Contattaci

Pubblicato

il

BOLOGNA – Uno scenario apocalittico. E un bilancio drammatico: un morto e poco meno di un centinaio feriti – 70 ne conta la Prefettura, molti di più quelli, anche lievi, accolti e medicati negli ospedali – ma nessuno in pericolo di vita. L’inferno si è scatenato a Bologna, nel primo lunedì di agosto già reso rovente dalla calura, sul raccordo autostradale che lambisce la città poco prima delle due del pomeriggio a seguito di un tamponamento tra un’autocisterna di Gpl e un camion. Poi l’esplosione, le fiamme, una colonna di fuoco e di fumo nero. E il ponte della tangenziale, che corre parallela ai lati dell’autostrada, che crolla a metà. E ancora esplosioni, di decine di auto di due concessionarie raggiunte dall’incendio, case danneggiate e vetrine di ristoranti e negozi andate in frantumi. Il traffico in tilt, la paura della gente che si è riversata in strada, gli appartamenti vicini al luogo dell’incidente – nella prima periferia – evacuati. Un quartiere popolare, quello di Borgo Panigale noto nel mondo perché è la casa della Ducati, devastato.

Una seconda vittima era stata comunicata nelle ore successive all’incidente al Centro coordinamento soccorsi gestito dalla Prefettura per un equivoco probabilmente causato dalla difficoltà di riconoscere i resti. Il deceduto, 42 anni, è il conducente dell’autocisterna. Fra i feriti anche undici carabinieri e due poliziotti della stradale che stavano dirigendo il traffico subito dopo l’incidente stradale, prima dell’esplosione.

Cosa è successo? Un Tir, che trasportava nell’autocisterna materiale infiammabile, ha tamponato un camion che lo precedeva sul raccordo autostradale, all’altezza di Borgo Panigale. I due mezzi si sono immediatamente incendiati e sono esplosi dopo qualche minuto. E dà lì si è scatenato l’inferno. Metà ponte della tangenziale è crollato, con la carcassa di uno dei mezzi pesanti rimasta appesa al moncone del ponte. Sono esplose a catena le auto di due concessionarie della Fiat e Peugeot che si trovano fra la via Emilia e via Caduti di Amola, sotto il ponte.

Tanti gli scoppi avvertiti a più riprese: i mezzi nel parcheggio dei due saloni dell’auto che sono esplosi, vetrine andate in frantumi. Si è alzata una colonna di fiamme e fumo nero enorme visibile da tutta la città. Polizia, vigili del fuoco e ambulanze sono accorse sul posto, la macchina dei soccorsi è stata imponente. Il Comune ha lanciato l’appello: “Usate le auto solo se necessario” nella zona. Il traffico è rimasto paralizzato per ore, la gente si è riversata in strada.

 

 

 

Le prime testimonianze raccontano l’inferno. “Ho ancora l’auto sotto il cavalcavia, aspetto di capire se e quando la potrò riprendere. Mi trovavo qui per lavoro, ero al ristorante ‘Il randagio’ quando, a un certo punto abbiamo sentito uno scoppio violentissimo: ho pensato ad un attentato”, il racconto di Marco Rosadini, di Arezzo. “Con la deflagrazione il tetto di vetro del ristorante ha iniziato a crollare: le persone hanno iniziato a scappare. Eravamo seduti, a un certo punto si è sentito un boato fortissimo ed ha cominciato a venire giù tutto. Ho guardato fuori e mi è sembrata di vedere tutta una parete di fiamme. Ci sono stati 7-8 minuti di scoppi: non ho davvero pensato a un incidente, avevo pensato ad un attentato”.

La paura e i danni. L’onda d’urto causata dalla scoppio del Tir ha provocato danni nelle abitazioni vicine facendo scoppiare i vetri delle finestre di appartamenti e uffici e le vetrine dei negozi. Molta paura, i residenti sono stati evacuati. Detriti e schegge di vetro hanno causato feriti. Lo spegnimento delle fiamme è stato reso difficile dall’elevatissimo calore che ha reso complicato avvicinarsi. L’elicottero dei vigili del fuoco ha preso l’acqua dal fiume Reno per spegnere le fiamme. “L’esplosione ha determinato il crollo della soletta del tratto sovrappassante in via Elio Bragaglia e non ha coinvolto quindi direttamente la via Emilia, che dista circa 100 metri dall’evento, chiusa per consentire l’organizzazione dei soccorsi e le verifiche ai fabbricati investiti dai detriti”, scrive in una nota la società Autostrade.

I feriti. A fine giornata i sanitari contano circa un centinaio di feriti, nessuno in pericolo di vita. A fare il punto della situazione è Vincenzo Bua, direttore del pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Bologna. “Sono quasi tutti ustionati, qualcuno anche con traumi e ferite dovuti allo scoppio, in seguito a cadute o a schegge di vetro” volate nell’esplosione. La maggior parte però presentavano ustioni di primo, secondo e terzo grado. Una settantina le persone ricoverate al Maggiore, una ventina quelli trasportati al policlinico Sant’Orsola e quattro al Rizzoli. Altri feriti sono arrivati con mezzi propri agli ospedali di Bazzano e San Giovanni in Persiceto. I casi meno gravi sono stati poi spostati negli ospedali della provincia e alcuni sono già stati dimessi, mentre i quattro ustionati con lesioni più critiche sono stati inviati ai centri specializzati di Parma e Cesena.

 

 

 

Chiusa A14 e tangenziale: ecco dove passare. Immediatamente è stata chiusa l’autostrada A14 sul raccordo di Casalecchio, tra Bologna Casalecchio e il bivio con la Bologna-Taranto in entrambe le direzioni. Per lo stesso motivo è stato chiuso il tratto sulla tangenziale, tra Bologna Casalecchio e lo svincolo 3 in entrambe le direzioni. Per chi da Firenze è diretto verso Ancona o Padova la società Autostrada consiglia di uscire a Bologna Casalecchio, seguire l’asse attrezzato per Bologna, e rientrare in tangenziale in corrispondenza all’entrata n.4. Agli utenti che da Padova e Ancona sono diretti verso Firenze si consiglia di uscire a Bologna Borgo Panigale, con rientro in Tangenziale dall’entrata numero 2

L’inchiesta della Procura per disastro colposo. La zona è stata isolata per favorire i soccorsi, ma anche per il timore di ulteriori crolli. Solo dopo oltre due ore l’incendio è stato domato. Sono rimasti a lavoro soprattutto le unità cinofile e gli operatori Usar, ovvero i soccorritori che si occupano di ricerca e salvataggio in ambienti urbani. L’obiettivo era capire se c’erano altre vittime: in serata hanno accertato che non c’erano altre persone coinvolte. Intanto in Prefettura si è tenuto un vertice operativo per gestire la viabilità del nodo bolognese e la sua transitabilità. La Procura ha aperto un’inchiesta per disastro colposo e per omicidio colposo. Sul posto questo pomeriggio si è recato anche il procuratore capo di Bologna, Giuseppe Amato.

I soccorsi. Sul posto, per la Regione Emilia-Romagna, sono accorse lavicepresidente Elisabetta Gualmini, che sostituisce il presidente Stefano Bonaccini in questi giorni all’estero, e l’assessora alla Protezione civile, Paola Gazzolo, che ha contattato il capo dipartimento della Protezione civile nazionale Angelo Borrelli, il quale ha seguito costantemente l’evolversi della situazione. “Per domare l’incendio – fa sapere la Regione – è stato utilizzato un elicottero dei Vigili del fuoco abitualmente impiegato per gli incendi boschivi, mentre i volontari della Protezione civile sono scesi in campo per fornire bottiglie d’acqua alle persone in strada perché costrette a lasciare la propria abitazione”.

Le reazioni: il premier Conte a Cesena. “A Bologna e a Foggia, dove oggi si sono verificati due gravissimi e mortali incidenti, porterò la vicinanza di tutto il governo ai feriti e ai familiari delle vittime” annuncia il premier Giuseppe Conte. Il riferimento è anche all’incidente di Foggia, con 12 morti. “Un grazie alle forze dell’ordine, ai vigili del fuoco, ai soccorritori e ai responsabili degli enti locali e regionali e della protezione civile con i quali sono stato costantemente in contatto per tutta la giornata”. Conte domani sarà all’ospedale di Cesena dove è ricoverato un ferito rimasto gravemente ustionato; poi si potrebbe spostare nel capoluogo per una visita all’ospedale dove ci sono altri feriti. Solidarietà  ai famigliari delle vittime è stata espressa anche dal presidente della Camera Roberto Fico e dalla presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati.

 

 

L’Aula del Senato ha osservato un minuto di silenzio per le vittime dell’incendio di Bologna.”Un pensiero alle vittime e ai feriti della terribile esplosione di Borgo Panigale e un grazie di cuore ai 100 vigili del fuoco prontamente intervenuti sul posto”, scrive su Facebook il ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini. Il ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli sta seguendo tutti i passaggi. “Naturalmente solidarietà massima ai parenti delle vittime – dichiara – Contemporaneamente stiamo cercando di garantire una circolazione sufficiente e accettabile in un tratto così importante di traffico”. “Quello che noi possiamo assicurare come governo è di agire subito” e “rispondere alle informative urgenti proposte da alcuni senatori”, assicura il vicepremier Luigi Di Maio in aula al Senato in merito agli incidenti di Bologna e Foggia.

Dopo avere espresso la vicinanza “di tutto il governo” alle vittime e ai loro familiari e ringraziato le forze dell’ordine per i soccorsi, Di Maio ha sottolineato che si tratta di “due tragedie che ci interrogano su tanti temi, la sicurezza stradale, il caporalato e tanto altro, su cui agiremo tempestivamente”. Il pensiero ad entrambi gli incidenti a Bologna e Foggia, alle vittime e ai soccorritori, è anche del segretario Pd Maurizio Martina che incalza: “Occorre accertare presto la dinamica dei fatti”. I sottosegretari alla Cultura e Turismo, Lucia Borgonzoni, e alla Giustizia Jacopo Morrone, si recheranno domani mattina sul luogo dell’incidente e a visitare i feriti ricoverati a Bologna. Di una “tragedia sconvolgente” parla l’assessore regionale ai trasporti Raffaele Donini, rientrato con urgenza dalle ferie. “Ora la priorità – scrive- è svolgere le operazioni di soccorso”.

 



Licenza Creative Commons




 

Crediti :

la Repubblica

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ITALIA

Il bilancio aggiornato: +2339 malati, altri 766 decessi. Il picco non è passato

Sono 1.455, ieri l’incremento si era fermato a 1.292 casi, 351 i morti nelle ultime 24 ore. L’assessore di Regione Lombardia: “Si è arrestata la crescita, gli ospedali iniziano a respirare”

Pubblicato

il

Sono 1.455 le persone risultate positive al coronavirus in Lombardia nelle ultime 24 ore. Lo ha reso noto l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, nel corso dell’aggiornamento quotidiano sull’emergenza Covid-19. Ieri l’incremento era stato di 1.292 casi, “ma abbiamo processato molti più tamponi rispetto a ieri”, ha sottolineato Gallera. Sono invece 351 i pazienti affetti dal virus che nelle ultime 24 ore hanno perso la vita, nel giorno precedente i decessi erano stati 357. Dall’inizio dell’emergenza i morti sono 8.311.
Coronavirus in Lombardia, meno ingressi nei pronto soccorso
In Lombardia le persone ricoverate per coronavirus sono 40 in più rispetto a ieri (in totale sono 11.802) trenta delle quali in terapia intensiva (complessivamente sono 1.381). I pazienti dimessi nelle ultime 24 ore sono 791 (13.020 in totale). I numeri in Lombardia sono “confortanti, si è arrestata la crescita e siamo in una fase di stabilizzazione che tende a ridursi”, ha commentato Gallera. “Tra i pronto soccorso c’è chi ha avuto una riduzione molto significativa, chi lieve, ma è costante. I nostri ospedali stanno iniziando a respirare” e “i dati evidenziano che il nostro sforzo sta producendo risultati”.

Coronavirus in Lombardia, i nuovi contagi nelle province
In provincia di Milano l’incremento dei contagiati è di 387 casi nelle ultime 24 ore, nel giorno precendente erano stati 482. A Brescia la crescita dei positivi, nelle ultime 24 ore, è stata di 257 persone, a Bergamo di 144, a Cremona di 123. Sono 141 i nuovi contagiati nella provincia di Monza e Brianza, 102 a Mantova, 46 a Pavia, 83 a Varese, 42 a Lecco, 51 a Como, 25 a Lodi 25 e infine 20 a Sondrio.
Coronavirus in Lombardia, nuovi laboratori al lavoro per i test
Oggi la Lombardia ha processato 6.765 tamponi, portando il totale a oltre 135 mila. Da domani saliranno a 31 i laboratori lombardi in grado di processare i tamponi per l’emergenza coronavirus. In questo modo, ha detto l’assessore Gallera, “possiamo processare circa 10 mila tamponi al giorno, ma c’è un problema di reagenti e il numero è comunque limitato rispetto alle necessità. Quindi la strada dei test sierologici è importante e la stiamo perseguendo”



Licenza Creative Commons




Crediti :

Repubblica

Continua a leggere

ITALIA

Come e quando l’Italia potrebbe uscire dalla quarantena, per quanto ne sappiamo oggi

I dati dei contagi portano a immaginare la fine del lockdown: esperti e statistici al momento parlano di fine maggio-inizio giugno, e il governo si prepara a una ripresa graduale delle attività

Pubblicato

il

Secondo gli ultimi dati forniti dalla Protezione civile, il numero delle persone che in Italia ha contratto il coronavirus, comprese vittime e guariti, ha superato i 100mila casi, raggiungendo quota 101.739. C’è però una netta flessione nel numero dei contagi. Se questo possa essere l’inizio di un percorso che porterà l’Italia fuori dalla crisi sanitaria è troppo presto per dirlo. Il governo, infatti, prorogherà la durata della quarantena fino a metà aprile e, in caso di statistiche favorevoli, si prepara a una possibile graduale riapertura a inizio di maggio.

È prematuro ancora fare previsioni rispetto ai tempi in cui tutte le attività produttive e le attività commerciali potranno ripartire” – ha spiegato il premier Giuseppe Conte, riferendo in parlamento – “ma ci auguriamo di poter tornare quanto prima alla normalità”. Ma quando potrebbe essere verosimilmente possibile tornare alla normalità?

Lo studio dell’istituto Einaudi

L’Einaudi Institute for Economics and Finance (Eief), centro di studi universitari sostenuto dalla Banca d’Italia, ha avviato nei giorni scorsi un lavoro di ricerca basandosi sui dati dati forniti da Protezione civile, regioni e governo riguardo i numeri di contagiati, guariti e deceduti. Incrociando i dati ottenuti e utilizzando modelli matematici, gli economisti dell’Istituto hanno tracciato un grafico che riassume le variazione statistiche dell’epidemia, riuscendo a stimare un periodo in cui i nuovi contagi potrebbero raggiungere lo zero. Verosimilmente, stando ai risultati del lavoro condotto da Franco Peracchi – ordinario di econometria in congedo dall’Università di Tor Vergata – le nuove diagnosi di Covid-19 si azzererebbero intorno al 16 maggio in sedici delle venti regioni italiane. Le regioni che mancano all’appello sono Marche, Molise, Sardegna e Campania. Sono le uniche, in questo momento, che secondo Peracchi non hanno mostrato alcun segno di miglioramento: la curva dei contagi non s’è mai invertita (anzi in Campania, in un solo giorno, i casi sono quasi triplicati: da 80 a quasi 190).

Stime che, comunque, vanno lette con grande cautela perché il modo in cui i dati vengono raccolti cambia da regione a regione, non essendoci un metodo unitario, e come evidenzia il professor Parecchi, sulle pagine del Corriere della Sera“il numero dei casi in questo momento non è pari al numero degli abitanti del paese attualmente infettati, ma solo a quello di coloro che sono risultati positivi al test. La quantità di persone attualmente infettate è probabilmente maggiore di un ordine di grandezza”.

Il parere degli esperti

Il comitato scientifico continua a lavorare e a coadiuvare il governo nella gestione dell’emergenza sanitaria. Inoltre il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, ha dichiarato che il team di ricercatori che studia il coronavirus ha avviato ricerche sulla sieroprevalenza per identificare chi è immunizzato dalla malattia perché l’ha già presa, magari senza accorgersene. Studi che potrebbero aiutare, ovviamente, anche ad avere una stima su quando i contagi potrebbero diminuire. Ma non ci sono ancora certezze e, fino a quando le ricerche non saranno concluse, le istituzioni sanitarie manterranno il più stretto riserbo sul tema.

Altro esempio di previsioni della comunità scientifica sono le parole di Massimo Galli, primario del reparto di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano. Rilasciando un’intervista a TV2000 il 20 marzo, ha dichiarato: “La mia speranza è che di questo virus ci si possa liberare in non più di tre mesi dal momento dell’applicazione di determinate regole (quelle introdotte con il decreto del 8 marzo)”. Quindi il limite massimo posto da Galli, è quello d’inizio giugno – giorno più, giorno meno. Le previsioni del virologo, secondo quanto lui stesso dice, si basano su quanto avvenuto a Wuhan, in Cina. Le misure anti contagio introdotte nella regione cinese risalgono a metà gennaio circa, mentre il primo giorno senza contagi è stato registrato intorno al 19 marzo. Si tratta all’incirca di due mesi, ai quali bisogna aggiungere altri 14 giorni in cui il governo sta gradualmente le misure restrittive più severe.

I prossimi provvedimenti del governo

“Bisognerà immaginare la riapertura del paese con gradualità, valutando le singole tipologie di attività e facendo in modo che le aziende possano organizzarsi anche da un punto di vista di precauzioni sanitarie e di procedure di distanziamento”, ha spiegato il virologo Fabrizio Pregliasco. E infatti tra le ipotesi al vaglio del governo, non appena la curva dei contagi permetterà di farlo, c’è quella di aprire immediatamente imprese o attività produttive dove potrà essere garantito il distanziamento sociale. Quindi bar, ristoranti, cinema, musei saranno gli ultimi a poter beneficiare della fine della quarantena. Lo stesso principio si applicherà anche alla popolazione: non tutte le fasce d’età hanno lo stesso rischio di contagio. Secondo l’ultimo report dell’Iss i dati sulla mortalità iniziano a salire in maniera significativa – oltre il 30% – dopo i 50 anni. Per questo motivo, le fasce di popolazione più anziane o fragili saranno le ultime ad abbandonare le misure di isolamento sociale.



Licenza Creative Commons




Crediti :

WIRED

Continua a leggere

ITALIA

Nuova autocertificazione 26 marzo, scaricala da qui

Le nuove misure restrittive varate con il decreto del 22 marzo del presidente del Consiglio Giuseppe Conte hanno imposto un aggiornamento dell’autodichiarazione da mostrare quando si esce di casa. È entrato in vigore infatti il nuovo modulo e siamo alla terza versione dall’inizio dell’emergenza da coronavirus.

Pubblicato

il

Rispetto alla versione precedente ci sono delle aggiunte ulteriori: il cittadino, oltre a dichiarare di non essere sottoposto alla misura della quarantena e di non essere risultato positivo al Covid-19, deve indicare l’indirizzo da cui è iniziato lo spostamento e il luogo di destinazione e specificare residenza e domicilio. Nel modulo scompare la voce spostamento consentito per “rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”: i trasferimenti in un comune diverso sono consentiti solo per “assoluta urgenza”. Il Dpcm del 22 marzo vieta infatti gli spostamenti da un comune all’altro abolendo la possibilità, contenuta appunto nel decreto precedente, del rientro nel luogo di domicilio, abitazione o residenza.

Rispetto al modello di autocertificazione precedente (la cui ultima modifica risale al 17 marzo) restano inalterati i motivi che consentono lo spostamento all’interno dello stesso comune: le “comprovate esigenze lavorative”, i “motivi di salute” e la “situazione di necessità”. Il cittadino deve inoltre dichiarare, come nella versione precedente, di essere a conoscenza delle nuove misure per contrastare il contagio, delle sanzioni previste in caso di inottemperanza delle disposizioni e di non essere sottoposto alla misura della quarantena e di non essere risultato positivo al Covid-19. Ad esempio, rientra negli spostamenti per comprovate esigenze lavorative, il tragitto (anche pendolare) effettuato dal lavoratore dal proprio luogo di residenza, dimora e abitazione al luogo di lavoro. Rientrano nelle esigenze di assoluta urgenza, anche i casi in cui l’interessato si rechi nelle grandi infrastrutture del sistema dei trasporti (aeroporti, porti e stazione ferroviari) per trasferire propri congiunti alla propria abitazione.

Dove trovare il nuovo modulo

 

cliccando l’icona qua di seguito:

 

 

Il nuovo decreto introduce ulteriori misure di contenimento dell’epidemia che interessano anche le attività produttive e commerciali. In particolare, viene fatta distinzione tra attività sospese, attività che proseguono, e attività che per proseguire necessitano di effettuare una comunicazione o presentare una istanza di autorizzazione al Prefetto territorialmente competente in base a dove si trova la stessa attività. Per semplificare e velocizzare la corrispondenza tra imprese e Prefettura, sono stati messi a disposizione dei modelli che contengono le informazioni essenziali di cui necessita la Prefettura per la verifica delle comunicazioni e per l’istruttoria delle istanze di autorizzazione, a seconda del tipo di attività che si intende proseguire. I modelli, che devono essere compilati dal legale rappresentante dell’azienda, dovranno essere spediti esclusivamente via pec all’indirizzo protocollo.prefud@pec.interno.it con un oggetto differente a seconda si tratti di comunicazioni o richieste di autorizzazioni.



Licenza Creative Commons




Continua a leggere

Chi Siamo

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

I casi salgono a 1.213.927, i guariti 252.391 [...]

Francesco ai giovani, "guardate ai veri eroi di questi giorni" [...]

Trovate tracce liquido infiammabile [...]

Ha perso equilibrio dopo essere salito su tavolino per disegnare [...]

Mascherine e altro materiale per 40 tnl grazie a accordo Regione [...]

Sottosegretario,appelli inascoltati, Zaia, denunci in Procura [...]

Incremento di oltre mille persone rispetto a venerdì [...]

In Lombardia l'obbligo delle mascherine. Oltre 65mila i morti nel mondo [...]

Iniziativa di un parroco della provincia di Bari [...]

"Momento per ridare solidarietà ricevuta" [...]

Fu a capo del Consiglio nazionale di transizione nel 2011 [...]

Testimoni: 'Si lamentava della situazione' [...]

Devono essere operate. Autorità annunciano diversi arresti [...]

I casi salgono a 1.213.927, i guariti 252.391 [...]

Erano in contatto con il pluriomicida Abdallah Ahmed-Osman [...]

Fra i temi anche stipendi, non si è sbloccata trattativa con Aic [...]

'Non conosciam confine,ma rispettiamo quello delle mura di casa' [...]

I tre giocatori viola sono stato sottoposti a nuovi test [...]

Ex n.1 Spagna: Così' cominciamo adattamento a Qatar 22 [...]

Argentina molto simile all'Italia. Si vive di passioni [...]

Archivio

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

 

 

 

 

 

I più letti