Contattaci

Cinema e TV

Filmografia Vampirica

Pubblicato

il

LE MANOIR DU DIABLE – 1896
Regia: George Melies. FRANCIA

THE VAMPIRE OF THE COAST – 1909 (USA)

THE VAMPIRE’S TRAIL -1910 (USA)

VAMPYR TANZERINNEN – 1911 (DANIMARCA)

DANSE VAMPIRESQUE – 1912 (DANIMARCA)

DRAKULA – 1912
Regia: Karoly Lajthay UNGHERIA

VAMPYRN – 1912
Regia: Mauritz Stiller. SVEZIA

THE VAMPIRE – 1913
Regia: Roberto Vignola USA

IN THE GRIP OF THE VAMPIRE – 1913 (USA)

VAMPIRES OF THE NIGHT – 1914 (USA)

THE VAMPIRE OF WARSAW – 1914 (USA)

THE VAMPIRE’S TOWER – 1914 (USA)

SAVED FROM THE VAMPIRE – 1914 (USA)

THE VAMPIRE’S CLUTCH – 1915 (USA)

KISS OF THE VAMPIRE – 1915 (USA)

THE VAMPIRE OF THE DESERT – 1915 (USA)

A FOOL THERE WAS – 1915 (USA)

WAS SHE A VAMPIRE? – 1915 (USA)

MR. VAMPIRE – 1915 (USA)

THE VAMPIRE’S DANCE – 1915 (USA)

THE VAMPIRE – 1915 (USA)
Regia: Louise Gasnier e George B. Seitz.

LES VAMPIRES – 1915
Regia: Louis Feuillade. FRANCIA

DRAKULA – 1921
Regia: Karoly Lajthay. UNGHERIA

NOSFERATU, IL VAMPIRO (Nosfertatu, Eine Simphonie der Grausen) – 1922
Regia: Friedrich W. Murnau. Scen: Henrick Galeen (basata du Dracula di Bram Stoker). Cast: Max Schreck (Orlock), Greta Schroeder, Ruth Landshoff, John Gottow, Gustav Botz, Alexander Cranach, Hardy von Francois. Prod: Prana Film. GERMANIA

IL FANTASMA DEL CASTELLO (London after midnight) – 1927
Regia: Tod Browning. Scen: Tod Browning e Waldemar Young (dal romanzo The Hypnotist di Tod Browning). Cast: Lon Chaney (Edmund Burke/Mooney il Vampiro), Marceline Day, Polly Moran, Henry B. Walthall, Conrad Nagel. Prod: MGM. USA

DIE ZWOLFTE STUNDE – 1930
Regia: Waldemar Roger. Scen: Conrad West e Symon Gould. USA/GERMANIA

DRACULA – 1931
Regia: Tod Browning.Scen: Garrett Murphy dal dramma di Hamilton Deane e John Balderston a sua volta ispirato al Dracula di Bram Stoker. Cast: Bela Lugosi (Dracula), Edward van Sloan (Van Helsing), David Manner (Harker), Helen Chandler (Mina), France Dale (Lucy), Dwight Frye (Renfield), Herbert Bunston (Seward). Prod: Universal Studios. USA

DRACULA – 1931
Regia: George Melford. Cast: Carlos Villarias (il Conte Vampiro), Carmen Guerrero (Lucia), Lupita Tovar, Barry Norton. Prod: Universal Studios. USA / MESSICO

VAMPYR – 1932
Regia: Carl Theodor Dreyer. Scen: Carl Dreyer e Christian Jul, adattata liberamente da Carmilla di J.S. Le Fanu. Cast: Sybille Schmitz (Lèone), Nicolas de Guntzburg (David Gray), Rena Manuel (Gisèle), Maurice Schutz (il Lord). Prod: Tobis/Klangfilm. GERMANIA-FRANCIA

LA FIGLIA DI DRACULA (Dracula’s daughter) – 1936
Regia:Lambert Hyllier. Cast: Gloria Holden (Countess Dracula) USA

IL FIGLIO DI DRACULA (Son of Dracula) – 1943
Regia: Robert Siodmak. Cast: Lon Chaney Jr. (Count Alucard) USA

IL RITORNO DEL VAMPIRO (The return of the Vampire) – 1943
Regia: Lew Landers. Cast: Bela Lugosi (Armand Tesla) USA

AL DI LA’ DEL MISTERO (House of Frankenstein) – 1944
Regia: E.C. Kenton. Cast: John Carradine (Dracula) USA

LA CASA DEGLI ORRORI (House of Dracula) – 1945
Regia: E:C: Kenton. Cast: John Carradine USA

IL CERVELLO DI FRANKENSTEIN (Abbot & Costello Meet Frankenstein) – 1948
Regia: Charles T. Barton. Cast: Bela Lugosi (Dracula) USA

DRACULA ISTANBULDA – 1953
Regia: Mehmet Muktar TURCHIA

EL VAMPIRO – 1956
Regia: Fernando Mendez. MESSICO

LA STIRPE DEI VAMPIRI (El Vampiro) – 1956
Regia: Fernando Mendez. Cast: Germano Robles (Conte Lavud/Duval) MESSICO

IL VAMPIRO (The Vampire) – 1957
Regia: Paul Landres. Cast: John Beal (Dottor Beecher) USA

LA BARA DEL VAMPIRO (El ataud del vampiro) – 1957
Regia: Fernando Mendez. Cast: Germano Robles (Conte Lavud/Duval) MESSICO

DENDAM PONTIANAK – 1957
Regia: B.N. Rao. MALESIA

PONTIANAK – 1957
Regia: B.N. Rao MALESIA

I VAMPIRI – 1957
Regia: Riccardo Freda. Cast: Gianna Maria Canale (Contessa Du Grand) ITALIA

EL CASTILLO DE LOS MONSTRUOS – 1958
Regia: Juan Soler. MESSICO

ANAK PONTIANAK – 1958
Regia: Ramon Estella FILIPPINE

SUMPAH PONTIANAK – 1958
Regia: B.N. Rao. MALESIA

ONNA KIUKETSUI – 1958
Regia: Nobuo Nakagawa. GIAPPONE

IL BACIO DELLO SPETTRO (The return of Dracula) – 1958
Regia: Paul Landres. Cast: Francis Lederer (Dracula) USA

DRACULA IL VAMPIRO (Dracula) – 1958
Regia: Terence Fisher. Cast: Christopher Lee (Dracula) GB

IL SANGUE DEL VAMPIRO (The blood of the vampire) – 1958
Regia: Henry Cass. Cast: Donald Wolfit (Dr. Callistratus) GB

TEMPI DURI PER I VAMPIRI – 1959
Regia: Steno. Cast: Christopher Lee (Dracula), Renato Rascel (Osvaldo) ITALIA

EL SANGRE DE NOSTRADAMUS – 1960
Regia: Federigo Curiel. MESSICO

LA MALEDICION DE NOSTRADAMUS – 1960
Regia. Federigo Curiel. MESSICO

LE SPOSE DI DRACULA (The Brides of Dracula) – 1960
Regia: Terence Fisher. Cast: David Peel (Braone Meinster) GB

L’ULTIMA PREDA DEL VAMPIRO – 1960
Regia: Piero Regnoli. Cast: Walter Brandi (Kernassy) ITALIA

IL SANGUE E LA ROSA (Et mourir de plaisir) – 1960
Regia: Roger Vadim. Cast: Annette Stroyberg (Carmilla) ITALIA- FRANCIA
Ispirato al racconto “Carmilla” di Joseph Sheridan Le Fanu

LA MASCHERA DEL DEMONIO – 1960
Regia: Mario Bava. Cast: Barbara Steele (Katia) ITALIA

EL VAMPIRO SANGRIENTO – 1961
Regia: Miguel Morayta. MESSICO

FRANKENSTEIN, EL VAMPIRO Y CIA – 1961
Regia: Benito Alazraki. MESSICO

NOSTRADAMUS Y EL GENIO DE LAS TINIEBRAS – 1961
Regia: Federigo Curiel. MESSICO

EL MUNDO DE LOS VAMPIROS – 1961
Regia: Alfonso Corona Blake. MESSICO

THE BLOOD DRINKERS – 1961
Regia: Gerardo de Leon. FILIPPINE

AHKEDA KKOTS – 1961
Regia: Yongmin Lee. COREA DEL SUD

ERCOLE AL CENTRO DELLA TERRA – 1961
Regia: Mario Bava. Cast: Christopher Lee (Lico) ITALIA

IL MISTERO DEL CASTELLO (Kiss of the Vampire) – 1962
Regia: Don Sharp. Cast: Noel William (Ravna) GB

LA INVASION DE LOS VAMPIROS -1962
Regia: Miguel Morayta. MESSICO

SANTO CONTRA LAS MUJERES VAMPIRES -1962
Regia: Alfonso Corona Blake MESSICO

NOSTRADAMUS Y EL DESTRUCTOR DE MONSTRUOS – 1962
Regia: Federigo Curiel. MESSICO

EL VAMPIRO AECHECHA – 1962
Regia: Nestor Zarrade. MESSICO

I TRE VOLTI DELLA PAURA – 1963
Regia: Mario Bava. Cast: Boris Karloff (Gorka) ITALIA

LA MALEDICION DE LOS KARNSTEIN – 1963
Regia: Thomas Miller. SPAGNA

LA HUELLA MACABRA – 1963
Regia: Alfredo B. Crevenna MESSICO

PONTIANAK KEMBALI – 1963
Regia: Ramon Estella FILIPPINE

ECHEMME EL VAMPIRO – 1964
Regia: Alfredo B. Crevenna. MESSICO

PONTIANAK GUA MUSANG – 1964
Regia: B.N. Rao. MALESIA

DRACULA, PRINCIPE DELLE TENEBRE (Dracula, Prince of darkness) – 1965
Regia: Terence Fisher. Cast: Christopher Lee (Dracula) GB

UN VAMPIRO PARA DOS – 1965
Regia: Pedro Lazaga. SPAGNA

BLOODLESS VAMPIRE – 1965
Regia: Michael Dupont. MALESIA

LA SORELLA DI SATANA – 1965
Regia: Michael Reeves. YUGOSLAVIA

PER FAVORE NON MORDERMI SUL COLLO (The fearless vampire killers) – 1967
Regia: Roman Polanski. Cast: Roman Polanski, Ferdy Maine (Conte von Krolock)

EL CHARRO DE LAS CALAVERAS – 1967
Regia: Alfredo Salazar. MESSICO

EL IMPERIO DE DRACULA – 1967
Regia: Federigo Curiel. MESSICO

LAS VAMPIRAS – 1967
Regia: Federigo Curiel. MESSICO

EL SANTO CONTRA EL BARON BRAKOLA – 1967
Regia: Josè D. Morales. MESSICO

LE AMANTI DI DRACULA (Dracula has risen from the grave) – 1968
Regia: Freddie Francis. Cast: Christopher Lee (Dracula) GB

SANGRE DE VIRGENES – 1968
Regia: Emilio Vieyra. MESSICO

EL VAMPIRO Y EL SEXO – 1968
Regia: Renè Cardona. MESSICO

UM SOGNO DE VAMPIROS – 1968
Regia: Iber Cavalcanti. BRASILE

KURONEKO – 1968
Regia: Kaneto Shindo. GIAPPONE

LA VAMPIRA NUDA (La vampire nue) – 1969
Regia: Jean Rollin. FRANCIA

EL SANTO Y BLUE DEMON CONTRA LOS MONSTRUOS – 1969
Regia: G.M. Solares. MESSICO

MALENKA LA VAMPIRA – 1969
Regia: Armando de Ossorio. SPAGNA

EL HOMBRE QUE VINO DE UMMO – 1969
Regia: Tullio de Micheli. SPAGNA

LA MARCA DEL HOMBRE LOBO – 1969
Regia: Jacinto Molina. SPAGNA

EL VAMPIRO DE LA AUTOPISTA – 1969
Regia: Josè Luis Madrid. SPAGNA

MEN OF ACTION MEET WOMEN OF DRACULA – 1969
Regia: Artemio Marquez. MALESIA

LA MORTE VA A BRACCETTO CON LE VERGINI (Countess Dracula) – 1970
Regia: Peter Sasdy. Cast: Ingrid Pitt (Contessa Bathory) GB

YORGA IL VAMPIRO (Count Yorga the vampire) – 1970
Regia: Bob Kelljan. Cast: Robert Quarry (Yorga) USA

LOS VAMPIROS DEL DR. DRACULA – 1970
Regia: Enrique Eguiluz. SPAGNA

EL CONDE DRACULA – 1970
Regia: Jesus Franco. SPAGNA

VAMPIR CUADECUC -1970
Regia: Pedro Portobello. SPAGNA

LA NOCHE DE WALPURGIS – 1970
Regia: Leon Klimovsky. SPAGNA

BLOOD THIRST -1970
Regia: Arnold Newt. MALESIA

CURSE OF THE VAMPIRES – 1970
Regia: Gerardo de Leon. FILIPPINE

DUGONG VAMPIRA – 1970
Regia: Gerardo de Leon. FILIPPINE

DRACULA LUSTERNE-SEX VAMPIRE – 1970
Regia: Mario d’Alcala. SVIZZERA

CHANOC CONTRA EL TIGRE Y EL VAMPIRO – 1971
Regia: G.M. Solares. MESSICO

VAMPYROS LESBOS – 1971
Regia: Jesus Franco. SPAGNA

DRACULA CONTRA EL DR. FRANKENSTEIN – 1971
Regia: Jesus Franco. SPAGNA

CHI O SU MI – 1971
Regia: Michio Yamanoto. GIAPPONE

O MACABRO DR. SCIVANO – 1971
Regia: R.Calhado e Rosalvo Cacador. BRASILE

drac1972

SANTO Y BLUE DEMON CONTRA DRACULA Y EL HOMBRE LOBO – 1972
Regia: Miguel M. Delgado MESSICO

CAPULINA CONTRA LOS VAMPIROS – 1972
Regia: Renè Cardona. MESSICO

LA INVASION DE LOS MUERTOS – 1972
Regia: Renè Cardona. MESSICO

PASTEL DE SANGRE – 1972
Regia: Valles/Lazaro/Bellmont/Chavarri. SPAGNA

LA NOVIA ENSANGRENADA – 1972
Regia: Vincent Aranda. SPAGNA

EL RETORNO DE LOS VAMPIROS – 1972
Regia: J. M. Zabalza. SPAGNA

LA HIJA DE DRACULA – 1972
Regia: Jesus Franco. SPAGNA

LA LLAMADA DEL VAMPIRO – 1972
Regia: Josè Elorrieta. SPAGNA

LA CASA DELLE OMBRE MALEDETTE (Night of Dark Shadows) – 1972
Regia: Dan Curtis. Cast: Johnatan Fryd (Barnabas Collins) USA

EL RETORNO DE WALPURGIS – 1973
Regia: Carlos Auero. SPAGNA

ESOS CRUELES Y SANGUINARIOS VAMPIROS – 1973
Regia: Julio Perez Tabernero. SPAGNA

EL GRAN AMOR DEL CONDE DRACULA – 1973
Regia: Javier Aguirre. SPAGNA

LA SAGA DE LOS DRACULAS – 1973
Regia: Leon Klimovsky. SPAGNA

CEREMONIA SANGRIENTA – 1973
Regia: Jorge Graua. SPAGNA

LA ORGIA NOCTURNA DE LOS VAMPIROS – 1973
Regia: Leon Klimovsky. SPAGNA

LA COMTESSE NOIRE – 1973
Regia: Jesus Franco. SPAGNA

LICANTROPO – 1974
Regia: Miguel Iglesias. SPAGNA

LEONOR – 1975
Regia: Juan-Luis Bunuel. SPAGNA

ALUCARDA – 1976
Regia: Juan Lopez Moctezuma. MESSICO

EL POBRECITO DRACULIN – 1976
Regia: Juan Fortuny. SPAGNA

EL JOVENCITO DRACULIN – 1976
Regia: Carlos Benpar. SPAGNA

TIEMPOS DUROS PARA DRACULA – 1976
Regia: Jorge Darnell. SPAGNA

LES AVALLEUSES – 1977
Regia: Jesus Franco. SPAGNA

RABID – 1977
Regia: David Cronenberg. CANADA

VLAD THE IMPALER – 1978
Regia: Doru Nastase. ROMANIA

DRACULA AND TOK – 1979
Regia: Lo Tok. THAILANDIA

THIRST – 1979
Regia: Rod Hardy. AUSTRALIA

DRACULA (Dracula) – 1979
Regia: John Badham. Cast: Frank Langella (Dracula) USA

LE NOTTI DI SALEM (Salem’s Lott) – 1980
Regia: Tobe Hooper. Cast: Reggie Nalder (Barlow) USA

FARET VAMPIRE – 1981
Regia: Juraj Hertz. CECOSLOVACCHIA

MIRIAM SI SVEGLIA A MEZZANOTTE (The Hunger) – 1982
Regia: Tony Scott. Cast: Catherine Deneuve (Miriam), David Bowie (John Blayllock)

FRACCHIA CONTRO DRACULA – 1985
Regia: Neri Parenti. Cast: Paolo Villaggio (Fracchia), Edmund Purdom (Dracula) IT

AMMAZZAVAMPIRI (Fright Night) – 1985
Regia: Tom Holland Cast: Chris Sarandon (Jerry Dambridge) USA

RAGAZZI PERDUTI (Lost Boys) – 1987
Regia: Richard Donner. Cast: Kiefer Sutherland (David) USA

NOSFERATU A VENEZIA – 1988
Regia: Augusto Caminito. Scen: Alfredo Alfieri e Leandro Lucchetti. Cast: Klaus Kinski, (Dracula), Barbara De Rossi, Yorgo Voyagis, Donald Pleasance, Christopher Plummer. Prod: Scena Film/ReteItalia

DRACULA (Bram Stoher’s Dracula) – 1992
Regia: Francis Ford Coppola. Cast: Gary Oldman (Dracula), Keanu Reevs (Johnatan Harker), Wynona Rider (Mina), Anthony Hopkins (Van Helsing) USA

intervamp

INTERVISTA COL VAMPIRO (Interview with the vampire) – 1994
Regia: Neil Jordan. Usa. Cast: Tom Cruise, Brad Pitt
Antonio Banderas, Kirsten Dunst, Christian Slater

NADJA (USA, 1994) di MICHAEL ALMEREYDA
Le vicende di una famiglia di vampiri nella città di New York, e del Van Helsing di turno che segue le loro tracce. Vampiri post-moderni all’insegna della solitudine e della sofferenza.

VAMPIRI A NEW YORK

THE ADDICTION (USA, 1994) di ABEL FERRARA
Kathleen Conklin, studentessa in filosofia, tornando a casa una sera viene aggredita e morsa da una donna, che si rivelerà essere un vampiro. Si trasformerà così in una predatrice notturna, bisognosa di sangue come di una droga, a caccia nelle strade di New York. In bianco e nero.

DRACULA (ITA, 1994) di MARIO SALIERI
Porno-horror tutto italiano con Selen.

ED WOOD (USA, 1994) di TIM BURTON
La biografia di quello che è stato definito il peggior regista della storia del cinema, Edward Wood Jr. (interpretato da Johnny Depp). Il film narra di B-Movies (tra cui Plan 9 from Outer Space, con Lugosi e Vampira), travestitismi e fallimenti del regista, e della sua amicizia con Bela Lugosi (interpretato da un Martin Landau in splendida forma).

VAMPIRO A BROOKLYN (USA, 1995) di WES CRAVEN
Maximillian è l’ultimo vampiro della sua razza e deve trovare una compagna per non far morire la sua stirpe. Finirà a Brooklyn e metterà gli occhi su Rita. Con Eddie Murphy.

DRACULA MORTO E CONTENTO Dracula: Dead and Loving It (USA, 1995) di MEL BROOKS
Il conte Dracula (interpretato da Leslie Nielsen) si reca in Inghilterra per occupare un’abbazia di sua proprietà, ma dovrà vedersela con Van Helsing (Mel Brooks) e il dottor Seward. Fiacca parodia firmata da Mel Brooks. Tra gli interpreti anche Ezio Greggio.

I RACCONTI DELLA CRIPTA: IL PIACERE DEL SANGUE
Tales from the Crypt presents: Bordello of Blood (USA, 1996) di GILBERT ADLER
La vampira Lilith, interpretata dalla fotomodella Angie Everhart, viene riportata in vita. Metterà su un bordello per saziare la sua sete…

IRMA VEP (FRA, 1996) di OLIVER ASSAYAS
Il regista francese Rene Vidal, sta girando il remake di Les Vampires di Feuillade, e decide di affidare la parte di Musidora a Maggie Cheung, star di Hong King. L’attrice finirà “vampirizzata” dal suo ruolo, a girare vestita in latex sui tetti di Parigi…

DAL TRAMONTO ALL’ALBA
From Dusk Till Dawn (USA, 1996) di ROBERT RODRIGUEZ
I fratelli Seth e Richard Gecko sono due pericolosi criminali in fuga vero il Messico. Dopo aver sequestrato una famiglia, finiranno in un locale pieno di vampiri. Con George Clooney e Quentin Tarantino.

UN LUPO MANNARO AMERICANO A PARIGI
An American Werewolf in Paris (USA, 1997) di ANTHONY WALLER
Andy è un turista americano in viaggio con i suoi amici. A Parigi incontra Serafine, e i due si innamorano, ma poi scopre che lei è un vampiro. E soprattutto che la città francese nasconde un terribile segreto: una setta di licantropi…
Anthony Waller è anche il produttore di The Little Vampire (2000).

THE VAMPIRE JOURNALS (USA, 1997) di TED NICOLAU
Zachery, un vampiro del diciannovesimo secolo, cerca vendetta per la morte della sua amata: si metterà alla ricerca di un vampiro che domina in Europa orientale, del quale uccide molti servitori e compagni non-morti.

VAMPIRES (USA, 1998) di JOHN CARPENTER
Un gruppo di vampiri sta facendo pericolosi progetti di dominio sull’umanità. Il Vaticano, per sventare i piani dei non-morti, mette in piedi segretamente una squadra di cacciatori, guidati da Jack Crow (interpretato da James Woods).

DAL TRAMONTO ALL’ALBA 2
From Dusk Till Dawn 2: Texas Blood Money (USA, 1999) di SCOTT SPIEGEL
Sulla strada del Messico per una rapina in banca, cinque criminali incontreranno l’orrore e i vampiri nel Titty Twister Bar. Criticato sequel del famoso film con Clooney e Tarantino.

BLADE (USA, 1999) di STEPHEN NORRINGTON
La madre di Eric (interpretato da Wesley Snipes), quando ne era incinta, fu morsa da una vampiro, morendo poco dopo averlo dato alla luce. Questo diede al figlio degli strani poteri: a metà strada tra uomo e creatura della notte, Eric diventa Blade, nero Van Helsing, alla ricerca di vampiri e di vendetta. Tratto da un fumetto Marvel.

BATS (USA, 1999) di LOUIS MORNEAU
Pipistrelli geneticamente mutati, a causa di un esperimento governativo, terrorizzano gli abitanti di Gallup, cittadina del Texas… dovranno pensarci Sheila e Jimmy a risolvere la situazione.

LA FIANCEE DE DRACULA (FRA, 1999) di JEAN ROLLIN
Sulle tracce del conte Dracula, un professore e la sua assistente si imbattono nella setta delle vergini bianche… dal più famoso regista di film erotico-vampireschi.

SHADOW OF THE VAMPIRE (USA, 2000) di E. ELIAS MERHIGE
Il regista F.W. Murnau, interpretato da John Malkovich, sta girando il più grande film di vampiri del cinema muto, Nosferatu, Eine Symphonie des Grauens. Max Schreck (Willem Dafoe) è il misterioso protagonista, ma ben presto gli attori e lo staff si accorgeranno che non si tratta di un semplice attore…
Questo film ha ricevuto due nomination all’Oscar.

ZORA LA VAMPIRA (ITA, 2000) di ANTONIO e MARCO MANETTI
Il conte Dracula, annoiato e stanco del suo paese, decide di partire per l’Italia. Scoprirà ben presto che la vita nel bel paese è ben diversa da quella che aveva immaginato guardando la TV, e anche le sue ricchezze non valgono molto a causa del cambio sfavorevole… L’incontro con Zora però varrà da solo tutte le sue disavventure.

DRACULA’S’LEGACY, il Fascino del Male

DRACULA 2000 (USA, 2000) di PATRICK LUSSIER
Una banda di ladri, ben organizzati e attrezzati, organizza un colpo per appropriarsi delle preziose antichità di una collezione privata. L’unica cosa che riusciranno a trovare sarà una bara, e, credendo contenga qualcosa di prezioso, la portano con loro. Risveglieranno inconsapevolmente Dracula.

DAL TRAMONTO ALL’ALBA 3
From Dusk Till Dawn 3: The Hangman’s Daughter (USA, 2000) di P. J. PESCE
Prequel del primo Dal Tramonto all’Alba, questo film è ambientato in Messico agli inizi del 1900. Qui un pericoloso fuorilegge, Johnny Madrid, condannato all’impiccagione, evade dalla prigione e prende come ostaggio Esmeralda, figlia del boia. Scoprirà che Esmeralda è una vampira.

IL BACIO DI DRACULA (USA, 2001) di ROGER YOUNG
Jonathan Harker è a Budapest con degli amici, per affari. Con questi parte per la Romania, alla volta del castello del conte Tepes, da cui deve comprare degli oggetti preziosi. Il gruppo do giovani capirà di essere in pericolo quando Lucy cadrà vittima del conte, che non è altri che il vampiro Dracula. Ad aiutarli, però, ci sarà uno scienzato, il professor Valenzi (interpretato da Giancarlo Giannini).
Produzione RAI.

THE BREED (USA, 2001) di MICHAEL OBLOWITZ
I vampiri hanno rivelato da qualche tempo la loro esistenza agli esseri umani al fine di instaurare una pacifica convivenza, rinunciando al sangue e ricorrendo ad un preparato sintetico. Ma tra le loro fila c’è qualcuno che non è d’accordo con questa strategia…

LA REGINA DEI DANNATI (QUEEN OF THE DAMNED) USA 2002
di Micheal Rymer
E’ il seguito di “Intervista col Vampiro” ma come previsto il risultato è sicuramente di gran lunga inferiore

 

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema e TV

Come funziona la tecnologia di Black Mirror: Bandersnatch

Ecco come funziona il nuovo, rivoluzionario, capitolo di Black Mirror da dietro le quinte, tra buffer e scelte a bivi

Pubblicato

il

Bandersnatch , il nuovo episodio della serie Black Mirrorha diviso pubblico e critica. C’è chi lo trova rivoluzionario e coinvolgente, chi ci rivede meccaniche antiche e consunte specie per gli appassionati di videogame, che a percorsi e finali multipli sono abituati. Al di là della questione gusti e preferenze, questo episodio segna un passo importante verso un nuovo modo di intendere il contenuto televisivo. Di Bandersnatch, infatti, si può magari criticare la struttura a bivi non sempre ben progettata, ma è innegabile che la possibilità di effettuare scelte, e godersi un flusso audio-video senza tentennamenti, sia un meccanismo che funziona e destinato a diffondersi anche in altre serie e servizi di streaming. Con un po’ di calma, però, perché questo nuovo modo di intendere la serie tv implica delle soluzioni tecnologiche e produttive non proprio banali, per lo meno per il formato televisivo.

Di base, la struttura di Bandersnatch è a bivi, quindi consiste in una serie di clip video che sono combinate in sequenza a seconda delle scelte dello spettatore.

Vuoi che il protagonista scelga di mangiare a colazione una marca di cereali piuttosto che un’altra? Bene, fatta la selezione il software di Netflix rileva l’opzione e carica la clip corrispondente. Qui, se osservate bene, la tecnologia utilizza due espedienti. In questo genere di prodotti la vera sfida è garantire la continuità tra le clip, ma se si scegliesse la successiva, e questa venisse caricata in tempo reale, noteremmo sempre un piccolo stacco. Netflix risolve il problema con due trucchetti. Il primo è dare parecchi secondi per effettuare la scelta. Addirittura dieci. Prima l’utente fa la selezione, e più tempo ha il software per pre-caricare la clip successiva.

Bandersnatch

Prova ne è il fatto che, una volta effettuata la selezione, non si ha più possibilità di cambiarla. Il software è furbo nell’approfittare della selezione, a questo punto, per caricare fin da subito i dati audio-video della prossima clip. E se la selezione viene fatta proprio all’ultimo istante? Proprio all’ultimo dei dieci secondi a disposizione? Qui entra in gioco un altro piccolo trucco, preso a prestito proprio dal mondo dei videogame: la clip corrente è progettata per durare un paio di secondi dopo la selezioneda parte dell’utente (questi secondi sono quindi identici per entrambe le scelte). In questo modo, il software ha comunque il tempo di pre-caricare (il così detto buffering) i primi secondi della clip successiva. Questo è evidente specie nelle primissime scelte operabili in Bandersnatch.

Questo per quanto concerne la tecnologia a più basso livello, ma c’è da considerare che Bandersnatch si avvale anche di una raffinata architettura a un livello superiore, vale a dire quello dell’organizzazione dei contenuti. La necessità di abbozzare la moltitudine di bivi presenti, e preventivare i vari percorsi a disposizione, ha portato i produttori dell’episodio, Charlie Brooker e Annabel Jones, a puntare su Twine, un software dedicato proprio alla progettazione di storie non lineari. Si tratta di un progetto open-source, disponibile per Windows, MacOs e Linux, che consente, in buona sostanza, di sviluppare racconti tramite diagrammi di flusso.

Bandersnatch

Non è dedicato ai contenuti video, però, ed è per questo che Netflix ha dovuto creare anche uno strumento apposito, chiamato Branch Manager, che consente di gestire una sceneggiatura a bivi e condividerla coi piani alti di Netflix, per avere feedback immediato. Solo così è stato possibile gestire un totale di oltre 250 clip video, con la possibilità, addirittura, di nascondere nella trama dei gustosi Easter Egg, vale a dire contenuti raggiungibili a fatica. Vere e proprie sorprese da regalare agli spettatori più appassionati.

A occhi smaliziati la tecnologia di Bandersnatch può sembrare in realtà molto semplice. Tecniche di buffering, utilizzo di diagrammi di flusso, e via dicendo, sono soluzioni già sfruttate in altri media (lo stesso YouTube propone sperimentazioni di questo tipo, anche se il flusso audio-video viene interrotto), ma è innegabile che l’episodio di Black Mirror rappresenti  un punto di svolta nel suo campo specifico. Viene da chiedersi, piuttosto, come tutto questo dispendio di risorse abbia comunque prestato il fianco ad alcune ingenuità. La prima è l’impossibilità di gestire il flusso temporaledella tua storia.

Di fatto, una volta che si passa alla clip successiva, si può tornare solo all’inizio di questa, non anche alle clip che la precedono. Il che porta a pensare che Bandersnatch tenga conto solo di scelte istantanee e non tracci, invece, il flusso narrativo di ogni spettatore (tanto che riavviando da zero l’episodio vengono cancellate tutte le scelte effettuate). Tutto sommato si trattava di gestire un piccolo file di testo che memorizzasse le selezioni ai vari bivi e la produzione ha rinunciato a quella che sarebbe stata una miniera d’oro di dati sulle preferenze degli spettatori, ma che magari ne avrebbe leso la privacy.

Bandersnatch

La seconda, più grave, è proprio nella gestione dei bivi. La regola aurea, nei videogame di avventura più famosi (quelli da cui Bandersnatch trae chiara ispirazione), è che non esistono scelte sbagliate. In Bandersnatch, invece,esistono eccome. È frustrante, per esempio, vedere il protagonista che, messo di fronte alla scelta se lavorare in sede o a casa, scegliendo una delle due opzioni si sente sussurrare da Ritman “percorso sbagliato”. Per poi, di fatto, essere risbattuto di nuovo innanzi alla selezione. Qui il problema non è tecnico, ma proprio di scrittura. Probabilmente le due scelte di questo bivio presupponevano la produzione di troppe nuove clip, quindi si è trovato un escamotage per riproporre la selezione fino a quando lo spettatore sceglie quella voluta, ma capite bene che è un meccanismo davvero limitato. Di sicuro, Bandersnatch rappresenta un esordio, tra ombre e luci, che getta le basi per lo sviluppo di progetti più complessi. Va inteso, soprattutto, come il collaudo tecnologico di un nuovo modo di intendere un prodotto multimediale. E, in quest’ottica, è un collaudo riuscito.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

Cinema e TV

Spider-Man: Far From Home, Tom Holland rivela il nuovo costume

L’interprete dell’Uomo Ragno si presenta con la nuova divisa ma non si lascia sfuggire nessun altro dettaglio sulla prossima pellicola: sarà forse un prequel?

Pubblicato

il

L’universo cinematografico Marvel è in grande fermento: il 2019, infatti, vedrà non solo il debutto di Capitain Marvel, ovvero il primo film solista su una supereroina, ma anche l’arrivo di Avengers 4, la pellicola collettiva che darà un epilogo alle tragiche vicende di Infinity War. E in estate vedremo anche Spider-Man: Far From Home, il secondo capitolo della nuova era cinematografica targata Sony-Marvel. Proprio il suo protagonista Tom Holland ha rivelato, in un’apparizione a sorpresa nel talk show americano Jimmy Kimmel Live, il nuovo costume che indosserà nel film.

Ovviamente il conduttore non ha potuto trattenersi dal fare all’attore una domanda cruciale: “Il film sarà un prequel di Avengers?“. Questo perché, com’è ormai risaputo, (spoiler!) alla fine di Infinity War l’Uomo ragno è proprio uno dei personaggi che scompare (“trasformato in coriandoli neri“, dice Kimmel) per l’intervento di Thanos. Holland, famoso per la sua tendenza a spoilerare le trame super-segrete dei film, ha tagliato corto, dicendo di dover intervenire in una rapina in una banca a opera proprio di Thanos (“Sapete, ora è povero“).

Il dialogo ovviamente era parte di uno sketch comico, ma l’ipotesi cheSpider-Man: Far From Home sia effettivamente un prequel dei film che stiamo vedendo in questi mesi non è del tutto da escludere. Anche alcune dichiarazioni di Kevin Feige, il responsabile del Marvel Cinematic Universe, potrebbero andare in questa direzione: “Quando si svolge il film? Sappiamo che è estate, penso sia una vacanza estiva in cui lui va in Europa coi suoi amici“, ha dichiarato. “Non so di quale estate si tratti… beh, io lo so ma voi no“. Capire in che punto della timeline questi film si collochino è fondamentale per anticiparne le trame, anche se probabilmente tutto sarà svelato nei prossimi mesi.





Licenza Creative Commons



 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Cinema e TV

Harry Potter: The Exhibition, ecco un’anteprima della mostra di Milano

Dal 12 maggio giunge in Italia la mostra-evento internazionale che ricrea le scene e gli oggetti più emblematici della saga letteraria e cinematografica

Pubblicato

il

Dopo aver girato tutto il mondo, Harry Potter: The Exhibition arriva finalmente anche a Milano. Inaugura infatti il 12 maggio alla Fabbrica del Vapore la mostra evento che permette ai fan del Wizarding World creato daJK Rowling di immergersi nelle scenografie, nei costumi e nelle riproduzioni dei personaggi più amati della saga letteraria e cinematografica più popolare degli scorsi decenni. Dopo aver collezionato quattro milioni di visitatori nel mondo, dunque, l’esibizione sarà visitabile anche in Italia, con già 130mia biglietti venduti ancor prima dell’inaugurazione ufficiale.

Oggetti di scena, installazioni interattive e accurate riproduzioni accompagnano in un percorso che, a partire dal Cappello parlante che smista i visitatori nelle varie case di Hogwarts, accompagna attraverso gli spazi più emblematici raccontanti nei film e nei libri: dalla sala comune dei Grifondoro ai campi di allenamento di Quidditch, dalla capanna di Hagrid alla Foresta proibita fino al culmine nella Sala Grande, teatro di tanti avvenimenti speciali.

 Vedi la Galleria

 

Fra gli artefatti in mostra tanti oggetti magici come la divisa e la bacchetta di Harry Potter, la giratempo e il boccino d’oro, i famosi Horcrux e perfino i fantomatici Doni della morte.

La manifestazione giunge in Italia voluta fortemente non solo dagli organizzatori ma anche dal comune di Milano. All’apertura il vicesindaco Anna Scavuzzo ha sottolineato l’importanza di un’iniziativa del genere “che fonde una proposta culturale e un momento di spettacolo suggestivo, che unisce generazioni diverse e conferma la vocazione internazionale della città“. A lanciare la tappa italiana della mostra sono intervenuti poi Oliver e James Phelps, che nei capitoli cinematografici di Harry Potter interpretavano i gemelli Weasley: “Siamo già stati a Milano durante il lancio dei vari film ma è bello tornare ora e vedere che nuove generazioni di fan si appassionano ancora a queste storie“, ha detto Oliver, che fra i due dava il volto a George.

James e Oliver Phelps, interpreti di Fred e George Weasley, all’inaugurazione della mostra su Harry Potter a Milano (foto: Paolo Armelli/Wired)

James e Oliver Phelps, interpreti di Fred e George Weasley, all’inaugurazione della mostra su Harry Potter a Milano (foto: Paolo Armelli/Wired)

Lo stesso entusiasmo è condiviso dal fratello James, che interpretava Fred Weasley: “Siamo stati davvero fortunati a partecipare a questa avventura magnifica che è stata Harry Potter. E vedere ora in mostra le scenografie e gli oggetti di scena riaccende i ricordi delle esperienze bellissime che abbiamo vissuto sul set“. Ma come ci si spiega che dopo vent’anni ci sia ancora tutta questa attenzione per questo fenomeno? “Difficile rispondere, però è evidente che ci sia un fattore generazionale: gli adulti che sono cresciuti con queste storie ora portano i loro figli alla mostra, e tutti riescono a trovare un oggetto o un momento che li emoziona




Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

Chi Siamo

Dicono di noi

5 star review  BdS

thumb Marco Dimitri
10/14/2013

Newsletter

Netflix Channel

I più letti