Contattaci

ITALIA

Coronavirus, Burioni alla carica contro la Regione Toscana: sottovaluta il rischio

Botta e risposta infuocato tra la Regione Toscana e il dottor Roberto Burioni. L’eminente virologo di fama internazionale ha più volte e in più sedi chiesto che le istituzioni non sottovalutino il pericolo di diffusione del Coronavirus e molte perplessità ha espresso sulla quarantena volontaria dei 2.500 in rientro dalla Cina verso la Toscana.

Pubblicato

il

Botta e risposta infuocato tra la Regione Toscana e il dottor Roberto Burioni. L’eminente virologo di fama internazionale ha più volte e in più sedi chiesto che le istituzioni non sottovalutino il pericolo di diffusione del Coronavirus e molte perplessità ha espresso sulla quarantena volontaria dei 2.500 in rientro dalla Cina verso la Toscana. Il presidente della Regione, Enrico Rossi, rassicura i toscani dalla sua pagina Facebook. La Toscana non sta mettendo a rischio i suoi cittadini: “La Toscana in materia di prevenzione contro il Coronavirus, seguendo le linee nazionali di sorveglianza attiva, sta facendo più di tutte le altre Regioni. E ho i dati per dimostrarlo- e prosegue-. Chi ci attacca o non è bene informato, o è in malafede o è un fascioleghista.” Di seguito il governatore toscano, invita alla lettura della lettera del direttore della Asl Toscana Centro al commissario nazionale Borrelli. Ma il prof. Roberto Burioni non ci sta: “Il Presidente della Regione Toscana, che secondo me sottovaluta il rischio del coronavirus esponendo a rischi evitabili i propri cittadini, afferma che chi lo critica o è male informato o è fascioleghista – risponde via social il dottore-. Lo stesso Presidente che nella sua regione offre l’omeopatia all’interno del Sistema Sanitario Nazionale. Complimenti davvero.” Il botta e risposta è serrato e si consuma a suon di tasti. “Penso che il prof. Burioni fosse male informato – replica Rossi-. Peccato, bastava che prima di attaccare chiedesse come stavano le cose. Confermo che noi siamo la prima regione nella prevenzione contro il Coronavirus.” Torna a farsi sentire il prof. Burioni: “Per il governatore della Toscana Rossi tutto a posto, il Coronavirus è meno pericoloso dell’influenza. Alla fine tutto torna, dall’omeopatia alla quarantena che non è necessaria.” Il direttore sella Asl Toscana Centro ha scritto al commissario nazionale Borrelli.

“La Asl Toscana Centro ha attivato tempestivamente, in base alle circolari del Ministero della Salute, l’Unità Sanitaria di Crisi direttamente collegata con la task force della Regione Toscana.” Elenca le azioni messe in atto dalla Asl Toscana Centro, di seguito riportate e chiude con queste considerazioni: “Riteniamo pertanto di aver messo in essere quanto previsto dalle vostre disposizioni e da quelle del Ministero della Salute. A seguito di ripetute comunicazioni a mezzo stampa e social sulla necessità di “obbligare” in isolamento tutta la popolazione di rientro dalla Cina, cinese e non, si chiede alla S.V. delucidazioni in merito a quanto riportato”. LE MISURE DI PREVENZIONE Le azioni messe in essere dalla ASL Toscana Centro sono state: – Disposizioni generali per tutti gli operatori sanitari dell’azienda, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, in particolare: Procedure per le centrali operative 118 ed Emergenza Sanitaria Territoriale, disposizioni inerenti ricovero ospedaliero dei casi sospetti, disposizione per l’uso dei dispositivi di protezione individuale in emergenza sanitaria territoriale e pronto soccorso, indicazioni per la Medicina Generale e Pediatri di Famiglia, raccomandazioni per il monitoraggio autogestito a domicilio con schede informative in inglese, italiano e cinese, raccomandazioni in caso di isolamento fiduciario. – In riferimento alla circolare del Ministero della pubblica istruzione sono stati identificati circa 300 bambini cinesi che sono rientrati dal capodanno cinese in toscana, è stato concordato con i rispettivi genitori di effettuare una permanenza volontaria fiduciaria a domicilio. Conseguentemente sono, ad oggi, sotto monitoraggio giornaliero relativamente alla condizioni cliniche circa 1300 persone che stanno stazionando volontariamente presso il proprio domicilio. – In questi giorni si sta completando il rientro dal capodanno cinese di un numero imprecisato di cittadini ( il Consolato Generale Cinese di Firenze ritiene che possa trattarsi di circa 2500 persone). non potendo procedere alla identificazione puntuale di ciascuna persona, la Regione Toscana ha predisposto, in accordo con il consolato generale cinese in Firenze, un ambulatorio rivolto a soggetti che rispondono al criterio epidemiologico sopra descritto e che presentano blandi sintomi clinici simil infuenzali (rinite, tosse e lieve stato febbrile), a cui si accede, da parte di persone che sono di rientro dalla Cina , tramite numero telefonico del CUP dedicato e provvisto di supporto in lingua cinese . attraverso la prenotazione viene dato un appuntamento. Durante la visita viene compilata la scheda anagrafica, anamnnestica, misurazione della temperatura e tampone orofaringeo.

Tale prelievo viene inviato presso il laboratorio di microbiologia e virologia dell’AOU Careggi. Primo caso negativo all’ambulatorio Lilla dell’Osmannoro Le reazioni Coronavirus, Nardella: Confido Regione assicuri tutte misure Il sindaco di Firenze Dario Nardella interviene sulla questione: “Ho grande stima e rispetto per il professor Burioni che tra l’altro si è contraddistinto per una battaglia trasparente e forte su tutto il tema delle vaccinazioni. Confido nel fatto che la Regione Toscana, che ha professionalità eccellenti e che ha le competenze per questo tipo di situazioni, assicuri tutte le misure possibili e praticabili per la sicurezza della salute non solo della comunità cinese ma anche di tutta la comunità in generale. Noi sindaci non possiamo che essere vigili nel raccogliere gli input che arrivano dal territorio, come sicuramente il sindaco di Prato sta facendo, ma allo stesso tempo applicare le misure che vengono dalle autorità sanitarie ed è a queste che ci dobbiamo rifare”. Coronavirus, Quartini (M5S): “Questione gestita con superficialità, la soluzione è un’altra”

“La questione dei 2.500 viaggiatori di rientro dalla Cina meritava sicuramente un occhio vigile da parte della Regione, secondo il principio di massima cautela, ma è innegabile che ci sia stata superficialità nella pianificazione e organizzazione delle misure di prevenzione e nella comunicazione al pubblico, e tali responsabilità sono ascrivibili direttamente al quasi ex governatore Enrico Rossi e alla renziana Stefania Saccardi, attuale assessore regionale alla sanità. C’è da sottolineare anche un atteggiamento decisamente inopportuno da parte delle destre, che hanno cavalcato le paure dei cittadini rispetto alla reale possibilità di contagio da Coronavirus.” Così Andrea Quartini, medico, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e commissario della Terza commissione sanità e politiche sociali, ammonisce l’operato della giunta regionale sulle operazioni di prevenzione dagli effetti sanitari e sociali provocati dal Coronavirus. “Un plauso alle famiglie dei 400 bambini della comunità cinese che responsabilmente, dopo la comunicazione del Ministero, hanno deciso per una quarantena volontaria, e una simpatica tirata d’orecchi al virologo Roberto Burioni, che giustamente sottolinea l’importanza della quarantena in casi di epidemia, senza però chiarire che l’istituzione di tale misura non compete alla Regione. E i pochissimi casi in Italia certificano che siamo ben distanti dall’emergenza nazionale.” Quartini critica la scelta dell’ambulatorio previsto dalla Regione e rilancia la sua ricetta per ridurre sensibilmente l’ipotesi di contagio da Coronavirus: “L’ambulatorio ubicato nella struttura Asl Centro Cromed Salus di Sesto Fiorentino, anche in considerazione del contesto urbano, ha delle evidenti criticità: non possiamo sapere con certezza se i percorsi sicuri previsti per raggiungere la struttura, e le precauzioni consigliate dagli esperti, verranno appropriatamente adottate dagli utenti. Sarebbe stato più proficuo allestire una postazione mobile attrezzata, con medico a bordo, personale formato e un mediatore culturale. L’ambulanza può raggiungere il cittadino che manifesta sintomi sospetti, accertare in loco la situazione senza esporre terzi a eventuale pericolo di contagio. Oltre a questo esiste già un numero verde predisposto dal Ministero della salute, il 1500, un riferimento che può dare tutte le informazioni utili a capire la sintomatologia del Coronavirus, le operazioni di prevenzione e il comportamento da seguire se si sospetta un contagio. Resta fondamentale l’invito alla quarantena per tutti coloro che rientrano da contesti di rischio.”

Coronavirus, Alberti richiede commissione dedicata Coronavirus, Lega e i fascioleghisti di Rossi “Sapete qual è il nuovo inedito mezzo per attaccare la Lega? L’ha appena utilizzato su Facebook il Presidente Rossi, il quale in un post afferma che chi non è d’accordo con lui in tema di prevenzione sul Coronavirus è un fascioleghista…-affermano esterrefatti ed indignati Daniele Belotti ed Elisa Montemagni, rispettivamente Commissario regionale e Capogruppo in Consiglio regionale della Lega. Una frase che stigmatizziamo apertamente ritenendola indegna di una persona che, tra l’altro, riveste, fortunatamente ancora per poco, un ruolo di primissimo piano. Sapevamo che la Sinistra fosse allo sbando e priva di seri argomenti ma tirare in ballo la salute (il noto virologo Burioni ha, per noi, idee chiare in materia) per attaccare ignobilmente un avversario politico e tutti coloro che votano per un determinato partito, ci pare davvero inaccettabile e privo di alcuna giustificazione. Meno male che Rossi è un democratico; se non lo fosse, non osiamo nemmeno pensare quali esternazioni potrebbe fare nei nostri confronti. Saremo poi curiosi di sapere -cosa ne pensa il degno aspirante sostituto, ovvero Eugenio Giani, alla poltrona di Rossi sulle predette affermazioni: le condivide, ne prenderà le distanze, oppure salomonicamente non dirà nulla, perché magari distratto da qualche cerimonia?

Agli elettori, nel prossimo maggio, l’ardua sentenza”. Coronavirus, in aula la comunicazione chiesta da Forza Italia Marchetti e Stella: “Finalmente covid-19 in Assemblea toscana” “Finalmente nella prossima seduta di Consiglio regionale si parlerà di coronavirus con una comunicazione di giunta dinanzi ai rappresentanti dei cittadini toscani. Era ora, e Forza Italia ha preso l’iniziativa ottenendo la comunicazione in aula”: a dare la notizia sono i Consiglieri regionali di Forza Italia Maurizio Marchetti (Capogruppo) e Marco Stella (Vicepresidente dell’Assemblea toscana) al termine della Conferenza di programmazione lavori che ha accolto la richiesta di comunicazione urgente avanzata ieri dal gruppo azzurro. “L’analisi del virologo Burioni sulle 2.500 persone di ritorno in Toscana dalla Cina al termine delle celebrazioni per il Capodanno cinese – spiegano – non ha che rafforzato la nostra convinzione di una forte sottovalutazione da parte della Regione circa il rischio contagio. Altrimenti non si capisce perché il nostro giovane connazionale trattenuto in Cina per poche linee di febbre sia stato trasportato in ambiente sterile e trattenuto in isolamento, mentre 2500 persone provenienti dalle aree a rischio possono rientrare senza alcuna forma di controllo e contenimento”. “L’incubazione del covid-19 – ricordano Marchetti e Stella – è di un paio di settimane.

Queste persone magari rientrano in Toscana asintomatiche ma contagiose, e lo scopriremo solo vivendo e purtroppo ammalandoci. Perché? Perché negare la quarantena? A nostro avviso è da irresponsabili, e la giunta deve venire in aula a spiegare nel dettaglio i perché e i per come sulle scelte di gestione sanitaria di questo evento di estrema potenzialità di rischio. Dopo il caso del superbatterio New Delhi e il silenzio con sui i focolai sono rimasti coperti da silenzio per mesi, rispetto ai cittadini, intendiamo scongiurare una simile condotta omissiva. Per questo abbiamo chiesto e ottenuto la comunicazione in aula”.

Coronavirus, Marcheschi (FdI): “Falla nel sistema sanitario regionale” “In Toscana Rossi e Saccardi hanno provocato una falla nel sistema sanitario di protezione nazionale. Una falla che mette a rischio la possibile diffusione del coronavirus in tutta Italia. Nonostante gli appelli di virologi di fama internazionale, la Regione va avanti con l’ambulatorio dell’Osmannoro fregandosene delle proteste dei residenti in primis, e delle paure dei pratesi, fiorentini e toscani in generale – sottolinea il Capogruppo regionale Paolo Marcheschi (Fdi)- Il ministro Speranza ignora l’appello ad occuparsi della follia della Toscana ribadendo che, invece, la quarantena verrà applicata per gli italiani che verranno rimpatriati dalla nave da crociera Diamond Princess in Giappone. Per i cinesi di ritorno a Prato e Firenze si parla soltanto di quarantena volontaria. Ma si parla del niente perché la quarantena volontaria non esiste, c’è solo quella obbligatoria decisa dalla task force nazionale e controllata strettamente dalle autorità sanitarie. Ribadiamo l’appello ai sindaci di contestare questa incosciente procedura adottata dalla Regione Toscana per non essere complici di eventuali emergenze anche sul nostro territorio”.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida, si dice preoccupato: “Mentre la Russia chiude le frontiere cinesi per mettere in sicurezza la salute del proprio popolo, in Italia si sta irresponsabilmente consentendo, senza imporre misure di quarantena, il rientro in Toscana di circa 2.500 persone provenienti da una Nazione nella quale, ormai, sono più di 75.000 i contagiati e oltre 2.000 i morti. Riteniamo un azzardo, se non addirittura una follia, non obbligare all’isolamento e a serrati controlli sanitari chiunque giunga sul nostro suolo dalla Cina, e siamo oltremodo preoccupati che proprio in una zona come Prato, città già compromessa da diverse e note criticità e nella quale è previsto un massiccio rientro di cinesi, non si registri una strategia davvero efficace per la tutela della salute dei cittadini. Fratelli d’Italia in più occasioni ha denunciato come le condizioni igienico sanitarie in cui vivono molti cinesi non siano compatibili ancor più con la condizione di emergenza generata dal coronavirus, preoccupazione confermata anche da esperti come Roberto Burioni. Non cediamo a strumentalizzazioni, ma pretendiamo sicurezza per il nostro popolo”.

Coronavirus, Lega Prato: niente quarantena per antirazzismo “A Prato rientreranno circa 2000 persone dalla Cina e, malgrado l’emergenza coronavirus, queste verranno sottoposte soltanto ad un semplice controllo mettendo seriamente a repentaglio la salute pubblica” commenta la Capogruppo in Consiglio Comunale, Patrizia Ovattoni. “Secondo il presidente della Regione, Enrico Rossi – prosegue l’esponente leghista – metterli in quarantena sarebbe una forma di razzismo. Si tratta di una presa di posizione inconcepibile e gravemente irresponsabile dato che qui il razzismo non c’entra proprio un bel niente. C’è di mezzo l’incolumità collettiva e le istituzioni anziché pensare a fantasmi, frutto di assurde ideologie, dovrebbero fare il massimo, anzi di più, per la tutela delle persone. Anche Biffoni – sottolinea la Capogruppo – tace e si è furbescamente defilato malgrado, in qualità di sindaco, sia responsabile della salute pubblica. Perché gli italiani rientrati dalla Cina sono stati messi in quarantena mentre per i cinesi la misura è solo facoltativa? Una forma che ritengo discriminatoria nei confronti dei nostri connazionali”,



Licenza Creative Commons




Crediti :

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ITALIA

Coronavirus: in Lombardia 364 nuovi casi e 68 morti nelle ultime 24 ore

oronavirus: in Lombardia 364 nuovi casi e 68 morti nelle ultime 24 ore
„Tristemente raggiunta la cifra monstre degli oltre 15mila decessi, la metà dei morti italiani: in Lombardia 364 nuovi casi nelle ultime 24 ore, 70 a Brescia con tre decessi“

Pubblicato

il

L’altalena dei numeri non permette ancora di tirare il fiato: in Lombardia aumentano sia i nuovi casi di positività al Covid-19 che la loro percentuale sul totale dei tamponi effettuati (circa 150 in più rispetto a domenica, ma forse ancora pochi). Nel Bresciano sono ancora 70 i nuovi casi di Coronavirus, quasi 30 in più rispetto a due giorni fa: ma sono solo tre i decessi, uno nella Bassa Bresciana (a Visano, che piange la quarta croce) e due in Valle Camonica.

Gli ultimi aggiornamenti in Lombardia

Sono 364 in più i nuovi casi di Coronavirus in Lombardia nelle ultime 24 ore: il 4,84% del totale dei tamponi processati (ovvero 7.508: domenica erano 7.369, sabato 11.478) e il 48,92% di tutti i nuovi casi italiani, che sono 744 per un totale di 219.814 dall’inizio dell’epidemia (di questi 81.871 in Lombardia, il 37.24%). Aumentano (di poco) anche i decessi lombardi, che sono 68 tra domenica e lunedì: il 37,99% di tutti i nuovi decessi italiani, più 179 nelle ultime 24 ore, che portano il totale a 30.739, di cui il 48,97% in Lombardia, dove è stata superata quota 15mila (sono 15.054).

Dopo l’inattesa risalita dei ricoverati in terapia intensiva, i dati ricominciano a calare: sono 37 in meno le persone che attualmente si trovano in ospedale, totale 5.738 di cui 5.397 (il 94,05%) in buone condizioni e 341 in terapia intensiva, poco più di un terzo di tutti i ricoverati in terapia intensiva d’Italia (che sono 999, per la prima volta sotto i mille dopo due mesi).

I dati per provincia: a Mantova zero casi

I dati per provincia confermano aumenti ancora significativi a Milano (più 114 nelle ultime 24 ore, totale 21.490 di cui 9.071 in città), a Brescia (più 70, totale 13.620) e a Bergamo (più 50, totale 11.791). Sono 24 i nuovi casi a Pavia, totale 4.801, e 19 i nuovi casi a Monza e Brianza, totale 5.074: si avvicina alla soglia dello zero la provincia di Cremona, solo 2 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 8 negli ultimi due giorni, totale 6.250 mentre sono davvero zero i nuovi casi a Mantova (uno negli ultimi due giorni), totale 3.251.

Coronavirus: in Lombardia 364 nuovi casi e 68 morti nelle ultime 24 ore
„E intanto che si avvicina la “data X” del 18 maggio, alcuni numeri sul tema delle riaperture differenziate: degli 82.488 pazienti attualmente positivi in tutta Italia, quasi il 70% (totale 56.249) è concentrato nelle quattro regioni più produttive del Nord. Sono 30.411 in Lombardia, il 36,86% del totale, poi 13.338 in Piemonte, 7.040 in Emilia Romagna, 5.460 in Veneto.



Licenza Creative Commons




Crediti :
Continua a leggere

ITALIA

Papa Francesco, scivolone durante la telefonata al ragazzo autistico: «Ci rivedremo all’inferno

Scivolone del Papa al telefono con un ragazzo sofferente di autismo «Allora ci rivedremo all’inferno» dice il pontefice

Pubblicato

il

Città del Vaticano – «Allora ci rivedremo all’inferno». Dice proprio così Papa Francesco a un ragazzo affetto da una patologia riconducibile all’autismo e alla sua mamma, durante una telefonata ad una famiglia di Caravaggio. Il Papa ha telefonato loro dopo avere ricevuto una toccante lettera in cui gli spiegavano le difficoltà vissute per colpa del Coronavirus. La mamma del giovane, al termine della telefonata, ha ringraziato tanto il pontefice per avere regalato loro quei momenti di gioia e commozione e gli promette che pregherà sicuramente per lui ma che non ne ha di certo bisogno perchè è già un santo.

E’ a questo punto che Papa Francesco, forse messo a disagio dal complimento sulla sua santità, si è lasciato andare ad una battuta che ha spiazzato i presenti: «allora ci rivedremo all’inferno» tanto che la signora, sgranando gli occhi, gli ha ripetuto che loro sicuramente andranno tutti all’inferno ma di sicuro lui no.

Il video è stato ripreso con il telefonino da uno dei familiari ed è stato poi pubblicato dalla Provincia di Cremona. Nel frattempo il video ha preso subito a girare rimbalzando su vari siti cattolici, tra cui Korazim, sollevando perplessità per quella battuta non proprio felice.



Licenza Creative Commons




Crediti :
Continua a leggere

ITALIA

Truffa sulle mascherine, arrestato Antonello Ieffi: aveva preso dallo Stato 15 milioni per il coronavirus

Appalto da 15 milioni di euro per la fornitura di 24 milioni di mascherine: in venti giorni la Procura di Roma ha sventato la truffa. L’intervento della Guardia di Finanza

Pubblicato

il

SApprofittare dell’emergenza coronavirus per truffare lo Stato e aggiudicarsi un appalto da oltre 15 milioni di euro per la fornitura di 24 milioni di mascherine è costato il carcere al disinvolto imprenditore Antonello Ieffi, 42 anni, arrestato giovedì mattina dagli investigatori del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Roma. L’indagine svolta in tempi celerissimi dalla Procura della capitale ha smascherato, in venti giorni, l’operazione messa in piedi per aggirare le norme e partecipare alla gara attraverso una ditta-schermo del tutto incapace di assicurarsi la merce e consegnarla agli ospedali nei tempi richiesto. Senza nemmeno i soldi per pagarla. Di qui le accuse di turbativa d’asta e inadempimento di contratto pubblico per l’indagato che, una volta perso l’appalto dopo la denunciato di Consip, si stava organizzando con un’altra società-fantasma per aggiudicarsi un’altra gara pubblica: oltre 64 milioni per altro materiale sanitario.

Gioco d’azzardo sulla salute pubblica

A fronte di una pandemia che ha già provocato quasi 140.000 infezioni e oltre 17.000 morti, lo Stato è dovuto ricorrere a procedure speciali per le forniture mediche, giocando soprattutto su due fattori per decidere a chi affidare gli appalti in fretta e garantendo i servizi: il tempo e la capacità di consegna. «Due tavoli – accusa il giudice dell’indagine preliminare Valerio Savio nell’ordine di arresto – sui quali l’indagato appare aver giocato d’azzardo… Una puntata d’azzardo giocata sulla salute pubblica e su quella individuale di chi attendeva, e attende, le mascherine». Il 12 marzo scorso la società Biocrea (di cui Ieffi era titolare fino al 19 febbraio, quando ha ceduto le quote alla quarantenne Stefania Verduci, indagata per gli stessi reati, attraverso una vendita che l’accusa ritiene fittizia) ha vinto la gara per la fornitura di oltre 24 milioni di mascherine, per l’importo complessivo di 15 milioni e 800.000 euro, avanzando l’offerta più vantaggiosa. Con l’obbligo di fornire i primi 3 milioni di esemplari entro 3 giorni dall’ordine, e cioè il 16 marzo.

Il carico fantasma

Impegno gravoso per una ditta che come ragione sociale dichiarava «coltivazione di fondi, allevamento di animali» e altre attività agricole. E quando il 16 marzo sono arrivate le prime sollecitazioni di Consip, Ieffi ha cominciato ad accampare scuse. Comunicando la pianificazione di un volo, della Asiana cargo, pronto a partire dall’aeroporto cinese di Guangzhou Baiyun con destinazione Malpensa. Contemporaneamente Iezzi ha scritto al ministro degli Esteri Lugi Di Maio, chiedendo «un aiuto per la soluzione di una non meglio precisata problematica legata all’importazione delle mascherine». I successivi accertamenti di Consip hanno verificato che la società venditrice era una ditta indiata, raggiunta con l’intermediazione di due società (una con sede legale in Qatar) di cui era socio lo stesso Iezzi. Che quando ha dovuto giustificare il ritardo nella consegna del materiale, ha spiegato di non poter pagare i fornitori «per motivi di forza maggiore»: le autorità del Qatar gli avevano bloccato i conti correnti. A quel punto è stato disposta una verifica attraverso l’Agenzia delle Dogane da cui è emerso che all’aeroporto di Guangzhou Baiyun non c’era traccia delle mascherine promesse.

Azione spregiudicata e temeraria

Il 20 marzo Consip ha revocato l’appalto e sporto denuncia alla Procura di Roma, e l’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Paolo Ielo ha scoperto molti altri retroscena della «azione spregiudicata e temeraria» tentata da Ieffi. Il quale aveva omesso di dichiarare che la Biocrea aveva alle spalle delle violazioni tributarie per oltre 150.000 che, se emerse, avrebbero escluso la ditta dalla gara. E la cessione fittizia delle quote alla «complice» Stefania Verucci serviva a nascondere l’esistenza di indagini a suo carico (per truffa e turbativa d’asta) che avrebbero costituito un ulteriore ostacolo. Un «silenzio menzognero» divenuto «mezzo fraudolento per ottenere l’aggiudicazione della fornitura», ora trasformato da pm e gip nell’accusa di turbativa d’asta. Inoltre, due soci di Ieffi in una delle società di intermediazione risultano convolti in procedimenti per spaccio di stupefacenti e riciclaggio aggravato dal favoreggiamento alla mafia.

«Speriamo che ci riammettono alla gara»

Come avesse intenzione di procedere lo «spregiudicato» imprenditore è difficile dire; di sicuro, dopo l’esclusione dall’appalto per le mascherine, ha provato a partecipare con la società Dental Express H24 a una seconda gara per l’approvvigionamento di guanti sterili, occhiali e tute di protezione e camici, dal valore di oltre 64 milioni di euro. E quando è stato escluso, perché la donna che risultava amministratore unico dell’azienda era stata condannata per occultamento e distruzione di documenti contabili, ha provato a retrodatare a febbraio l’esclusione della signora, in modo da fare ricorso e tornare in corsa. Le intercettazioni svolte dagli investigatori della Finanza hanno confermato il progetto di Ieffi che con l’interlocutore proferiva queste frasi: «Siamo stati messi primi anche nei camici che era il lotto più grosso… da 67 milioni… Io importo da anni il fotovoltaico dalla Cina… quando c’è stata l’emergenza ho chiamato le ditte già… so’ numeri esageratamente grandi quindi… io ho detto, perché non ci proviamo?… Possiamo entrare in tutto quello che non è mascherine… Io ho trovato queste altre fabbriche, sempre lì in Cina, colleghe della mia, che fanno guanti… ci sto trattando ma è un lavorone… ho fatto a mia volta una gara al ribasso… Ho preso i prezzi nostri offerti, li ho abbassati del trenta per cento… Le quantità, un po’ maggiorate, per il prezzo ribassato viene trentuno milioni cinque e ottantacinque… e noi abbiamo, in teoria, aggiudicato cinquanta milioni… Speriamo che ci riammettono alla gara… durerà poco ma durerà… per il momento».

La scelta del carcere

Ancora una volta, accusa, il giudice, l’indagato «ha partecipato alla gara per forniture urgenti per la pubblica amministrazione non solo non avendo ancora la disponibilità delle merci da consegnare, ma anche in questo caso senza avere ancora in mano impegni contrattuali idonei a garantirla nei tempi ristretti richiesti». Provando a «essere riammesso falsificando carte», e ancora una volta attraverso una società risultata una «scatola vuota», senza alcuna capacità di procurarsi in tempi rapidi i materiali né le strutture per procedere ai pagamenti necessari. Di qui la decisione di mandare Ieffi in carcere come chiesto dalla Procura, nonostante la tendenza a ridurre gli arresti in cella proprio in virtù dell’emergenza coronavirus. Ma il rischio di reiterazione del reato mostrato dalle intercettazioni svolte appena una settimana fa, il 2 aprile, era considerato troppo alto per la concessione degli arresti domiciliari. Come quello di inquinamento delle prove.



Licenza Creative Commons




Crediti :
Continua a leggere

Chi Siamo

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Tra le ipotesi a causare l'incidente il forte vento

Account Fb riferito a sindaca, 'camerati hanno memoria'

Inchiesta procura Roma, iscritti i vertici del movimento

Prima i Casamonica ora Casapound, contrasto la criminalità

Sono in corso procedure da parte della questura

Tra le ipotesi a causare l'incidente il forte vento

Dopo 3 mesi si ritrovano davanti a scuola chiusa per lo scatto

Inchiesta procura Roma, iscritti i vertici del movimento

Sono in corso procedure da parte della questura

In mattinata arriva anche il primo caso sospetto di Covid-19

In 19 Stati la media è cresciuta nell'ultima settimana

Dopo l'annuncio sulla ripresa di tutta l'area di Tripoli

Capo rappresentanza Commissione a Roma: 'Tutelare mercato unico'

Capo rappresentanza Commissione a Roma: 'Tutelare mercato unico'

Nonostante i divieti attivisti hanno raggiunto Victoria Park

Difficile gara in casa con la capolista Bayern Monaco

Si ferma in allenamento l'attaccante per un problema alla coscia

Si comincia alle 17.30 in videoconferenza

Nuovo controllo per attaccante Milan tra 10 giorni

N.1 arbitri,interesse di tutti trovare sistema per finire tornei

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930 

I più letti