Contattaci

Medicina

Immunoterapia senza chemioterapia Prospettive per il tumore al polmone

Grazie a un nuovo marker (TMB), che misura il numero di mutazioni, si potrà scegliere un trattamento su misura per ogni paziente. In uno studio questo ha permesso
di rinunciare alla chemioterapia nel 40 per cento dei casi

Pubblicato

il

Ogni giorno si registrano 115 nuovi casi di tumore al polmone; l’anno scorso si sono ammalati circa 41.800 italiani. È tra le neoplasie più difficili da trattare, anche perché nel 60-70 per cento dei casi è diagnosticata in fase avanzata, e la sopravvivenza a cinque anni è ancora molto bassa, pari al 15,8 per cento dei malati. Per questi pazienti l’immuno-oncologia, che funziona stimolando le cellule del sistema immunitario a combattere il cancro, ha rappresentato un importante passo in avanti nel trattamento della malattia e sta aprendo nuove prospettive anche in prima battuta, al momento della diagnosi. In particolare, è stato identificato un nuovo biomarcatore, il Tumor Mutational Burden (TMB), che misura il numero di mutazioni permettendo di “fotografare” in modo completo le alterazioni molecolari del tumore. È la nuova frontiera dell’immunoterapia «di precisione» e rappresenta una prospettiva promettente nella lotta alla malattia.

Tumore ad alto numero di mutazioni

«Il TMB è uno strumento prezioso perché può permettere di identificare i pazienti che potrebbero rispondere meglio all’immunoterapia — spiega Nicola Normanno, direttore del Dipartimento di ricerca traslazionale dell’Istituto nazionale tumori Fondazione Pascale di Napoli — . Studi recenti hanno dimostrato che questo tipo di trattamento è più efficace nei tumori caratterizzati da un alto numero di mutazioni». È il caso del tumore al polmone. La validità del biomarcatore TMB è stata dimostrata nello studio di fase 3 CHeckMate -227: i dati iniziali, presentati al congresso dell’American Association for Cancer Research svoltosi di recente a Chicago, rappresentano un importante passo in avanti nel trattamento di prima linea del tumore del polmone non a piccole cellule.

Verso il superamento della chemioterapia?

«I risultati positivi di questo studio stabiliscono il potenziale di TMB come importante biomarcatore predittivo per la selezione dei pazienti candidabili al trattamento di combinazione con due molecole immunoterapiche, nivolumab e ipilimumab, nel tumore del polmone non a piccole cellule avanzato — spiega Federico Cappuzzo, direttore del Dipartimento di oncoematologia dell’Ausl Romagna — . Il tasso di sopravvivenza, libera da progressione della malattia a un anno, era più del triplo (43 per cento) nei pazienti trattati con la combinazione delle due molecole immunoterapiche rispetto a quelli trattati con la chemioterapia (13 per cento). Ci stiamo avvicinando alla concreta possibilità di abbandonare la chemioterapia nel trattamento di molte persone, pari a circa il 40 cento, colpite da questa neoplasia in fase avanzata. Si tratta di un grande vantaggio per i pazienti in termini di migliore qualità di vita».

Il farmaco giusto «a misura di paziente»

«I nostri obiettivi — dice Michele Maio, direttore del Centro di immunoncologia e dell’Unità operativa complessa di immunoterapia oncologica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese — sono, da un lato, fornire la migliore terapia a ogni persona colpita da tumore, dall’altro, utilizzare al meglio le risorse disponibili. Il nuovo test TMB si sta rivelando un biomarcatore molecolare “solido”, cioè analizzabile in maniera univoca, e per questo è particolarmente affidabile. In sintesi, costituirà un importante avanzamento per aiutare il clinico a selezionare il giusto trattamento per ciascun singolo paziente in ogni stadio della malattia». «Conoscere la biologia del tumore — interviene Cappuzzo — ci guida nella pratica clinica e permette di discutere col paziente della strategia globale del trattamento, piuttosto che dire: facciamo due cicli di chemioterapia e poi vediamo che succede».

Basterà un prelievo di sangue per la diagnosi

Il nuovo test TMB, “fotografando” le mutazioni del tumore, ha ricadute importanti nella fase della diagnosi del cancro al polmone. «Per valutare il carico mutazionale è necessario analizzare un numero elevato di geni, da 300 a 500 — spiega Normanno — . In questo modo, possono emergere anche possibili alterazioni genetiche, decisive per le successive scelte terapeutiche. È opportuno, quindi, che questo test sia eseguito già al momento della diagnosi: così l’oncologo potrà disporre di una “fotografia” molecolare completa per ogni paziente e scegliere la migliore terapia nel singolo caso». E i ricercatori sono già al lavoro perché in un futuro non troppo lontano il test possa essere effettuato tramite biopsia liquida. «Si tratta di una prospettiva importante con chiari vantaggi per il paziente perché sarà sufficiente un semplice prelievo di sangue» conclude Normanno.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

il Corriere

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia una recensione

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
Notificami

Medicina

Proponeva integratori per guarire diabete ed Alzheimer, l’Ordine dei medici denuncia Adriano Panzironi

“Esercizio abusivo della professione. I dottori che consigliano i suoi prodotti diano spiegazioni”. Da anni il pubblicista sui social e sulle tv locali sponsorizza speciali integratori che guarirebbero anche il diabete e l’Alzheimer

Pubblicato

il

Da anni afferma che è possibile curare malattie come l’Alzheimer e il diabete con degli speciali integratori, venduti da un’azienda che fa capo a lui e al fratello. Ed è arrivato a elaborare uno speciale regime alimentare che prende il nome dalle sue pasticche, Life120, che promette di allungare la vita fino a 120 anni. Una dieta, abilmente promossa sui social e su una serie di emittenti locali, che nel tempo ha scatenato dure critiche di medici e biologi, che accusano il suo metodo di non avere alcuna base scientifica e dunque di mettere in pericolo chi lo utilizza.

Dopo un fiume di polemiche, che hanno coinvolto anche l’Ordine dei giornalisti del Lazio, per il pubblicista romano Adriano Panzironi è arrivata una denuncia presso la procura di Roma. A presentarla, l’Ordine dei medici della Capitale, che accusa il giornalista di “esercizio abusivo della professione medica”. Ad annunciarlo il presidente dell’Ordine del Lazio, Antonio Magi, che ha spiegato che la procura ha agito in seguito ai numerosi esposti ricevuti. A sua volta, invece, l’Ordine ha chiesto spiegazioni ai tanti dottori che hanno aderito al “metodo Panzironi”, consigliando gli integratori ai propri pazienti.

Il giornalista ha racchiuso tutta la sua teoria in un libro: “Vivere 120 anni. Le verità che nessuno vuole raccontarti”. Al suo interno si trovano consigli che vanno dalla totale eliminazione dei carboidrati all’assunzione dei suoi costosi integratori per guarire da una serie di malattie. I nove diversi tipi di capsule da lui messe in commercio, infatti, conterrebbero una serie di spezie che, secondo Panzironi, sono utili a eliminare il rischio di malattie. L’uomo – sostiene – si ammala esclusivamente a causa della sua alimentazione.

Accusato da più parti di essere un millantatore, in questi anni Panzironi ha continuato la sua propaganda grazie alla trasmissione “Il cercasalute”, in onda sui canali satellitari e in replica ogni settimana in numerose emittenti locali di tutta Italia. All’interno del programma vengono raccontate le storie di persone che affermano di essere guarite da depressione, impotenza, Alzheimer, grazie a Life120. Qualcuno telefona parlando dei propri sintomi e malesseri con Panzironi, come si farebbe con un medico. E lui elargisce consigli alimentari, consigliando anche una delle linee degli immancabili integratori. Panzironi definisce il suo regime alimentare una paleodieta, dal momento che ha come scopo quello di far sì che le persone tornino al “regime alimentare degli uomini delle caverne”: quando cioè non esistevano l’agricoltura, i fertilizzanti, la dieta mediterranea, le case farmaceutiche.

Dopo mesi di accuse, dunque, la palla passa alla procura di Roma. L’Ordine dei medici, in ogni caso, non è stato l’unico ad agire contro Panzironi: l’Ordine dei giornalisti del Lazio ha aperto nei suoi confronti una procedura di radiazione.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

la Repubblica

Continua a leggere

Medicina

Perché il virus Nipah può essere la nuova minaccia alla salute globale

Nipah ha ucciso 15 persone su 17 infettate nello stato indiano del Kerala, e, sebbene l’epidemia sia sotto controllo, sembra che il fenomeno stia diventando pericoloso

Pubblicato

il

Diciassette casi, 15 morti. Stando all’agenzia Reuters è questo il bilancio dell’epidemia di virus Nipah scoppiata a maggio scorso nello stato indiano del Kerala. L’India ritiene che la situazione sia ormai sotto controllo e il bilancio delle vittime è relativamente modesto, ma ci sono alcuni aspetti del recente focolaio che destano particolare preoccupazione tra gli esperti di malattie infettive. E molti ritengono che questo virus quasi sconosciuto all’opinione pubblica sia tra le principali minacce alla salute mondiale.

Il virus Nipah

Nel 1998 nella località di Nipah in Malesia 105 persone morirono per una misteriosa infiammazione cerebrale. La causa venne individuata in un nuovo virus, ribattezzato proprio Nipah (Niv), che gli esseri umani avevano contratto dai maiali. Tuttavia la ricerca mise in evidenza che l’ospite originario di Niv erano in realtà i pipistrelli della frutta, che avevano contagiato i maiali facendo cadere cibo infetto nei porcili. La conferma arrivò dalla successiva epidemia in Bangladesh nel 2004, quando diventò chiaro che i pazienti avevano contratto il virus bevendo la linfa di una palma infettata proprio dai pipistrelli della frutta.

Per l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), dunque, il virus Nipah è il responsabile di una grave zoonosi, un’infezione che si trasmette da animale a essere umano. Se contratto può avere diverse manifestazioni cliniche, dalle forme asintomatiche a infezioni acute delle vie respiratorie fino all’infiammazione cerebrale (encefalite) in genere fatale.

Il tasso di mortalità è stimato tra il 40% e il 75%, un range ampio che varia in base alle capacità del Paese in cui si verifica il focolaio sia di gestire l’epidemia sia di assistere adeguatamente le persone infette.

La principale modalità di trasmissione da individuo a individuo (come per Ebola) è lo scambio di fluidi corporei, ma (a differenza di Ebola) il meccanismo ha un’efficienza più bassa.

L’epidemia del Kerala

L’ultimo focolaio di infezione di Niv si è verificato al maggio scorso nel Kerala, in India meridionale, a circa 2.600 chilometri dalla precedente epidemia più vicina. Sebbene l’epidemia sia stata contenuta e il numero di contagi e di decessi sembri modesto, ci sono alcuni aspetti che hanno fatto gelare il sangue agli esperti internazionali che stanno monitorando l’evento. Innanzitutto il tasso di mortalità dell’epidemia di Niv in Kerala è stato superiore al 75%, più alto della media di qualsiasi altra epidemia di Niv precedente.

Inoltre ora il virus attacca molto più frequentemente anche i polmoni, differenziando ulteriormente le manifestazioni della malattia. Pare inoltre che sia avvenuto il contagio da essere umano a essere umano per via aerea. Non si sa ancora bene come sia successo, ma l’ipotesi è che il patogeno sia stato veicolato attraverso microgocce di fluidi di una persona infetta in aerosol. Per gli esperti della Georgetown University di Washington DC se il virus si evolvesse per rendere questa modalità di trasmissione più efficiente, il pericolo di una pandemia sarebbe decisamente reale.

Verso il vaccino

Niv è considerato dal’Oms tra gli otto virus prioritari per lo sviluppo di un vaccino, accanto – solo per citare i più noti – a Ebola e Zika. Gli esperti dell’Oms, infatti, lo ritengono “potenzialmente capace di causare un’emergenza di salute pubblica in assenza di farmaci efficaci e/o di vaccini”.

Per questo motivo l’Oms ha lanciato diversi appelli al mondo della ricerca e dell’industria farmaceutica perché si impegnino a trovare una soluzione nel più breve tempo possibile. Anche se a dare davvero una spinta in questa direzione è stata più che altro la spaventosa epidemia di Ebola del 2014, dei risultati sono arrivati: l’Oms, infatti, ha reso nota la disponibilità di un trattamento all’avanguardia sviluppato in Australia, un anticorpo specifico per il virus Nipah da usare sui pazienti in caso di future epidemie.

Tuttavia non siamo ancora vicini a un vaccino. La Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (Cepi) ha stanziato 25 milioni di dollari allo scopo di svilupparne e testarne uno, ma i progressi sono frenati dall’ancora scarso incentivo economico e dal fatto che il virus colpisca finora un numero esiguo di persone in Paesi a basso reddito. Eppure, se il virus riuscirà ad adattarsi all’essere umano, non ci sarà distinzione tra poveri e ricchi.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Medicina

Chi è Giulia Grillo, il nuovo ministro della Salute

Medico legale, Giulia Grillo è il nuovo ministro della Salute ed è contraria alla legge sull’obbligatorietà dei vaccini, sebbene non ne neghi l’importanza

Pubblicato

il

Classe 1975, catanese, medico, con specializzazione in medicina legale. È questo l’identikit di Giulia Grillo, il nuovo ministro della Salute del governo Conte. La Grillo (precisiamo fin da subito che sebbene abbia lo stesso cognome del fondatore del suo partito non c’è alcuna parentela tra i due) è arrivata a Montecitorio alle elezioni del 2013 e il 27 marzo scorso è stata eletta capogruppo alla Camera per il M5S.

Tra le tante idee portate avanti in questi anni, il nuovo ministro si è interessato al problema delle assunzioni e della mancanza del personale in ambito sanitario, sostenuto l’importanza della sanità pubblica rispetto alle iniziative private, condiviso la legge sul biotestamento e ha più volte criticato l’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) per aver, a suo avviso, avuto stretti rapporti con “Big Pharma”. E, non da meno, il nuovo ministro ha espresso le sue idee sulle vaccinazioni. Il nuovo ministro, infatti, ha ribadito più volte di non essere antivaccinista, bensì di essere contrario all’obbligo delle vaccinazioni imposto dal decreto Lorenzin. Dal 2017, ricordiamo, i minori tra gli zero e i 16 anni devono sottoporsi ai 10 vaccini(l’antipoliomielitica, l’anti-difterica, l’anti-tetanica, l’antiepatite B, l’anti-pertosse, l’anti-Haemophilus influenzae di tipo b) per poter frequentare la scuola.

“Fermeremo la legge, ma riteniamo i vaccini fondamentali nella prevenzione delle malattie infettive e il nostro obiettivo è garantire la massima copertura nel Paese”, si legge sul blog del nuovo ministro.

“La Lorenzin ha puntato sulla coercizione esponendosi al rischio pericolosissimo di ottenere l’effetto contrario” . Tuttavia, come appare su Wired, questo decreto sembra invece aver funzionato: secondo i dati diffusi lo scorso mese dal ministero della Salute le coperture si sarebbero rialzate, raggiungendo in generale percentuali prossime alla soglia di sicurezza, soprattuto per quanto riguarda il morbillo.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Newsletter

Medicina

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...