Contattaci

Medicina

Italiani e psicofarmaci, cosa c’è di vero in quello che dice Matteo Salvini

Matteo Salvini dice che l’elevato consumo di psicofarmaci da parte degli italiani sarebbe dovuto a “mancanze di speranza, fiducia, prospettive”. Ma lo scenario è ben più complesso

Pubblicato

il

Sette milioni di italiani che assumono ogni giorno psicofarmaci per combattere la depressione. Un malato su due che, per di più, considera inutile il trattamento, ritenendo di potersi curare con terapie fai da te. Un aumento del 20% del consumo di antidepressivi in Europa in meno di 5 anni. Sono solo alcuni dei preoccupanti risultati di diversi studi che hanno da poco fotografato lo scenario italiano ed europeo della salute mentale. E che hanno portato l’Unione europea a definire “emergenziali” i costi legati a tali terapie, che hanno raggiunto l’esorbitante cifra di 240 miliardi di euro l’anno. Al tema si è recentemente agganciato anche Matteo Salvini, che ha sostenuto come l’aumento del consumo di psicofarmaci nel nostro Paese sia legato, guarda caso, a problemi lasciatici dai governi precedenti: “Senza un lavoro stabile”, ha detto il leader della Lega, “non c’è prospettiva, famiglia, figli. Non è possibile che il 20% degli italiani usi psicofarmaci, spesso per mancanza di speranzafiduciaprospettive. La verità, però, è che il problema della salute mentale e dell’uso (e abuso) degli psicofarmaci è ben più complesso. E legarlo a una vaga “mancanza di speranza” nel futuro ne rappresenta una semplificazione estrema, se non addirittura distorta.

Tanti malati, tanti farmaci
Cominciamo dai numeri. Il Rapporto sulla salute mentaleappena divulgato dal ministero della Salute (in occasione del quarantennale dell’approvazione della legge Basaglia, il provvedimento in cui si abolivano i manicomi) contiene alcuni dati interessanti per fotografare lo stato della salute mentale nel nostro paese.

Le cifre (relative però al 2016 e ai soli pazienti che hanno avuto un contatto con strutture psichiatriche, pubbliche o private) dicono che in Italia la patologia mentale più frequente è proprio la depressione, con un’incidenza di 15,7 casi su 10mila abitanti, seguita dalle sindromi nevrotiche e somatoformi (9,9 casi su 10mila abitanti) e dalla schizofrenia e altre psicosi funzionali (7,1 casi su 10mila abitanti). Quanto alla demografia, un dato interessante è quello relativo alla distribuzione di genere dei pazienti depressi: l’incidenza nelle donne (19,1 su 10mila abitanti) è superiore rispetto a quella negli uomini (12,0 su 10mila abitanti).

Per quanto riguarda poi il consumo di farmaci, il rapporto enumera solo le cifre relative alla spesa, sia in regime di assistenza convenzionata che in distribuzione diretta: per gli antidepressivi abbiamo speso in totale 340 milioni di euro, per circa 35 milioni di confezioni; per la categoria degli antipsicotici, invece, la spesa totale si attesta su 170 milioni di euro, per circa 11,5 milioni di confezioni; per la categoria litio, infine, abbiamo speso circa 4 milioni di euro per quasi un milione di confezioni.

Di cosa parla Salvini?
I numeri a cui fa riferimento Salvini sembrerebbero riferiti a Ipsad(Italian Population Survey on Alcohol and other Drugs), uno studio di prevalenza condotto dall’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche in collaborazione con l’Agenzia italiana per il farmaco e relativo all’uso di alcool e di altre sostanze psicoattive, sia lecite che illecite, sulla popolazione italiana. Ed è un po’ curioso che Salvini li abbia citati proprio in questo momento, perché si tratta di cifre relative all’anno 2014 e già noti da tempo: “I dati citati da Salvini”, ci spiega Sabrina Molinaro, epidemiologa parte del team che ha condotto la ricerca, “fanno parte di uno studio più ampio, condotto a partire dal 2001-2002. Dall’analisi dei questionari che abbiamo somministrato al campione in esame, si stima che circa 7 milioni di persone nella fascia d’età 15-74, corrispondenti al 16% della popolazione, abbiano assunto psicofarmaci almeno una volta nel corso dell’anno, soprattutto le donne (poco meno del 21%, contro l’11% degli uomini”. Ancora qualche dato demografico: “Il consumo di psicofarmaci aumenta con l’età: è infatti tra gli over 55 che si osservano prevalenze superiori, con una marcata differenza di genere in questa classe d’età”, in linea con quanto emergeva dal succitato rapporto del ministero della Salute. I farmaci più consumati, dice lo studio, sono tranquillanti ansiolitici, assunti da 5,7 milioni di persone, pari al 12,6% della popolazione.

Nel citare il dato del 20%, Salvini fa probabilmente riferimento non al consumo di psicofarmaci, ma all’incidenza della depressione: “Dalla somministrazione del test di screening Depression Anxiety Stress Scales, continua la ricercatrice, “è risultato che il 21% circa della popolazione di 15-74 anni residente in Italia, cioè circa una persona ogni cinque di pari età, risulta avere un grado moderato-severo di depressione, il 19% di ansia e il 12% di stress, livelli che ancora una volta risultano superiori nel genere femminile”.

Il punto di vista degli psichiatri
A fronte di una situazione clinica ed epidemiologica certamente preoccupante – secondo l’Organizzazione mondiale della sanità oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo soffrono oggi di depressione, il 18% in più rispetto al 2005 – è bene però sottolineare che, dal punto di vista psichiatrico, affermare che l’aumento dell’incidenza delle malattie mentali e del consumo di psicofarmaci sia legato a un peggioramento delle condizioni socioeconomiche è una semplificazione eccessiva e per alcuni versi errata. “Effettivamente”, ci spiega Bernardo Carpiniello, presidente della Società italiana di psichiatria e docente all’Università di Cagliari, “c’è un aumento nel consumo di psicofarmaci e nel numero di persone affette da disturbi mentali clinicamente evidenti. Tuttavia quella di Salvini è una generalizzazione eccessiva: certamente il deterioramento delle condizioni di vita in termini di status economico e sociale determina un aggravamento generale della salute mentale, ma bisogna tener presente che su disturbi di questo tipo pesano molto di più tutti i fattori legati alla sfera intima dell’individuo”. Continua lo psichiatra: “Soprattutto il rapporto causa-effetto è tutt’altro che accertato: ci sono infatti diverse evidenze scientifiche che mostrano che la causalità potrebbe andare nel verso opposto. Ossia che un deterioramento della salute mentale della popolazione implichi una diminuzione della produttività e del Pil”. Uno scenario, per l’appunto, molto più sfaccettato di quello che sembrerebbe suggerire Salvini. “Non è pensabile”, prosegue Carpiniello, “pensare di avere una bacchetta magicaper risolvere problemi che in realtà sono multifattoriali e investono campi diversi della sanità e della società”.

A rincarare la dose è anche Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di neuroscienze e salute mentale dell’Asst Fatebenefratelli-Sacco di Milano. “È vero che tanti italiani prendono psicofarmaci”, conclude, “e non posso che auspicare l’avvio di un programma politico in grado di incidere davvero su mancanza di lavoro e prospettive. Ma è anche vero che l’Italia, a livello europeo, ha consumi più bassi rispetto a economie che viaggiano più veloci come quella della Germania, dell’Olanda, della Francia, della Gran Bretagna e della Spagna. Per non parlare degli Stati Uniti: insomma, fiducia, ottimismo e lavoro sono importanti ma la qualità di vita, e lo stato generale dell’economia, non possono essere valutati solo in base al consumo di psicofarmaci”.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia una recensione

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
Notificami

Medicina

America, Inghilterra, Messico contro l’Italia no vax: un Paese di untori

Gli attacchi della stampa Usa: “Se andate in vacanza nel Belpaese attenti al morbillo, in Italia è il Far West”. La crisi diplomatica con il Messico e l’allarme dell’Oms sulle decisioni del governo Conte

Pubblicato

il

La stampa estera non ci tratta con i guanti, anzi in pratica ci dà degli untori. E il tema è sempre quello: i #vaccini . Il Financial Times, in un articolo sulla decisione presa dal Senato di far slittare di un anno l’obbligo della vaccinazione per l’iscrizione a nidi e scuole materne, parla di ritorno al selvaggio West, dove «la salute dei piccoli è lasciata interamente nelle mani delle famiglie». Vedi la chat che abbiamo pubblicato in cui mamme italiane pubblicamente sui social si mostravano orgogliose di contraffare l’autocertificazione. Una preoccupazione simile è rilanciata dal New York Times che segnalava come in Europa la diffusione del morbillo nel 2017 fosse cresciuta in maniera preoccupante. Quasi 15mila casi, di cui un terzo in Italia. Lo stesso giornale americano faceva poi notare che laddove in Italia il governo vuole ora quanto meno limitare l’obbligatorietà delle vaccinazioni, in Francia e in Germania ci si muove nella direzione opposta.

L’attacco di Londra. Un mese fa il Times di Londra aveva attaccato, con un editoriale di David Aaronovitch, le scelte del governo giallo-verde, mettendo addirittura in relazione una recrudescenza dei casi di morbillo nel Regno Unito per via dei cittadini britannici contagiati nel nostro Paese.
Il caso messicano. Intanto tre casi di morbillo potrebbero far scoppiare una mezza crisi diplomatica tra Italia e Messico. Nella capitale centroamericana sono state ricoverate tre persone: si tratta di una donna italiana di 39 anni, di suo figlio – che ha meno di un anno e che quindi non è ancora in età da vaccino – e una collaboratrice domestica che bada al bambino. La 39enne abita a Città del Messico dal 2007 e lavora all’ambasciata del nostro Paese. La conferma dei casi è arrivata direttamente dal ministero della Salute messicano che ha pubblicato una nota scrivendo che l’identificazione è arrivata direttamente dal Sistema Nacional de Vigilancia Epidemiológica (Sinave) che li ha individuati a Ciudad de México in base alle analisi dell’Instituto de Diagnóstico y Referencia Epidemiológico (InDre). Il ministero della Salute messicano ha sottolineato la gravità del fatto, dal momento che tutti i 176 casi di morbillo registrati dal 1996 a oggi sono dovuti a turisti o comunque a stranieri. E intanto da oltre un anno il Centro di documentazione sulle malattie infettive di Atlanta negli Stati Uniti ha inserito l’Italia nell’elenco dei Paesi a rischio morbillo per i turisti americani.

Parla il professor Mantovani. “Ho 8 nipoti e quando viaggiano in auto con me, allaccio per loro le cinture di sicurezza. E i più piccoli li metto dietro, sul seggiolino, per proteggerli da eventuali incidenti. Normale. Nel rispetto della legge. È la stessa logica di protezione che dovrebbe spingere i genitori a vaccinare i bambini contro le malattie infettive. I vaccini sono cinture di sicurezza sanitarie, ma sfortunatamente non tutti sono d’accordo”. Così l’immunologo Alberto Mantovani, professore di Patologia generale all’Humanitas University di Milano, in un’intervista al Corriere della Sera. La legge Lorenzin “è pedagogica. Ben venga la legge, se semplice e chiara, perché aiuta le persone a capire. E in alcune Regioni l’introduzione dell’obbligo ha avuto buoni risultati”, dichiara Mantovani, secondo cui nel nostro Paese “c’è troppa confusione nell’informazione. Non ci dobbiamo dimenticare che abbiamo avuto 5mila casi di morbillo in Italia, anche fra gli adulti, con sei morti, negli ultimi tempi. E questa emergenza è stata registrata dall’Oms, che ci ha ‘onorato’ di un cartellino giallo anche per i turisti in viaggio verso il nostro Paese. E negli Usa il Center for Control Diseases raccomanda a chi viaggia in Italia di vaccinarsi contro il #morbillo “.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Globalist

Continua a leggere

Medicina

52 casi in Emilia Romagna e Veneto, che cos’è la febbre West Nile?

Quest’anno la trasmissione del virus West Nile è cominciata prima, facendo registrare fino ad ora ben 52 casi confermati di infezione e due decessi, in Emilia Romagna e in Veneto. Ma cos’è esattamente la febbre del West Nile?

Pubblicato

il

Salgono a 52 i casi registrati e si arriva a ben due decessi per il contagio del West Nile, un virus che si trasmette attraverso una puntura di zanzare del genere Culex e che si sta diffondendo nelle aree umide dell’Emilia Romagna e del Veneto. Proprio il 2 agosto, infatti, si è aggiunto il secondo decesso di un uomo di 79 anni, residente a Verona. La prima vittima, invece, era un 77enne di Ferrara, già affetto da problemi cronici cardio-respiratori.

Quest’anno la trasmissione del virus West Nile è cominciata prima rispetto agli anni precedenti. Come riporta l’ultimo aggiornamento delle attività della sorveglianza integrata del West Nile e Usutu virus, pubblicati nel bollettino periodico, il 16 giugno si è verificato il primo caso umano di infezione confermata e al primo di agosto sono stati bene 52 i casi registrati. In particolare, si legge sul sito di Epicentro dell’Istituto superiore di sanità, sono stati segnalati 16 casi (10 in Veneto e 6 in Emilia Romagna) con manifestazioni di tipo neuro invasivo (di cui appunto 2 decessi), 22 casi di febbre (10 in Emilia Romagna e 12 in Veneto) e 14 casi in donatori di sangue (11 in Emilia Romagna e 3 in Veneto).

Ma cos’è esattamente questa febbre? È una malattia provocata dal virus West Nile (West Nile Virus, Wnv), un virus della famiglia dei Flaviviridaediffuso in Africa, Asia occidentale, Europa, Australia e America. I serbatoi del virus sono principalmente gli uccelli selvatici e le zanzare, più frequentemente del genere Culex, le cui punture sono il principale mezzo di trasmissione agli esseri umani (il virus può infettare anche cavalli, cani, gatti e altri mammiferi).

La febbre West Nile non si trasmette da persona a persona e il periodo di incubazione dal momento della puntura della zanzara infetta varia dai 2 ai 14 giorni, fino a un massimo di 21 giorni nelle persone con deficit del sistema immunitario.

Come riporta Epicentro, la maggior parte delle persone infette, la cui diagnosi viene fatta con test di laboratorio su campioni di siero, non mostra alcun sintomo. Mentre fra i casi sintomatici, circa il 20% presenta sintomi leggeri come febbre, mal di testa, nausea, vomito, linfonodi ingrossati, sfoghi cutanei. Questi sintomi possono durare pochi giorni (fino ad alcune settimane) e variano molto a seconda dell’età della persona: nei bambini è più frequente una febbre leggera, nei giovani la sintomatologia è caratterizzata da febbre mediamente alta, arrossamento degli occhi, mal di testa e dolori muscolari. Negli anziani e nelle persone debilitate, infine, la sintomatologia può essere più grave. Tuttavia, i sintomi più gravi riguardano in media meno dell’1% delle persone infette e si manifestano con febbre alta, forti mal di testa, debolezza muscolare, disorientamento, tremori, disturbi alla vista, torpore, convulsioni, fino alla paralisi e al coma. E nei casi più gravi (circa 1 su mille) il virus può causare un’infiammazione dell’encefalo che può essere letale.

A oggi, tuttavia, non esiste né un vaccino (per il momento la prevenzione consiste soprattutto nel ridurre l’esposizione alle punture di zanzare) né una terapia specifica (nei casi più gravi dove viene richiesto il ricovero in ospedale vengono somministrati fluidi intravenosi e respirazione assistita).

Pertanto, consiglia Epicentro, è consigliabile proteggersi dalle punture ed evitare che le zanzare possano riprodursi facilmente, per esempio usando repellenti e indossando pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe quando si è all’aperto, soprattutto all’alba e al tramonto. Inoltre bisogna usare le zanzariere alle finestre, svuotare di frequente i vasi di fiori o altri contenitori con acqua stagnante e cambiare spesso l’acqua nelle ciotole per gli animali.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Medicina

Vaccini e omeopatia, Piero Angela: “La scienza non è democratica”

“La scienza non è democratica. Non è emotività. Il ‘pensiero magico’ attira”

Pubblicato

il

“Ho barato un po’, perché in realtà compio 90 anni l’anno prossimo“. Con questa battuta il giornalista Piero Angelaesordisce nella intervista rilasciata a Gaia Tortora per Omnibus(La7), in occasione dell’uscita del suo ultimo libro autobiografico, “Il mio lungo viaggio – 90 anni di storie vissute”. Tra aneddoti, racconti personali e i suoi 65 anni in Rai, Angela ripercorre velocemente le tappe della sua vita professionale: “Nel ’68-’69 facevo in Rai il telegiornale, ci fu lo sbarco sulla Luna e lo seguii in tutte le sue fasi. Capitai poi in un laboratorio della Nasa, dove si studiava l’esobiologia, cioè la possibilità della vita fuori dalla Terra. Quello fu un pretesto per capire come era nata la vita sulla Terra e lì c’era tutto: geologia, biochimica, paleontologia. E quindi mi sono innamorato. Mi dissi: ‘Questo voglio fare da grande’. Così lasciai il telegiornale e da allora ho fatto solo documentari. Il primissimo documentario, quasi amatoriale, che feci risale al 1951.

E’ dal 1952 che lavoro in Rai tutti i giorni“. E aggiunge: “Negli anni è cambiata molto la Rai: prima c’era una sorta di identificazione delle professioni, che poi si è un po’ persa. E c’era anche una certa dignità nel lavoro, che ora è decisamente inferiore”. Poi sottolinea: “La scienza non è democratica, non ha punti di vista. Non è che ognuno ha una sua idea. E lì, rispetto alla politica, si va più d’accordo, perché due più due fa sempre quattro. L’omeopatia? In quel caso parliamo di pseudo-scienza. Ho fatto lunghe battaglie, perché anche questo rientra in quella categoria dell’emotività. Il ‘pensiero magico’ attira“. Infine, Angela si esprime su quella che è la caratteristica primaria che deve possedere un giornalista televisivo: “Quando lavori in televisione, soprattutto nel servizio pubblico, ti devi spogliare delle tue idee e delle tue passioni. Devi, cioè, cercare di essere obiettivo. Il fatto è che ognuno pensa di essere obiettivo, dicendo cose diverse. Ma l’obiettività sta nell’onestà di ciascuno”

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Continua a leggere

Newsletter

Medicina

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...