Contattaci

ESTERI

Kim, oligarchi e carbone: così la Corea del Nord arma i missili della paura

Pubblicato

il

Metti una sera a cena: mai provato il sushi lì a Pyongyang? Certo che conviene prenotare: Takahashi fa semre il pienone, e peccato per il conto un po’ troppo salato, anche più di 100 dollari per set, ma vuoi mettere il piacere di accomodarsi alla tavola del mitico Fujimoto? Kevin lo Chef è stato il cuoco personale di Kim Jong-il, e se preparava il pesce per il Caro Leader saprà bene come farlo gustare, ugualmente caro, anche alla normale clientela. Che poi, beninteso, così normale non è, visto come se la passa il resto del paese: il Global Hunger Index, che misura l’emergenza fame nel mondo, regala alla #Corea del Nord la poco invidiabile presenza nella top 20, piazzandola giusto dietro lo Zimbabwe, con 10 milioni di persone, cioè il 41% della nazione, sotto il livello minimo di nutrizione.

Come fa dunque Takahashi a prosperare? Ok, ok, sembra già di sentirlo il solito “racconto di due città”, che da Charles Dickens in poi simboleggia le disparità sociali di ogni dove: ed è chiaro che il gap è fortissimo anche lassù, tanto più in un sistema che per legge giusto 60 anni fa, 30 maggio 1957, ha introdotto quella classificazione per caste politiche chiamata Songbun che seleziona i nordcoreani suddividendoli in “amici”, “neutrali” e “nemici” – sempre e ovviamente del regime. No, fin qui niente di nuovo, o quantomeno di specifico: il gap sociale lo ritrovi a ogni latitudine. Non sarà invece che

Takahashi prospera perché a suo modo prospera, o per meglio dire tira avanti, anche la Corea del Nord?

Facciamo un po’ di conti: qual è la previsione di crescita del Pil americano per quest’anno? Del 2,1%. E qual è la previsione di crescita del Pil della Corea del Nord? Statistiche credibili da lì ovviamente non ne arrivano ma secondo i calcoli di North Korea News, uno dei siti meglio informati sulla situazione oltre il 38esimo parallelo, la cifra si attesterebbe tra il 3 e il 4%: ben al di là del pur stupefacente 1,5% pronosticato dalla Bank of Korea, cioè l’istituto di stato sudcoreano. Che succede? Innanzitutto un po’ di storia: quanti di noi ricordano che fino al 1973 la Corea del Nord era economicamente più sviluppata di quella del Sud, oggi undicesima potenza mondiale? Grazie agli aiuti dei fratelli comunisti Russia e Cina, certo. Ma soprattutto alla ricchezza di risorse che aveva spinto i colonizzatori giapponesi all’inizio del secolo scorso a costruire le fabbriche al Nord, relegando il Sud a granaio della penisola. Il tesoro, allora come oggi, si chiamava carbone. E oggi come allora, arricchisce le casse di Pyongyang: perché emetterà anche il doppio di anidride carbonica del gas naturale, e il 28% in più di sostanze inquinanti del petrolio, ma intanto continua a rappresentare il 40% della fonte di energia mondiale. Come dimostra l’export da lassù che dal 2011 al 2015 è cresciuto da 1,8 a 2,8 miliardi di dollari: con il piccolo aiuto dell’import di Russia, India e soprattutto Cina, che malgrado le sanzioni intrattiene ancora – #Trump l’ha denunciato al meeting con Xi Jinping – il 90% degli scambi commerciali col Cattivissimo Kim.

Sì, a giustificare la tenuta economica gli osservatori internazionali ora puntano il dito anche sulle cosiddette “riforme”. E va ricordato che il leader che insegue l’atomica, e rischia di portare il mondo intero sull’orlo del baratro, è pure quello che ha portato al numero eccezionale di 20 le zone a sviluppo economico speciali: sulla scia di quelle che negli ultimi trent’anni hanno permesso lo sviluppo della Cina. Ma è anche vero che le falle nel sistema comunista si stavano già aprendo un po’ ovunque. Scrive l’esperto Andrei Lankov: “Molte industrie nordcoreane sono di proprietà privata e privatamente gestite, il loro numero cresce giorno dopo giorno”. Qui le riforme di Kim Jong-un sono indietrissimo, e il Paese non ha ancora neppure una linea guida per la proprietà privata “che quindi, ufficialmente, non esiste”. Come funziona? “Un imprenditore privato deve registrare tutto, dal ristorante alla miniera, come proprietà di stato, e poi tenere due registri: uno che riflette la situazione reale, e uno che mantiene la finzione della proprietà di Stato”. La verità è che i nordcoreani non hanno aspettato i loro leader per tirarsi fuori dai guai. E il punto di svolta, con l’uscita ufficiosa dall’economia comunista che aveva garantito qualche forma di redistribuzione, è stata una tragedia nazionale: la carestia della metà degli anni ’90.

Scrivono Daniel Tudor e James Pearson in North Korea Confidential: “Le razioni di cibo regolarmente fornite dal governo scomparvero per non ritornare più. La lezione che i sopravvissuti impararono da quella esperienza fu di fare affidamento su sé stessi: ricorrendo volenti o no a qualche forma di capitalismo”. Le inondazioni degli anni 90 distruggono le infrastrutture – salta l’85% della rete elettrica – e poi gettano sul lastrico un’intera popolazione: cifre precise non vengono fatte, ma il calcolo delle vittime oscilla tra le 200mila e il milione di persone. Un orrore. È allora che il sistema salta: da quel momento “tutti, dal minatore al maestro di scuola, cominciano a vivere una specie di doppia vita: improvvisandosi in una qualsiasi attività di libero mercato o in mille lavori che permettono di ricavare un po’ di cash”.

Una doppia vita oggi tollerata dallo stesso regime. Il mercato nero è lo jangmadang , e gli edifici e le strutture le trovi in ogni grande città. Ma è uno strano mercato rosso-nero: non è legale, però per ottenere un banchetto devi pagare una tassa al partito. Doppia, ormai, è persino la vita della moneta. Si chiama won come quella della Corea del Sud ma è molto più svalutata: 1 won vale 0,0011 dollari. Peccato che ormai niente sia venduto in won: le valute più usate per comprare i prodotti occidentali introdotti di nascosto sono proprio l’odiato dollaro e, naturalmente, lo yuan dei cinesi. “Così oggi l’economia nordcoreana non è più in caduta libera”, riassume al Telegraph il professor Hazel Smith, direttore dell’Istituto Internazionale di studi coreani all’università di Lancaster. Tra mille disparità, e malgrado i 10 milioni di persone a rischio fame, la percentuale di mortalità è crollata, l’aspettativa di vita è cresciuta, e i bambini nordcoreani starebbero meglio di quelli pachistani o indiani. Un piccolo successo che il prof attribuisce, paradossalmente, a quel “capitalismo da gangster” di chi si sta arricchendo sfruttando, oltre al prossimo, i vuoti lasciati aperti dal regime. Sono i piccoli nuovi oligarchi di Pyongyang: che però adesso vedono restringersi sempre più ogni prospettiva per l’irrigidirsi delle sanzioni internazionali. Tant’è che più di qualche espertone comincia già a farsi una domanda che per ora, per la verità, è più che altro una speranza: saranno mica loro, alla fine, a provare a fermare la corsa di Pyongyang verso l’abisso nucleare? Saranno mica i ricchissimi clienti di Takahashi, l’ex chef personale di Kim Jong-il, a disturbare i sogni atomici di suo figlio Kim Jong-un, l’ex ragazzone che Trump promise di poter avvicinare offrendogli, altro che sushi, un americanissimo hamburger?

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

la Repubblica

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
1 Commento

Lascia una recensione

1 Commento su "Kim, oligarchi e carbone: così la Corea del Nord arma i missili della paura"

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Ospite

Che fosse smantellato lo si sapeva purtroppo

ESTERI

Canada, furgone travolge i passanti a Toronto: 10 morti e 15 feriti, preso il guidatore

Un testimone: “Ha guidato per centinaia di metri falciando le persone una ad una”. Lʼattentatore è uno studente 25enne di origine armena

Pubblicato

il

In Canada un furgone bianco ha travolto una decina di persone che camminavano lungo un marciapiede nel centro di Toronto, dove si sta svolgendo il G7. L’incidente è avvenuto intorno alle 13:30 ora locale, le 19:30 in Italia. Il bilancio è di almeno 10 morti e 15 feriti, 4 dei quali gravi. Il guidatore, il 25enne Alex Minassian, è stato arrestato. Secondo un testimone, l’uomo ha guidato per centinaia di metri “falciando le persone una a una”.

Il furgone bianco, preso a noleggio, ha improvvisamente superato la barriera che separa la strada dall’area pedonale e ha travolto le persone sul marciapiede. Nei concitati momenti seguiti alla diffusione della notizia, la polizia ha invitato tutti a stare lontani dalla zona dell’incidente, mentre le autorità cittadine hanno fermato la linea della metropolitana che passa nella zona.

Il movente del gesto non è ancora chiaro. Gli inquirenti non tralasciano alcuna pista, anche se la polizia ha affermato che “al momento non c’è alcuna connessione con un possibile atto di terrorismo“. Intanto il premier canadese, Justin Trudeau, ha parlato di “atto folle” ed espresso vicinanza alle vittime: “I nostri pensieri sono con tutte le persone colpite”. E, rivolgendosi ai parlamentari, ha detto: “Avremo più informazioni da condividere con i canadesi nelle prossime ore”.

L’autista, residente a Richmond Hill nella periferia Nord di Toronto, è stato fermato dopo un tentativo di fuga. “C’era un poliziotto e l’uomo aveva una pistola in mano“, ha raccontato un passante che ha assistito alla scena. Il conducente ha quindi gettato a terra l’arma ed è stato arrestato. Minassian è uno studente di origine armena del Seneca College di Toronto. A differenza di quanto riportato da alcuni media, l’uomo non era noto alle forze dell’ordine canadesi e avrebbe ricercato sul web notizie sulla strage del 2014 di Isla Vista, in California, quando un ragazzo di 22 anni investì e uccise sei persone.

canada furgone

 

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Tgcom

Continua a leggere

ESTERI

​Canada, furgone investe pedoni a Toronto. I media: “5 morti”. Arrestato l’uomo alla guida

La notizia delle 5 vittime non ha conferme ufficiali. La polizia parla di 8-10 persone investite. Testimoni riferiscono di un gesto intenzionale, ma la natura dell’incidente non è stata al momento chiarita. Nella città si svolge il G7 dei ministri degli Esteri

Pubblicato

il

Un furgoncino bianco ha investito un gruppo di pedoni a Toronto, dove è in corso il G7 dei ministri degli Esteri. Secondo la polizia, sono rimasti feriti tra 8 e 10 pedoni, ma non si conoscono le loro condizioni. E i media locali parlano di 5 morti, al momento senza conferma ufficiale. L’uomo alla guida ha tentato la fuga ma è poi stato arrestato dalla polizia. Non è chiara al momento la natura dell’incidente. Secondo alcuni testimoni, citati dai media canadesi, l’uomo avrebbe estratto una pistola una volta raggiunto e circondato dalla polizia. Sarebbe però stato arrestato senza che sia stato sparato alcun colpo. La polizia ha chiuso le due strade al cui incrocio c’è stato l’incidente, Yonge Street e Finch Avenue.  Sembra che il furgone fosse stato preso a noleggio.

La dinamica dei fatti Secondo una prima ricostruzione, il furgone bianco ha improvvisamente superato la barriera che separa la strada dall’area pedonale e ha travolto le persone sul marciapiede. Il guidatore avrebbe guidato per centinaia di metri colpendo le persone una ad una, a riferito un testimone alla Cnn. La polizia ha invitato a restare lontani dalla zona, mentre le autorità cittadine hanno fermato la linea della metropolitana che passa nei pressi.  Farnesina al lavoro per verificare coinvolgimento connazionali In questi giorni a Toronto si svolgono i lavori del G7 dei ministri degli Esteri. L’Unità di crisi della Farnesina è a lavoro e verifiche sono in corso sui fatti e sull’eventuale coinvolgimento di connazionali.

Trudeau: i nostri cuori sono rivolti alle persone coinvolte Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha così commentato ai giornalisti: “Ovviamente stiamo seguendo la situazione a Toronto. I nostri cuori sono rivolti a tutti coloro che sono stati colpiti, ovviamente sapremo più cose e avremo altro da dire nelle prossime ore”.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Rai News

Continua a leggere

ESTERI

Esplode un motore sul volo New York-Dallas: un morto e sette feriti

Ancora ignote le cause dell’incidente del Boeing 737 della Southwest Airlines

Pubblicato

il

Un morto e sette feriti, tra cui una donna che ha rischiato di essere risucchiata fuori dal finestrino ed è stata trattenuta dagli altri passeggeri: è il bilancio dell’incidente aereo che ha coinvolto un Boeing 737 della Southwest Airlines, costretto ad un drammatico atterraggio di emergenza all’aeroporto di Filadelfia dopo che uno dei due motori è esploso in aria danneggiando con i suoi frantumi un finestrino, le ali e la fusoliera.

Si tratta della prima vittima in un incidente riguardante una compagnia aerea Usa dal 2009.

L’aereo era partito dal Laguardia di New York ed era diretto a Dallas, con a bordo 143 passeggeri e 5 membri dell’equipaggio.

Ad un certo punto si è sentito un botto: era l’esplosione del motore sinistro, che poi si è parzialmente staccato. Sono seguite scene di panico, come documentano anche i video postati su Fb da alcuni viaggiatori. “Tutti sono impazziti, e gridavano, urlavano”, ha riferito alla Cnn un passeggero, Marty Martinez.

La rottura dell’oblo ha causato la depressurizzazione della cabina e la donna seduta accanto al finestrino è stata quasi aspirata all’esterno ma i suoi vicini l’hanno tenuta per le mani e l’hanno riportata dentro. Intanto dall’alto scendevano le maschere per l’ossigeno e i piloti davano le istruzioni per l’atterraggio di emergenza, avvenuto in sicurezza, nonostante un piccolo incendio per la perdita di carburante, domato prontamente dai vigili del fuoco. Alla fine un piccolo miracolo visti i danni riportati dal velivolo.

“L’intera famiglia della Southwest è devastata e porge la sua più profonda e sentita solidarietà ai clienti, ai dipendenti, ai familiari e alle persone care colpiti da questo tragico evento”, ha scritto in un comunicato la compagnia aerea, le cui azioni hanno subito perdite in Borsa di oltre il 3%, poi contenute a -1,1% in chiusura.

I motori del Boeing 737 sono costruiti dalla Cfm international, una società franco-americana controllata da Safran e General Electric. Le cause dell’incidente non sono ancora state accertate.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 
Continua a leggere

Newsletter

Esteri

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...