Il leader dei ‘Bambini di Satana’ candidato in lista con la Hack

C’è Marco Dimitri, presidente dell’associazione ‘Bambini di Satana’, tra i candidati alle prossime elezioni politiche, si presenterà nella circoscrizione 2 del Lazio, quella che comprende le province di Latina, Frosinone, Viterbo e Rieti. E non lo farà in una lista qualsiasi, ma con ‘Democrazia Atea’ il partito di cui fa parte anche l’astrofisica Margherita Hack.

È L’ENNESIMO colpo di scena in una vita, quella di Dimitri, che ha conosciuto continui e inaspettati capovolgimenti: arrestato nel gennaio 1996 con l’accusa di violenza sessuale, Dimitri passò ingiustamente 400 giorni dietro le sbarre a causa della carcerazione preventiva, salvo poi vedersi completamente assolvere in tutti e tre i gradi di giudizio, tanto da ottenere nel 2004 un risarcimento in denaro dallo Stato, circa 100.000 euro, per l’ingiusta carcerazione…

Dimitri, perché ha scelto il partito di Margherita Hack?

«Perché è l’unico che propone l’abolizione dei Patti Lateranensi».

Come è nata questa candidatura?

«Mi sono proposto io: conoscevo la Hack tramite l’Uaar (Unione degli atei e degli agnostici razionalisti; ndr), e ci siamo trovati candidati».

Le vicende giudiziarie di cui è stato protagonista sono ormai concluse…

«Sono concluse per il tribunale ma non per me: quella è stata una montatura giudiziaria».

Il suo passato le ha creato qualche problema nella candidatura con Democrazia Atea?

«No, io sono un satanista razionale, ho una visione della realtà coerente».

Cosa significa per lei il satanismo?

«Opposizione: Satana non esiste, era un termine che anticamente veniva usato per identificare gli oppositori e io lo intendo in questo modo».

Si aspetta polemiche per la sua scelta di entrare in politica?

«Sinceramente sì, ma i cittadini dovrebbero capire che siamo tutti uguali e in democrazia ciascuno può candidarsi ed esprimere le proprie idee».

Difficile che qualcuno della vostra lista entri in Parlamento…

«Sì, ma è importante provarci».

Continuerà il suo impegno politico anche dopo le elezioni?

«Certo».

Le priorità?

«Garantire la libertà in uno Stato laico: Stato e Chiesa hanno tutte e due diritto di esistenza ma devono restare distinti. E poi più fondi alla ricerca scientifica: i soldi sono troppo pochi».

Andrea Zanchi
il Resto del Carlino

Categorie
Interviste Italiane

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Lascia una recensione

Scrivi un commento

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
Notificami
Commenti più votati
  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

2

Pedofilia: una lettera mette nei guai il Papa

A giornalate in faccia come in Cile
  • 8 February 2018 by Giuseppe Maccaferri

2

Pedofilia: una lettera mette nei guai il Papa

IL PRETE PEDOFILO è UN CRIMINALE , IL PRETE GAY ...
  • 7 February 2018 by Graziella Di Gasparro

TI POTREBBE INTERESSARE