Contattaci

Bufale

Bicarbonato di sodio contro il cancro, perché la “terapia Simoncini” è una bufala

Pubblicato

il

L’ultima notizia è la condanna di Tullio Simoncini, ex medico già radiato dall’ordine professionale in Italia, a cinque anni e mezzo con l’accusa di omicidio colposo ed esercizio abusivo della professione. Nel 2012 Simoncini, operando dal suo studio a Tirana in Albania, aveva convinto un paziente oncologico 27enne di Catania a sottoporsi a un trattamento a base di bicarbonato di sodio in somministrazione endoarteriosa come unica terapia contro il cancro al cervello. Si parla di migliaia di euro di spese, a cui ha fatto seguito la morte del paziente – sottratto ad altri trattamenti più efficaci – appena due giorni dopo l’inizio della terapia.

Non si tratta certo di una vicenda nuova per la cronaca italiana (qui su Wired se ne parlava già nel 2012), ma la condanna esemplare stabilita lunedì 15 gennaio dal tribunale monocratico di Roma è l’occasione per fare il punto sull’efficacia – o meglio, sull’inutilità – di iniezioni a base di bicarbonato o di qualunque altro tipo di assunzione per combattere il cancro.

In Italia la presunta cura anti-tumorale si è fatta conoscere con il nome di terapia Simoncini, ma l’origine del trattamento è da ricercarsi in un fenomeno scientifico ben studiato e noto come effetto Warburg. Otto Heinrich Warburg, a cui si deve il nome dell’effetto, è il fisiologo tedesco che nel 1931 ha vinto il premio Nobel per la medicina e la fisiologia grazie alle sue scoperte sul metabolismo dei tumori.

Che cosa ha davvero scoperto Warburg
Attraverso i propri studi di fisiologia, lo scienziato tedesco aveva verificato che i tessuti tumorali inducono un aumento locale della produzione di energia a livello cellulare.

 

Si tratta di un meccanismo detto glicolisi, che avviene tramite consumo di glucosio e normalmente si verifica solo quando un tessuto è in carenza di ossigeno. Fanno però eccezione i tumori, in corrispondenza dei quali la glicolisi può verificarsi anche in presenza di abbondante ossigeno.

L’energia prodotta attraverso la glicolisi ha come conseguenza l’accumulo di sostanze acide (che vengono smaltite lentamente) tossiche per l’organismo. L’ambiente acido che si crea facilita l’ulteriore proliferazione del cancro, siccome tende a corrodere i tessuti sani e lascia spazio per l’ingrossamento della massa tumorale.

L’idea terapeutica
In linea di principio potrebbe non essere del tutto folle l’idea di utilizzare una sostanza molto basica, come il bicarbonato di sodio, per contrastare gli effetti della glicolisi neutralizzando le sostanze acide prodotte. In questo consiste, in estrema sintesi, la terapia Simoncini: dato che c’è un accumulo di acidi, risolviamo il problema tramite l’introduzione nel corpo di sostanze basiche. Troppo semplice per essere vero.

Le smentite scientifiche
Già a metà del secolo scorso, ben prima che Simoncini proponesse la propria terapia, le prove scientifiche raccolte a confutazione dell’ipotesi terapeutica del bicarbonato di sodio erano più che sufficienti per abbandonare la sperimentazione. Le conclusioni a cui già allora si era giunti erano principalmente due. In primo luogo, l’assunzione di una sostanza basica ha un effetto sull’intero organismo e non localizzata nell’area del tumore, dunque l’effetto di neutralizzazione delle sostanze acide è molto limitato. Di conseguenza, occorre un’enorme quantità di bicarbonato di sodio per variare in modo significativo l’acidità dei tessuti. La seconda conclusione, derivante dalla prima, è che le quantità di bicarbonato richieste sono così elevate che danneggerebbero gli organi sani.

Quest’ultimo è proprio il caso del paziente catanese morto poco dopo le somministrazioni di Simoncini: la causa della morte, come riportato da Ansa, fu una grave alcalosi metabolica, ossia un’alterazione del pH del plasma corporeo dovuto all’accumulo di sostanze molto basiche come i bicarbonati.

Tullio Simoncini

Tullio Simoncini

In epoca più recente, una volta abbandonata l’idea che un trattamento a base di [glossary_exclude]sole[/glossary_exclude] sostanze basiche potesse costituire una terapia efficace, gli studi scientifici si sono concentrati sulla possibilità che il bicarbonato di sodio possa essere d’aiuto per potenziare l’azione di altri farmaci contro il cancro. L’effetto Warburg, in particolare, limita l’effetto dei farmaci chemioterapici per alcuni specifici tipi di tumore, come quelli al seno. In questo caso l’idea potrebbe essere di far agire il bicarbonato su aree specifiche identificate grazie a strumenti diagnostici ad alta tecnologia (come certi tipi di risonanza magnetica), evitando di contaminare i tessuti sani circostanti.

Attualmente però si tratta di teorie testate in laboratorio sui topi con cancro alla mammella ma non ancora sui pazienti, e quindi anche in questo caso l’efficacia terapeutica resta tutta da dimostrare. Infatti, se da un lato il bicarbonato di sodio può rallentare la crescita tumorale e dunque inibire le metastasi, quando assunto in quantità elevate per molto tempo può causare i già citati danni irreversibili ai tessuti.

Allo stato attuale…
… non c’è alcun effetto benefico dimostrato che derivi dall’assunzione di bicarbonato di sodio come rimedio anti-tumorale. Al contrario, un abuso della sostanza può avere conseguenze serie, danneggiando gli organi sani. Questo non significa che in futuro non potranno essere messe a punto terapie in cui il bicarbonato di sodio abbia un ruolo, ma al momento non esistono protocolli clinici scientificamente validati che includano l’assunzione di questa sostanza per combattere il cancro. Le conoscenze scientifiche consolidate fanno comunque escludere che possa essere messa a punto una terapia basata sul bicarbonato di sodio, ma al più una sostanza molto basica potrebbe fungere da potenziamento all’azione di altri farmaci.

Le fantasticherie di Simoncini
L’ex-medico Tullio Simoncini ha più volte affermato che tutte le forme tumorali sarebbero di fatto dei funghi: una tesi così folle che forse non meriterebbe nemmeno di essere seriamente discussa. Per i più curiosi, sul blog Medbunker è raccolto un ampio e aggiornato approfondimento che illustra e smentisce punto per punto le tesi pseudocientifiche del sedicente guaritore di tumori. Si tratta di una lunga storia che unisce la pseudoscienza alla truffa, tanto economica quanto nei risultati scientifici falsificati, mettendo insieme fotomontaggi, complottismi e manipolazioni scientifiche.

In estrema sintesi, Simoncini sostiene che i tumori sarebbero del tutto analoghi alle infezioni provocate dalla candida. E siccome nei bambini il mughetto (un’infezione del cavo orale) si tratta con semplici applicazioni di bicarbonato, allora tutti i tumori potrebbero essere trattati con la stessa sostanza, o in alternativa con tintura di iodio. Le tesi di Simoncini non prendono esplicitamente in considerazione le questioni relative al pH, all’effetto Warburg o alla glicolisi, ma affrontano l’oncologia in generale con un approccio che non ha il minimo fondamento scientifico.

Il bicarbonato di sodio per la prevenzione tumorale
Il tema delle terapie alternative pseudoscientifiche per i trattamenti anti-tumorali è strettamente legato anche ad alcune diete molto discutibili come quella alcalina, nella quale un ingrediente fondamentale è proprio il bicarbonato di sodio. Su Wired ne abbiamo diffusamente parlato qualche mese fa, raccontando entro quali limiti la dieta alcalina coincide con una semplice dieta equilibrata (assumere frutta e verdura fa bene) e quando invece sconfina nell’antiscientifico, nella truffa e nella magia.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
1 Commento

1
Lascia una recensione

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Anonimo
Ospite

e ci sono cascati in tanti come la religione le bufale attirano

Bufale

La bufala delle calamite sul frigorifero che provocano il cancro

L’unico studio scientifico legato a questa leggenda metropolitana si è rivelato un falso, e non esiste alcun motivo per temere il campo magnetico generato da una calamita. Per i frigoriferi hi-tech, poi, la bufala è ancora meno sensata

Pubblicato

il

L’idea che una calamita appiccicata alla parte esterna del frigorifero possa esercitare un influsso sui cibi conservati all’interno, fino a farli diventare in qualche modo cancerogeni, può apparire una completa scemenza. E in effetti lo è.

Anticipiamo subito la conclusione: non esiste alcuna prova scientifica – né principio fisico o biologico – che possa giustificare una correlazione tra la presenza di magneti permanenti in prossimità degli alimenti e una loro alterazione tale da generare un rischio cancro. Al di là delle solite precauzioni ovvie (per esempio fare attenzione ai bambini piccoli, che potrebbero ingerire le calamite scambiandole per cibo vero), si possono attaccare quanti magneti si desidera al proprio frigorifero metallico senza alcuna preoccupazione.

Le origini della leggenda metropolitana
La falsa storia sulla pericolosità dei magneti da frigorifero compie proprio questa settimana otto anni, almeno nella sua versione digitale. Era infatti il luglio del 2010 quando iniziò a diffondersi a macchia d’olio, prevalentemente via email, una catena allarmistica nella quale veniva citato un fantomatico studio condotto all’università di Princeton, negli Stati Uniti.

Più recentemente, invece, la stessa catena ha ripreso a circolare tramite WhatsApp.

Secondo questa ricerca scientifica, che in realtà è essa stessa un falso, i ricercatori avrebbero condotto (sui topi) uno studio “lungo molti mesi”, in cui avrebbero somministrato a un primo gruppo il cibo conservato in un frigorifero normale, mentre il secondo gruppo sarebbe stato alimentato con il cibo contenuto in un frigorifero decorato con calamite colorate.

Il risultato? I ricercatori (che, ribadiamo, non esistono) avrebbero concluso che nutrirsi con cibo tenuto in prossimità dei magneti aumenta dell’87% la probabilità di sviluppare il cancro. La ricerca sarebbe, si legge, “uno studio clinico rigoroso”, condotto per capire “come la radiazione elettromagnetica irradia il cibo”.

Perché è una bufala
Di motivi se ne potrebbero citare tanti. Anzitutto lo studio menzionato non esiste, né nell’intera letteratura scientifica mondiale si trovano studi che giungano a conclusioni analoghe o simili. In secondo luogo, i portavoce della stessa università di Princeton, contattati da Hoax Slayer, hanno negato il coinvolgimento dell’ateneo in studi di questo genere e hanno espresso preoccupazione per la circolazione di una simile tesi allarmistica senza fondamento.

In aggiunta, la catena menzognera contiene evidenti errori scientifici, attribuendo alle calamite la generazione di un campo elettromagnetico (quando in realtà si tratta di un campo magnetico statico, come accade per tutti i magneti permanenti) e saltando a pie’ pari diversi passaggi logici tutt’altro che assodati. Tra questi, il fatto che eventuali effetti irradiativi sul cibo si trasmettano a chi lo ingerisce, l’analogia tra la reazione nei topi e negli esseri umani, oltre che l’effettiva intensità del campo magneticogenerato dalle calamite e propagato all’interno del frigorifero.

Già quest’ultima questione, da sola, sarebbe sufficiente a far crollare tutto il castello di sabbia degli allarmismi. I magneti da frigorifero sono di solito delle calamite ben poco potenti e il campo magnetico che generano non penetra in modo apprezzabile nella cavità dove sono contenuti gli alimenti, o comunque ha un’intensità del tutto trascurabile rispetto ad altre fonti di campi magnetici (o elettromagnetici). Quindi il campo magnetico delle calamite non solo è innocuo, ma è anche di fatto assente sulle scaffalature dove c’è il cibo.

Come mai la storia sta diventando via via più folle
Con il passare degli anni, emerge sempre più chiaramente l’assurdità della leggenda metropolitana. I frigoriferi di costruzione più recente, infatti, contengono numerose altre sorgenti di campi magnetici ed elettromagnetici, a iniziare dal motore alimentato elettricamente e senza dimenticare che ormai molti modelli sono dotati di un sistema magnetico di chiusura che garantisce una corretta sigillatura della camera refrigerata. Perché ci dovremmo preoccupare della calamite all’esterno e non delle fonti interne? Come mai gli “studi rigorosi” se ne sono del tutto dimenticati?

Già da tempo nei veri laboratori di ricerca, e recentemente anche in quelli di sviluppo industriale, sono allo studio sistemi di refrigerazione che raffreddano proprio sfruttando le proprietà dei campi magnetici. Nessuno, finora, ha mai sollevato perplessità legate alla sicurezza sanitaria di tali sistemi. E se è vero che il tema dell’effetto dei campi elettromagnetici sulla salute umana è un capitolo tutt’altro che chiuso, il dibattito scientifico verte semmai sull’esposizione diretta di una persona a un simile campo, non sulla trasmissione di questi eventuali effetti negativi attraverso il cibo ingerito.

Qualche esempio di rischio più concreto sui magneti da frigo
Oltre al già citato pericolo di ingestione accidentale da parte dei bambini, un altro elemento a cui fare attenzione è l’interazione tra magneti da frigorifero e pacemaker. Alcuni magneti – soprattutto al neodimio – possono interferire con il funzionamento del dispositivo, e dunque è sconsigliabile per un portatore di pacemaker avvicinarsi a uno sportello del frigorifero decorato con calamite se non se ne conoscono le caratteristiche di fabbricazione.

Infine, trattandosi di oggetti che vengono tipicamente tenuti in cucina, potrebbe essere opportuno fare un controllo sulle certificazioni delle calamite prima di appiccicarle al frigorifero. Non per il campo magnetico in sé, ma per i materiali di costruzione e le caratteristiche di lavorazione. Un prodotto contraffatto, ad esempio, potrebbe rilasciare sostanze non particolarmente desiderabili.

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 
Crediti :

Wired

Continua a leggere

Bufale

La bufala degli incidenti con auto fantasma

Ennesima bufala che sta girando per il Web. Divenuta virale a causa dei soliti ( tanti ) creduloni

Pubblicato

il

Un video, proprio in questi giorni, è divenuto virale, mostra delle automobili che si schiantano contro  auto fantasma o muri invisibili.

 

Prima di tutto vediamo il video:

 

 

Quello che si può subito notare è che gli incidenti avvengono in  sedi stradali praticamente vuole. Le riprese si interrompono subito dopo l’incidente senza mostrare le reazioni successive degli autisti coinvolti, dei passeggeri, dei passanti ecc.

 

Al minuto 00:15 il conducente prosegue la sua corsa senza mostrare alcuna reazione, fermandosi semplicemente  nei pressi delle striscie pedonali.

Al minuto 00:26 un gruppo di automobilisti non mostra alcuna reazione. E’ evidente che l’auto  “incidentata” è stata inserita in un tempo successivo, in fase di montaggio video.

Al minuto 00:36 addirittura  chi è dietro alla telecamera attende l’incidente ed allarga il quadro seguendo l’auto. Preveggenza?

Ma che sia davvero un fake, una bufala colossale, lo si evince al minuto 00:41 , ci sono due pedoni che discutono (indicati dalla freccia rossa) , si verifica l’incidente e nemmeno si girano, nemmeno hanno un sobbalzo, anzi, si salutano e tirano dritto per le loro strade.

Il videomontaggio non è certo da Oscar ma con un po’ di studio grafico, le persone che lo hanno assemblato potrebbero anche trovare  lavoro  nel cinema “fai da te” o in qualche miniserie.

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Continua a leggere

Bufale

Come si sconfiggono le fake news?

Una ricerca del Parlamento Europeo fa il punto sulla disinformazione online. La soluzione? Passa dalla cultura

Pubblicato

il

È passato un anno e mezzo dalla vittoria di Donald Trump, ma quale sia stato il ruolo giocato dalle fake news nell’elezione di uno dei più improbabili presidenti degli Stati Uniti (o nella vittoria della Brexit, per fare un altro esempio) è ancora un tema ampiamente dibattuto.

“Un recente studio ha sottoposto a un campione di elettori americani una serie di notizie attendibili e di bufale, chiedendo in quanti le ricordassero e se all’epoca le avessero ritenute vere”, si legge in un recente papercommissionato dal Parlamento Europeo per fare il punto sulla disinformazione online. “Nel caso di notizie da prima pagina attendibili, il 70% del campione ricordava di averle viste e il 60% di averle ritenute attendibili. Solo il 15% ricordava invece di aver visto le notizie false e l’8% di averci creduto. Una percentuale simile alle notizie placebo che sono state ideate appositamente per il test”.

Di conseguenza, “l’impatto delle fake news sulle elezioni potrebbe essere molto inferiore a quanto temuto”, conclude il paper.

Ma è proprio così? Parecchi altri studi – tra cui uno appena condotto dalla Ohio State University – hanno invece confermato quanto la disinformazione potrebbe aver aiutato Donald Trump a conquistare la Casa Bianca; mentre altre ricerche hanno messo in collegamento il fenomeno fake news, inestricabilmente legato ai social network, alla diffusione del populismo in Europa (Italia compresa).

Ovviamente, sarebbe ingenuo pensare che la trasformazione politica in corso in Occidente sia causata dalle bufale.

Allo stesso tempo, è rischioso sottostimare i pericoli che si nascondono dietro a fake news che riescono a circolare con una velocità molto maggiore(anche sei volte superiore) rispetto alle notizie attendibili o ai video complottisti presenti su piattaforme come YouTube che – come è stato dimostrato – possono far entrare alcuni utenti in un turbine infinito di contenuti sempre più estremi e complottisti.

Ma che cos’è una fake news? Secondo Ziga Turk, docente all’Università di Lubiana e autore della ricerca del Parlamento Europeo, sotto questa etichetta si possono riportare “tutte le forme di informazioni false, inaccurate e fuorvianti che vengono create e promosse con lo scopo di fare profitti o causare intenzionalmente un danno pubblico”.

Le due motivazioni sono molto diverse: nel caso economico (probabilmente quello più antico), chi ospita fake news sul proprio sito lo fa sapendo che queste possono ottenere un’enorme circolazione sui social; garantendo ottimi introiti pubblicitari ai siti che le ospitano (considerando anche l’investimento minimo necessario a crearle). Niente di più facile che inventare bufale sugli immigrati che vogliono trasformare il colosseo in un luogo di culto islamico, per fare solo un esempio, per infiammare un certo tipo di utenza e garantirsi una vasta circolazione (e quindi un ritorno economico).

Col tempo, quello che probabilmente è nato come un metodo veloce per fare soldi su internet (Paul Horner, il defunto “re delle fake news”, dichiarava di guadagnare oltre diecimila dollari al mese), si è trasformato in una vera e propria arma politica; utilizzata sia da pagine Facebook artigianali, sia da veri e propri eserciti di professionisti (com’è il caso dei famosi troll russiassoldati allo scopo di destabilizzare le democrazie occidentali). Le bufale, ovviamente, non sono nate oggi (basti pensare al Protocollo dei Savi di Sion o al falso editto di Costantino); ma – come si spiega nella ricerca – la struttura stessa del web ha consentito che potessero circolare con una facilità estremamente superiore.

“Nella struttura tradizionale delle news, un professionista crea un contenuto. Questo viene poi controllato dai redattori che lavorano nei media. Il contenuto che possiede le qualità richieste, viene infine pubblicato”.

In questo processo, quindi, ci sono dei filtri di controllo che offrono una certa garanzia su qualità e veridicità. Sul web, invece, “chiunque può creare un contenuto: gli autori possono o meno fare le proprie verifiche e controlli di qualità; mentre internet fornisce una vasta gamma di servizi per la pubblicazione e diffusione in autonomia”.

Dalle bufale della alt-right diffuse su Reddit, ai siti di controinformazione cospirazionista come InfoWars; fino ai meme riportanti notizie incontrollate (come quella della “cugina di Renzi portaborse al Senato”) che circolano su Facebook e Twitter, “non c’è un solo punto in cui il contenuto scambiato possa essere controllato e verificato prima della diffusione”, scrive Ziga Turk. Questa posizione rischia però di sottostimare quanto ormai le bufale riescano a diffondersi anche sui quotidiani più istituzionali, e quanto alcuni siti di controinformazione possano invece essere portatori di contenuti di qualità.

Ma, allora, come si combattono le fake news? Il tema è estremamente delicato: “La libertà d’espressione è una pietra angolare della democrazia, e coloro che hanno in mano il potere non dovrebbe abusarne per favorire un versante del dibattito pubblico” si sottolinea nel paper, facendo piazza pulita delle proposte di istituire qualcosa di simile a un ministero della Verità (guidato dai governi o appaltato agli stessi social network) deputato a

decidere cosa sia una fake news (soprattutto considerando quanto ciò sarebbe rischioso nei paesi meno democratici).

Allo stesso tempo, l’attenzione del paper nei confronti della libertà d’espressione rischia di essere fuorviante: una fake news non è un’opinione estrema, radicale o scomoda; ma una notizia falsa creata in malafede. E in quanto tale, verificabile. Una delle fake news più importanti degli ultimi tempi è, ovviamente, quella del Pizzagate: la bufala secondo cui in una pizzeria di Washington si nascondeva un giro di pedofilia a uso e consumo delle élite del Partito Democratico (compresi i coniugi Clinton). Una fake news in tutto e per tutto – nata su 4Chan e poi arrivata fino al già citato InfoWars – che ha spinto un 28enne a entrare nel locale armato di fucile.

Bloccare la circolazione di una bufala di questo tipo difficilmente si sarebbe potuta considerare una forma di censura; ma chi dovrebbe essere deputato a farlo? “Il problema di tutti i metodi che interferiscono deliberatamente con l’informazione cui un utente può accedere è che le persone potrebbero non volere che qualcun altro scelga e filtri le notizie per loro”, si legge sempre sul report. “Si potrebbe facilmente pensare che questo venga fatto a scopi politici o ideologici. Se le piattaforme fossero libere di agire in questo modo, inoltre, si darebbe loro un potere spropositato sulla pubblica opinione”.

Ed è qui che entra in gioco quella che, a oggi, sembra essere la soluzione meno controversa per arginare la diffusione delle fake news: “Una tecnica per ridurre il propagarsi delle bufale è l’etichettatura”, scrive Turk. In questo caso, invece di censurare, “Facebook (o altre piattaforme) aggiungono informazioni sulla credibilità di una storia e avvertono l’utente prima che decida di condividerla”Non solo Facebook, ma anche YouTube e altri stanno iniziando ad appoggiarsi con sempre maggiore frequenza alle tante realtà specializzate in fact-checking (tra cui Snopes o FactCheck.org); a cui vengono inviati i contenuti che gli algoritmi della piattaforma ritengono sospetti in modo da verificarne la veridicità.

Non si tratta di incollare l’adesivo di fake news su alcune informazioni (strategia, tentata da Facebook, che si è rivelata un boomerang: trasformando quell’etichetta in una sorta di medaglia al merito); ma di fornire informazioni aggiuntive che forniscano agli utenti un quadro più completo. Ma sarà sufficiente questo per sconfiggere bufale e teorie del complotto?

Probabilmente, no. “Ci sono però anche modi non tecnici per fermare le fake news, o almeno per evitare che le persone ci credano”, conclude la ricerca del Parlamento Europeo. “È chiamato buon senso e alfabetizzazione mediatica. I cittadini devono diventare consapevoli che internet è un ambiente molto diverso dalla televisione e dai giornali. Non ci sono redattori e non ci sono controllori. Gli utenti devono essere vigili e attenti per non cascare in nessuna delle fake news che circolano. Su internet, ogni giorno è il primo di aprile. Ogni giorno, bisogna consumare i contenuti criticamente”. Più di censura, algoritmi e fact-checking, insomma, può fare la cultura.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Newsletter

Bufale

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...