesta ieri dal sostituto procuratore Giuseppe Riccaboni.

Secondo la procura di Torino, Silvana De Mari offendeva in più occasioni l’onore e la reputazione delle persone con tendenza omosessuale” e sosteneva che “tollerare l’omosessualità equivale ad accettare la pedofilia”. Sul suo blog e in alcuni articoli aveva sostenuto che “se si stabilisce che l’omosessualità non è un disordine, allora anche la pedofilia lo può essere altrettanto”. E ancora: “Il movimento Lgbt vuole annientare la libertà di opinione e sta diffondendo sempre di più la pedofilia”. A La Zanzara, trasmissione di Giuseppe Cruciani e David Parenzo su Radio24, aveva dichiarato che i rapporti omosessualisono una forma di violenza fisica usata anche come iniziazione al satanismo. Il giudice Melania Eugenia Cafiero l’ha ritenuta colpevole di diffamazione per alcune affermazioni, mentre l’ha assolta per altre: quali siano le frasi diffamatorie si saprà soltanto con le motivazioni della sentenza tra trenta giorni.

Stamattina, poco prima della lettura del verdetto, la dottoressa ha tentato un’ultima difesa con alcune spontanee dichiarazioni: “In questo processo è fondamentale parlare della questione di maggiore ‘morbidità’ (indice delle statistiche sanitarie sulla frequenza di una malattia nella popolazione, ndr). Nel momento in cui dico che gli uomini che fanno sesso con altri uomini hanno rischi maggiori di contrarre malattie e tumori, è documentato. Se non ci fossero questi dati questo sarebbe un sacrosanto processo”. De Mari ha anche sostenuto che, in base a dei dati, “nel momento del gay pride le malattie sessualmente trasmissibiliaumentano”.

Non è bastato a evitare la condanna, anche se per il suo avvocato, il professore Mauro Ronco, Silvana De Mari “è stata condannata soltanto per una frase rivolta al movimento Lgbt” e non per le frasi pronunciate sui comportamenti omosessuali, quelle in cui denuncia i rischi sanitari. Lei si reputa soddisfatta: “La libertà di critica è salva. Da medico è un mio dovere denunciare i rischi – ha detto dopo la sentenza annunciando il ricorso in appello -. Quello Lgbt è un movimento politico che ho diritto di attaccare”. Dovrà risarcire due associazioni, il Coordinamento Torino Pride e la Rete Lenford, con una provvisionale di 2.500 euro ciascuno. L’avvocato che rappresenta la prima organizzazione, Nicolò Ferraris, si dice soddisfatto della decisione. “È una sentenza storica – afferma l’ex presidente del Coordinamento, Alessandro Battaglia -. A quanto ci consta mai è successo che un’associazione Lgbt venisse ammessa a un processo per diffamazione”. Nonostante la condanna, De Mari non intende indietreggiare. Tuttavia il 21 marzo prossimo dovrà ripresentarsi in tribunale per un altro processo per diffamazione, questa volta ai danni del Circolo “Mario Mieli” di Roma.





Licenza Creative Commons



Continua a leggere

LAICITA'

La risposta definitiva di Einstein alla domanda su Dio

…l’universo e tutto quanto

Pubblicato

il

La “Lettera su Dio” è stata venduta all’asta ancora una volta e a un prezzo record. Scritta il 3 gennaio 1954, poco più di un anno prima della sua morte, contiene le ultime dichiarazioni di Einstein su temi religiosi. Se di alcuni miscredenti si racconta che all’approssimarsi della fine avrebbero abbracciato la fede, di Einstein — qualunque cosa abbia dichiarato in precedenza — bisognerà affermare l’esatto contrario: “La parola Dio per me non è altro che l’espressione e il prodotto delle debolezze umane, la Bibbia una raccolta di leggende venerabili ma ancora puramente primitive e piuttosto infantili. Per me nessuna interpretazione, per quanto sottile, può cambiar nulla al proposito”. Questo il brano più diffuso della lettera, a partire dal 2008 quando fu resa pubblica per la prima volta.

Si tratterebbe di “uno dei più importanti manoscritti del XX secolo”

La stampa nostrana ha fatto girare la notizia con articoli sbrigativi, identici fra loro, spesso non firmati e talvolta confinati all’edizione online. Le testate cattoliche hanno accuratamente evitato la scottante faccenda. Le immagini della busta e della lettera sono state ampiamente divulgate, mentre è quasi impossibile imbattersi in una traduzione italiana integrale del testo (in rete qualcosa si trova). Tuttavia qualcuno si è spinto a sostenere che si tratterebbe di “uno dei più importanti manoscritti del XX secolo”, senza però chiarirne il motivo. Viene allora da domandarsi perché mai questa lettera abbia suscitato tanto interesse, fino ad acquisire un prezzo così alto. In linea di massima non c’è alcun motivo per ritenere che gli scienziati (o gli artisti o i politici o altri personaggi noti per i più disparati motivi) abbiano ragioni originali per credere o per non credere, diverse da quelle dei loro simili, o che possano addirittura illuminarli in qualche modo.

In genere, chi crede lo fa perché è stato educato in tal senso da bambino e, pur cresciuto, non intende rinunciare ai rassicuranti vincoli emotivi della fede. Analogamente, chi non crede lo fa perché fin da bambino è vissuto in un contesto libero dal fideismo e di conseguenza non ne ha mai avvertito l’esigenza, oppure ha smesso di credere perché a un certo punto gli è sembrato un passo indispensabile per la propria crescita. Einstein non fece eccezione. Proveniva da una famiglia ebraica non particolarmente credente, ma ricevette elementi di educazione religiosa, sia di quella cattolica obbligatoria nelle scuole bavaresi, sia di quella ebraica impartitagli in casa da un parente. Attorno agli undici anni visse persino un periodo di fervore religioso, piuttosto breve invero: “Attraverso la lettura di libri di divulgazione scientifica — raccontò in tarda età — mi ero convinto ben presto che molte delle storie che raccontava la Bibbia non potevano essere vere. La conseguenza fu che divenni un accesissimo sostenitore del libero pensiero”. La considerò sempre un’esperienza determinante.

Eppure tutti abbiamo letto numerose affermazioni di Einstein che suonano tutt’altro che religiosamente scettiche. Si tratta in molti casi di risposte a specifiche richieste (è il caso anche della nostra lettera): Einstein nega che le sue scoperte abbiano alcunché a che fare con la religione, è sempre attento a non ferire le credenze altrui, riconosce che talvolta la fede ha ispirato buone opere e arriva persino a scorgervi dietro un’esigenza che a suo modo condivide. Va anche ricordato che mentre si affermava il nazismo si riavvicinò alla comunità ebraica, considerandola sempre il proprio popolo. Sul versante opposto se la prese contro quegli atei “fanatici” che riducevano la religione a “oppio del popolo” (ben nota espressione cara all’altro grande totalitarismo). In certi casi invece parla di Dio, fede e religione in senso scopertamente metaforico. La più nota citazione di questo tipo, presente in tutti i libri a lui dedicati, è “Dio non gioca a dadi”.

Tu credi in un Dio che gioca a dadi, e io in leggi perfette che regolano il mondo delle cose

La frase è riportata persino nel recentissimo Cambridge Companion to Einstein, ma è davvero l’unica di questo genere: negli studi specialistici non c’è posto per simile aneddotica. Comunque è ben noto che si tratta soltanto di una battuta, per di più diretta contro la meccanica quantistica, ovvero funzionale a una battaglia di retroguardia cui Einstein testardamente non rinunciò mai del tutto. A voler essere ancora più precisi, a Born scrisse: “Le nostre aspettative scientifiche sono ormai agli antipodi. Tu credi in un Dio che gioca a dadi, e io in leggi perfette che regolano il mondo delle cose esistenti come oggetti reali, e che cerco affannosamente di afferrare con metodo speculativo”. La credenza in Dio è dunque attribuita al suo antagonista e non certo rivendicata per sé. Polemizzando invece con Bohr sulla stessa questione, una volta lo accusò di atteggiarsi a “profeta” e, in altra occasione, di essere un “mistico”.

 

Spesso Einstein sembra esprimersi per aforismi piuttosto ambigui su questioni non ben definite, forse volendo anche prendersi gioco degli interlocutori, specialmente di quelli che pretendevano di difendere tesi troppo apodittiche o speravano di riceverne da lui. Non di rado però, come abbiamo appena visto, reinserite nel contesto originario, quelle frasi acquistano un significato decisamente chiaro e terreno. Ad esempio, quando disse che “il Signore è sottile, ma non malizioso”, si riferiva alla controversia sull’esistenza dell’etere. Quando invece sentenziò che “la scienza senza la religione è zoppa, la religione senza la scienza è cieca”, con “religione” alludeva solo alla fiducia “circa il significato e la grandezza di quegli obiettivi e di quei fini che trascendono la singola persona”. Il suo Dio era lo stesso di Spinoza (“il meraviglioso Spinoza”, come ribadisce anche in questa lettera).

Non parlava di un Dio rivelato, personale, creatore, trascendente

La “fede” nel quale, sia detto per inciso, stava anche alla base della sua polemica erronea contro la meccanica quantistica cui già si è fatto accenno. A scanso di equivoci, bisognerebbe anzitutto accordarsi sul significato delle parole: di certo non parlava di un Dio rivelato, personale, creatore, trascendente, provvidente, eccetera. Spinoza, suo malgrado, dai contemporanei era considerato un ateo. Einstein non amava essere incasellato né tra i credenti né tra gli atei né tra i panteisti, gli spiaceva meno l’etichetta di agnostico e fu membro di associazioni umaniste e razionaliste (come la First Humanist Society e la Union Rationaliste). Questione di gusti, ma anche questione piuttosto nominalistica.

I fideisti tuttavia non resistono alla tentazione di arruolare Einstein nelle proprie file, anche a prezzo delle mistificazioni più grossolane. A parte le bufale vere e proprie (la più diffusa vede un Einstein agostiniano umiliare un professore ateo), la via più battuta è quella di correggere Einstein usando Einstein oppure i suoi esegeti più improvvisati. Gennari arriva incredibilmente a negare le stesse parole testuali della lettera, dichiarando “Falso!” che “per Einstein tutte le religioni, a partire dalla ebraica” fossero “un insieme di leggende infantili”. Agnoli sostiene che Einstein neppure conosceva Spinoza e lo abbandonò del tutto nel 1933 quando si sarebbe avvicinato al cristianesimo.

Per Socci Einstein avrebbe addirittura formulato la prova razionale dell’esistenza di Dio. Come mai questa prova finora non abbia né trovato posto sui testi scientifici né persuaso gli stessi colleghi di Einstein, mentre appare perfettamente persuasiva solo a chi non è in grado di capirne i lavori più rilevanti, è davvero un grande mistero della fede. Si noti che la comunità scientifica è al tempo stesso quella della quale costoro accolgono fiduciosamente il giudizio a proposito della grandezza di Einstein ma della quale respingono con sufficienza il disinteresse per le proprie elucubrazioni.

Uno dei maggiori biografi di Einstein ha ironizzato sulla sua “beatificazione”

Uno dei maggiori biografi di Einstein ha ironizzato sulla sua “beatificazione” scientifica, per aver compiuto “miracoli di prima grandezza”, e sulla successiva “canonizzazione” a mezzo stampa. Ha insistito sulla nascita del suo “mito” di dimensione planetaria, sull’emergere della sua “figura carismatica, oggetto privilegiato di timore reverenziale, di venerazione e di astio”. Il tutto alimentato dalla “distanza fra l’uomo comune e l’eroe”, dal “senso di mistero che si accompagna alla sostituzione delle vecchie certezze con un nuovo ordine”, dal “suo linguaggio matematico sacrale”, dalle “stelle che hanno sempre avuto un posto nei sogni e nei miti” (e che durante l’eclissi di Sole del 1919 decretarono il suo successo).

Ha pure descritto il “singolare stato di eccitazione nel quale non conta più quello che si capisce, ma solo il fatto che ci si trova nelle immediate vicinanze di un luogo dove si verificano dei miracoli”, che mi pare il modo migliore per capire anche l’interesse per la nostra lettera: una santa reliquia da venerare piuttosto che un testo da leggere e meditare. Ma infine Einstein “soddisfa due esigenze profonde dell’uomo, quella di sapere e quella di non sapere, ma di credere”, che è proprio l’esigenza dei fideisti: avvezzi all’interpretazione guidata dalla fede, la applicano spontaneamente anche agli oracoli più improbabili. A dispetto della drastica sentenza di questi che “nessuna interpretazione, per quanto sottile, può cambiar nulla al proposito”.





Licenza Creative Commons



 

Crediti :

UAAR

Continua a leggere

Chi Siamo

Dicono di noi

5 star review  Mitici

thumb Edoardo Maria Mollica
12/23/2013

Newsletter

Sbattezzo

Anonymous #AnonOps

Facebook

I più letti