Contattaci

Comunicati BdS

Io sono Charlie ecco perchè. Marco Dimitri

Pubblicato

il

[glossary_exclude]Marco Dimitri[/glossary_exclude] sulla vignetta del [glossary_exclude]Charlie Hebdo[/glossary_exclude] sul [glossary_exclude]terremoto[/glossary_exclude] di Amatrice: “Io sono Charlie ecco perchè”

 

marco dimitri

I fatti parlano da soli ed in Italia si continua a morire di terremoto senza imparare nulla dal passato. Ecco perchè sono io sono Charlie . Perchè siete così coglioni da stupirvi se un giornale satirico comunichi con la satira? Domandatevelo. Siete talmente cretini da vedere il rispetto nel fatiscente giornalismo tradizionale, quello che vi propone il dramma assemblandolo con tutto se stesso. Talmente zotici nell’inebriarvi del dolore di chi non conoscete per trovare una valvola di sfogo alle vostre continue sconfitte, perchè il comune male aiuta a sopportare il vostro “non ce la faccio più“, perchè vi ubriacate di catastrofe, ciò che vi da senso e tono, magari per condividere grottesche bufale che vi somigliano.

Io sono Charlie, [glossary_exclude]Marco Dimitri[/glossary_exclude]

Marco Dimitri io sono Charlie

[glossary_exclude]Marco Dimitri[/glossary_exclude]

Un giornale satirico comunica esclusivamente attraverso il linguaggio della satira, non c’è una viziata riverenza nei confronti del comune pudore. Per questo la satira funziona, per il fatto  che è spregiudicata, mette a nudo la realtà e la realtà spesso e volentieri è ridicola. Ridicola non perchè faccia ridere, ridicola perchè stupida. È stupido muovere un papa invece che sovvenzionare la ricostruzione, questo accade ad ogni terremoto. È stupido condividere bufale come “Il Governo abbassa la magnitudo di un terremoto per non pagare i danni” . È stupido  seguire chi afferma di prevedere i terremoti. È stupido finanziare un giornalismo che non fa informazione  ma gossip e diventa di intralcio alle operazioni di soccorso. È stupido lo sciacallaggio di ogni tipo.

Volete sapere come finirà? Le vittime del terremoto di Amatrice verranno dimenticate e depredate dalla comune imbecillità, com’è accaduto per il terremoto dell’Aquila e per quello dell’Emilia.

Io sono Charlie perchè pochi comprendono che la satira non serve a fare ridere, ciò che fa ridere è la comicità e questa comicità la stiamo mettendo tutti noi perseverando  goffamente nell’errore. La satira di per se scruta sotto le maschere mettendo a nudo tutto ciò che ci danniamo di nascondere. Se non colpisce al cuore allora non è satira efficacie.

In questo caso, noi italiani facciamo le lasagne ad ogni terremoto, la satira non fa altro che metterlo in evidenza. Siamo noi gli irrispettosi non chi ce lo fa notare. Come detto prima, Charlie Hebdo è un giornale che usa il linguaggio della satira e non può che esprimersi in quella maniera. La satira di Charlie è comunque a 360 gradi, non tratta solo dell’Italia ma ha trattato gli attentati di Nizza, ha trattato problematiche sia locali che internazionali.

Chi si appella al buon gusto di tacere, dimentica che in questo caso il fatto di tacere si chiama omertà.  Inutile quindi fingere di essere offesi, inutile fare le vittime visto che siamo noi stessi i carnefici quando ci ostiniamo a non provvedere per inibire le cause del danno.  Noi siamo i “poverini” che vendono la democrazia per 80 Euro, siamo quelli a cui nulla interessa ma… Suvvia è naturale! L’innaturale è fingerci vittime. È vero o non è vero che chiediamo soldi per la ricostruzione e per il supporto dei cittadini colpiti dal terremoto? È vero o non è vero che, nel contempo, impegnamo denaro per santificare un morto?  Abbiamo speso 17 miliardi di euro (17 miliardi!!!!) per acquistare degli aerei militari cacciabombardieri F – 35 difettosi e mancano i soldi da impiegare per mettere in sicurezza il Paese contro i danni di un sisma? I soldi li abbiamo ma li buttiamo nel cesso!

Io sono Charlie perchè davvero siamo materiale per lasagne, siamo i morti e le vittime che ci sono state e ci saranno. Proprio di questo parla, attraverso la satira, il giornale satirico Charlie Hebdo, sul fatto che morire di terremoto è diventata una nostra specialità. Abbiamo buttato nel cesso capitali per mantenere persone inutili e dannose, per costruzioni e fiere dell’imbecillità costruite per imbecilli. Abbiamo buttato nel cesso miliardi di Euro per aerei da guerra difettosi. Nulla che sia nulla è stato impiegato per la sicurezza e la prevenzione sulle catastrofi. Lasagne, appunto.

Cosa avete da inorridire? La satira vi ha messo davanti ad uno specchio, prendetevela con voi stessi, col vostro cervello spargi – bufale, col vostro “buonismo” di terza mano. Io sono Charlie.

Soffermatevi anche a riflettere quante teorie del complotto avete diffuso, quanto di antiscientifico state diffondendo con le crociate contro i vaccini, con i teoremi sulle scie chimiche, con la  “caccia al negro” condita da quintali e quintali di articoli falsi e condivisi da migliaia e migliaia di persone. Perchè questa è la realtà, siamo il popolo delle bufale, il circo che non fa ridere, siamo il prodotto di qualcuno che se la gode e si diverte, siamo gli omofobi, i reggi gonne del clero, ci fosse un minimo valore alla miseria culturale saremmo il popolo più ricco del mondo.

Se ancora avete dubbi andate a vedere quando VOI vi esprimete con la satira, quando la tragedia del Costa Concordia è diventata una gustosa serie di immagini, testi e canzoni sul capitano Schettino. Giusto un esempio comune, perchè la vostra satira arriva dopo il periodo canonico in cui si finge il rammarico (in realtà uno sfogo depressivo in cui si piange pensando che, finalmente, qualcun altro soffre ciò che sto passando io).

Ecco, io sono Charlie e questa è la realtà, in qualsiasi maniera la si voglia mettere il risultato che siamo vittime delle nostre azioni non cambia. Finchè non cambieremo noi. Dubito però in tempi brevi.

[glossary_exclude]Marco Dimitri[/glossary_exclude]

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
1 Commento

Lascia una recensione

1 Commento su "Io sono Charlie ecco perchè. Marco Dimitri"

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Member
Member
riguardo al capitano schettino al di là dell’ovvia figura da cialtrone ..è servito come capro espiatorio per nascondere le responsabilità dello STATO ITALIANO E DELLE SUE FORZE DELL’ORDINE <CAPITANO DE FALCO EROE DEI MIEI STIVALI ..IN PRIMIS CHE DOVEVA CONTROLLARE I RIPETUTI INCHINI DELLE NAVI DA CROCIERA INVECE CHE CONTROLLARE LE BARCHETTE E FAR FINTA DI NON VEDERE PASSARE QUELLE NAVI A FAR GLI INCHINI…COME GRILLO AVEVA DENUNCIATO INASCOLTATO BEN PRIMA DEL DISASTRO PREVISTO VISTO CHE NESSUNO CONTROLLAVA PUR ESSNDO PAGATO DALLO STATO PER GARANTIRE INCOLUMITA' DEI CITTADINI DELLE COSTE E DEGLI ECOSISTEMI ..MA EVIDENTEMENTE GENTE COME IL FINTO EROE… Leggi il resto »

Comunicati BdS

Quando i veri bulli sono i giornalisti

Un paio di video in cui si vede un ragazzino “bullare” il proprio professore sono stati sufficienti a sbattere il mostro in prima pagina

Pubblicato

il

No, non voglio in alcun modo difendere il “bullismo”. A scuola, e qua devo espormi un po’, ho avuto gli stessi atteggiamenti, nel mio caso alla radice c’era una profonda sofferenza per essere rimasto orfano. Ma andiamo per ordine.

marco dimitri

Gettai un secchio d’acqua in testa al preside che stava transitando nel cortile. Misi con degli altri compagni, una panca sopra il lampadario. Nel primo caso il preside mi sospese per un giorno. Mi scusai. Nel secondo caso addirittura venne sospesa tutta la classe per 2 giorni.

Per un brutto voto sparai con una pistola finta scacciacani, dotata di tappo rosso, un colpo in direzione del professore, il povero uomo si fece pipì addosso, caso vuole che con quel professore avessimo tutti un ottimo rapporto e tutto finì in una litigata verbale.

Il motivo di questi miei atteggiamenti era mettermi in mostra coi miei compagni, sentirmi apprezzato e rispettato da loro. Ma, ad ogni episodio rimanevo alla fine con l’amaro in bocca, una vita che mi faceva paura, anche perchè trovavo inaccettabili ed ingestibili le basi su cui la società fingeva di basarsi.

L’ambiente scolastico mi forniva sostenitori ed autorità fin troppo pazienti e miti, che non avevano nessuna colpa, anzi, spesso disposte ad aiutare gli studenti. Però la paura del mondo, la rabbia per essere rimasto orfano, mi spingeva a percepire tutto quanto come un quadro falso e banale, il muro che volevo gettare a terra erano le autorità scolastiche, mostrare ai miei compagni che ero un capo e che ero più forte di queste figure.

Credo che sia una fase transitoria per molti adolescenti e certo non fa bene essere sbattuto sulle prime pagine dei giornali assieme a criminali veri. In primo luogo essere il protagonista può portare ad una fase che diviene via via più distruttiva, perchè alla fine cedi, ti fanno cedere, del resto aggredire un professore è un atto davvero osceno, e l’aggressore se ne rende conto probabilmente nei momenti di solitudine.

 

Sicuramente sarebbe meglio un supporto psicologico per quel ragazzo, invece di essere messo alla gogna con commentini stupidi “sono una brava persona, mio figlio va in chiesa, ai miei tempi li prendevamo a sberle… non succedevano quelle cose” , “Che delinquente!” più altri commenti irripetibili.

Questi commenti, presi da Youtube, sono solo una piccola dimostrazione. Altri commenti inneggiano alla fustigazione ed al ripristino della pena di morte.

Addirittura in prima pagina su Google News

 

Attenti perchè la gogna crea protagonismo ed il protagonismo crea emulazione, una volta entrati nella fase critica non si esce più.

I “mostri” molto spesso nascono sui giornali. In Italia, oltre al razzismo, la pseudoscienza, l’ignoranza e l’analfabetismo funzionale, l’omofobia e la teocrazia abbiamo una strage in famiglia un giorno si e l’altro pure. Non parlo di immigrati che si accoltellano ma delle sedicenti famiglie tradizionali religiose e benpensanti.

Però sbattiamo in prima pagina un paio di “bulli” in piena ribellione adolescenziale. Per metabolizzare una società come la nostra ci vuole un grande fegato.

Detto questo chiediamoci chi siano davvero i deboli e chi i bulli, allora si che il bullismo sarà da condannare.

Marco Dimitri

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 
Continua a leggere

Comunicati BdS

Lanciare missili sui depositi dove vengono prodotte armi chimiche è un grande segno di civiltà

Sono state usate armi chimiche, sono morti bambini, neonati. Sono soffocati in modo atroce. Una risposta era necessaria

Pubblicato

il

Le immagini ufficiali purtroppo le conosciamo tutti, sono state diffuse dai media di tutto il mondo.

marco dimitri

Sulla veridicità di queste immagini non ci sono dubbi, a meno che non si voglia pensare che siano tutti attori, anche i neonati. Queste immagini non sono la copia di materiale datato, sono originali, non ce ne sono di identiche estrapolate dagli archivi storici.

Purtroppo, come accade quasi sempre, sono scesi in campo i complottisti, quelle persone talmente inibite da credere di vivere costantemente una realtà simulata dai governi.

Stanno circolando immagini fake in cui si vedono bambini che vengono truccati da cadaveri, adulti che si  simulano feriti per poi alzarsi in piedi e ridere.

 

Ve ne mostro un paio

Quindi ci troveremo di fronte ad un complotto che coinvolge governi, intelligence, giornalisti, truccatori, attori, un piano studiato minuziosamente MA che consente di postare immagini in cui tutti ridono (un po’ come lasciare la carta di identità sul luogo di un omicidio..).

Purtroppo queste foto sono diffuse da chi cerca di smentire che siano state usate in Siria armi chimiche.

Ricorderete che l’uso di armi chimiche da parte del regime di Assad in Siria fu il motivo per cui nel 2013 il presidente Obama stava per intervenire contro il governo di Damasco. Dopo due anni di guerra civile, gli Stati Uniti erano pronti perché Assad aveva superato «la linea rossa» ma poi frenarono, Assad si impegnò a consegnare l’arsenale chimico .

Immagine di un precedente attacco chimico in cui perirono 72 persone, in maggioranza bambini

In base ai risultati delle analisi, gli esiti indicano che i pazienti sono stati esposti ad una sostanza chimica, il Sarin”. A scriverlo in una nota il Ministero della Salute turco, confermando quanto già anticipato dal ministro della Giustizia di Ankara sui risultati autoptici su tre delle vittime dell’attacco in Siria.

Il sito Bufale.net riporta: “Fin’ora però brilla per precisione tra tutte le agenzie e testate che abbiamo esaminato per fare ordine sulla vicenda l’analisi del Guardian, che ha raccolti i preliminari rilievi del capo delle operazioni ONU inviato a Damasco quattro anni prima, perito in materia, che collezionati i dati attualmente disponibili e diffusi dalle agenzie di stampa ha reso un lapidario responso

“If you look at the footage itself, the victims don’t have any physical trauma injuries. There is foaming and pinpointed pupils, in particular. This appears to be some kind of organo-phosphate poison. In theory, a nerve agent. What is striking is that it would appear to be more than chlorine. The toxicity of chlorine does not lend itself to the sort of injuries and numbers that we have seen.”

“Guardando alle immagini, noterete che le vittime non hanno alcun trauma evidente. Sbavano, hanno la bava alla bocca e le pupille contratte, in particolare. Questi sembrano essere i sintomi di un avvelenamento da organofosfati, teoricamente un agente nervino. È già evidente che siamo di fronte a qualcosa di molto più grave del cloro. Il cloro non ha abbastanza tossicità per cagionare lesioni che abbiamo riscontrato sulla scala che abbiamo visionato”  ”

L’attacco ai depositi di Damasco dove vengono costruite armi chimiche era già stato promesso sin dai tempi di Obama. Il ripetersi dell’uso delle armi chimiche ha costituito una gravissima violazione a tutti i codici comportamentali di guerra.

Augurandomi che idioti complottisti smorzino i loro deliri (spesso peggio dei deliri religiosi stessi), che simili massacri non si ripetano e vengano annientate le forze di produzione di armi chimiche.

 

Marco Dimitri

Continua a leggere

Comunicati BdS

Solidarietà al sito “Bufale un Tanto al Chilo” messo sotto sequestro preventivo

Il sequestro lo ha disposto la procura di Bologna in seguito a una querela: invece di sequestrare il solo articolo è stato reso irraggiungibile tutto l’archivio

Pubblicato

il

Siamo alle solite, per una querela in merito ad un articolo viene oscurato tutto un intero sito dietro al quale ci sono anni di lavoro. Oggi ogni blog consente di mettere offline  un singolo articolo. Sarebbe stato sufficiente il sequestro preventivo del solo articolo oggetto del contendere.  Se il sequestro preventivo di un articolo potrebbe essere comprensibile (l’articolo potrebbe essere cambiato, inquinato ecc.) l’oscuramento di un intero sito non lo è affatto.

Bufale un tanto al chilo (Butac) è un sito di pubblica utilità con migliaia di articoli in cui vengono smascherate “bufale” “fake” (cioè notizie false, notizie trappola…). Un sito di grande rispetto e… ce ne fossero di siti come Butac.it visto il mare di idiozie rilasciate da complottisti, truffatori, ciarlatani ai danni della scienza e della collettività.  Nello specifico l’operazione è stada disposta su denuncia di un medico che promuove cure oncologiche con metodi non riconosciuti dalla comunità scientifica.

Proprio per  il grande  impegno sociale svolto da  Butac.it rinnovo la mia solidarietà.

Butac.it BufaleUnTantoAlChiloDal sito Post.it si apprende che nella mattina di venerdì 6 aprile, il sito Butac.it  è stato sottoposto a sequestro preventivo da parte della procura di Bologna, con un’operazione svolta dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni per l’Emilia-Romagna. Butac.it si occupa di segnalare e spiegare le notizie false che circolano spesso online e in questi anni ha ottenuto un buon seguito, soprattutto attraverso i social network.

Il fondatore di Butac.it, Michelangelo Coltelli, ha spiegato al Post che il sequestro preventivo è stato disposto in seguito a una querela per un articolo pubblicato due anni e mezzo fa, nel quale erano segnalate le dichiarazioni di un oncologo che promuoveva la medicina olistica, senza fondamento scientifico. Il sito aveva già ricevuto querele in passato, ma nei casi precedenti i magistrati avevano disposto il sequestro dei soli articoli interessati e non dell’intero sito, che ha un archivio di oltre 3mila articoli. A Butac.it lavorano due persone, che coordinano poi il lavoro di diversi collaboratori. Il sito collabora spesso con la stessa Polizia Postale, segnalando per esempio tentativi di truffe online.

Un’analisi veloce

Il sequestro di tutto il sito non ha senso, la querela è stata inoltrata per un solo articolo.  Ora, forse, molti non sanno che siti oscurati, chiusi da tempo, sottoposti a sequestro o semplicemente offline… Rimangono ben attivi e visibili nella cache di Google.  Basta una ricerca con le parole chiave, selezionare la cache dal risultato della ricerca su Google e la pagina, l’intero sito diventano leggibili, utilizzabili da chiunque.

Quindi anche  un sequestro preventivo di una sola pagina è in realtà riguardante solo la fonte primordiale.

Detto questo, l’articolo querelato metteva in guardia i lettori dalla pseudoscienza, dalle medicine alternative, dalle autoguarigioni e via dicendo.

La Scienza è UNA soltanto, non esistono scienze alternative, stessa cosa vale per la medicina, la medicina è UNA, quella ufficiale fatta di studi, test, pubblicazioni, cause ed effetti ripetibili.

2 + 2 da come risultato 4 , anche se forme pseudoscientifiche affermano che faccia 7, anche se la realtà viene oscurata, pur solo per prassi investigativa, 2 + 2 continuerà a fare sempre e comunque 4 .

Le bufale, specialmente quando l’argomento principe è la salute, vanno sempre denunciate pubblicamente e, per quanto ho visto,  Butac.it ha sempre operato  correttamente, senza offese o volgarità. La pseudoscienza è una bufala, questo è inevitabile  e non bisogna mai tacerlo se veramente si pretende un’evoluzione scientifica nel sapere e non nell’illusione.

Attenzione perchè la pseudoscienza è un cancro sociale,  la gente muore perchè magari si cura il cancro col bicarbonato dopo averlo letto sul sito di qualche cialtrone, oppure lascia crepare i bambini negando loro le vaccinazioni perchè qualcuno ha inventato che  i vaccini uccidono, sono un marketing, un complotto delle case farmaceutiche. Andate da soli a leggere i danni che sono stati procurati, l’incremento dei casi di morbillo,  e il conseguente aumento del numero dei decessi.

I siti di disinformazione medica, sono quelli che andrebbero  oscurati ed loro gestori puniti. Si dice che il mondo va al contrario , questo è uno di quei casi.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Continua a leggere

Newsletter

Comunicati BdS

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...