Contattaci

Medicina

Cosa significa lo stato di emergenza globale dichiarato dall’Oms per il coronavirus

Per la precisione è stata formalizzata la condizione di “emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale”: ciò significa che la situazione è seria e richiede un’azione coordinata a livello mondiale, ma non c’è motivo di farsi prendere dal panico. Dal 2009 è già successo 6 volte

Pubblicato

il

(foto: Keith Tsuji/Sopa Images/LightRocket/Getty Images)

La decisione è stata presa il 30 gennaio, dopo oltre 5 ore di camera di consiglio: secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), adesso ci sono le condizioni per dichiarare ufficialmente che il coronavirus 2019-nCoV rappresenta una “emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale”, o per farla breve una “emergenza globale”. Quasi contemporaneamente, mentre cessava l’allarme per i due turisti febbricitanti a bordo della nave della Costa Smeralda al porto di Civitavecchia, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato la presenza dei primi due casi accertati di infezione da coronavirus in Italia. Si tratta di due turisti cinesi già ricoverati all’ospedale Spallanzani di Roma, in isolamento e in condizioni ritenute “non gravi”.

Queste notizie potrebbero ulteriormente aumentare lo stato di agitazione e preoccupazione nel nostro Paese, anche perché le parole emergenza e globale di per sé non infondono certo serenità. Ma c’è davvero da essere angosciati?

Il concetto di emergenza globale secondo l’Oms

Come la stessa Organizzazione ha scritto nel verbale conclusivo del consiglio tenutosi ieri a Ginevra, la principale conseguenza di questa emergenza formale è l’emissione di una serie di raccomandazioni temporanee, in parte specifiche per la Cina e in parte valide per tutti i Paesi a livello globale. Molte di queste misure sono rivolte alla trasparenza, alla condivisione di informazioni con gli altri Paesi e al fare cultura sanitaria con un’adeguata informazione pubblica, ma allo stesso tempo altre indicazioni suggeriscono di intensificare gli sforzi nella ricerca scientifica, nelle operazioni di contenimento del contagio e nell’esecuzione dei controlli, soprattutto nei porti e negli aeroporti.

Vista in una prospettiva storica (di breve periodo), la dichiarazione di emergenza globale non è un evento né unico né così eccezionale. Basta pensare che dal 2005, quando furono redatte le normative International Health Regulations (Ihr) in seguito alla pandemia della Sars, siamo già alla sesta occasione in cui viene presa una decisione analoga. Il primo caso fu nel 2009 con la cosiddetta influenza suina H1N1, poi nel 2014 con la poliomielite, ancora nel 2014 e poi nel 2019 con ebola, in mezzo nel 2015 con Zika e infine ora con 2019-nCoV. Non fu dichiarata invece l’emergenza nel caso di un’altra patologia dovuta a un coronavirus: la Mers nel 2013.

Su molti testi internazionali la nostrana emergenza globale viene tradotta con l’acronimo inglese Pheic, che sta per Public Health Emergency of International Concern.

Una scelta sostanziale, ma anche burocratica

Anche se la dichiarazione ufficiale lascia ben poco spazio alla fantasia e all’interpretazione, è stata la stessa Oms a premettere un chiarimento formale“L’Organizzazione mondiale della sanità continuerà a valutare la possibilità di creare un livello di allerta intermedia tra la scelta dicotomica Pheic-non Pheic”, ossia di creare una classificazione un po’ più varia che permetta di differenziare (in qualche modo) tra diversi livelli di emergenza.

Quello che è accaduto rispetto al precedente consiglio dell’Oms del 22 e 23 gennaio scorsi, quando si decise di non far scattare l’emergenza, è che è aumentato il numero di commissari favorevoli alla decisione, in un contesto in cui né prima né stavolta c’era una posizione nettamente maggioritaria all’interno della commissione. Ad aver fatto cambiare idea ad alcuni commissari, e di conseguenza al direttore generale Tedros Adhanom, è stato l’aumento – registrato negli ultimi giorni – sia nel numero assoluto di casi sia nel numero di Paesi coinvolti da casi accertati di infezione.

I numeri che hanno fatto scattare l’emergenza

Al momento della riunione dell’Oms, i casi confermati erano 7.818, distribuiti in 19 Paesi. Solo in Cina i contagi confermati avevano raggiunto quota 7.711 (quasi il 99%), a cui si aggiungono oltre 12mila altri casi sospetti. Tra i certamente infetti, 170 persone erano già morte (ora la conta è salita a 213) e altre 1.370 si trovavano in condizioni definite “gravi”.

Fuori dalla Cina, negli altri 18 Paesi interessati dal contagio (a cui poco dopo si sarebbe aggiunta anche l’Italia) i casi totali erano 82, di cui 75 relativi a viaggiatori passati per la Cina di recente. Per gli altri casi è invece stata confermata la trasmissione da persona a persona. Fuori dalla Cina finora non sono comunque stati registrati né casi gravi, né tantomeno decessi.

Che cosa succede ora?

Quello che non accadrà – o che perlomeno l’Oms suggerisce e auspica che non succeda – è l’emarginazione dei Paesi interessati dal contagio, a iniziare dalla Cina. Il motivo principale è che non ci sono prove del fatto che impedire gli spostamenti delle persone sia utile a ridurre il contagio, e che anzi a volte il blocco dei trasporti può sottrarre risorse a interventi più utili, oltre ad avere certamente un effetto negativo sull’economia. Anche le restrizioni nel commercio sono “non raccomandate”. A fare eccezione, spiega ancora la nota diffusa dall’Oms, sono i luoghi in cui la trasmissione del virus è particolarmente intensa, o le aree in cui le infrastrutture e i sistemi nazionali non sono sufficientemente sviluppati.

Visti i progressi scientifici fatti nelle ultime settimane, secondo la commissione “è ancora possibile interrompere la diffusione del virus. Essenziale, in questo senso, è la messa a punto di sistemi per la diagnosi precoce, l’isolamento delle persone infette e l’educazione della popolazione al rispetto delle norme igieniche essenziali.

L’altro punto enfatizzato dall’Oms è la necessità di mantenere alto il livello di cooperazione internazionale, sia per quanto riguarda la Cina sia per tutti gli altri Paesi, anche nell’ottica di aiutare quelle regioni del mondo in cui – visto il sottosviluppo dei sistemi sanitari – l’epidemia potrebbe avere gli effetti peggiori.

Le primissime reazioni dell’Italia

Il nostro governo ha stabilito anzitutto la sospensione di tutti i voli aerei diretti verso la Cina e in arrivo dalla Cina, muovendosi d’anticipo rispetto a molti altri Paesi. Fa eccezione, naturalmente, il volo di Stato con cui si vorrebbe rimpatriare una 60ina di nostri connazionali che si trovano ancora a Wuhan e che si spera rientrino tra la fine del weekend e l’inizio della prossima settimana. Nel frattempo è stato comunque stabilito che, una volta ritornati in Italia, saranno sottoposti a un periodo di quarantena di due settimane (pari al tempo massimo di incubazione del virus) in una struttura militare vicino a Roma.

Per i primi due casi già accertati, invece, oltre al ricovero in isolamento è stata predisposto il sigillo della stanza d’hotel dove alloggiavano da 8 giorni e il trasferimento in ospedale con un autobus scortato dalla polizia di tutti gli altri membri della comitiva turistica. Quanto accaduto era comunque largamente prevedibile e in parte atteso, tanto che il ministro della salute Roberto Speranza ha parlato di situazione “seria” ma per ora “totalmente sotto controllo”. Naturalmente adesso lo sforzo si concentra sull’evitare che il contagio possa diffondersi. Nella mattina del 31 gennaio un Consiglio dei ministri ad hoc dovrebbe portare alla definizione di nuove misure di prevenzione e contenimento, e si è parlato anche del coinvolgimento della protezione civile.



Licenza Creative Commons




Crediti :

wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Medicina

Medical Facts di Roberto Burioni risponde alla vostre domande

Un indirizzo email dove il Prof. Roberto Burioni risponde alle vostre domande sul coronavirus

Pubblicato

il

Prof. Roberto Burioni

“È consigliabile pulire i prodotti acquistati e portati a casa?”
“Quali evidenze ci sono sull’uso del farmaco antiremautoide?”
“La vitamina C è una buona protezione?”
“Il virus si può portare a casa con le scarpe?”
“Arriverà un test per rilevare se la persona ha degli anticorpi al coronavirus?”

“Il virus è molto labile. L’importante è che la superficie sia pulita, perché il virus dentro lo sporco riesce a resistere per. più tempo.”
Medical Facts di Roberto Burioni risponde alle vostre domande inviate alla mail chetempochefarisponde@lofficinatv.com



Licenza Creative Commons




Continua a leggere

Medicina

I problemi italiani che il coronavirus ha messo in luce

Sovraffollamento delle carceri, digital divide, sottofinanziamento della sanità, smart working. Non è facile immaginare il futuro durante una pandemia, ma alcune lezioni sono già lì per essere imparate

Pubblicato

il

Immaginare il futuro in un contesto emergenziale come quello generato da una pandemia è un esercizio delicato e per certi versi fine a sé stesso, data la quantità di variabili sul tavolo e i tanti margini di incertezza ancora presenti nella nostra conoscenza del fenomeno. Ma è parte di un processo necessario, per ricordare a noi stessi che questo momento finirà e che ad aspettarci, lì fuori, ci sarà lo stesso mondo di sempre. Con i problemi di sempre, solo un po’ più evidenti.

Perché la crisi sanitaria in corso ha messo a nudo una serie di problemi strutturali troppo a lungo ignorati dal nostro paese, come il sovraffollamento delle carceri, tema che in queste ore si è riversato con violenza nella stretta attualità. Da tempo il Garante nazionale descrive un quadro di piena emergenza – con istituti non all’altezza di ospitare l’alto numero di persone recluse e suicidi ormai all’ordine del giorno – eppure le recenti rivolte sembrano aver colto di sorpresa un po’ tutti. A partire dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che riferendo in aula ha parlato di “atti criminali”, tralasciando le cause profonde di disagio che hanno portato alle proteste in 27 penitenziari di tutta Italia. Cause che resteranno tali, anche quando la paura del virus sarà debellata.

Un approccio finalizzato a gestire la contingenza, privo di qualunque visione di medio o lungo termine. Lo stesso approccio che da anni paralizza la nostra agenda digitale, messa in questi giorni a dura prova dalla sperimentazione di attività didattiche a distanza più o meno improvvisate, e rivolte a una popolazione spesso sprovvista dei mezzi per fruirne. Il problema non riguarda solo l’accesso alla banda larga, ma risiede nella disponibilità stessa di strumenti e conoscenze informatiche di base – un divario digitale che in alcuni casi ha portato gli studenti a creare gruppi d’ascolto, rendendo così vane le ordinanze di contenimento.

La scarsa digitalizzazione si ripercuote anche sullo smart working, utilizzato da appena 570mila impiegati lo scorso anno e visto ancora con diffidenza da molti datori di lavoro, e sui servizi della pubblica amministrazione, con le conseguenti file agli sportelli postali. Decisamente non uno scenario ideale, per il paese che fino a una settimana fa discuteva ancora di voto elettronico.

Le misure messe in atto per contenere il coronavirus, come per magia, hanno avuto l’effetto di rendere reali problemi fino a ieri relegati al rango di astratti residui ideologici. Come il sottofinanziamento di un sistema sanitario stressato dall’alto numero di pazienti in terapia intensiva e tenuto in piedi dalle donne e dagli uomini che lavorano nei nostri ospedali. O la necessità di uno stato sociale forte, che possa farsi carico di senzatetto e persone indigenti, anche con le mense Caritas chiuse.

Sembra incredibile, ma il paese che da anni parla di sicurezza ha appena scoperto che l’unica protezione di cui aveva bisogno era quella sociale. Non esistono aspetti positivi di un male che ha già tolto la vita a mille persone, ma esistono lezioni. E questa ha tutto l’aspetto di una lezione da tenere a mente.



Licenza Creative Commons




Crediti :

WIRED

Continua a leggere

Medicina

Coronavirus, Italia zona rossa: cosa significa. Scuole chiuse fino al 3 aprile

Coronavirus, Italia zona rossa: cosa significa. Scuole chiuse fino al 3 aprile anche a Roma
Spostamenti vietati salvo comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità. Scuole chiuse fino al 3 aprile. Sospeso il campionato di serie A

Pubblicato

il

Tutta Italia come le zone rosse del nord Italia per contenere la diffusione del Coronavirus. Il premier Giuseppe Conte ha annunciato in conferenza stampa l’estensione delle misure previste nel decreto governativo dell’8 marzo a tutto il territorio nazionale. Troppo alto il rischio contagio per continuare solo a lanciare appelli come quello, solo ultimo in ordine di tempo, della sindaca Raggi (vedi post a fondo pagina). La misura che diventa ora legge, in sintesi, è quella di restare a casa. E il nome del nuovo decreto è proprio “Io resto a casa”.

Spostamenti vietati

Spiega Conte: “Non ci sarà più una zona rossa, ma ci sarà l’Italia zona protetta. Saranno vietati su tutto il territorio della penisola gli spostamenti consentiti solo per comprovate ragioni di lavoro, per casi di necessità o motivi di salute. Aggiungiamo in questo provvedimento anche un divieto di assembramenti all’aperto o in locali aperti al pubblico. Non ce lo possiamo più permettere. Sono costretto ad intervenire in modo più deciso per difendere le persone più in difficoltà. Ognuno deve fare la propria parte”.

Per spostarsi sarà necessaria un’autocertificazione (qui il fac simile del modulo da compilare e portare con sé) senza della quale, se colti a muoversi senza ragione dalla propria città di residenza o domicilio, si rischierà l’arresto. La veridicità dell’autocertificazione potrà essere controllata dalle autorità in qualsiasi momento e, se falsa, andrà a costituire un secondo reato, oltre a quello della mancata permanenza nel proprio luogo di residenza.

Locali chiusi alle 18

Da domani mattina, 10 marzo, quindi anche in provincia di Roma non ci sarà possibilità di muoversi e ci sarà la chiusura alle ore 18 per tutti i locali, compresi bar e ristoranti che, fino ad oggi, potevano restare aperti mantenendo il metro di distanza tra le persone.

i casi di coronvirus in tempo reale



Licenza Creative Commons




 

 
Crediti :

Roma Today

Continua a leggere

Chi Siamo

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

DAL MONDO DELLA RICERCA

  • Le Scienze
  • Nature (EN)
  • Immunologia

Comunicato stampa - Una pellicola sottilissima e biodegradabile in grado di rivestire volumi di acqu [...]

Comunicato stampa - Un nuovo strumento bioinformatico individua rapidamente le alterazioni del genom [...]

Comunicato stampa - Individuate le relazioni causa-effetto che hanno determinato lo sciame simico du [...]

Nature, Published online: 03 April 2020; doi:10.1038/d41586-020-00998-2But some experts say author S [...]

Nature, Published online: 03 April 2020; doi:10.1038/s41586-020-2203-2Author Correction: Self-verify [...]

Nature, Published online: 03 April 2020; doi:10.1038/d41586-020-01027-yStaying at home is not an opt [...]

Comunicato stampa - Lo rivela uno studio condotto dal Cnr-Ibcn in collaborazione con il laboratorio [...]

Una molecola che si trova nei vasi sanguigni e interagisce con il sistema immunitario contribuisce a [...]

Comunicato stampa - Uno studio internazionale pubblicato su The Lancet mette in discussione la sicur [...]

E’ davvero un medico?

Coronavirus

Casi in tempo reale . Clicca l’immagine per la mappa interattiva

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930 

 

 

 

 

 

I più letti