Contattaci

ESTERI

Gruppo di anziani in visita alla Madonna di Medjugorje con pulmino rubato :arrestati

Pubblicato

il

TREVISO – Quindici ore dietro le sbarre, senza documenti, tenuti a digiuno, con la possibilità di bere solo acqua. E neanche benedetta. Quando si dice esperienza mistica. Il miracolo però, alla fine, è arrivato perché sono riusciti a tornare tutti a casa. E non è poco. Pellegrinaggio da incubo a Medjugorje per otto trevigiani di età compresa fra i 60 e i 70 anni. Il gruppo di fedeli, tutti residenti a Fagarè, frazione di San Biagio di Callalta, è partito come ogni anno per una vacanza religiosa in Bosnia: valigia, rosario, bibbia e naturalmente pulmino dell’autonoleggio di fiducia. All’andata tutto bene. A Medjugorje pure: messe e preghiere.

Quindi gli 8 prendono la strada del ritorno. E qui inizia la via crucis: alla dogana tra Bosnia e Croazia il pulmino viene fermato dalla polizia che, dopo una rapida ispezione, prima ritira i documenti d’identità e poi intima alla comitiva di seguire l’auto di pattuglia. Seguono 30 km sulle colline croate: la comitiva trevigiana, impaurita e disorientata, approda in una caserma dove viene tenuta in stato di fermo per 15 lunghissime ore. Ci vuole  tempo perché la questura trevigiana e la controparte croata possano chiarire l’equivoco: il pulmino 9 posti su cui viaggia il gruppo è un veicolo che  risulta essere  rubato al noleggiatore italiano e finito in Montenegro nel 2015.  In effetti poi Il pulmino era stato intercettato dall’Interpol e restituito  con la raccomandazioen di cambiare il numero di telaio visto che nell’ex-Jugoslavia era stato reimmatricolato. Ma il proprietario i se n’è dimenticato: da qui l’allarme alla frontiera e la disavventura.





Licenza Creative Commons



 

Crediti :

il Messaggero

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

ESTERI

Liberato Alessandro Sandrini, rapito in Siria nel 2016

Il 33enne bresciano è stato liberato da un gruppo di siriani ribelli chiamati ‘il governo della salvezza’

Pubblicato

il

L’italiano Alessandro Sandrini, rapito in Siria nel 2016 al confine turco-siriano è stato liberato. Lo ha confermato il premier Conte che ha dichiarato: “Il connazionale Alessandro Sandrini è stato liberato al termine di un’articolata attività condotta, in territorio estero, in maniera coordinata e sinergica dall’intelligence italiana, dalla polizia giudiziaria e dall’unità di crisi del Ministero degli Esteri”.

Sandrini è stato liberato da un gruppo ribelle siriano della provincia di Idlib, il ‘Governo siriano di salvezza’, che ha diffuso la notizia sui social. L’operazione è scattata dopo aver saputo che un gruppo criminale attivo in zona e specializzato in rapimenti si nascondeva lungo il confine con un ostaggio.
Sandrini era comparso lo scorso anno in un video in cui compariva inginocchiato con alle spalle due uomini armati e indosso una tuta arancione che ricordava quelle utilizzate dall’Isis. I suoi rapitori, però, non sono parte dello Stato islamico.

Il nome di Alessandro Sandrini è comparso due volte tra gli imputati del tribunale di Brescia: la prima volta per un processo per rapina e ricettazione (aveva tentato di vendere dei tablet rubati e aveva compiuto una rapina nel 2016). Sarà infatti ora ascoltato dai pm di Roma.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

ESTERI

New York, folle tenta di dare fuoco alla cattedrale di Saint Patrick

voleva bruciarla come Notre-Dame?
Fermato prima dellʼingresso nella chiesa. Aveva taniche di benzina e accendini

Pubblicato

il

Un uomo di 37 anni con evidenti problemi psichici ha tentato di dare fuoco alla cattedrale di Saint Patrick a New York. Fortunatamente è stato fermato prima che potesse mettere atto il suo piano. Marc Lamparello aveva con sè due taniche di benzina quando i sorveglianti della cattedrale lo hanno fermato mentre stava per entrare nella navata centrale. Forse l’uomo voleva bruciarla come Notre-Dame dopo essere stato suggestionato dalla notizia.

La polizia non ha ancora stabilito con certezza il movente e nemmeno ha voluto esprimersi sulla possibile disabilità mentale del fermato. Ha confermato però che Marc Lamparello quando è stato fermato dal personale di sicurezza fuori dalla cattedrale aveva con sè due taniche da 5 litri di benzina, un sacchetto con dentro altri due flaconi di liquido infiammabile e due accendini da cucina. Ai poliziotti ha detto di essere rimasto senza carburante e per questo stava andando in giro con le taniche. Gli agenti hanno però controllato la sua macchina e scoperto che non era affatto in riserva.

Voleva bruciarla come Notre-Dame? – Dopo l’incendio di Notre-Dame a Parigi molte cattedrali nel mondo hanno intensificato i controlli (anche se nel caso francese è quasi certo che ci si trovi di fronte a un incidente). E sono state proprio le guardie private della chiesa di Saint Patrick a dare l’allarme quando hanno visto Lamparello che stava per entrare nella cattedrale. Inizialmente ha tentato di difendersi dicendo che stava “tagliando” dentro la cattedrale per uscire verso Madison Avenue. Poi ha continuato a dare risposte deliranti, tanto che inizialmente la polizia di New York aveva confermato i disturbi psichici del fermato. “Difficile capire quali fossero le sue reali intenzioni, ma uno che va in giro con taniche di benzina e accendini dà sicuramente grande preoccupazione”, ha detto John Miller, vice commissario dell’area anti terrorismo della polizia di New York.





Licenza Creative Commons



 

 

Crediti :

Tgcom

Continua a leggere

ESTERI

Assassin’s Creed potrebbe aiutare a ricostruire Notre Dame

Dopo il disastroso incendio l’obiettivo primario è quello di ricostruire il monumento: un aiuto potrebbe venire dai modelli 3D realizzati per il famoso videogioco di Ubisoft

Pubblicato

il

Com’è noto, nella serata del 15 aprile un violento incendio ha colpito la cattedrale di Notre Dame a Parigi, portando al crollo della copertura della navata, del coro e del transetto, oltre alla guglia centrale di costruzione ottocentesca. Con la struttura portante rimasta intatta, l’obiettivo, ribadito anche dal presidente francese Emmanuel Macron, è ora quello di ricostruire il monumento che fino a ieri era il più visitato d’Europa. Data la struttura particolarmente stratificata dell’edificio, costruito nel corso di oltre 180 anni, e gli ingenti danni riportati, la ricostruzione potrebbe impiegare anni se non decenni, ma un aiuto potrebbe venire da una fonte inaspettata come Assassin’s Creed.

La serie di videogiochi è celebre perché, ambientando le proprie avventure in diverse epoche storiche e luoghi del mondo, permette ai propri giocatori di esplorare questi scenari, scalando e arrampicandosi soprattutto su edifici e monumenti di rilevanza storica in uno stile che richiama il parkour. Uno dei titoli della serie, Assassin’s Creed: Unity del 2014, è ambientato proprio a Parigi durante la Rivoluzione francese e presenta, fra gli altri, un modello molto accurato della cattedrale: i designer della Ubisoft hanno lavorato per ben due anni a realizzare un’immagine verosimile di Notre Dame, includendo anche numerosi dettagli (come le guglie, i pinnacoli e alcune statue introdotte nei restauri ottocenteschi) che nel 1789 non erano presenti ma risultano invece molto familiari nell’immaginario dei giocatori (gli stessi giocatori che in queste ore stanno tributando il loro omaggio online riproponendo le scene delle loro imprese nel videogame).

Utilizzare i precisissimi modelli 3d creati dai realizzatori del videogioco potrebbe aiutare la ricostruzione accorciando i tempi di recupero delle immagini e dei progetti. A ciò potrebbe aggiungersi l’aiuto di Andrew Tallon, uno storico dell’arte recentemente scomparso ma che, secondo il National Geographic, ha completato già nel 2015 una mappatura della cattedrale con misurazioni estremamente precise grazie all’impiego di puntatori laser: “Se ho lavorato correttamente la scansione è accurata con uno scarto di cinque millimetri”, aveva dichiarato lo studioso al magazine. Già in serata diverse campagne di sottoscrizione sono state lanciate per raccogliere fondi per la ricostruzione di Notre Dame, e contributi milionari stanno già giungendo da aziende private e da famiglie come Arnault e Pinault, le proprietarie dei più grandi gruppi del lusso francese.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Fiducia su ripresa dialogo su commercio Usa-Cina [...]

Colpita la costa di Yamagata, nessun danno grave [...]

'Nostra economia fa invidia a mondo, American Dream è tornato' [...]

L'avvocato: un polverone per nulla. Libera anche Sophie Dion [...]

Reazione positiva a possibile accordo commercio Usa-Cina [...]

Evacuata l'area intorno all'azienda, traffico deviato [...]

Assolto da accusa di maltrattamento di animali [...]

In Francia,svizzeri volevano scalare solo ultimi 300 metri vetta [...]

A Prato condannata anche madre, sapeva ma non impediva violenze [...]

I genitori, aveva una bustina vuota in un parco pubblico [...]

Colpita la costa di Yamagata, nessun danno grave [...]

La Fed annuncerà le sue decisioni sulla politica monetaria [...]

Oim pronta a fornire assistenza [...]

L'annuncio di Trump, 'Nominerò Mark Esper' segretario Esercito [...]

Hunt, Gove, Stewart, Javid ostacoli fra Johnson a Downing Street [...]

L'avvocato: un polverone per nulla. Libera anche Sophie Dion [...]

N.1 Figc si complimenta con ragazze "Impensabile alla vigilia" [...]

"Peccato per la sconfitta. Ragazze hanno tenuto testa a Brasile" [...]

Brasile vince 1-0 con rigore di Marta, Australia chiude seconda [...]

L'ex bomber vicino al ritorno, impaziente di incontrare Commisso [...]

Facebook

I più letti