Incendio fa strage a New York: 12 morti, tra le vittime quattro bambini

Il rogo è scoppiato in un edificio residenziale nel Bronx: non era stato costruito rispettando le norme antincendio. Quattro i feriti gravi. Sul posto il sindaco de Blasio: "Indicibile tragedia"

NEW YORK – Almeno 12 persone sono morte nel terribile incendio divampato nella serata di giovedì a New York, nel Bronx. Fra le vittime anche diversi bambini: tre di uno, due e sette anni, e un quarto non ancora identificato. Quatro feriti in gravi condizioni: sono persone che abitavano nell’edificio andato in fiamme al civico 2363 di Prospect Avenue, a due passi dallo zoo del Bronx. Il sindaco della Grande Mela, Bill de Blasio, ha definito l’incendio “il peggiore da un quarto di secolo nella città”.

Le cause dell’incendio non sono ancora note, ma dalle prime informazioni sembra sia divampato al primo piano per poi propagarsi fino al terzo. L’edificio, costruito nel 1916 in mattoni e intonaco, non era a norma di legge antincendio.

 

Il sindaco de Blasio è arrivato subito sul posto dove oltre 170 vigili del fuoco hanno domato le fiamme con difficoltà. Il palazzo ha 5 piani e si trova  quasi all’angolo con la  East 187th Street, vicino alla Fordham University e allo zoo del Bronx. Il palazzo fu costruito nel 1916 e conta circa 20 appartamenti.

Dalle prime informazioni sembra che il rogo sia divampato al primo piano per poi propagarsi fino al terzo. “Sono addolorato nel comunicare che 12 cittadini sono morti”, ha detto de Blasio mentre i vigili del fuoco erano ancora in azione. I residenti evacuati sono stati sistemati in una scuola nelle vicinanze, dove è stato allestito un centro di accoglienza.

Le vittime, di età compresa fra 1 e 50 anni, sono state avvolte dalle fiamme in diversi piani dell’edificio. Una residente, Diana Hayes, ha raccontato al New York Times di essere fuggita con la figlia e di aver strappato al fuoco altri due bambini, ma di non essere riuscita a portare con sé gli altri.

 

La prima chiamata d’emergenza è arrivata poco prima delle 19 e sul luogo dell’incendio sono accorsi 170 vigili del fuoco. L’età delle vittime spazia da 1 anno a 50 anni. Il commissario dei vigili del fuoco, Daniel Nigro, ha definito l’incendio “di portata storica” per numero delle vittime. Uno dei peggiori incendi della storia recente si era verificato sempre nel Bronx nel marzo del 2007: persero la vita 9 bambini ed un adulto.

• IL PRECEDENTE NEL ’90 ALL’HAPPY LAND SOCIAL CLU: 87 VITTIME
Il più grave a New York nel Dopoguerra è stato quello all’Happy Land social club che uccise 87 persone nel 1990. Il rogo in quel caso fu doloso: un profugo cubano, Julio Gonzalez, appiccò le fiamme a una discoteca, sempre nel Bronx, l’Happy Land Social Club, dove lavorava la sua ex fidanzata. Dopo un estremo tentativo di riconquistarla conclusosi in una lite, Gonzalez versò alcuni litri di benzina all’interno del locale e attorno all’unica uscita; poi con due fiammiferi diede il via alle fiamme e abbassò la saracinesca di metallo. Le vittime furono in gran parte giovani della comunità honduregna. La ragazza fu una delle sei persone che riuscì a sfuggire all’inferno di fiamme in quella che all’epoca fu definita come la strage più grave nella storia degli Stati Uniti. Il piromane, Gonzalez, è morto a 61 anni lo scorso settembre in carcere.

     
 
 

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Crediti :

la Repubblica

Categorie
ESTERI

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE