Contattaci

ESTERI

Cosa sappiamo di quello che è successo a Münster

Ma soprattutto cosa non sappiamo: non c’è nessuna prova che collega al terrorismo islamico l’uomo che ha ucciso due persone investendole con un furgone

Pubblicato

il

Sabato alle 15.27 un uomo ha guidato un furgone Volkswagen contro un gruppo di persone sedute fuori da un ristorante nel centro di Münster, una città di 300mila abitanti nel nord ovest della Germania. L’uomo ha ucciso due persone, investendole: sono una donna di 51 anni e un uomo di 65, entrambi tedeschi. Si è poi ucciso sparandosi. Inizialmente le autorità avevano parlato di quattro morti, ma poi si sono corrette abbassando il bilancio. Un’altra ventina di persone è stata ferita: otto sono ancora ricoverate e tre di queste sono in condizioni critiche. La polizia tedesca non ha ancora diffuso informazioni precise sull’identità dell’uomo, anche se ha detto che secondo le indagini aveva 48 anni e viveva a Münster.

Non si sa nemmeno la ragione per cui avrebbe attaccato le persone nel centro della città: per ora non sono stati trovati legami dell’uomo con gruppi estremisti religiosi o politici. Herbert Reul, ministro dell’Interno della Renania Settentrionale-Vestfalia, il Land in cui si trova Münster, ha detto che l’uomo era un cittadino tedesco e non ci sono prove che avesse idee islamiste.

I giornali tedeschi hanno diffuso alcune informazioni su di lui, ma per ora non sono state confermate. Sia lo Spiegel che la Süddeutsche Zeitung, due tra i più importanti e autorevoli giornali tedeschi, hanno identificato l’uomo come Jens R. e hanno scritto che secondo le loro fonti in passato sarebbe stato valutato psicologicamente instabile. Lo Spiegel dice anche che l’uomo era un designer freelance originario del Sauerland, una zona collinare e poco abitata della Renania Settentrionale-Vestfalia, e aveva già tentato il suicidio. Il quotidiano regionale Westfaelische Nachrichten dice che la polizia ha escluso l’ipotesi che altre persone fossero coinvolte nell’attacco, che era stata presa in considerazione dopo che alcuni testimoni avevano sostenuto di aver visto due persone scendere dal furgone e allontanarsi subito dopo l’attacco.

icciardi va così a unirsi a una ben nutrita rosa di commissari, ispettori, e criminologi che popolano la storia del fumetto italiano. Nella gallery trovate 10 dei personaggi più famosi in rappresentanza delle forze dell’ordine nei comics made in Italy.

 

Crediti :

il Post

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ESTERI

Trump bipolare: “Siamo pronti a negoziare con l’Iran”

Una richiesta di collaborazione definita “incredibile” dall’ambasciatore iraniano all’Onu, Majid Takht Ravanchi.

Pubblicato

il

Dopo l’uccisione del comandante iraniano Qassem Soleimani in un raid in Iraq la scorsa settimana, un atto di legittima difesa per Washington, gli Stati Uniti non escludono altre misure – “se necessarie” – per difendere i cittadini e gli interessi americani in Medio Oriente. I media internazionali danno notizia di una missiva in tal senso dell’ambasciatrice americana all’Onu, Kelly Craft, al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Al contempo gli Usa sono “pronti a impegnarsi senza precondizioni in negoziati seri con l’Iran” per evitare un’ulteriore escalation.

Trump: “Ora nuovo accordo sul nucleare” Una richiesta di collaborazione definita “incredibile” dall’ambasciatore iraniano all’Onu, Majid Takht Ravanchi. “L’Iran non si farà ingannare dal presidente americano che proporrà la sua collaborazione dopo aver imposto sanzioni senza precedenti”, afferma l’ambasciatore all’agenzia ufficiale iraniana Irna, in quella che sembra la prima risposta ufficiale di Teheran al discorso di ieri pomeriggio di Trump. Per l’ambasciatore si tratta di “terrorismo economico”.



Licenza Creative Commons




Crediti :

Globalist

Continua a leggere

ESTERI

Parigi, accoltella passanti urlando “Allah Akbar”: due morti, uno è l’aggressore

Lʼattacco è avvenuto in un parco a Villejuif, comune della banlieue parigina. Ci sono anche due feriti

Pubblicato

il

Un uomo ha pugnalato alcuni passanti a Villejuif, nei pressi di Parigi, prima di essere ucciso dalla polizia. Delle persone aggredite una è morta e altre due sono rimaste ferite. Alcuni testimoni hanno riferito che l’aggressore indossava una djellaba (tunica tradizionale del Nordafrica, ndr), aveva la barba e che durante l’attacco avrebbe gridato “Allah Akbar”.
Il parco delle Hauts-Bruyères – L’aggressione è avvenuta alle 14 nei pressi del parco delle Hauts-Bruyères. Artificieri al lavoro per verificare se l’uomo ucciso avesse anche degli esplosivi. Intanto è stata chiusa al traffico l’autostrada che passa nei pressi del parco.

Il parco delle Hauts-Bruyères – L’aggressione è avvenuta alle 14 nei pressi del parco delle Hauts-Bruyères. Artificieri al lavoro per verificare se l’uomo ucciso avesse anche degli esplosivi. Intanto è stata chiusa al traffico l’autostrada che passa nei pressi del parco.

In diretta da Parigi

In diretta dalla Francia: la polizia ha sparato contro un uomo che ha accoltellato diverse persone nel parco dipartimentale Hautes-Bruyères nel comune di Villejuif nella periferia sud di Parigi. L'aggressore è stato ucciso dalla polizia.https://sptnkne.ws/ATKP

Posted by Sputnik Italia on Friday, January 3, 2020

 

Crediti :

Tg Com

Continua a leggere

ESTERI

Londra, attentatore era 28enne Usman Khan, in libertà vigilata, era stato condannato per terrorismo

Attacco ieri sera anche all’Aja, dove 3 minorenni sono state feriti con un coltello da un uomo tuttora in fuga. A Parigi evacuata la Gare du Nord dopo che la polizia ha trovato nella borsa di un viaggiatore un pezzo di artiglieria definito però ‘inerte’

Pubblicato

il

Si chiamava Usman Khan, aveva 28 anni ed era in libertà vigilata dopo una condanna per terrorismo l’attentatore che ieri sul London Bridge nel cuore di Londra ha accoltellato i passanti uccidendone 2 e ferendone 3. Poi, è stato bloccato dai passanti e ucciso dalla polizia. Khan era stato rilasciato in libertà vigilata l’anno scorso, dopo aver scontato sei anni per reati di terrorismo.  Il ragazzo era stato condannato nel 2012 e rilasciato a dicembre 2018 “su licenza”, il che significa che avrebbe dovuto soddisfare determinate condizioni o sarebbe tornato in carcere. Diversi media britannici hanno riferito che indossava un braccialetto elettronico alla caviglia.    Prima dell’attacco Khan stava partecipando a un evento a Londra ospitato da Learning Together, un’organizzazione con sede a Cambridge che lavora nell’istruzione dei carcerati.    L’antiterrorismo britannica afferma che la polizia non sta attivamente cercando altri sospetti. L’uomo indossava un finto giubbotto esplosivo.

In un video, si vede l’aggressore a terra e altre persone in lotta con lui. Uno degli eroi che ieri hanno bloccato l’assalitore e cercato di salvare la vita ad una delle vittime dell’attacco sul London Bridge, è un omicida in libertà vigilata.    Secondo quanto scrive il Mail Online, l’uomo è James Ford, un 42enne condannato all’ergastolo nell’aprile del 2004, con un minimo di 15 anni da scontare, per l’omicidio di Amanda Champion, una ragazza di 21 anni con difficoltà di apprendimento.    Fonti del governo hanno confermato che Ford si trovava ieri sul London Bridge al momento dell’attentato. La famiglia della ragazza ha espresso al tabloid “rabbia e shock” per averlo visto in libertà. “Non è un eroe. E’ un assassino inlibertà vigilata e noi non sapevamo niente” del suo rilascio, ha detto Angela Cox, la zia di Amanda Champion: “Ha ucciso una ragazza disabile. Non è un eroe, assolutamente no”.   La Cox, riporta il Mail Online, ha appreso del rilascio di Ford ieri stesso: “L’ufficiale di collegamento di polizia – ha proseguito – mi ha chiamata dicendomi che era in tv. Sono molto arrabbiata. Lo hanno rilasciato senza nemmeno avvertirci”. “Qualsiasi membro della mia famiglia avrebbe potuto essere a Londra ed incontrarlo per caso”, ha proseguito. E poi: “E’ stato un vero shock. E’ una cosa terribile”.



Licenza Creative Commons




Crediti :

Rai News

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Sono 123 i nuovi contagi in Corea del Sud, 4 le vittime [...]

Attività didattiche sospese dal 24 al 29 febbraio [...]

Sindaco, 'stiamo ricostruendo tutti i suoi contatti' [...]

CR7 e Ramsey lanciano bianconeri, inutile rigore Petagna [...]

Regione Fvg decreta stato di emergenza [...]

Attività didattiche sospese dal 24 al 29 febbraio [...]

Sindaco, 'stiamo ricostruendo tutti i suoi contatti' [...]

Nel Bolognese, preside gli assegna una nota e una ricerca sulla Costituzione [...]

Due a Ancona, uno a Fermo. Ceriscioli, pronti 57 posti [...]

Sono 123 i nuovi contagi in Corea del Sud, 4 le vittime [...]

Sulla crisi a Idlib, ultima roccaforte ribelle [...]

Spettacoli sospesi fino a venerdì [...]

'Non è mio l'account su Facebook' [...]

In 9 risultati infetti dopo rientro a casa da Luoghi Santi [...]

Poi critica arbitro su rigore: "Perchè Var non l'ha aiutato?" [...]

Catalani ora avanti due punti in classifica [...]

Viola recuperano in 10, dopo l'espulsione di Dalbert [...]

I supporter ieri avevano insultato tifosi partenopei [...]

CR7 e Ramsey lanciano bianconeri, inutile rigore Petagna [...]

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829 

 

 

 

 

 

I più letti