Isis

antibufala

Sétta terrorista islamista attiva in Siria e Iraq con diversi seguaci in tutto il mondo, arruolati con propaganda il più delle volte diffusa in via informatica.

Sinonimi:
Stato Islamico,Is
Glosbe Dictionary:
  • Any coral of the genus Isis, or family Isididae , composed of joints of white, stony coral, alternating with flexible, horny joints.
  • Any coral of the genus Isis, or family Isididae , composed of joints of white, stony coral, alternating with flexible, horny joints.
Stato_Islamico (Wikipedia)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima forma istituzionale e statuale, vedi Stato islamico.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "ISIS" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Isis.
Stato Islamico
الدولة الإسلامية
ad-Dawla al-Islāmiyya
Flag of the Islamic State of Iraq and the Levant2.svg
Bandiera dello Stato Islamico, il cui testo in arabo è la shahada
Attiva 1999 – in attività
Nazione Iraq Iraq
Siria Siria
Gruppi affiliati in:
Afghanistan Afghanistan
Egitto Egitto
Libia Libia
Nigeria Nigeria (Boko Haram)
Yemen Yemen
Contesto Guerra d'Iraq e guerriglia irachena (2004–2013)
Guerra civile siriana (2012–in corso)
Guerra civile in Iraq (2014–in corso)
Seconda guerra civile in Libia (2014–in corso)
Ideologia Fondamentalismo islamico salafita
Jihādismo
Wahhabismo
Panislamismo
Alleanze Fino al 2014:

Dal 2014:

  • Ansar Beit al-Maqdis (Sinai)
  • Consiglio dei Giovani Islamici (Derna)

Dal 2015:

Componenti
Fondatori Abu Musab al-Zarqawi (come al-Qaeda in Iraq)
Abu Bakr al-Baghdadi (come Stato Islamico)
Componenti principali Abu Muhammad al-'Adnani
Abu Omar al-Shishani
Attività
Azioni principali vedi qui
Voci su organizzazioni terroristiche in Wikipedia
Stato Islamico
Stato Islamico – Bandiera
(dettagli)
Stato Islamico - Localizzazione
Territorio a status conteso
Motivo del contenzioso Proclamatosi indipendente il 29 giugno 2014
Situazione de facto territorio conquistato militarmente nel corso della guerra civile siriana e della guerra civile in Iraq (conflitti in corso)
Governo califfato
Capo di Stato Abu Bakr al-Baghdadi
Inno Ummatī, qad lāha fajrun (Nazione mia, l'alba è tua)
Motto Bāqiya wa Tatamaddad "Consolidamento ed espansione"
posizione dell'ONU
Sintesi della posizione non riconoscimento dell'indipendenza
Informazioni generali
Lingua arabo
Capitale/Capoluogo Al-Raqqa (de facto) (196.529 ab. / 2009)
Area ~32.133km²
 % delle acque non calcolabile%
Continente Asia
Confini Siria, Iraq, Turchia, Giordania
Fuso orario UTC+2 (parte siriana)
UTC+3 (parte irachena)
Valuta Lira siriana (parte siriana)
Dinaro iracheno (parte irachena)
Prefisso tel. +963 (parte siriana)
+964 (parte irachena)

L'autoproclamato Stato Islamico (abbreviato IS, in arabo: الدولة الإسلامية‎, al-Dawla al-Islāmiyya) è un gruppo jihadista salafita attivo in Siria e Iraq il cui capo, Abu Bakr al-Baghdadi, nel giugno 2014 ha unilateralmente proclamato la nascita di un califfato nei territori caduti sotto il suo controllo in un'area compresa tra la Siria nord-orientale e l'Iraq occidentale.

Prima di tale proclamazione il gruppo si faceva chiamare "ad-Dawla al-Islāmiyya fī al-ʿIrāq wa l-Shām" (in arabo: الدولة الإسلامية في العراق والشام‎, ad-Dawla al-Islāmiyya fī al-ʿIrāqi wa sh-Shām, sigla in arabo داعش, ovvero Dāʿish o Daesh), tradotto in italiano come Stato Islamico dell'Iraq e della Siria (Islamic State of Iraq and Syria, ISIS) o Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (Islamic State of Iraq and the Levant, ISIL). La parola araba Shām indica infatti quella regione geografica che comprende il sud della Turchia, la Siria, il Libano, Israele, la Giordania e la Palestina e che viene indicata come Grande Siria o Levante.

Le origini del gruppo risalgono ad "al-Qa'ida in Iraq" (2004–2006), poi rinominata "Stato Islamico dell'Iraq" (2006–2013), fondata da Abu Mus'ab al-Zarqawi nel 2004 per combattere l'occupazione americana dell'Iraq e il governo iracheno sciita sostenuto dagli Stati Uniti d'America dopo il rovesciamento di Saddam Hussein. Nel 2013 lo Stato Islamico dell'Iraq ha proclamato unilateralmente l'unificazione del gruppo stesso con la branca siriana di al-Qaeda, che aveva conquistato una parte del territorio siriano nell'ambito della guerra civile siriana contro il governo di Baššār al-Asad. In seguito a questo contrastato annuncio il gruppo, scelta come propria capitale la città siriana di Raqqa, ha cambiato nome in Stato Islamico dell'Iraq e della Siria (ISIS).

Nel 2014 l'ISIS ha espanso il proprio controllo in territorio iracheno (con la presa in giugno di Mossul), proclamando la nascita del "califfato" il 29 giugno 2014. Le rapide conquiste territoriali dell'ISIS hanno finito per attirare la preoccupazione della comunità internazionale, spingendo gli Stati Uniti e altri Stati occidentali e arabi a intervenire militarmente contro l'ISIS con bombardamenti aerei in Iraq da agosto 2014 e in Siria da settembre 2014.

Dapprima alleato di al-Qaida, rappresentata in Siria dal Fronte al-Nusra, l'ISIS se ne è definitivamente distaccato nel febbraio 2014, diventandone il principale concorrente per il primato nel jihad globale. Così, a partire dall'ottobre 2014, altri gruppi jihadisti esterni all'Iraq e alla Siria hanno dichiarato la loro affiliazione all'ISIS, assumendo il nome di "province" (wilāyāt) dello Stato Islamico: tra queste, si sono particolarmente distinte per le loro attività la provincia del Sinai, attiva nella regione egiziana del Sinai, e le province libiche di Barqa e di Tripoli, attive nel contesto della seconda guerra civile libica.

L'ONU e alcuni singoli Stati hanno esplicitamente fatto riferimento allo Stato Islamico come a un'organizzazione terroristica, così come i mezzi d'informazione in tutto il mondo.

« Indice glossario

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE