Contattaci

Comunicati BdS

Cos’è e cosa non è il vero ed unico satanismo. Una volta per tutte

Pubblicato

il

Nuove tendenze, nuove mode, incapacità di contenere l’aspetto reale della vita che è unicamente quello materiale, tutti elementi che spingono cittadini di ogni età a condensarsi in gruppi “fai da te” addirittura ad autoproclamarsi “satanisti” miscelando elementi extra-materiali, personali convinzioni religiose, handicap di inserimento dovuti a disagi esistenziali.

Nulla di male, queste sono persone principalmente innocue, al massimo tingono gli occhi di giallo ritoccando le loro fotografie per apparire più “catto-diabolici” molti sono piccoli gruppi non registrati e guidati da persone che si nascondono dietro nomi finti e che si ritrovano sui social network, scrivono poesie o riportano vecchi articoli religiosi tradotti in italiano dalla lingua americana quando proprio non inventano di punto in bianco.

Purtroppo c’è il lato negativo della vicenda, i teoremi sono talmente strampalati ed assurdi da risvegliare qualche giornalista a corto di idee che non manca di prendere la palla al balzo per evidenziare un lato assurdo il cui impatto  è talmente ironico da attirare una buona fetta di lettori divertiti e pronti a commentare la pagliacciata del giorno.

Nulla di male nel divertire i lettori ma bisogna tenere conto che socialmente si insemina un’immensa confusione su cosa sia in realtà il satanismo.
Ripetiamolo di nuovo allora:

Marco_Dimitri_Bologna

Marco Dimitri (fanatico di se stesso)

Non esistono più forme di satanismo così come non esistono più forme di scienza, la scienza è una soltanto, così come il satanismo è uno soltanto.
Non esiste il lato spirituale, non c’è riscontro alcuno alle anime, agli spiriti, alle dimensioni extra-materiali, questi elementi sono soltanto contemplati dalla fede mentre il satanismo è una forma aconfessionale.

Non esiste Satana così come non esiste Dio. La loro esistenza è solo qualcosa di appartenente alla fede ed il satanismo non ha nulla a che vedere con essa.
I rituali sono forme religiose, il satanismo non ha forme religiose

Il satanismo utilizza il termina “satana” come termine di opposizione, questa opposizione e dettata dal personale progredire, dall’espressione dell’ego umano che combatte ed abbatte l’inconsistente e l’oscurantismo tramite scienza, arte e valori umani materiali.

Il satanismo è semplicemente sinonimo di opposizione. Questa opposizione è esercitata contro le forme dittatoriali e devastanti della dignità umana portata in essere dalle religioni.

IN CONCRETO:

Il satanismo NON è una religione ma un’anti- religione considerando che le religioni sono una forma di uso e controllo delle masse a scopo di profitto e dominio politico.
Il metodo scientifico, l’espressione libera della natura personale, il ripudio di ciò che è costante escatologica sono le forme principali utilizzate dal satanismo per il raggiungimento del dominio umano sulla materia e sull’abbattimento dei limiti che oggi sono ancora forme di impedimento.

L’incapacità di comprendere la dinamica della materia spinge l’individuo a considerare accettabile una dimensione spirituale che costituisca un eterno “no limit”. Tuttavia la dimensione spirituale non ha alcun riscontro, non esiste, è una via di fuga dal concreto ed un lasciapassare per i personali deliri dei disadattati.
La materia in realtà non ha origine e non ha fine, è di per se una continua mutazione, risponde alle leggi del “solve et coagula” (dissolvi e ricomponi). Questo era conosciuto fino dai tempi antichi e troviamo questa dinamica già incisa nelle antiche rappresentazioni come quella del “Baphomet” di Eliphas Lévi.
Non solo… E’ interessante notare come tutte le virtù attribuite da Re Salomone ai “demoni” erano in realtà virtù scientifiche e logiche, i famosi “72 demoni” al servizio dell’uomo e nemici di “Dio” erano e sono le scienze e le arti logiche.

Baphomet

il Baphomet di Lévi

IL CONTROLLO DEI BAMBINI DI SATANA SULLE DEFICIENZE DEI GRUPPI CLANDESTINI “FAI DA TE”

Questi gruppi, certamente innocui, che si formano di giorno in giorno riciclando spazzatura culturale, non fanno nulla di male in realtà, tranne che confondere i cittadini distogliendoli dal concreto. Purtroppo senza una forma logica di opposizione, l’umanità è destinata a soccombere nuovamente alle dittature religiose, ne pagano le conseguenze soprattutto le donne la cui natura continua ad essere mortificata perchè questa mortificazione è necessaria a mantenere in piedi le strategie di uso e controllo delle masse. Questo il motivo per cui i BdS faranno sempre e comunque opposizione alle fantasie dei gruppi “fai da te” e ne controllano, ne contrastano l’operato.  Nessuno si illuda quindi, non fermeremo mai e poi mai la nostra opera di contrasto conosciuta in tutto il globo, riportata dalle enciclopedie e dai libri di sociologia italiani, americani, giapponesi. Il nostro è un operato bene conosciuto che dura dagli anni ’80. Come noto anche noi siamo passati da forme primordiali di non satanismo al satanismo vero e proprio riportato in questa pagina. L’evoluzione è comprensibile dal momento che, adolescenti, ancora eravamo inebriati dalle fantasie cattoliche indotte sin dall’infanzia.

Come leader del satanismo razionale non pretendo che capiate, sono conscio che vi sia parecchia confusione e parecchio indottrinamento religioso ricevuto nel corso della vita, del resto chi non è plagiato dal cattolicesimo che irrompe nelle nostre vite fin dai tempi dell’asilo tanto da renderci bisognosi di un dio, di un qualcuno che risolva per noi e ci ascolti, che accolga le nostre genuflessioni e ci tratti da figli così come un padre buono ma severo, invisibile e onnipresente fa, da che religione è religione.

Anche la sociologia è entrata in confusione e continua a classificare forme di satanismo fideistico faticando a stare dietro ad ogni nuovo gruppo e ad ogni delirio spacciato per insegnamento di vita.
Tutti abbiamo presente il fu LaVey, una specie di “Otelma” californiano che fondò nientemeno che “la Church of Satan (Chiesa di Satana) con tanto di Bibbia, comandamenti e idiozie varie, le stesse che ritroviamo all’interno dell’escatologico cattolicesimo. Le fotografie lasciate da LaVey lo ritraggono come il classico diavolo visto dalla Chiesa Cattolica, col pizzetto e le corna, le donnine nude ai suoi piedi come oggetti da cerimonia, LaVey seduto su di un trono, vestito in tonaca nera, donne prive di vestiti genuflesse alla sua mercè. Sicuramente non una bella immagine visto che la mortificazione della donna è il cavallo di battaglia della Chiesa Cattolica. Erano comunque altri tempi e la gente si trovava di fronte ad una novità o, meglio, ad un cattolicesimo goffamente rovesciato e condito da qualche stralcio di ideologia portata alla ribalta da Aleister Crowley nei suoi testi anche questi scopiazzati quando non inventati. Vi era quindi il connubio sesso, donna oggetto, soldi e potere tipico delle credenze popolari. Oggi la chiave del potere è nella genetica, ai tempi di LaVey era nel suo casino inteso non come frastuono.

4782b90858ab455117857c3c3cb4c5ed

Il santone Anton Szandor LaVey 1930 – 1997

Di nuovo mi ripeto e credo di doverlo fare anche più avanti nel tempo, il vero avversario (“satana” dall’ebraico) delle dittature religiose e spirituali è la scienza, la capacità di dominare e malleare la materia, la capacità di evolversi e di gettare luce a ciò che oggi viene percepito come mistero e diventa punto di forza del controllo sociale religioso e teocratico.
Il diavolo siamo si noi esseri umani in evoluzione come padroni modificatori della materia, ma anche come dignitosi esseri eretti nei nostri diritti e nelle nostre passioni.

Il resto è stupida fede.

Marco Dimitri

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Comunicati BdS

Il leader, la mandria, i vaganti

L’emblema per scaricare il disagio è pronto. Ora via libera alla danza dei giustizieri

Pubblicato

il

Il crollo del Paese ha aperto la strada alle più subdole combinazioni di pensiero. Ormai si può tranquillamente parlare di irrecuperabilità.

marco dimitri

Serviva solo un leader che incarnasse lo squallore, che fosse il lasciapassare all’espressione del disagio.

Mandrie di vaganti che sbucano da ogni dove, ora hanno una speranza, una traballante direzione, una religione. Del resto, quando tutto è irrecuperabile, l’azione che più fermenta intimamente è la distruzione.

Questa distruzione pare venire esercitata in maniera quasi infantile: il mio Paese, la mia proprietà, la mia religione, le punture che fanno male.

In sintesi sembra che la società dei valori, della fratellanza, dell’uguaglianza sia precipitata goffamente nel cratere dell’oscurantismo.

I nemici vengono eletti di volta in volta, comunque sempre le minoranze. Sono tornate le guerre tra bianchi e neri, tra carnagione chiara e carnagione scura, sono tornati i pestaggi, degli “uomini neri”.

Non ci troviamo davanti ad una regolarizzazione dell’immigrazione ma a vere e proprie azioni punitive dettate dall’odio e da quel poco di potere che una carica statale può concedere.

Vero, ci sono forme di criminalità esercitate da persone immigrate, stupri, e tutto ciò che di marcio si può leggere nelle cronache.

Sono queste le persone da allontanare, ma questo a prescindere dall’etnia, dal colore della pelle.

In italia viene consumata una strage in famiglia praticamente ogni giorno, basta leggere le cronache. I carnefici sono italiani, questo è un fenomeno praticamente rimasto sempre presente, ancora prima delle “invasioni” ancora prima della discriminazione dei meridionali.

A rendere ancora più buio questo periodo vengono inventate notizie false “bufale” “Fake News” dove l’epicentro è un uomo di colore o un gruppo di neri che compiono reati terrificanti, violentano bambini, uccidono, percepiscono pensioni faraoniche senza avere mai lavorato.

Tutte bufale, basta controllare.

Purtroppo le mandrie si limitano a condividere questo tipo di notizie, aggiungendo una “faccina” arrabbiata.  Anche se si fa notare che la notizia è finta, la condivisione continua.

E perchè non includere anche le donne che praticano l’aborto nel calderone dei “mostri”. Assassine pure loro, bisogna mettere illegale l’aborto. Stessa cosa capita per gli omosessuali, troppi capricci, le donne devono andare con gli uomini e gli uomini con le donne.

E’ ora di mettere la testa a posto.

La scienza? Abbiamo la religione, cosa ce ne facciamo della scienza? Basta prendere una laurea su Google in cinque minuti per capire che i vaccini uccidono,  per capire che il cancro è provocato dal vaccino contro l’influenza.

Lo dice anche il governo, 10 vaccini sono troppi, possono fare male. Le morti per morbillo? Ma sono solo 6! Peccato che 6 bambini sono morti, non sono 6 oggetti, la scienza tramite una costante ricerca ha fornito traguardi e soluzioni a malattie un tempo impossibili da curare. Sono state fermate epidemie terribili, peste, colera, vaiolo. Ovviamente le mandrie, i vaganti, sono felici così, è sufficiente una famiglia tradizionale, un dio tradizionale, un lavoro, una terra non invasa.

 
  

Licenza Creative Commons

 

 

Continua a leggere

Comunicati BdS

Quando i “Negri” erano i “Terroni”

Il deragliamento italiano

Pubblicato

il

Oggi 2018 è tornato ad imperarel’odio razziale, stavolta, con la stessa poca fantasia di un tempo,  i conflitti sono tra popolazione di carnagione bianca e popolazione di carnagione nera.

Il diapason è pressoché identico  alle lotte civili tra settentrionali  e meridionali.

marco dimitri

Secondo chi accusava, i meridionali chiamati con disprezzo “terroni” per evidenziare l’ignoranza contadina, la sporcizia di chi sta a contatto  col suolo, il marciume, le feci,  l’emigrazione  dal meridione e l’immigrazione al nord erano l’appropriazione dei posti di lavoro,  l’esportazione della criminalità,  l’usurpazione da un trono conquistato con la lotta ed il lavoro.

Lo status di povertà mostrava famiglie dal volto recitato e sofferente, una prole che arrivava anche a 12 figli. Puntualmente arrivavano in massa, la valigia era uno scatolone legato con lo spago, le barbe incolte,  i corpi maleodoranti, le urla, quel modo di parlare come se l’interlocutore fosse a 200 metri invece che a 30 centimetri. Spesso famiglie intere dalla prole numerosa che diventava bullismo, delinquenza, , violenza carnale, rapine, furti. Altri “rubavano il lavoro” padri di famiglia volenterosi che erano in grado anche di svolgere tre lavori contemporaneamente, privando altre persone native del luogo di un lavoro.

Si, lo stesso diapason, qualche anno fa erano i “terroni” oggi sono i “negri” la minaccia che porta via il lavoro agli italiani, che dissemina  terrore e violenza, che stupra, che puzza, che è ancora più brutta.

Come spesso accade sono le differenze ad essere trasformate in diversità, in  emarginazione, perchè più sei emarginato più sei la feccia,  e più sei differente più la differenza ti fa sentire l’onesto, quello che può puntare il dito oggi ed il fucile domani.

Sembra insomma che l’emancipazione dell’uomo medio sia arrrivata al fiore, di più non può dare, di più non può capire, ora tutto appassisce come ogni cosa bella inizia a declinare.

 

“E’ tempo di avere un leader che dia motivazione, energia, appoggio al massacro, è tempo di gettare di nuovo la scienza sul rogo perchè sono le medicine che ti fanno diventare matto. Ecco perchè c’è una strage in famiglia quasi ogni giorno nella nostra Italia, ecco perchè i carnefici non sono solo neri, non sono solo del sud.”

L’Italia è deragliata, per quanto si cerchi di costruire un colpevole, rimarrà sempre un Paese uscito dai binari.

 
  

Licenza Creative Commons

 

 

Continua a leggere

Comunicati BdS

Cosa accadrà quando Padre Pio e le forze ribelli non riusciranno più a contenere le epidemie di morbillo?

Ci avviseranno con segnali subliminali? Troveranno un rimedio all’americana dove gli ultimi 7 secondi saranno destinati al crollo delle case farmaceutiche sotto i duri clpi delle spade laser. Non faranno nulla?

Pubblicato

il

Li senti quasi squittire per le strade: “Morbillo? Ma li è tutto un giro di soldi, nessuno nella mia famiglia è morto col morbillo, ecco al limite possono servire gli antibiotici se uno fatica a guarire dal morbillo!”.

Malattie come peste, vaiolo, lebbra, sono state debellate dai vaccini. In quel caso però si fa finta di nulla, ciò che è lodevole traguardo unano viene riversato nel cuore delle statue dopo che il santo dei santi abbia accolto e dato il benestare. Attenti però, un salumiere, un impiegato delle poste, un barbiere potrebbero scoprire il bluff: “Quella roba fa finta di curarci ma in realtà ci fa venire il cancro” .

Succede che studiosi che hanno dedicato l’intera vita alla ricerca vengano viste come la radice del male, pronta a speculare. E’ uno sporco gioco che usa il terrore partorito dall’ignoranza nei confronti di un nemico molto più forte, un nemico che non può fingere, ha l’obiettivo di ucciderti ed il potere di nascondersi.

Mai arrendersi. L’informazione va sempre erogata dagli organi competenti. Dispiace però vengano inquadrati, nel mirino dell’imbecillità, esperienze e risultati così cristallini da avere debellato senza ombra di dubbio, malattie terribili, dispiace si debba tornare a ricamare col filo di una ignoranza cronica. In poche parole fluttuando nella mente di certi “politici” la vita di un bambino sembra valere meno di una tessera di partito. Secoli di studi (e di risultati positivi) dovrebbero cedere al sapere scientifico di chi si sbalordisce nell’osservare acqua e aceto messi assieme iniziare la danza magica del frizzare.

Marco Dimitri

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Facebook

I più letti