Contattaci

Bufale

La tubercolosi è tornata a diffondersi a causa dei migranti? Spoiler: no

Il ruolo degli stranieri è tutt’altro che trascurabile nelle statistiche, ma il trend generale in Italia è di diminuzione dell’incidenza di tubercolosi. Gli allarmismi, dunque, sono ingiustificati

Pubblicato

il

“Può una rondine far primavera? “, si chiederebbero alcuni. E, allo stesso modo, basta il caso di un solo migrante (o magari di una decina, come avevamo raccontato il mese scorso) malato di tubercolosi per giungere alla conclusione che c’è un allarme sanitario nazionale? O, a maggior ragione, per annunciare la presenza di una vera e propria epidemia in corso?

Dati alla mano, i numeri sembrano scongiurare la presenza di un’emergenza. Resta pur vero che mancano ancora le statistiche degli ultimi mesi (i dati per ora si fermano al 2016) e che sono possibili più interpretazioni dei dati ministeriali, ma le serie storiche suggeriscono che il trend evolva in maniera abbastanza regolare di anno in anno. E che sia di diminuzione.

L’episodio di cronaca

Ma andiamo con ordine. A far tornare il tema in primo piano sono state le dichiarazioni del presidente del consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, a proposito della fuga di un immigrato (che aveva contratto la tubercolosi) da una struttura di accoglienza della provincia di Vicenza, a Sandrigo. La notizia della fuga, riportata tra gli altri da Il Gazzetino, è stata commentata con relativa cautela da Ciambetti: “abbiamo una ulteriore riprova [che] la cittadinanza è chiamata a pagare i costi non solo economici ma anche sociali e sanitari di politiche scellerate”, ha dichiarato. E continua: “sono preoccupato [per il] passaggio dai 16 casi registrati nel 2015 ai 40 già individuati quest’anno nella provincia di Vicenza, un dato che non va sottovalutato ma nemmeno enfatizzato. L’incremento dei casi di tubercolosi e la diffusione di questa malattia gravissima tra immigrati ed extracomunitari richiede una energica e tempestiva risposta da parte delle autorità sanitarie”.A rincarare la dose è stato poi il vicepremier e ministro dell’interno Matteo Salvini, che su Facebook ha scritto, commentando la stessa notizia: “Immigrato malato e in fuga, forse inconsapevole della gravità della sua condizione. Purtroppo la tubercolosi è tornata a diffondersi, gli italiani pagano i costi sociali e sanitari di anni di disastri e di invasione senza regole e senza controlli”.

Reazioni e repliche
La prima risposta è arrivata da Maurizio Marceca, presidente della Società italiana di medicina delle migrazioni. Ai giornalisti di Ansa Marceca ha rivolto un invito alla prudenza, spiegando che “in Italia non abbiamo alcun allarme tubercolosi legato agli immigrati” e che con le dichiarazioni inquiete sulla tubercolosi “si rischia di creare allarme, anche laddove un allarme non esiste. Intervenendo con affermazioni poco scientifiche”, ha aggiunto, “si rischia di creare panico sociale”. Mareca ha richiamato anche le linee guida dell’Istituto superiore di sanità per il contrasto delle tubercolosi tra gli immigrati in Italia (pdf), e ha dichiarato che al momento il sistema sanitario dispone “di tutti gli strumenti per governare il fenomeno”.

Nella stessa giornata è intervenuto anche Roberto Cauda, direttore del dipartimento di malattie infettive del policlinico Gemelli di Roma. Il medico ha riferito che “almeno in Italia non assistiamo in questo momento a un aumento dei casi”, e ha ricordato che le fluttuazioni statistiche sono il risultato di fenomeni “estremamente complessi, non attribuibili a un unico fattore”.

Un’ulteriore rassicurazione è giunta poi su scala locale, da parte del viceprefetto vicario di Vicenza Lucio Parente“Il protocollo è stato rispettato come da normativa, quindi sotto l’aspetto sanitario non c’è nulla da temere”, ha dichiarato. Il protocollo, in questo caso, è consistito nell’isolare i locali frequentati dal malato a Sandrigo e nell’esecuzione di screening di controllo sulle persone con cui ha avuto contatti. La trasmissione del batterio della tubercolosi, Mycobacterium tuberculosis, avviene infatti per via aerea, tramite saliva, con un colpo di tosse o uno starnuto. Contemporaneamente, Parente ha confermato che la persona in fuga continua a essere irreperibile, e che le forze di polizia sono al lavoro per rintracciarlo.

Il senso dei dati
Ma quindi la tubercolosi si diffonde sempre più, oppure no? Come abbiamo già raccontato in diverse occasioni, ragionando sul lungo periodo l’incidenza della malattia è drasticamente in calo. Basta pensare ai 12mila casi del 1955 conto i 4.032 del 2016. Solo negli ultimi 10 anni si è passati da 7,4 casi ogni 100mila abitanti nel 2008 a 6,6 nel 2016. In media ogni anno il numero di pazienti a cui viene diagnosticata la tubercolosi cala dell’1,8% (anche se ci sono fluttuazioni significative da un anno all’altro: basta pensare ai 5.200 casi del 2010), e in termini assoluti i decessi sono poco più di 300 all’anno sui 4mila malati totali.

In questo trend di diminuzione, è pur vero che sale sempre più l’incidenza degli stranieri. Il sorpasso rispetto ai nati in Italia è avvenuto nel 2009, e attualmente i cittadini stranieri coprono circa il 60% dei casi complessivi. A seconda di che cosa si vuol fare emergere, numeri uguali possono raccontare storie diverse. Se infatti si valuta l’incidenza della malattia sugli stranieri (e cioè si tiene conto anche dell’aumento nel numero di persone straniere in Italia negli ultimi anni), si scopre che l’incidenza della tubercolosi su soli stranieri è stata di 84 casi ogni 100mila stranieri nel 2006, e di 44 nel 2016. Il rischio di contrarre la malattia sta dunque calando anche per questa fascia di popolazione, nonostante in termini quantitativi l’incidenza resti quasi 10 volte più alta rispetto ai nati in Italia.

Per avere un’idea di quanto il tema sia articolato, anche dal punto di vista delle autorità sanitarie, basta dare un’occhiata al documento di 64 pagineredatto in proposito a febbraio dall’Istituto superiore di sanità. Per fare un’esempio, per gli immigrati esiste una dipendenza estremamente forte tra l’incidenza della tubercolosi e il Paese d’origine, anche di un fattore 10.

Che la presenza di stranieri sia un fattore che incrementa il numero di casi di tubercolosi è fuori discussione, ma ventilare l’idea di un’emergenza sanitaria – in un contesto in cui il trend generale complessivo è di diminuzione dell’incidenza – sa di allarmismo ingiustificato. Sempre ammesso che la statistica citata da Ciambetti e relativa alla provincia di Vicenza (ossia che si è passati dai 16 casi del 2015 ai 40 di quest’anno) non si dimostri in linea con un nuovo trend nazionale. Per ora, però, il dato è decisamente troppo locale per trarre conclusioni generali.

LEGG

Crediti :

Wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bufale

Coronavirus creato in laboratorio? Una bufala ecco perchè

’origine naturale del nuovo coronavirus è accertata da un recente studio su Nature Medicine che compara i genomi virali. Il servizio del 2015 si riferisce a uno studio dell’epoca che nulla ha a che fare con la pandemia attuale, dicono gli esperti

Pubblicato

il

Ammettiamolo. L’ormai famoso servizio del Tgr Leonardo di qualche anno fa che sta circolando da un paio di giorni un po’ di pelle d’oca la fa venire: nel 2015 in Cina si stava creando in laboratorio un nuovo virus potenzialmente pericoloso per l’essere umano, unendo il coronavirus della Sars con un altro coronavirus dei pipistrelli. Coincidenze? Basta fare un minimo di ricerca sul web (evitando i rilanci di Matteo Salvini) per capire che sì, sono solo coincidenze. Perché il coronavirus Sars-Cov-2 che sta spaventando il mondo oggi è di origine naturale. Vediamo perché.

Teorie complottiste sulla provenienza del nuovo coronavirus si sono diffuse più veloci del patogeno stesso fin dalle prime notizie dello scoppio dell’epidemia a Wuhan. Purtroppo la bufala ha preso sempre più piede e il servizio del Tg Leonardo, decontestualizzato, sta contribuendo ad alimentarla.

Ricostruiamo dunque il contesto. Quel prodotto giornalistico del 2015 fa riferimento a un articolo dello stesso anno pubblicato sulla rivista scientifica Nature Medicine dal titolo Sars-like cluster of circulating bat coronavirus pose threat for human emergence in cui si discuteva di una ricerca portata avanti in Cina che stava creando un nuovo coronavirus in laboratorio che avrebbe avuto le potenzialità di infettare l’essere umano e, essendo basato sul coronavirus della Sars, la comunità scientifica stava discutendo sul rapporto tra rischi e benefici di una simile ricerca.

Bisogna dire infatti che gli scienziati che nel mondo studiano – e sì, talvolta modificano – i virus non sono pericolosi criminali con deliri di onnipotenza o mercenari al soldo dei governi per creare volutamente armi biologiche. Sono ricercatori convinti che le proprie ricerche possano invece servire proprio per prevenire situazioni come quella in cui ci troviamo ora: studiare virus che non esistono in natura in questo momento ma che potrebbero generarsi per pura casualità o per i nostri comportamenti (invasione di habitat, promiscuità con animali domestici e esotici, etc) per sviluppare strategie per stroncare l’emergenza qualora venisse a presentarsi.

Basta confrontare la sequenza del nuovo coronavirus con quella di altri coronavirus naturali per evidenziare il fatto che, per quanto possano essere simili, ci sono differenze distribuite uniformemente in tutto il genoma. Se invece il virus fosse stato modificato e poi scappato/lasciato uscire da un laboratorio avremmo una sostanziale identità di sequenza e qua e là in aree ben localizzate dei pezzetti completamente diversi, che corrisponderebbero ai pacchetti di geni aggiunti artificialmente dagli scienziati.

A conferma di ciò, la stessa Nature Medicine ha diffuso ormai una decina di giorni fa (il 17 marzo) un articolo sull’origine del nuovo coronavirus. Gli autori del documento hanno appunto comparato i dati genomici disponibili su Sars-Cov-2 con le sequenze note di altri coronavirus, concludendone questo: “la nostra analisi mostra chiaramente che Sars-Cov-2 non è un costrutto di laboratorio o un virus manipolato volutamente”.

 

E chi tra politici e vip, nonostante le evidenze scientifiche e le spiegazioni di esperti che il loro mestiere lo sanno fare, continua a condividere teorie complottiste trite e ritrite, imbellettate di emoticon e punteggiatura allarmistiche, non fa altro che alimentare paure e sospetti infondati, dando prova di mancanza di senso civico oltre che di senso critico.



Licenza Creative Commons




Crediti :

WIRED

Continua a leggere

Bufale

Tutte le bufale su Carola Rackete e la Sea Watch 3

Dal padre venditore di armi all’assenza di patente nautica, passando per un fantomatico banchetto dei parlamentari Pd a bordo della nave: la comandante è stata investita da un’ondata di fake news

Pubblicato

il

Mentre Carola Rackete si trova da due giorni agli arresti domiciliari, in rete continua a circolare una lunga serie di notizie false o tendenziose a proposito della chiacchieratissima capitana della Sea Watch 3. Nella maggior parte dei casi si tratta di fake news molto semplici da smascherare, che sono frutto di una palese volontà di disinformare, oppure di rielaborazioni politiche e giornalistiche piuttosto discutibili. Molte delle bufale hanno iniziato a comparire sul web nel corso del weekend scorso, in concomitanza con la notizia dello sbarco dei 40 migranti rimasti a bordo e l’arresto di Rackete da parte della guardia di finanza.

Ma andiamo con ordine. A fianco delle tante discussioni più tecniche, le fake news diventate più virali in rete sono le seguenti: ecco come sappiamo che si tratta di falsi.

1. Il padre di Carola Rackete NON vende armi

Come nella più classica delle macchine del fango, già da sabato scorso ha iniziato a diffondersi sui social la notizia che il papà di Rackete, di nome Ekkehart, sarebbe un mercante di armi, e che l’intera famiglia trarrebbe vantaggio economico dalla destabilizzazione del contesto internazionale. La storia falsa, smascherata inizialmente da GiornalettismoBufale.net e da Bufale per tutti i gusti, è ben presto chiarita: Rackete padre svolge, tra le altre cose, un’attività di consulenza da 7 anni presso l’azienda tedesca Mehler Engineered Defence, un’impresa che non produce armi o dispositivi offensivi, bensì sistemi difensivi di sicurezza,

tra l’altro impiegati sia in campo militare sia in ambito civile.

Se è vero che nel passato di Ekkehart Rackete ci sono anni di esperienza militare, la sua attuale occupazione riguarda (attraverso un’attività di consulenza, lo ribadiamo: quindi in modo parecchio indiretto) la blindatura di mezzi di trasporto, dunque non ha alcun collegamento con i traffici di armi né con i flussi migratori dal continente africano verso l’Europa.

2. Rackete NON è sprovvista di patente nautica

La sparata secondo cui la trentenne tedesca sarebbe priva dei titoli per poter condurre una nave è semplicemente falsa. Da quanto emerge in base alle ricostruzioni che sono state fatte online, sembra che si sia iniziato a sparlare di Rackete come di presunta non-patentata dopo che non si è riusciti a trovare riscontro dell’esistenza della patente né su Google né sui social network. In altre parole, dato che Rackete non aveva mai particolarmente pubblicizzato online l’aver conseguito l’abilitazione nautica, qualcuno ha scambiato l’impossibilità di trovare conferme online con l’inesistenza della patente stessa, oppure – più probabile – ha volutamente raccontato una frottola.

 Sea Watch 3

Secondo le informazioni raccolte finora, in particolare, Rackete avrebbe ottenuto la laurea in Nautica e trasporto marittimo presso la Jade Hochschule di Elsfleth già nel 2011, ricevendo quindi d’ufficio la qualifica di ufficiale di picchetto. Il titolo di comandante, invece, non corrisponde a un’attribuzione formale sancita da un esame, ma è stato conferito sulla base dell’esperienza maturata sul campo.

3. I parlamentari sulla Sea Watch 3 NON hanno banchettato

A partire da una foto (ritoccata) che lo scorso weekend si è diffusa sui social network, è circolata la notizia che i parlamentari che sono saliti sulla Sea Watch 3 ne abbiano approfittato per un lauto pranzetto a base di pesce fresco. In questo caso il debunking è immediato, visto che online è disponibile anche la versione originale dell’immagine, in cui si vede che tutte le persone inquadrate – tra cui alcuni esponenti del Partito democratico e di Sinistra italiana – sono semplicemente seduti sul bordo di un gommone, senza alcuna tavola imbandita al centro dell’imbarcazione.

Sulla sinistra il fotomontaggio, sulla destra la foto originale

I più attenti hanno fin da subito notato anche alcune stranezze nel fotomontaggio, dato che al gommone è stato aggiunto un nome con un evidente errore grammaticale (“gita Sea Wathc” anziché Sea Watch, secondo Bufale.net un possibile riferimento sarcastico alle polemiche sulla cannabis), oltre che un volto ritagliato in malo modo sul lato destro del gommone. Al di là dei dettagli tecnici, qui è palese la volontà di creare un caso politico a partire dal nulla. Interessante, come ha fatto notare Next Quotidiano, che molti diffusori della bufala abbiano continuato a difendere la propria tesi anche dopo essere stati smascherati, sostenendo che i volti corrucciati di alcuni politici siano la prova schiacciante che sono stati colti in flagranza di banchetto.

4. Padre Alex Zanotelli NON ha negato l’incidente di Lampedusa

Dopo la notizia, confermata da Adnkronos, che il padre missionario Alex Zanotelli avrebbe sostenuto la candidatura di Rackete per un premio Nobel, ha iniziato a spargersi la voce di un’ulteriore affermazione dello stesso Zanotelli, secondo cui tutti i fatti di cronaca relativi a Lampedusa sarebbero stati alterati dalla stampa, incluso lo speronamento stesso tra la Sea Watch 3 e la motovedetta della guardia di finanza.

La falsa dichiarazione attribuita a padre Alex Zanotelli

 

In realtà però questa seconda affermazione, che farebbe riferimento a fantomatiche prove del mancato contatto tra le due imbarcazioni, è frutto di una falsa attribuzione. Non risulta infatti alcuna prova, né giornalistica né sotto forma di registrazioni, di una simile tesi sostenuta da Zanotelli. Addirittura, online si trova la medesima storia, con le stesse identiche parole, attribuita a Laura de Clementi, ma è possibile che in realtà sia frutto di una totale invenzione. Sicuramente, invece, simili argomentazioni non si trovano né nelle interviste rilasciate né sui canali social di Zanotelli, quindi fino a prova contraria sono da ritenere informazioni non confermate.

5. Rackete NON è stata intervistata dal Corriere della Sera

Il 30 giugno il Corriere della Sera ha pubblicato (sia sulla versione cartacea sia online) un’intervista a Carola Rackete, nello specifico un botta-e-risposta in prima persona contenente una dozzina di domande. Come diverse persone hanno fatto notare immediatamente dopo la pubblicazione, l’intervista non può essere vera, poiché Rackete non può parlare coi giornalisti mentre è agli arresti domiciliari.

Il titolo dell’intervista (simulata) del Corriere della Sera

 

La situazione è stata parzialmente chiarita dal Corriere stesso, che nell’articolo ha specificato che “la capitana trentunenne è ai domiciliari e non può rilasciare dichiarazioni, ma attraverso i suoi avvocati chiarisce i dubbi sollevati da più parti sul suo comportamento”. Se ne può dedurre, dunque, che l’intervista sia stata ricavata rielaborando le risposte fornite dai legali, trasformandole in un’ipotetica conversazione con Rackete che però non è mai avvenuta.

6. La Sea Watch 3 NON può essere definita “pirata”

In questo caso si tratta di una questione a metà tra i tecnicismi e le strategie di comunicazione. Diversi giornali ed esponenti politici, soprattutto orientati verso destra, hanno più volte utilizzato le immagini di pirata e pirateria per riferirsi a Rackete e all’imbarcazione che ospitava i migranti, nonché ai politici saliti a bordo della stessa Sea Watch 3. Nel caso si tratti di un’immagine evocativa senza alcuna pretesa di correttezza tecnica, allora la questione può essere relegata a una discussione sullo storytelling della vicenda, con tutte le evocative implicazioni giornalistiche e politiche.

La prima pagina de ‘La Verità’ di domenica 30 giugno

 

Qualora invece si volesse valutare tecnicamente l’opportunità di fare riferimento alla pirateria, la risposta sarebbe allora che non ha senso. Come ha dettagliatamente spiegato Il Post, infatti, in questo caso manca il requisito fondamentale di trovarsi all’esterno delle acque territoriali nazionali: quanto accaduto non può rientrare nella fattispecie giuridica cui fa riferimento l’articolo 101 della Convenzione dell’Onu sul diritto del mare, quello che regola la definizione di pirateria.



Licenza Creative Commons




Crediti :

Wired

Continua a leggere

Bufale

Pietro Crisafulli e la bufala della bimba danneggiata dal vaccino

Una bufala che nasce da un No-Vax e racconta la falsa storia di una bimba danneggiata da un vaccino. Giusto per spargere il panico

Pubblicato

il

Mi sono imbattuto post su Facebook. Uno di quei post contro i vaccini, scritto palesemente da un no-vax, in un italiano approssimativo.

marco dimitri

Premetto che le vaccinazioni vanno fatte, per varie evidenti ragioni, alcune malattie come il morbillo sono mortali, in più esistono persone immunodepresse, non possono essere vaccinate perchè sofferenti di malattie, ad esempio la leucemia, bambini in età prevaccinale.

Chiedete comunque al vostro medico immunologo, io non ho titolo.

Torniamo al messaggio in oggetto, incorporo da Facebook

“VACCINI, SONO SCONVOLTO. 
Ho assistito oggi, ad una straziante scena al pronto soccorso pediatrico.
Una giovane madre, con una piccola bambina in braccio, ed altri parenti urlavano e piangevano disperatamente. Alla piccola bambina sotto un anno di età, nelle ore precedenti avevano fatto il vaccino. Qualche ora dopo, la bambina stava malissimo, gli occhi che non si vedevano più, febbre alta, tremava, ed urlava. Erano tutti nel totale panico. Sono veramente sconvolto. Parlando poi con i medici del PS pediatrico, concordavano con quello che gli avevo detto, ma alzavano le mani. Anche qualche operatore sanitario, mi diceva i miei non li ho vaccinati, è mai li vaccineró. 
Dobbiamo fare qualcosa, per il bene dei nostri figli, nipoti, è per la nuova generazione. Tutti uniti, fermiamo questi criminali per il bene dell’umanità. Auguri piccola, mi auguro che non sia stata danneggiata.
Pietro Crisafulli

Il messaggio è stato scritto da un certo Pietro Crisafulli, non so chi sia ma la storia raccontata è davvero lacunosa “Alla piccola bambina sotto un anno di età, nelle ore precedenti avevano fatto il vaccino”.

Avevano fatto il vaccino? Non specifica quale tipo di vaccinazione sia stata iniettata alla presunta bambina, nemmeno specifica quale relazione medica abbia assodato  “il vaccino” al malore che  Pietro Crisafulli descrive.L’uomo afferma di trovarsi  in un pronto soccorso pediatrico.

Sempre in un italiano approssimativo, afferma “Parlando poi con i medici del PS pediatrico, concordavano con quello che gli avevo detto, ma alzavano le mani. Anche qualche operatore sanitario, mi diceva i miei non li ho vaccinati, è mai li vaccineró. “. Questa è un’affermazione gravissima, in quanto  il personale medico non fornisce informazioni a terze persone, tantomeno consiglia di non vaccinare.

Anche se è palese essere una bufala inventata e scritta pure male, è stata condivisa da 700 persone. Bisogna sempre controllare la veridicità di ciò che si condivide, la notizia, ad esempio, non appare in nessun giornale, in nessuna  agenzia stampa.

Semplicemente una bufala che potrebbe (dovrebbe) sfociare nel reato, visto che gioca con la vita delle persone più fragili: i bambini.

Oggi una bimba non vaccinata  sta lottando tra la vita e la morte, succede a Verona, la bambina ha 10 anni ed ha contratto il tetano perchè i suoi genitori non l’hanno vaccinata.

Persone che postano messaggi con storie false come il Sig. Pietro Crisafulli, contribuiscono a seminare il panico ed a desistere di vaccinare i propri figli.  La bimba di Verona è una vittima dei No-Vax, non è una vittima del tetano, il tetano l’abbiamo scongiurato grazie ai vaccini.

Il resto della pagina di Pietro Crisafulli è pieno zeppo di offese rivolte all’immunologo Roberto Burioni, offese tipo “somaro” “vaccinati il cervello”. Questo per dire a che punto i No-Vax sono arrivati. Non resta che sperare in una legge severa che punisca questi untori.



Licenza Creative Commons




 

Continua a leggere

Chi Siamo

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

Siti con notizie false

Bufale

  • BUTAC
  • Bufale.net
  • Dott ma è vero che

50 milioni alla Tunisia, che scandalo https://www.butac.it/50-milioni-alla-tunisia-che-scandalo/ … p [...]

Ci segnalano i nostri contatti una quantomeno pittoresca catena di S. Antonio, basata sulla medesima [...]

Ci segnalano i nostri contatti un articolo condiviso di bacheca in bacheca con prevedibili commenti. [...]

I nostri lettori ci segnalano l’immagine di una pagina Televideo in cui viene riportato un articolo [...]

Arriva rapida la risposta di Fiorello a Salvini in queste ore, dopo che l’ex Ministro dell’Interno a [...]

Ci siamo presi un po’ di settimane prima di riportarvi alcune informazioni a proposito del presunto [...]

L'articolo Di Covid-19 posso ammalarmi due volte in poco tempo? proviene da Dottore, ma è vero [...]

L'articolo Esiste un farmaco “miracoloso” per la Covid-19? proviene da Dottore, ma è vero che.. [...]

L'articolo I farmaci sperimentali possono essere usati subito? proviene da Dottore, ma è vero c [...]

L'articolo Di fronte al SARS-CoV-2 siamo tutti uguali? proviene da Dottore, ma è vero che... ?. [...]

L'articolo Per prevenire il contagio da coronavirus (SARS-CoV-2) è indispensabile indossare una [...]

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930 

 

 

 

 

 

I più letti