Contattaci

Fisica

Incontri sulla medicina: come sfidare i big data

Pubblicato

il

L’intervista è stata realizzata durante il Festival della Scienza Medica che si è tenuto a Bologna dal 20 al 23 aprile 2017.

VAI ALLA VIDEOINTERVISTA

Professor Bucci, siamo ormai entrati decisamente nell’era dei big data anche nel campo della ricerca scientifica e in particolare della ricerca medica e biologica della quale lei si occupa più direttamente. Nella fisica, che sia la fisica delle particelle o l’astrofisica, è ormai acquisita l’idea che si lavori attraverso l’analisi dei big data. Nella biologia pure? A che punto siamo?

Per la biologia la situazione è piuttosto variegata e siamo ancora in transizione. Vi sono aree in cui l’uso e l’analisi dei big data sono ben sviluppati. Penso per esempio alla genomica e a tutte le aree “eomiche” in cui quotidianamente si utilizzano informazioni in quantità rilevanti.
Ci sono settori come le scienze ambientali che non hanno ancora compiuto completamente questa transizione. Gli scienziati che studiano il clima invece sì. Abbiamo una situazione a macchia di leopardo. Non è ancora alla portata di qualunque ricercatore di queste discipline utilizzare davvero i big data. Per due motivi. Il primo è che l’accesso ai dati, per esempio a migliaia di genomi non è garantito a tutti. E poi perché anche alcuni “tool”, alcuni strumenti che si utilizzano quando si hanno a disposizione i dati, non sono comuni a tutti. In certi casi sono familiari a chi fa analisi di dati, e quindi non ha la conoscenza dei problemi da analizzare, e non sono familiari invece a chi lavora in biologia e sa quali sono i problemi che vorrebbe affrontare e risolvere, ma non sa quali strumenti utilizzare. La gran parte dei ricercatori della comunità biomedica direi che non ha accesso né ai dati né ai tool.

Questo significa che andiamo verso delle nuove specializzazioni, nel senso che ci saranno due figure: l’analista dei big data e il ricercatore puro, ossia il biologo che poi quei dati li interpreta? Oppure sono i ricercatori che devono acquisire queste nuove competenze?

La tendenza è esattamente questa: stanno nascendo delle figure ibride. Ci sono dei biologi che si sono interessati di teoria dell’informazione e, viceversa, degli ingegnerei analisti che sono in grado di appasssionarsi anche ai problemi di biologia. Ne abbiamo esempi in Italia al Politecnico di Torino e abbastanza diffusi in Europa e negli Stati Uniti. Quello che sta avvenendo è che si stanno rompendo alcune barriere. Specialmente nelle generazioni più giovani si stanno creando figure in grado di saltare dall’analisi quantitativa alla comprensione del dato biomedico.

Sarà questa la strada?

Sembra proprio di sì. Naturalmente non tutti riescono a compiere il salto. E quindi si stanno generando professionisti molto ben pagati e scuole di questi professionisti, in grado di fare questo lavoro per tutta la comunità.

Ma c’è il rischio che una fetta dei ricercatori venga tagliata fuori in questo processo?

C’è il rischio, almeno in parte, che una fetta dei ricercatori si tenga fuori da questo processo. Per esempio che non condivida i dati perché non è in grado di comprendere le analisi fatte da altri e voglia proteggersi, proteggere la propria possibilità di pubblicare dei dati anche senza una loro analisi. C’è una sorta di reazione di rigetto verso queste figure più innovative da parte della comunità più tradizionale. Questa barriera va assolutaente superata, attraverso una migliore formazione nelle università.

Parliamo allora degli strumenti di analisi. Perché acquisire big data e saperli elaborare sono due cose molto diverse.

Facciamo un esempio. Quando io faccio una ricerca sul tumore della mammella su Google vengo immediatamente inondato da big data sullo schermo del mio computer. Però l’unico strumento che di solito ho per la loro analisi è la loro lettura. Di fatto io delego la prima parte dell’analisi a Google. In realtà esistono strumenti messi a disposizione persino da Google stesso che danno la possibilità di processare tutti i risultati forniti. E sono strumenti che potrebbero essere insegnati persino nelle scuole, perché sono piuttosto facili da usare. Infattisono utilizati in Paesi emergenti come l’India che stanno formando la prossima generazione di analisti di big data.

I ricercatori avrebbero strumenti efficienti di analisi anche gratutiti. Non hanno la formazione per poterli utilizzare. Soprattutto in Paesi come l’Italia non hanno neanche la formazione di base su che cosa significhi analisi del dato. Mancano una formazione e una attitudine alla trattazione quantitativa dei problemi. Gli strumenti esistono, sono lì, si possono scaricare con pochi clic. Richiedono un minimo di apprendimento per poter essere utilizzati. Ma i ricercatori in Italia non sanno che esistono, tranne in  alcuni posti, e non sanno neanche formulare i problemi che andrebbero analizzati con questi strumenti. C’è un problema culturale.

Enrico Bucci big data

Enrico Bucci

Lei come è arrivato occuparsi di big data?

Io sono un biologo molecolare. Mi sono trovato a trattare quantità di dati sempre più grandi. A un certo punto ho cominciato a lavorare sull’analisid ella letteratura scientifica e quindi avevo davanti amgari trenta milioni di articoli da analizzare tutti insieme. Ho dovuto sviluppare degli algoritmi. Alcuni mi sono serviti a scprire il problema della qualità dei dati o magari della frode scientifica. Altri mi sono serviti poi a fare le analisi. La cosa curiosa è che io all’università ho avuto dei corsi per esempio di teoria dell’errore o di statistica, ma questi corsi sono tenuti come un semino in una scatola buia. Durante la vita di laboratorio raramente un ricercatore viene sollecitato a usare quelle conoscenze e la mancanza di uso le fa atrofizzare, come succede a un organo. Con la conseguenza che il ricercatore, senza neanche rendersene conto, pensa che fossero conoscenze inutili. Ci si dimentica nei progetti di ricerca di impostare i problemi in modo che possano avere una risposta quantitativa e di far capire ai giovani che cosa significhi una risposta quantitativa. Ci si limita a una sorta di storytelling e non si va a fondo nel capire che fenomeno si sta studiando.

Il fatto che questi strumenti di elaborazione dei dati siano continuamente in evoluzione rappresenta un problema in più?

Gli strumenti, come software, sono in continua evoluzione. Gli algoritmi che usano risalgono magari all’Ottocento.

Non c’è il rischio che i risultati della ricerca vengano decisi da chi padroneggia questi algoritmi?

Se ci pensiamo in molti settori è già così. I risultati della ricerca clinica sono in mano agli analisti dei clinical trials, cioè degli statistici, di chi è in grado di isolare gli effetti di un farmaco all’interno di uno studio clinico. Non nelle mani del medico che fa le sperimentazioni ma di chi ha la cultura per estrarre il dato dalle sperimentazioni.

Ed è un sistema che funziona?

Nel campo dei clinical trials funziona piuttosto bene. Cè un pericolo di corruttibilità degli analisti che in qualche caso ha portato a conseguenze gravi. Penso al caso del Vioxx, tanto per non fare nomi. In generale, quello che è auspicabile e che dovrebbe succedere è che i ricercatori tornino a capire quello che diceva Galileo, cioè che il gran libro della natura è scritto in formule matematiche e non c’è possibilità di fare scienza senza questo.



Licenza Creative Commons




 

Crediti e Fonti :

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Clicca per commentare

Leave a Reply



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fisica

Perché questo è il momento di andare su Marte

Una rassegna delle prossime avventure dirette verso il Pianeta rosso, in un video di Nature

Pubblicato

il

Saranno tre nei prossimi mesi le missioni dirette su Marte. Vedranno coinvolte Stati UnitiCina ed Emirati Arabi, saranno tutte caratterizzate dalla presenza di robot e mosse dalla curiosità di saperne di più sulla potenziale abitabilità pianeta rosso.

Gli Usa stanno per lanciare il loro quinto rover sviluppato ad hoc per Marte, Perseverance, che andrà a caccia di tracce di vita presente o remota tra le polveri e le rocce del pianeta. Gli scienziati cinesi sono invece alla loro prima volta con un rover marziano, mossi forse dal successo della loro ultima missione diretta sulla Luna. Gli Emirati Arabi, dal canto loro, si stanno preparando a sguinzagliare attorno a Marte un orbiter per investigarne l’atmosfera.

In questo video, diffuso da Nature, ecco le tre missioni in rassegna, e perché tutto questo sta succedendo proprio adesso.



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

Fisica

Una corsa allo spazio per superare i conflitti mediorientali

Il prossimo 14 luglio, gli Emirati Arabi Uniti si preparano a lanciare la missione al-Amal per l’osservazione di Marte: è una testimonianza significativa delle aspirazioni scientifiche ed economiche del paese e della possibilità di uno sviluppo di tutta l’area mediorientale svincolato dal petrolio e dalle armi

Pubblicato

il

La sonda al-Amal (© Government of Dubai Media Office)

Tra i molti sviluppi inaspettati del 2020, potrebbe essere rassicurante notare che il nostro universo talvolta funziona con un certo grado di prevedibilità. Molti eventi astronomici possono essere previsti con certezza matematica. All’incirca ogni due anni, la Terra e Marte, percorrendo le rispettive orbite intorno al Sole, raggiungono la distanza minima tra loro. Questa vicinanza orbitale offre una finestra per l’invio di veicoli spaziali sul nostro vicino.

Quest’estate ci offre una di queste opportunità per l’esplorazione marziana: per il 2020 sono in programma quattro missioni sul Pianeta Rosso. Rosalind Franklin, una missione congiunta europea e russa basata su rover, è stata rinviata al 2022 a causa delle interruzioni per la pandemia di COVID-19. La missione al-Amal (speranza, in italiano) degli Emirati Arabi Uniti è prevista per il 14 luglio 2020. È la prima impresa di questo genere in Medio Oriente e promuove le ambizioni di Emirati.

Il nome della sonda degli Emirati riflette le grandi aspirazioni scientifiche ed economiche del paese come potenza spaziale emergente. L’orbiter senza equipaggio osserverà l’atmosfera marziana, compresi eventi atmosferici come le tempeste di polvere, che caratterizzano in modo rilevante il clima dell’Arabia. Più in generale, la missione marziana degli Emirati mira a far progredire le capacità tecnologiche del Paese e a spingere i giovani degli Emirati a intraprendere carriere scientifiche e ingegneristiche.

In questo senso, l’impresa fa anche parte di una strategia a lungo termine perseguita dalle nazioni del Golfo per svincolarsi dal petrolio e dal gas e costruire un’economia basata sulla conoscenza.

Tali ambizioni tecnologiche sono inseparabili da quelle politiche. La spinta a creare un’economia della conoscenza non consiste solo nel diversificare le fonti di reddito dello stato. Ampliando le opportunità di occupazione, gli Emirati Arabi Uniti sperano di creare posti di lavoro per i giovani, le cui frustrazioni potrebbero altrimenti causare instabilità. Inoltre, i grandi progetti scientifici sono una dimostrazione simbolica di leadership e di soft power. Un paese capace di progetti spaziali complessi è un paese proiettato al futuro.
La sonda dovrebbe raggiungere Marte nel 2021. Questo coinciderà con il cinquantesimo anniversario della formazione degli Emirati Arabi Uniti.

Se la missione marziana al-Amal riguarda tanto il potere quanto la scienza, potrebbe esacerbare le rivalità esistenti in Medio Oriente? Una corsa allo spazio potrebbe portare le corse agli armamenti regionali a un nuovo livello? I canali satellitari come Al Jazeera del Qatar sono già stati coinvolti in aspre dispute e i lanciatori iraniani hanno sollevato preoccupazioni sul potenziale militare del paese. Altri veicoli spaziali, come razzi, missili e droni, potrebbero alimentare una miscela esplosiva?

La sonda degli Emirati non trasporta armi. Tuttavia, non è troppo eccessivo chiedersi se i paesi del Medio Oriente potrebbero seguire gli Stati Uniti nell’aggiungere forze spaziali alle loro agenzie governative. I sistemi dual use, come i razzi della corsa allo spazio della Guerra Fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica, possono servire a scopi sia pacifici sia bellici. Ugualmente, i satelliti per l’osservazione della Terra possono essere usati sia per il monitoraggio ambientale sia per lo spionaggio.

I conflitti futuri non farebbero che riprodurre le dinamiche già esistenti in Medio Oriente. Tuttavia, si spera che la missione marziana degli Emirati Arabi Uniti si discosti da questo cammino e contribuisca alla pace. Proprio come la maggior parte dei grandi progetti scientifici, essa dipende dallo scambio e dalla collaborazione internazionale.

Le istituzioni americane, come l’Università del Colorado a Boulder, sono state partner essenziali del Centro spaziale Mohammed Bin Rashid di Dubai nella costruzione della sonda. La Mitsubishi Heavy Industries si occuperà del lancio da un sito in Giappone. Non è molto diverso da quanto fatto dagli Stati Uniti, che si sono affidati ai razzi russi per il volo spaziale umano tra la fine del programma Space Shuttle nel 2011 e il volo SpaceX Demo-2 verso la Stazione Spaziale Internazionale di quest’anno. La cooperazione scientifica potrebbe non risolvere i conflitti, ma come minimo l’interdipendenza tecnologica potrebbe evitare che diventino troppo distruttivi.

I governi del Medio Oriente dovrebbero estendere ai loro vicini le collaborazioni esistenti in campo spaziale con paesi lontani dell’Asia o del Nord America. La regione ha molte altre risorse oltre al petrolio e al denaro. Nonostante le sanzioni, l’Iran ha accumulato un’esperienza impressionante in materia di veicoli di lancio. Il Qatar sa come gestire canali satellitari di grande successo. Israele ha alcune delle principali università e società tecnologiche del Medio Oriente. Anche lo Yemen, per quanto devastato dalla guerra, potrebbe contribuire con le sue montagne, fornendo siti di osservazione. Tutti i Paesi hanno popolazioni ricche di molto fantasiose e creative che vorrebbero trascendere i conflitti sul territorio o sulla religione. Una visione della Terra dallo spazio fa scomparire all’istante i confini nazionali e le mappe delle opposte fazioni.

Lo scambio, la cooperazione e la comprensione reciproca in campo spaziale non devono necessariamente partire da zero. Esistono già diversi forum che dovrebbero essere ulteriormente valorizzati. Da molti decenni l’Unione Astronomica Internazionale e la Federazione Astronautica Internazionale organizzano incontri. A livello regionale, l’Unione Araba per l’astronomia e le scienze spaziali e la Società Astronomica Araba fanno lo stesso. L’ingegnere iraniano-americano e astronauta Anousheh Ansari, simbolo vivente del superamento delle divisioni, ha sostenuto organizzazioni come Astronomi senza frontiere. Dovremmo seguire il suo esempio.

L’autore
Jörg Matthias Determann è professore associato di storia alla Virginia Commonwealth University, in Qatar. È anche redattore associato della Review of Middle East Studies. I suoi interessi si concentrano sulla storia della scienza e delle ricerche e sulla storia del mondo musulmano. Ha pubblicato tre libri: Historiography in Saudi Arabia: Globalization and the State in the Middle EastResearching Biology and Evolution in the Gulf States: Networks of Science in the Middle East, e Space Science and the Arab World: Astronauts, Observatories and Nationalism in the Middle East. Attualmente sta completando un quarto libro dal titolo Islam, Science Fiction and Extraterrestrial Life: The Culture of Astrobiology in the Muslim World. È possibile seguirlo su Twitter @JMDetermann.

(L’originale di questo articolo è stato pubblicato su “Nature Middle East” il 30 giugno 2020.)



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

Fisica

TikTok non piace ad Anonymous: «disinstallatela, è uno Spyware del Governo cinese»

Anonymous dichiara guerra a TikTok, riservandole alcune accuse estremamente gravi. Secondo il collettivo di hacker l’app sarebbe addirittura equiparabile ad uno Spyware “a servizio della Cina”.

Pubblicato

il

Quando si tratta di Anonymous è in realtà difficile parlare di un’organizzazione stabile e definita. Il fatto che sui social esistano più account, a rappresentanza di team di hacker diversi, che utilizzano questo nome non aiuta.

In questo caso le accuse contro TikTok, scrive Forbes, arrivano da uno degli account con il seguito più grande e che in passato aveva rivendicato più di qualche operazione di rilievo.

 

Cancellate TikTok immediatamente; se conoscete qualcuno che usa l’app spiegategli che è essenzialmente un malware gestito dal Governo cinese nell’ambito di una campagna di spionaggio di massa.

si legge in un tweet di YourAnonCentral.

Le gravi accuse del collettivo poggiano su un thread di Reddit diventato estremamente virale e dibattuto in questi giorni. Nel post sul forum un ingegnere sostiene di aver scoperto, grazie al reverse engineering, che TikTok violerebbero la privacy e la sicurezza degli utenti dell’app in modo sistematico.

Peraltro, scrive sempre Forbes, sembra che l’interesse di Anonymous nei confronti dell’app cinese nasca dopo che su questa erano apparsi diversi account di persone che si spacciavano per hacker del collettivo.

Anonymous non usa TikTok, è un’app creata come spyware dal Governo cinese.

si legge in un altro tweet del 6 giugno di YourAnonCentral.

Secondo il thread emerso su Reddit, TikTok otterebbe sistematicamente accesso ad un’ampia e rilevante quantità di informazioni, tra cui:

  • informazioni complete sull’hardware in uso: tipo di CPU, dimensioni schermo, dimensioni storage, dpi e numeri di serie di un gran numero di componenti. Informazioni che in gergo vengono chiamati “finger print” e sono utili per tracciare una persona online anche quando usa strumenti per mascherare il suo traffico.
  • Le altre app installate dall’utente, a quanto pare incluse quelle disinstallate nel tempo
  • IP, IP locale, Mac Address del dispositivo e del router, nome e modello del router.
  • Identifica se lo smartphone è stato sottoposto a rooting/jailbreak
  •   alcune “varianti dell’app” (sic) accederebbero ogni 30 secondi alla posizione GPS
  • l’ingegnere menziona anche l’installazione di proxy server sullo smartphone dell’utente ai fini del “transcoding dei media”

È bene capire che le accuse contenute nel thread di Reddit non sono verificate. L’azienda non ha rilasciato nessun commento a riguardo.

L’autore del post sostiene che scandagliare il codice di TikTok per capirne esattamente il funzionamento e i comportamenti sia tutto fuorché semplice, e che l’app prenderebbe delle misure piuttosto astute per occultare il suo comportamento quando rileva un tentativo di reverse engineering.

Tutti contro TikTok: 



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

Chi Siamo

Sezioni

SCIENZA

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

DAL MONDO DELLA RICERCA

  • Le Scienze
  • Nature (EN)
  • Immunologia

Comunicato stampa - Una pellicola sottilissima e biodegradabile in grado di rivestire volumi di acqu

Comunicato stampa - Un nuovo strumento bioinformatico individua rapidamente le alterazioni del genom

Comunicato stampa - Individuate le relazioni causa-effetto che hanno determinato lo sciame simico du

Nature, Published online: 13 August 2020; doi:10.1038/d41586-020-02408-zThere are ways to shut up th

Nature, Published online: 13 August 2020; doi:10.1038/d41586-020-02401-6Three strategies for fightin

Nature, Published online: 13 August 2020; doi:10.1038/d41586-020-02404-3Yeast is a staple of scienti

Comunicato stampa - Lo rivela uno studio condotto dal Cnr-Ibcn in collaborazione con il laboratorio

Una molecola che si trova nei vasi sanguigni e interagisce con il sistema immunitario contribuisce a

Comunicato stampa - Uno studio internazionale pubblicato su The Lancet mette in discussione la sicur

Sismografo Live

Sismi Italia tempo reale

Terremoti Importanti

Aggiornato Fri 14 Aug 07:06:03 (UTC)

NASA TV

SPACE X

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 

Condividi o invia il post

direzione@bambinidisatana.com
Whatsapp
Tumblr

I più letti