Contattaci

ESTERI

Ex capo FBI Comey: “Trump come un boss mafioso”, “È bugiardo e vive in una realtà alternativa”

Comey contro Trump: “Un boss mafioso”. Ex capo Fbi all’attacco del presidente americano: “Immorale e prepotente, era ossessionato da un dossier…”. Le ultime notizie sulle sue rivelazioni

Pubblicato

il

Donald Trump è un bugiardo incallito che con un “codice di lealtà” simile a quello usato dai boss mafiosi ha sottomesso il suo entourage. Questo è il pensiero di James Comey, ex capo dell’Fbi il cui libro in uscita sta facendo discutere e che rischia di scuotere ulteriormente la Casa Bianca. Il presidente americano vive in «un bozzolo di realtà alternativa» nel quale cerca di far entrare chi gli sta intorno. «La menzogna su tutto, dalle piccole alle grandi cose, al servizio di un qualche codice di lealtà che mette l’organizzazione sopra la moralità e la verità», ha scritto Comey nel suo libro. Per l’ex numero uno dell’ #Fbi il tycoon non ha congenitamente il senso di ciò che è giusto e sbagliato: «Questo presidente non è etico, slegato dalla verità e dai valori istituzionali», si legge in un altro estratto pubblicato dal New York Times. E parla anche di una leadership «guidata dall’ego e dalla lealtà a se stesso».

COMEY CONTRO TRUMP: “UN BOSS MAFIOSO”

Un durissimo attacco a Donald #Trump : fa già discutere il libro di James Comey, ex capo del Federal Bureau of Investigation, l’FBI. È in uscita la prossima settimana, ma i media americani ne hanno dato le prime ampie anticipazioni. Si tratta di oltre 300 pagine di memorie dal titolo “A higher loyalty: truth, lies and leadership” in cui il presidente Usa è definito «immorale, prepotente, e non legato in alcun modo alla verità». Comey si è tolto più di un sassolino dalle scarpe dopo il licenziamento in tronco nel maggio 2017 per non aver assecondato il voler di Trump, che spingeva per la chiusura delle indagini sul Russiagate. «Trump come un boss mafioso», scrive l’ex numero uno dell’FBI. L’atteggiamento del presidente americano per ottenere lealtà nei suoi confronti è paragonato a quello di un boss mafioso, «un boss in completo controllo» che si circonda di persone che lo assecondano in silenzio, legati a un giuramento di fedeltà.

IL DOSSIER CHE LO OSSESSIONAVA…

Fin dal primo incontro, avvenuto alla Trump Tower nel gennaio 2017, Comey ha avuto l’impressione che il presidente degli Stati Uniti fosse «ossessionato» da un dossier in particolare, quello in cui l’ex spia britannica Christopher Steel sostiene che Mosca possiede materiale per ricattarlo. Si tratta di materiale scottante, come presunti incontri con prostitute in un hotel di Mosca nel 2013. Comey racconta che Trump gli chiese di indagare su un presunto video nel quale il tycoon veniva ripreso nella camera d’albergo dove alcune prostitute urinavano sul letto dove avevano dormito Barack e Michelle Obama. «Lo deve fare per rassicurare mia moglie Melania», gli avrebbe spiegato, negando con forza le accuse. «Vi sembra che sia un ragazzo che ha bisogno di andare con le prostitute?», gli disse. Poi cominciò a parlare di tutti i casi in cui diverse donne lo accusano di molestie sessuali. Un tycoon molto agitato, descritto duramente dall’ex capo dell’FBI, secondo cui «la sua leadership è guidata esclusivamente dall’ego».





Licenza Creative Commons



Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ESTERI

Londra, attentatore era 28enne Usman Khan, in libertà vigilata, era stato condannato per terrorismo

Attacco ieri sera anche all’Aja, dove 3 minorenni sono state feriti con un coltello da un uomo tuttora in fuga. A Parigi evacuata la Gare du Nord dopo che la polizia ha trovato nella borsa di un viaggiatore un pezzo di artiglieria definito però ‘inerte’

Pubblicato

il

Si chiamava Usman Khan, aveva 28 anni ed era in libertà vigilata dopo una condanna per terrorismo l’attentatore che ieri sul London Bridge nel cuore di Londra ha accoltellato i passanti uccidendone 2 e ferendone 3. Poi, è stato bloccato dai passanti e ucciso dalla polizia. Khan era stato rilasciato in libertà vigilata l’anno scorso, dopo aver scontato sei anni per reati di terrorismo.  Il ragazzo era stato condannato nel 2012 e rilasciato a dicembre 2018 “su licenza”, il che significa che avrebbe dovuto soddisfare determinate condizioni o sarebbe tornato in carcere. Diversi media britannici hanno riferito che indossava un braccialetto elettronico alla caviglia.    Prima dell’attacco Khan stava partecipando a un evento a Londra ospitato da Learning Together, un’organizzazione con sede a Cambridge che lavora nell’istruzione dei carcerati.    L’antiterrorismo britannica afferma che la polizia non sta attivamente cercando altri sospetti. L’uomo indossava un finto giubbotto esplosivo.

In un video, si vede l’aggressore a terra e altre persone in lotta con lui. Uno degli eroi che ieri hanno bloccato l’assalitore e cercato di salvare la vita ad una delle vittime dell’attacco sul London Bridge, è un omicida in libertà vigilata.    Secondo quanto scrive il Mail Online, l’uomo è James Ford, un 42enne condannato all’ergastolo nell’aprile del 2004, con un minimo di 15 anni da scontare, per l’omicidio di Amanda Champion, una ragazza di 21 anni con difficoltà di apprendimento.    Fonti del governo hanno confermato che Ford si trovava ieri sul London Bridge al momento dell’attentato. La famiglia della ragazza ha espresso al tabloid “rabbia e shock” per averlo visto in libertà. “Non è un eroe. E’ un assassino inlibertà vigilata e noi non sapevamo niente” del suo rilascio, ha detto Angela Cox, la zia di Amanda Champion: “Ha ucciso una ragazza disabile. Non è un eroe, assolutamente no”.   La Cox, riporta il Mail Online, ha appreso del rilascio di Ford ieri stesso: “L’ufficiale di collegamento di polizia – ha proseguito – mi ha chiamata dicendomi che era in tv. Sono molto arrabbiata. Lo hanno rilasciato senza nemmeno avvertirci”. “Qualsiasi membro della mia famiglia avrebbe potuto essere a Londra ed incontrarlo per caso”, ha proseguito. E poi: “E’ stato un vero shock. E’ una cosa terribile”.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Rai News

Continua a leggere

ESTERI

La Germania accoglierà il 25% dei migranti che arrivano in Italia

Lo ha confermato il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer in un’intervista alla Sueddeutsche Zeitung. Una analoga disponibilità è stata manifestata, spiega, anche dalla Francia

Pubblicato

il

La Germania è pronta ad accogliere un quarto dei migranti salvati nel Mediterraneo e approdati in Italia. Lo ha confermato il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer in un’intervista alla Sueddeutsche Zeitung, spiegando che una analoga disponibilità è stata manifestata dalla Francia. Questa proposta per una soluzione temporanea della suddivisione dei migranti fra i Paesi europei verrà presentata, a detta della SZ, al vertice dei ministri degli Interni dell’Ue fissata per il 23 settembre a Malta per essere esposta ufficialmente al Consiglio europeo di ottobre.

“Io ho sempre detto che la nostra politica migratoria debba anche essere umana e che non faremo affogare nessuno”, ha spiegato Seehofer al giornale bavarese. “I colloqui stanno continuando, ma se tutto rimane come abbiamo detto, possiamo accogliere il 25% delle persone salvate in mare che finiscono in Italia. Con questo la nostra politica migratoria non sarà sovraccaricata”.

Una precedente ipotesi lanciata da Seehofer, secondo la quale i profughi andrebbero riportati in appositi centri in Nordafrica dove esaminare prima le domande d’asilo, è invece stato messo da parte, per ora. “Per quello sarebbe necessario l’assenso di uno o due Paesi nordafricani, e quello per ora non c’è”.

A Italia, Francia, Germania e Malta che sono intenti a fissare un primo e provvisorio regolamento per la suddivisione delle quote, dovrebbero seguire altri Paesi, afferma il ministro dell’Interno del governo di Angela Merkel: “La nostra aspettativa è che altri Stati si aggiungeranno”, ha detto Seehofer, secondo il quale finora la Germania ha già accolto più o meno un quarto delle persone salvate in mare. Stando ai dati del ministero federale dell’Interno, negli scorsi dodici mesi sono stati 561 i profughi salvati nel Mediterraneo che sono giunti in Germania passando dall’Italia.





Licenza Creative Commons



Crediti :

AGI

Continua a leggere

ESTERI

11 settembre 2001: il video del secolo

Le nuove immagini, pubblicate su Youtube a 17 anni dall’attentato che ha cambiato il mondo, mostrano quanto accaduto negli attimi dopo la caduta delle Torri Gemelle a New York

Pubblicato

il

Tenetevi forte, come dicono i venditori di emozioni. Possiamo garantirvi che non avete mai visto ciò che state per vedere. Queste immagini non provengono dalla fabbrica delle illusioni, non siamo a Hollywood, e non vedrete mirabolanti effetti speciali inventati da un computer.
L’effetto speciale qui è un uomo. Un uomo di origine italiana, Mark LaGanga, che lavorava come operatore per la CBS la mattina dell’11 Settembre 2001, quando sono venute giù le Torri Gemelle al World Trade Center.
Mark LaGanga è soltanto uno che fa il suo lavoro. E lo fa senza accorgersi, nemmeno per un attimo, che sta per lasciarci la pelle.
Dopo il crollo di una delle due Torri, Mark LaGanga cammina contromano rispetto alla folla che fugge dal disastro.
Mark si avvicina alla Torre Sud che è ancora in piedi, inquadra a lungo gli ultimi piani avvolti dalle fiamme, aspetta a piè fermo che la tragedia si compia. Poi viene anche lui travolto dal crollo, cade a terra, lo schermo diventa completamente nero, ma il suo microfono continua a registrare i suoni attorno a lui.
Pochi minuti di un’angoscia indescrivibile, sprofondati nel buio.

Ma ecco che Mark si rialza, riesce persino a trovare la forza di pulire l’obiettivo come un automobilista pulirebbe il parabrezza, e riparte.
Mark LaGanga incontra altri uomini come lui e ha il coraggio di intervistarli. Si imbatte nel dirigente di un’azienda, anche lui di origine italiana, Mike Benfante, che gli racconta di essere appena venuto giù a piedi dalla Torre Nord portando sulle spalle una donna paralitica per 68 piani.
L’operatore della CBS incontra addirittura un agente appartenente a un non meglio identificato reparto dei Servizi Segreti, alquanto smarrito, che si dichiara candidamente come tale.
Mark registra le reazioni più diverse. Quella di chi stenta a credere di essere ancora vivo e si rallegra con se stesso di poter “ancora correre a 69 anni”, come quella di chi non vuole nemmeno parlare perché non sa più, da quel preciso momento, che senso potrà ancora avere la propria vita.
È un film folle come è folle, da quel giorno, la nostra vita.
Perché tutto è cominciato quel giorno.
Perché da allora tutto è cambiato.

Perché da quel giorno conviviamo tutti i giorni con l’odio, con il terrorismo, con la fine del mondo.
Perché la storia dell’umanità si spezza tra il prima e il dopo l’11 Settembre 2001.
Quel giorno, al World Trade Center hanno perso la vita circa 3300 persone.
Un terzo è letteralmente sparito dalla faccia della Terra.
Di 1100 vittime non è stata trovata neppure un’unghia.

Tutti quei corpi si sono squagliati lentamente, molto lentamente, sotto le macerie. Immagino cosa proveranno nel vedere queste immagini tutti coloro che erano legati a queste 1100 persone e che continuano a pregare, da diciassette anni a questa parte, davanti a bare vuote. Io stesso, arrivato a New York tre giorni dopo, non potrò mai dimenticare quel tanfo di bruciato, così diverso da quello di MacDonald, che correva inesorabile nel vento, di giorno e di notte, tra i blocks di Manhattan, Harlem, Bronx e Tribeca.
Questi 29 minuti di footage straordinariamente restaurato in HD, e dotato di un suono altrettanto limpido, potrebbero rappresentare la fine e l’inizio di qualcosa. Forse segneranno il declino di tanti blockbuster catastrofici hollywoodiani che mettono in scena disastri per puro intrattenimento.
Oggi che viviamo a stretto contatto con una quantità impressionante di immagini che intasano i nostri cervelli come pattumiere indifferenziate, dopo aver vissuto con gli occhi di Mark LaGanga ciò che accadde l’11 Settembre del 2001 a New York, molto probabilmente tutti noi non saremo più gli stessi.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Avvertita da popolazione che si è riversata in strade [...]

Canti e musica per ricordare morte anarchico a Milano [...]

Entrambi sessantenni, investiti da un'auto [...]

"Le sue parole hanno già portato frutti" [...]

Pronti ad organizzare a Roma seduta Consiglio comunale [...]

Proposta raccoglie consensi politici. Fico: 'E' artigiana della pace' [...]

Guardia giurata aveva appena ritirato plico denaro. Indagano Cc [...]

Cerimonia alla fondazione pontificia a Palazzo san Calisto a Roma [...]

Avvertita da popolazione che si è riversata in strade [...]

Entrambi sessantenni, travolti da un'auto nel Bresciano [...]

Lo ha assicurato la presidente ad interim Anez [...]

La mossa mostra le tensioni in vista del voto in aula [...]

Media, Trump si prepara all'annuncio [...]

Premier nel nord, 'grazie della fiducia, svetteremo sul mondo' [...]

Sonia Gandhi attacca Modi, 'è ora di salvare il Paese' [...]

Allenatore del Genoa: "Il pareggio sarebbe stato più giusto" [...]

Tecnico della Samp: "Dobbiamo continuare così senza distrarci" [...]

La squadra di Simeone in gol nella ripresa con Morata e Niguez [...]

Ha deciso derby della Lanterna un gol di Gabbiadini nel finale [...]

L'attaccante francese è stato operato alla caviglia [...]

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

I più letti