Contattaci

ESTERI

Kim, oligarchi e carbone: così la Corea del Nord arma i missili della paura

Pubblicato

il

Metti una sera a cena: mai provato il sushi lì a Pyongyang? Certo che conviene prenotare: Takahashi fa semre il pienone, e peccato per il conto un po’ troppo salato, anche più di 100 dollari per set, ma vuoi mettere il piacere di accomodarsi alla tavola del mitico Fujimoto? Kevin lo Chef è stato il cuoco personale di Kim Jong-il, e se preparava il pesce per il Caro Leader saprà bene come farlo gustare, ugualmente caro, anche alla normale clientela. Che poi, beninteso, così normale non è, visto come se la passa il resto del paese: il Global Hunger Index, che misura l’emergenza fame nel mondo, regala alla #Corea del Nord la poco invidiabile presenza nella top 20, piazzandola giusto dietro lo Zimbabwe, con 10 milioni di persone, cioè il 41% della nazione, sotto il livello minimo di nutrizione.

Come fa dunque Takahashi a prosperare? Ok, ok, sembra già di sentirlo il solito “racconto di due città”, che da Charles Dickens in poi simboleggia le disparità sociali di ogni dove: ed è chiaro che il gap è fortissimo anche lassù, tanto più in un sistema che per legge giusto 60 anni fa, 30 maggio 1957, ha introdotto quella classificazione per caste politiche chiamata Songbun che seleziona i nordcoreani suddividendoli in “amici”, “neutrali” e “nemici” – sempre e ovviamente del regime. No, fin qui niente di nuovo, o quantomeno di specifico: il gap sociale lo ritrovi a ogni latitudine. Non sarà invece che

Takahashi prospera perché a suo modo prospera, o per meglio dire tira avanti, anche la Corea del Nord?

Facciamo un po’ di conti: qual è la previsione di crescita del Pil americano per quest’anno? Del 2,1%. E qual è la previsione di crescita del Pil della Corea del Nord? Statistiche credibili da lì ovviamente non ne arrivano ma secondo i calcoli di North Korea News, uno dei siti meglio informati sulla situazione oltre il 38esimo parallelo, la cifra si attesterebbe tra il 3 e il 4%: ben al di là del pur stupefacente 1,5% pronosticato dalla Bank of Korea, cioè l’istituto di stato sudcoreano. Che succede? Innanzitutto un po’ di storia: quanti di noi ricordano che fino al 1973 la Corea del Nord era economicamente più sviluppata di quella del Sud, oggi undicesima potenza mondiale? Grazie agli aiuti dei fratelli comunisti Russia e Cina, certo. Ma soprattutto alla ricchezza di risorse che aveva spinto i colonizzatori giapponesi all’inizio del secolo scorso a costruire le fabbriche al Nord, relegando il Sud a granaio della penisola. Il tesoro, allora come oggi, si chiamava carbone. E oggi come allora, arricchisce le casse di Pyongyang: perché emetterà anche il doppio di anidride carbonica del gas naturale, e il 28% in più di sostanze inquinanti del petrolio, ma intanto continua a rappresentare il 40% della fonte di energia mondiale. Come dimostra l’export da lassù che dal 2011 al 2015 è cresciuto da 1,8 a 2,8 miliardi di dollari: con il piccolo aiuto dell’import di Russia, India e soprattutto Cina, che malgrado le sanzioni intrattiene ancora – #Trump l’ha denunciato al meeting con Xi Jinping – il 90% degli scambi commerciali col Cattivissimo Kim.

Sì, a giustificare la tenuta economica gli osservatori internazionali ora puntano il dito anche sulle cosiddette “riforme”. E va ricordato che il leader che insegue l’atomica, e rischia di portare il mondo intero sull’orlo del baratro, è pure quello che ha portato al numero eccezionale di 20 le zone a sviluppo economico speciali: sulla scia di quelle che negli ultimi trent’anni hanno permesso lo sviluppo della Cina. Ma è anche vero che le falle nel sistema comunista si stavano già aprendo un po’ ovunque. Scrive l’esperto Andrei Lankov: “Molte industrie nordcoreane sono di proprietà privata e privatamente gestite, il loro numero cresce giorno dopo giorno”. Qui le riforme di Kim Jong-un sono indietrissimo, e il Paese non ha ancora neppure una linea guida per la proprietà privata “che quindi, ufficialmente, non esiste”. Come funziona? “Un imprenditore privato deve registrare tutto, dal ristorante alla miniera, come proprietà di stato, e poi tenere due registri: uno che riflette la situazione reale, e uno che mantiene la finzione della proprietà di Stato”. La verità è che i nordcoreani non hanno aspettato i loro leader per tirarsi fuori dai guai. E il punto di svolta, con l’uscita ufficiosa dall’economia comunista che aveva garantito qualche forma di redistribuzione, è stata una tragedia nazionale: la carestia della metà degli anni ’90.

Scrivono Daniel Tudor e James Pearson in North Korea Confidential: “Le razioni di cibo regolarmente fornite dal governo scomparvero per non ritornare più. La lezione che i sopravvissuti impararono da quella esperienza fu di fare affidamento su sé stessi: ricorrendo volenti o no a qualche forma di capitalismo”. Le inondazioni degli anni 90 distruggono le infrastrutture – salta l’85% della rete elettrica – e poi gettano sul lastrico un’intera popolazione: cifre precise non vengono fatte, ma il calcolo delle vittime oscilla tra le 200mila e il milione di persone. Un orrore. È allora che il sistema salta: da quel momento “tutti, dal minatore al maestro di scuola, cominciano a vivere una specie di doppia vita: improvvisandosi in una qualsiasi attività di libero mercato o in mille lavori che permettono di ricavare un po’ di cash”.

Una doppia vita oggi tollerata dallo stesso regime. Il mercato nero è lo jangmadang , e gli edifici e le strutture le trovi in ogni grande città. Ma è uno strano mercato rosso-nero: non è legale, però per ottenere un banchetto devi pagare una tassa al partito. Doppia, ormai, è persino la vita della moneta. Si chiama won come quella della Corea del Sud ma è molto più svalutata: 1 won vale 0,0011 dollari. Peccato che ormai niente sia venduto in won: le valute più usate per comprare i prodotti occidentali introdotti di nascosto sono proprio l’odiato dollaro e, naturalmente, lo yuan dei cinesi. “Così oggi l’economia nordcoreana non è più in caduta libera”, riassume al Telegraph il professor Hazel Smith, direttore dell’Istituto Internazionale di studi coreani all’università di Lancaster. Tra mille disparità, e malgrado i 10 milioni di persone a rischio fame, la percentuale di mortalità è crollata, l’aspettativa di vita è cresciuta, e i bambini nordcoreani starebbero meglio di quelli pachistani o indiani. Un piccolo successo che il prof attribuisce, paradossalmente, a quel “capitalismo da gangster” di chi si sta arricchendo sfruttando, oltre al prossimo, i vuoti lasciati aperti dal regime. Sono i piccoli nuovi oligarchi di Pyongyang: che però adesso vedono restringersi sempre più ogni prospettiva per l’irrigidirsi delle sanzioni internazionali. Tant’è che più di qualche espertone comincia già a farsi una domanda che per ora, per la verità, è più che altro una speranza: saranno mica loro, alla fine, a provare a fermare la corsa di Pyongyang verso l’abisso nucleare? Saranno mica i ricchissimi clienti di Takahashi, l’ex chef personale di Kim Jong-il, a disturbare i sogni atomici di suo figlio Kim Jong-un, l’ex ragazzone che Trump promise di poter avvicinare offrendogli, altro che sushi, un americanissimo hamburger?

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

la Repubblica

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
1 Commento

1
Lascia una recensione

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Susy Barini Recent comment authors
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Ospite

Che fosse smantellato lo si sapeva purtroppo

ESTERI

Attentato in Francia: donna accoltella due persone e grida «Allah Akbar»

È accaduto a Seyne-sur-Mer. La donne è stata arrestata. Uno dei due feriti è stato colpito all’addome ed è stato ricoverato in ospedale

Pubblicato

il

Allarme terrorismo in Francia dove una donna è stata arrestata dopo aver ferito due persone con un taglierino in un supermercato. È accaduto a Seyne-sur-Mer, nel sud della Francia, e secondo i testimoni dopo aver ferito le due persone la donna ha urlato «Allah Akbar!».

Uno dei feriti, un cliente del supermercato, è stato colpito al torace ed è stato ricoverato in ospedale. Anche una cassiera è stata ferita leggermente.

Una donna di 24 anni ha ferito due persone con un taglierino in un supermercato di La Seyne-sur-Mer, vicino a Tolone (sud della Francia), gridando ‘Allah Akbar’. La donna è stata subito arrestata. I due aggrediti, un cliente e una cassiera, se la sono cavata con lievi ferite.

“Sembra essere un episodio isolato, causato da una persone con turbe psichiche”: lo ha detto il procuratore della Repubblica di Tolone, Bernard Marchal. Secondo le ricostruzioni, la donna – nota per reati comuni e in particolare per fatti violenti – è una francese nata nel 1994. Una perquisizione nella sua casa, tuttora in corso, dovrebbe chiarire se ha avuto o meno rapporti con l’Isis o con elementi vicini all’islamismo radicale. “Il fatto di avere problemi psichici attestati – ha precisato il procuratore – non esclude che possa essere radicalizzata”.

I testimoni hanno parlato di qualcosa che assomigliava a una lite o a una zuffa. La cassiera è rimasta ferita vicino all’occhio, l’uomo al petto. Sono entrambi fuori pericolo.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 
Crediti :

ANSA

Continua a leggere

ESTERI

Parigi, uomo armato cattura ostaggi in un ufficio

Succede nel centro di Parigim in un ufficio dell’agenzia pubblicitaria Mixicom, al 46 di Rue des Petite Ecuries. Al momento nulla lascia ritenere che si tratti di un atto terroristico

Pubblicato

il

PARIGI – Un uomo ha preso in ostaggio tre persone, tra cui una donna incinta, nel decimo arrondissement, nel centro di Parigi. La zona è presidiata dagli agenti ed è in corso una vasta operazione di polizia. Nulla lascia ritenere che si tratti di un’azione terroristica. Le forze dell’ordine non sono neppure in grado di confermare se il sequestratore è armato e non hanno fornito altri particolari.

Secondo il sito di Le Parisien, l’uomo avrebbe dichiarato di avere con sé una bomba e una pistola e ha chiesto di contattare l’ambasciata iraniana tramite cui vuole “consegnare un messaggio al governo francese”. Uno degli ostaggi, sempre secondo il quotidiano francese, versa in gravi condizioni, in segito al colpo all’occhio da una chiave inglese. Intanto, dall’interno dell’ufficio, una donna vestita di rosso ha cercato di comunicare con l’esterno con un foglio scritto appoggiato al vetro ma illeggibile a causa della distanza.

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

 

Crediti :

la Repubblica

Continua a leggere

ESTERI

Cosa è successo durante i colloqui tra Donald Trump e Kim Jong-un

I due leader si sono incontrati a Singapore, i timori della vigilia sono stati sfatati e tutto è andato liscio. Per Trump l’incontro con Kim Jong-un è stato “fantastico”

Pubblicato

il

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong-un si sono incontrati alle 9:00 di mattina a Singapore (quando in Italia erano le 3:00 di notte di martedì 12 giugno) sull’isola di Sentosa, a Singapore. Una data storica e persino inattesa considerando i rapporti tra i due paesi, storicamente farraginosi e ostici, e considerando anche che tra i due leader, durante gli ultimi mesi, sono volati stracci a causa dei test balistici condotti da Pyongyang.

Trump ha definito il summit “fantastico”, parlando anche di un documento che verrà firmato da entrambi e sul quale vige ancora il segreto. Secondo il Guardian si tratterà di una dichiarazione sullo stato di avanzamento dei colloqui con uno sguardo sul futuro. Il primo incontro è durato 38 minuti e, a seguire, ha avuto luogo una riunione a cui hanno preso parte anche i consiglieri politici di entrambi i presidenti.

Di cosa hanno parlato

Il vertice, così come anticipato dal segretario di Stato americano Mike Pompeo, aveva lo scopo di rinsaldare il rapporto tra i due paesi per avviare una collaborazione futura. L’obiettivo, benché raggiunto, ha un valore soltanto formale, i negoziati saranno lunghi e prevedono le relazioni diplomatiche e politiche, gli aiuti economici e il disarmo nucleare.

Il processo di denuclearizzazione della Corea del Nord

– ha detto Trump a margine dei colloqui – inizierà velocemente”. E poi, dando una pacca sulla spalla a Kim Jong-un, si è augurato di vederlo presto alla Casa Bianca.

I segnali contrastanti del pre-vertice

A fare temere il peggio anche le parole di Trump il quale, durante le ultime settimane, ha più volte ribadito di essere pronto a interrompere i colloqui ai primi segnali di affronto da parte del suo pari nordcoreano.

Anche il comportamento di Trump al recente G7 ha dato qualche preoccupazione, è innegabile che il summit canadese non abbia avuto successo per volere del leader americano che ha opposto resistenza a gran parte dei temi sul tavolo, dando ordini specifici affinché il documento finale non fosse sottoscritto dagli Usa.

Ci sono stati però anche tanti segnali di distensione, primo su tutti l’interruzione – annunciata lo scorso marzo – dei test missilistici nordcoreani. Kim Jong-un, rivolgendosi ai media poco prima che il vertice iniziasse, ha comunicato di essere pronto a lasciarsi le vecchie ruggini alle spalle e ripartire con nuovo vigore nelle trattative con gli Stati Uniti. Secondo i media locali, il leader nordcoreano si è presentato all’appuntamento una manciata di minuti prima di Trump, un segno di rispetto nella cultura del posto, secondo cui il più giovane arriva prima del più anziano.

Il mondo sta a guardare

Singapore è teatro a cui assiste l’occhio vigile e attento del mondo, a partire dalla Corea del Sud che ha avviato un percorso di riavvicinamento con Kim Jong-un e che, come è fortemente probabile avvenga, può diventare ancora più veloce grazie alla distensione tra Nordcorea e Stati Uniti d’America.

I segnali di distensione, più in generale, fanno bene alla politica e all’economia internazionale. La situazione in Corea del Nord è tutt’altro che facile. Un’economia interna e gli stati sociali basati sul volere dei leader di partito, attività di controllo degli abitanti e criminalità internazionale che, di fatto, rappresenta una parte importante delle ricchezze del paese.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Newsletter

Esteri

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...