Contattaci

Bufale

La bufala anti-ogm del rimedio omeopatico

Pubblicato

il

Quest’estate Gilles-Éric Séralini, eroe di chi si oppone agli ogm, ha pubblicato un nuovo studio: un rimedio [glossary_exclude]omeopatico[/glossary_exclude] sarebbe efficace contro gli effetti del glifosato

Il futuro dell’agricoltura è un tema complesso che ci riguarda tutti ma quando si parla di ogm non c’è sfumatura che tenga e il dibattito si trasforma in una lotta tra il Bene e il Male. E dove c’è polarizzazione, da una parte e dall’altra le bufale prosperano.

Dopo aver cercato per anni di provare che il consumo di organismi geneticamente modificati è un pericolo mortale, ora il biologo molecolare Gilles-Éric Séralini firma uno studio secondo cui un [glossary_exclude]rimedio omeopatico[/glossary_exclude] è efficace contro gli effetti del glifosato.

Il caso Séralini
Che cosa c’entra l’ omeopatia con gli organismi geneticamente modificati? Bisogna tornare almeno al 2012, quando Séralini pubblicòas un famigerato studio nel quale concludeva che il mais ogm resistente al glifosato, così come l’erbicida stesso, causavano nei ratti terribili tumori.

Contemporaneamente alla pubblicazione della ricerca, Séralini dava alle stampe anche il libro Tous cobayes?  (“Tutti cavie?“)  e annunciava l’uscita dell’omonimo documentario.

 

L’operazione di marketing era stata anche ben protetta da un embargo molto particolare, che imponeva ai reporter informati in anteprima dello studio di non contattare esperti al di fuori di Séralini e dei suoi sodali prima della conferenza stampa che avrebbe annunciato i risultati dello studio.

Questa pratica, detta close-hold embargo, dovrebbe essere inaccettabile dal punto di vista giornalistico perché di fatto impedisce di riportare la notizia in maniera indipendente, eppure è più diffusa di quanto si creda.

Proprio in questi giorni, infatti, Scientific American ha rivelato che la Food and Drugs Administration non è estranea a questi mezzi per manipolare la stampa.

Mentre sui giornali si moltiplicavano titoli terroristici, gli esperti di tutto il mondo sottolineavano che gli esperimenti non potevano provare assolutamente nulla. Il numero di animali usati era troppo basso e la razza dei ratti utilizzata, inoltre, è particolarmente portata a sviluppare spontaneamente tumori invecchiando: facendo durare lo studio due anni, che equivale più o meno all’aspettativa di vita di un ratto da laboratorio, è impossibile sapere se e quali tumori erano dovuti all’alimentazione a base di ogm o al glifosato e quali invece sarebbe spontaneamente insorti nei ratti. Dopo mesi di discussione, e il rifiuto degli autori di fornire tutti i dati, la rivista Food and Chemical Toxicology ha deciso di ritirare lo studio.

Contrattacco
Séralini ha portato in tribunale chi gli aveva dato del truffatore, vincendo a mani basse (anche la rivista che ha ritirato lo studio ha specificato chenon ci sono prove di frode scientifica), ma questo non riabilita in alcun modo la ricerca: nonostante la campagna di pubbliche relazioni che l’ha accompagnata, nella migliore delle ipotesi è (come molte altre)praticamente insignificante una volta che è confrontata col resto della produzione scientifica sull’argomento.

Il biologo ha ripubblicato lo stesso studio nel 2014 (senza peer-review) sulla rivista Environmental Sciences Europe, mentre nel 2015 Séralini pubblica sulla nota rivista open-access Plos One una ricerca secondo cui tutti i test tossicologici che usano i ratti sarebbero inaffidabili, perché i mangimi sono contaminati da ogm e pesticidi. Anche questo studio è stato fortemente criticato, non per i dati in sé (ci si aspetta che ogm e pesticidi lascino residui misurabili nei mangimi), ma perché gli autori non offrivanoalcuna prova che invalidasse i test eseguiti nei laboratori di tutto il mondo.

[related-post id=”12905″]

In questo caso, però, Plos One ha costretto gli autori a dichiarare integralmente i propri conflitti di interesse. In questo modo, tra i finanziatori del laboratorio diretto da Séralini spuntò anche Selene Pharma, azienda produttrice di rimedi omeopatici.

Omeopatia contro l’avvelenamento da glifosato?
Nel nuovo studio, pubblicato sulla rivista Bmc Complementary and Alternative Medicine, Séralini usa di nuovo i ratti per dimostrare che ilDigeodren, prodotto omeopatico prodotto da Selene Pharma, è in grado di riportare alla normalità diversi parametri fisiologici alterati dall’esposizione al Roundup, il famoso erbicida a base di glifosato della Monsanto (che però non ha più l’esclusiva, visto che il brevetto è scaduto nel 2000). Come spiegaGenetic Literacy, è dal 2010 che Séralini pubblica su riviste di qualità discutibile i miracolosi effetti del Digeodron, con la differenza che i precedenti studi riguardavano colture cellulari. Oltre a non dichiarare alcun conflitto di interesse (!), Séralini cita a supporto il proprio lavoro ritirato e ripubblicato, ma soprattutto è necessario al lettore quasi un atto di fede per accettare che i ratti siano siano stati curati dall’omeopatia.

[related-post id=”13078″]

Séralini racconta infatti che su 29 parametri misurati, 8 sono stati alterati dal pesticida Roundup a base di glifosato (somministrato direttamente nell’acqua da bere a concentrazioni che mai potrebbero finire nel cibo) e 6 di questi sono stati ristabiliti dalla somministrazione di Digeodren, una mistura di estratti vegetali (tarassaco, crespino, bardana) diluiti secondo i principi princìpi dell’omepatia potenze di D4 o D5. Queste diluizioni non sono spinte quanto quelle di altri rimedi, quindi ci sono ancora molecole della tintura madre nella soluzione, ma non è affatto detto che abbiano qualche effetto misurabile. Si legge inoltre nel paper che il Digeodren aggiunto all’acqua dei topi era diluito in alcol al 70%: ammesso che ci sia stato un reale effetto, come è possibile stabilire se era dovuto all’azionedetossificante della pozione (come c’è scritto sul sito di Selene Pharma) o all’alcol?

Un eroe problematico
Se gli ogm non sfameranno il pianeta, e come per tutte le altre tecniche è importante valutare caso per caso costi e benefici dal punto di vista economico, sociale e ambientale, dopo trent’anni di studi e utilizzo ilconsenso è che non siano più rischiosi per salute del consumatore rispetto agli altri prodotti. Per quanto riguarda il glifosato (che non è usato solo per gli ogm), invece, il dibattito è ancora in corso. Quest’anno è stato inserito in via prudenziale nella discussa lista dei composti probabilmente carcinogeni dello Iarc, ma l‘Efsa, la Fao e l’Oms ritengono improbabile che ci sia un rischio legato alla sua assunzione attraverso la dieta.

Eppure quelle foto dei ratti con enormi tumori pubblicate da Séralini (che non ha mai pubblicato, invece, le foto dei ratti nel gruppo di controllo) sono diventate virali e circolano ancora, e lo studio è ancora usato nei dibattiti come se non fosse mai stato ritirato. Lo scienziato controcorrente, pur non avendo aggiunto nessuna conoscenza significativa al dibattito sulle biotecnologie in agricoltura, è diventato un eroe per molti di coloro che si oppongono categoricamente agli ogm. Ora lo diventerà anche per gli omeopati?





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bufale

Cari razzisti, il complotto per nascondere il “bambino biondo” del bus non esiste

Da qualche ora gira una strana teoria che coinvolge giornali, lo ius soli e il racconto della tragedia sfiorata a San Donato Milanese: dietrologie razziste su tre amici e compagni di scuola

Pubblicato

il

Da qualche ora una parte non marginale del dibattito pubblico su internet è dedicata a una strana teoria del complotto, secondo cui i media italiani starebbero tramando per riscrivere la storia della tragedia sfiorata a San Donato Milanese, in modo tale da tributare gli onori dell’eroico salvataggio a due ragazzi di origine straniera e cancellare dalle cronache la storia di Riccardo, l’unico vero eroe sullo scuolabus dirottato da Ousseynou Sy, incidentalmente biondo e italiano.

A lanciare per prima l’allarme su Twitter è Francesca Donato – Lady Onorato, per i frequentatori del social network di Jack Dorsey – l’avvocato che da qualche tempo anima le serate di La7 con le sue ospitate a Di Martedì, in qualità di rappresentante di Eurexit, “un’associazione no-profit, nata dall’incontro fra liberi professionisti e imprenditori”, naturalmente euroscettica. Il messaggio è di quelli che puntano a scuotere le coscienze: “Il ragazzino che ha chiamato la polizia intervistato ieri era biondo e di pelle bianca.

Se oggi un giornale tenta di propinarci un eroe per forza musulmano e immigrato, questa è manipolazione dell’informazione“.

A preoccupare Donato è soprattutto la dichiarazione di Khalid Shehata, il padre di uno di uno dei ragazzi che secondo le ricostruzioni avrebbero lanciato l’allarme, che al Corriere della Sera aveva confidato la speranza di ottenere per il figlio la cittadinanza italiana, proposta rilanciata dal vicepremier Luigi Di Maio e accolta con una timida apertura anche dal ministro dell’Interno Matteo Salvini.

In poco tempo il tweet fa il giro dell’internet italiano e questa eccentrica variazione sul tema della sostituzione etnica inizia a solleticare gli ambienti più avvezzi al complottismo – e al razzismo – da tastiera, che si intestano la battaglia per la verità, iniziando ad accumulare indizi. Se avete del tempo da impiegare molto male, provate a usare su Twitter la chiave di ricerca “bambino biondo.

Al centro di ogni speculazione c’è un video, circolato negli istanti successivi alla liberazione degli ostaggi, in cui i giornalisti accorsi sul posto raccolgono le parole di Riccardo, detto Ricky, in cui il ragazzino racconta i tragici momenti del sequestro, spiegando come sia riuscito a liberarsi dalle fascette con cui era stato ammanettato per recuperare il cellulare con cui ha poi allertato i soccorsi. Ovviamente gli indagatori su Twitter non mancano mai di sottolineare quelle che ritengono essere le caratteristiche fondamentali del bambino-eroe: è biondo, italiano e soprattutto cattolico.

Gli approfondimenti delle ore successive, effettivamente, spostano il fuoco del racconto sui profili di altri due protagonisti. Si tratta di Adam, un ragazzo di origini marocchine il cui padre vive in Italia dal 2002, anche se non continuativamente, e di Rahmi, uno studente figlio di migranti egiziani al quale i giornali si riferiscono anche come Ramy o Rami. Entrambi, come molti ragazzi nati in Italia ma figli di immigrati di prima generazione, non godono dei diritti di cittadinanza e le loro storie, una volta emerse, sono servite a completare il mosaico della mattinata di paura a San Donato Milanese.

Ma a parlare per la prima volta di Rahmi e Adam non è stata una fantasiosa ricostruzione della stampa volta a reintrodurre il tema dello ius soli nel dibattito politico: è stato proprio Riccardo, il ragazzino biondo, in un’intervista rilasciata al Corriere: “Un mio compagno, Rami, aveva nascosto il cellulare, ha fatto le prime chiamate al 112” ricorda Ricky, divenuto suo malgrado l’eroe degli sciacalli su Twitter. “Ad un certo punto gli è caduto per terra, senza farmi vedere sono andato a raccoglierlo e l’ho passato ad Adam, dietro di me“.

 

Riccardo, insomma, ha giocato un ruolo fondamentale nella brutta storia a lieto fine svoltasi nell’autobus, ma le telefonate al 112 sono realmente state effettuate fa Rahmi e Adam. Se davvero si tornerà a parlare di ius soli – per quanto la cittadinanza non sia e non dovrà mai essere considerata un premio, ma un diritto – sarà solo perché tre ragazzi, amici e compagni di scuola, hanno collaborato per salvare 51 vite. Senza che nessuno, fuori da Twitter, vedesse alcuna differenza tra di loro.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

Bufale

Le bufale sull’incidente del volo Ethiopian Airlines

Geoingegneria con le scie chimiche, massoneria, censura dei media e negazionisimo sono solo alcune delle ipotesi (campate in aria) che sono spuntate sul web dopo che il Boeing 737 Max di Ethiopian Airlines è precipitato

Pubblicato

il

Ormai è un’abitudine: a ogni grande sciagura, incidente o calamità fanno seguito bufale e false informazioni di ogni sorta. E la tragedia del volo ET 302 di Ethiopian Airlines, precipitato ad Addis Abeba nella mattina del 10 marzo uccidendo 157 persone, non poteva certo sottrarsi a questa triste tendenza. Così, mentre ancora sono in corso le operazioni di recupero di ciò che rimane del velivolo e dei passeggeri, e sono ancora incerte le cause dello schianto, in rete hanno iniziato a circolare strane storie a proposito di complotti internazionali architettati per eliminare alcune persone scomode.

Nonostante le varie teorie del complotto siano in qualche modo interrelate, abbiamo cercato di metterle in ordine dividendole in 7 temi principali. Tutte quante, ovviamente, sono prive di fondamento.

1. L’ipotesi della geoingegneria
Secondo questa prima teoria, che è anche la più chiacchierata ed elaborata, lo schianto dell’aereo non sarebbe stato accidentale. Il velivolo sarebbe stato abbattuto di proposito per liberarsi di alcune persone, in particolare di studiosi di fama internazionale che si opponevano alla pratica della geoingegneria e delle irrorazioni malvagie come arma di guerra climatica.

In pratica, dunque, si sarebbe trattato di un gesto deliberato da parte di coloro che volevano mantenere segreta la prassi di spruzzare i cieli con alluminio e solfuri, mettendo a tacere per sempre le pericolose voci discordanti. Questa idea ha iniziato a circolare poche ore dopo lo schianto, già dalle 18 di domenica sera, in seguito alla pubblicazione di un decalogo complottista su un sito in lingua spagnola.

La prova di una simile teoria, dicono i suoi sostenitori, sarebbe la meta verso cui erano diretti alcuni passeggeri, ossia a Nairobi per partecipare a un’iniziativa organizzata dall’Onu: l’assemblea per l’ambiente Unea (qui il programma in pdf). Per le fonti complottiste, il tema del convegno sarebbero le scie chimiche, ma in realtà si tratta di una conferenza molto più ampia che spazia dalla gestione dei rifiuti all’inquinamento, sopratutto in merito all’attività antropica. Come ha fatto notare Next Quotidiano, nel programma si cita effettivamente una conferenza di un paio d’ore in cui si affronta in tema della geoingegneria. Tuttavia il materiale informativo indica chiaramente che il giorno dell’iniziativa è stato mercoledì 6 marzo, quattro giorni prima dell’incidente aereo. Se davvero i passeggeri avessero dovuto partecipare a quel convegno, sarebbero stati terribilmente in ritardo. Naturalmente, poi, in quell’occasione non si è affatto parlato di scie chimiche come esperimento occulto, e non è nemmeno chiaro quali dei passeggeri sarebbero dovuti essere i fantomatici esperti oppositori della geoingegneria.

2. La complicità oscurantista dei media
Leggendo quanto riportato in alcuni post pubblicati su Facebook, anche televisioni e giornali europei sarebbero coinvolti nel complotto delle scie chimiche, e infatti nessuna fonte avrebbe riportato la notizia del convegno internazionale di geoingegneria a Nairobi.

Ovviamente la notizia non è stata battuta dalle agenzie perché il convegno è del tutto irrilevante in relazione al disastro aereo, e poi perché nessuno dei passeggeri si stava recando a un seminario scientifico sulle irrorazioni (perché, come già detto, l’unico evento vagamente collegabile al tema si era tenuto quattro giorni prima).

3. Guai a chi nega il riscaldamento globale
In una variante della prima teoria complottista, alcuni passeggeri dell’aereo si stavano dirigendo a Nairobi non per parlare di scie chimiche, ma per esporre le proprie tesi negazioniste sul cambiamento climatico. Per evitare che fossero messe in circolazione prove di quanto il riscaldamento globalesia un grande inganno, gli scienziati ribelli sarebbero stati eliminati brutalmente.

4. L’aereo fantasma
La più semplice delle versioni complottiste: l’aeromobile precipitato in realtà non è mai esistito. A sostegno di questa storia, le prove inattaccabili sarebbero le foto delle agenzie di stampa in cui non si vedono ritratti né i resti del velivolo né i cadaveri dei passeggeri, fatta eccezione per una scarpa da ginnastica. Peccato però che tutto ciò sia semplicemente falso, dato che – come mostrano anche la foto d’apertura di questo articolo e quella qui di seguito – nelle ore successive sono arrivate molte altre fotografie in cui sono mostrate altre parti dell’aereo distrutto.

volo Ethiopian Airlines

(foto: Jemal Countess/Getty Images)

5. Omicidi mirati massonici

Rivelazione a sorpresa, secondo alcuni commentatori sui social almeno uno dei passeggeri del volo ET 302 sarebbe stato un massone. Ciò significherebbe, completando questa teoria, che lo erano anche altri passeggeri, anche se nessuno ha chiarito quali siano i nomi di questi fantomatici consociati. L’incidente aereo sarebbe quindi stato un attentatocontro la massoneria, oppure (in alternativa) la morte di alcuni massoni rappresenterebbe il risvolto positivo della tragedia.

6. Una mossa anti-Boeing e anti-assicurazioni
In base a un’altra teoria, il disastro aereo non sarebbe frutto di un attacco alle vite umane, ma a un sistema economico. I veri bersagli del complotto, dunque, sarebbero l’azienda Boeing (il cui titolo, effettivamente, ha risentito dell’accaduto in borsa) e le compagnie assicuratrici, che ora sarebbero costrette a spendere molti soldi in rimborsi. Alla faccia del guerrilla marketing.

7. Altri due complotti minori
Li riportiamo in rapida sequenza. C’è chi sostiene che l’azienda Boeing sia controllata dal Vaticano tramite i Gesuiti, e che quindi tutto verrà oscurato per volere della Chiesa, o al contrario che si sia trattato di un attacco contro gli interessi economici della Santa sede. Altri invece, proponendo una variante della storia dell’aereo fantasma, dicono che l’aereo sarebbe stato per qualche ragione colpito direttamente mentre era in volo, e che poi per occultare le prove tutti i resti siano stati fatti sparire.





Licenza Creative Commons



 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Bufale

Tutte le bufale su Cesare Battisti

Dalle presunte strade dedicate al terrorista da parte del Pd alle false citazioni di Roberto Saviano, le fake news più virali delle ultime ore sull’ex terrorista appena catturato in Bolivia

Pubblicato

il

Il terrorista Cesare Battisti è arrivato, nella serata di lunedì 14 gennaio, al carcere di Massama a Oristano, dove ha iniziato a scontare la pena dell’ergastolo che gli era stata comminata dalla giustizia italiana. Rientrato in Italia dalla Bolivia, catturato dopo 37 anni di latitanza, l’ex membro dei Proletari armati per il comunismo (i Pac) è stato trasferito in Sardegna “per ragioni di sicurezza” (come ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede), e da quanto si è appreso resterà in isolamento diurno per i prossimi 6 mesi.

Insieme alla nuova ondata di attenzione mediatica sulle vicende di Battisti, in rete sono ritornate a circolare alcune vecchie falsità sulla lunga e intricata vicenda destinata a entrare nei libri di storia, ma hanno anche segnato la loro comparsa alcune bufale mai viste prima. Ecco quali sono le 5 complessivamente più chiacchierate, sistemate in ordine.

1. Il Pd NON ha dedicato strade al terrorista Cesare Battisti
Decisamente la più semplice da trattare dal punto di vista del debunking, è anche la falsa storia che ha raggiunto la massima viralità sui social.

Secondo un meme molto condiviso negli ultimi giorni che ritrae il volto dell’ex latitante Battisti, “il governo Conte lo ha arrestato”, mentre “il Pd gli dedicava strade. A supporto di questo forte contrasto tra l’esecutivo gialloverde e chi lo ha preceduto, è mostrata una foto che ritrae il nome di due vie, di cui una dedicata a Giuseppe Mazzini e l’altra a Cesare Battisti.

cesare battisti

cesare battisti

In realtà è assolutamente vero che esistono vie dedicate a Cesare Battisti, anche in gran numero e distribuite in tutta Italia, ma si tratta di un caso di omonimia. Come si può agevolmente dedurre dalle date di nascita (1875) e morte (1916) riportate anche nel meme sotto al nome della via, la persona a cui si fa riferimento non è il noto terrorista, ma il patriota italiano catturato e impiccato per alto tradimento dagli austriaci durante la Prima guerra mondiale, per questo considerato tra le figure chiave dell’irredentismo italiano (e dunque un eroe nazionale). Solo qualcuno particolarmente disattento – o del tutto disorientato rispetto ai cosiddetti anni di piombo – può aver creduto alla tesi sostenuta da queste immagini.

2. Saviano NON ha scritto che Battisti è “un uomo onesto”
Bufala sì, ma con un piccolo fondo di realtà. Circola sui social un altro meme, questa volta solo testuale, con una citazione che viene attribuita allo scrittore Roberto Saviano“Cesare Battisti, un uomo onesto, arguto, profondo, anticonformista, in una parola un intellettuale vero”. Se si intende che Saviano abbia scritto o pronunciato quelle parole riferite a Battisti, allora siamo di fronte a un falso, in quanto le frasi in questione non sono state formulate da lui.

In verità la citazione è stata abilmente estrapolata da un testo che è online fin dal febbraio 2004, pubblicato sul sito Carmilla Online e pensato per essere un appello proprio a favore di Cesare Battisti e della sua liberazione. La citazione andrebbe dunque attribuita a chi ha scritto quella lettera, ossia a qualcuno che certamente non è Saviano.

cesare battisti

Come ricostruito da Bufale.net e Open, in effetti però Saviano compare (o meglio, compariva, come dimostra Web Archive) tra i firmataridell’appello, insieme ad altre 1499 persone. Ma se già si può considerare una storpiatura l’attribuire a una persona – come se fosse una citazione originale – una singola frase di un appello che ha sottoscritto, va aggiunto anche che Saviano nel gennaio 2009 ha chiesto e ottenuto di rimuovere la propria firma dall’appello, dichiarando di non saperne abbastanza sulla vicenda e di non sentirsi parte della causa. Lo scrittore non ha negato di aver sottoscritto in precedenza l’appello, ma ha detto di non ricordare la dinamica che lo avrebbe portato ad apporvi il suo nome. Se quindi il collegamento Saviano-Battisti non è del tutto campato in aria, lo scrittore ha comunque chiarito la sua posizione ormai 10 anni fa.

3. Mattarella NON ha firmato il decreto per la grazia per Battisti
Un simile decreto non è mai esistito. La notizia della presunta grazia concessa dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella al terrorista deriva da un finto articolo – senza firma né attribuzione – datato 30 maggio 2015, ossia qualche mese dopo l’inizio del suo mandato.

Anche se, dalla grafica, si potrebbe credere che la notizia sia stata ricavata da un giornale online, basta leggere la notizia fino in fondo per accorgersi che a un certo punto si passa inspiegabilmente dall’italiano all’inglese. All’epoca nessun giornale riportò la notizia, né esiste traccia del fantomatico decreto. La storia, dunque, è una totale invenzione, e ha avuto come unici risultati una marea di condivisioni online (oltre 14mila solo su Facebook) e una serie di insulti contro lo stesso Mattarella sui social.

4. Battisti NON ha evitato l’estradizione con un matrimonio
Sempre nel 2015, appena qualche giorno più tardi della bufala precedente, si era molto discusso di come Battisti potesse aver scongiurato definitivamente l’ipotesi dell’estradizione grazie al matrimonio con la fidanzata di lungo corso Joice Lima. Secondo la versione circolata all’epoca, Battisti avrebbe potuto ottenere in anticipo la cittadinanza brasiliana, riducendo i tempi di attesa (di norma 15 anni, che sarebbero stati completati solo nel 2019) a un solo anno, grazie all’aver sposato una cittadina brasiliana. La notizia è uscita, tra i tanti giornali, su OggiIl GiornaleDagospia e Il Tempo, ed è stata prontamente discussa anche da alcuni siti anti-bufala.

Anche se i tempi per la cittadinanza previsti dalla legge erano stati descritti correttamente, il punto fondamentale è che diventare cittadini brasiliani non impedisce in assoluto che si possa essere estradati, ma blocca solo le procedure di espulsione, che sono un’altra cosa. La teoria dell’estradizione impossibile, tra l’altro, era stata smentita proprio lo scorso 14 dicembre, quando il presidente brasiliano uscente Michel Temer, dopo la revoca a Battisti dello status di residente permanente, aveva firmato il decreto di estradizione. Il decreto poi non è stato sfruttato, visto che il fuggitivo è stato riportato in Italia direttamente dalla Bolivia.

5. Battisti NON è passato per il Brasile e NON è finito a Rebibbia
Più che di fake news, si tratta di indiscrezioni e anticipazioni giornalistiche che poi si sono rivelate sbagliate. Subito dopo la cattura del terrorista a Santa Cruz, pareva essere cosa certa il suo rientro in Brasile prima dell’estradizione verso l’Italia, con la conseguente riduzione della pena dall’ergastolo (previsto dalla giustizia italiana) ai 30 anni di carcere della giustizia brasiliana. In realtà poi, a seguito di un intenso lavoro diplomatico, Battisti è tornato in Italia direttamente dalla Bolivia, mantenendo dunque la pena nella misura italiana.

Ancora più a lungo è stata riportata la notizia del trasferimento di Battisti, subito dopo l’arrivo all’aeroporto di Ciampino, nel carcere romano di Rebibbia. Solo all’ultimo si è appreso, invece, che il detenuto sarebbe stato trasferito a Oristano. Mentre alcuni giornali, come Il Messaggeroriportano ancora online la vecchia versione della notizia, altri come Rai News hanno del tutto rimosso gli articoli corrispondenti, di cui resta traccia solo nella url originale. Altre testate come il Corriere, infine, rivelano nella url la vecchia notizia ma nel testo degli articoli hanno fatto sparire qualunque riferimento a Rebibbia.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

Chi Siamo

Dicono di noi

Todos tenemos algo de Satanás y de Dios dentro del corazón.Hay que abrazar la sombra y la luz.Es una manera de asumir quienes somos en esta mundana sociedad, que llamamos "civilización". No todo en la vida es negro, ni todo en la vida es blanco.Algunas veces preferimos una mentira disfrazada de verdad, a una dura verdad, que parece una mentira.

thumb Juan Serrano
3/31/2019

Siti con notizie false

Bufale

  • BUTAC
  • Bufale.net
  • Dott ma è vero che

Michela Murgia, i meme fake e gli immigrati https://www.butac.it/michela-murgia-i-meme-fake-e-gli-im [...]

Pericolosa deriva gender nelle scuole inglesi https://www.butac.it/pericolosa-deriva-gender-nelle-sc [...]

Blast from the past #BFTP Il Vaticano e la BERETTA! (2013) https://www.butac.it/il-vaticano-e-la-ber [...]

L’Emilia spende 500mila euro https://www.butac.it/lemilia-spende-500mila-euro/ … pic.twitter.com/Pzf [...]

Easter worshippers - polemica esecrabile https://www.butac.it/easter-worshippers/ … pic.twitter.com/ [...]

Hanno sollevato un vero e proprio polverone le dichiarazioni di Mihajlovic sulla Juve, considerando [...]

Una delle vicende che maggiormente ha fatto discutere in questi anni, a proposito della Seconda Guer [...]

Dopo il Reddito di Cittadinanza, il bonus matrimonio di cittadinanza: questo è il concetto di una pr [...]

I neo-eletti membri della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sono spesso bersaglio della di [...]

Keanu Reeves è una delle celebrità più amate su Internet, e come tutti i personaggi popolari è ogget [...]

L'articolo La comunicazione facilitata è utile nel trattamento dell’autismo? proviene da Dottor [...]

L'articolo Il carbone attivo sbianca i denti? proviene da Dottore, ma è vero che... ?. [...]

L'articolo “C’è SEMPRE una spiegazione non voodoo” proviene da Dottore, ma è vero che... ?. [...]

L'articolo L’ora legale fa male al cuore? proviene da Dottore, ma è vero che... ?. [...]

L'articolo I neonati allattati al seno rischiano una carenza di vitamine? proviene da Dottore, [...]

Ultimi commenti

I più letti