Contattaci

Bufale

La tubercolosi è tornata a diffondersi a causa dei migranti? Spoiler: no

Il ruolo degli stranieri è tutt’altro che trascurabile nelle statistiche, ma il trend generale in Italia è di diminuzione dell’incidenza di tubercolosi. Gli allarmismi, dunque, sono ingiustificati

Pubblicato

il

“Può una rondine far primavera? “, si chiederebbero alcuni. E, allo stesso modo, basta il caso di un solo migrante (o magari di una decina, come avevamo raccontato il mese scorso) malato di tubercolosi per giungere alla conclusione che c’è un allarme sanitario nazionale? O, a maggior ragione, per annunciare la presenza di una vera e propria epidemia in corso?

Dati alla mano, i numeri sembrano scongiurare la presenza di un’emergenza. Resta pur vero che mancano ancora le statistiche degli ultimi mesi (i dati per ora si fermano al 2016) e che sono possibili più interpretazioni dei dati ministeriali, ma le serie storiche suggeriscono che il trend evolva in maniera abbastanza regolare di anno in anno. E che sia di diminuzione.

L’episodio di cronaca

Ma andiamo con ordine. A far tornare il tema in primo piano sono state le dichiarazioni del presidente del consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, a proposito della fuga di un immigrato (che aveva contratto la tubercolosi) da una struttura di accoglienza della provincia di Vicenza, a Sandrigo. La notizia della fuga, riportata tra gli altri da Il Gazzetino, è stata commentata con relativa cautela da Ciambetti: “abbiamo una ulteriore riprova [che] la cittadinanza è chiamata a pagare i costi non solo economici ma anche sociali e sanitari di politiche scellerate”, ha dichiarato. E continua: “sono preoccupato [per il] passaggio dai 16 casi registrati nel 2015 ai 40 già individuati quest’anno nella provincia di Vicenza, un dato che non va sottovalutato ma nemmeno enfatizzato. L’incremento dei casi di tubercolosi e la diffusione di questa malattia gravissima tra immigrati ed extracomunitari richiede una energica e tempestiva risposta da parte delle autorità sanitarie”.A rincarare la dose è stato poi il vicepremier e ministro dell’interno Matteo Salvini, che su Facebook ha scritto, commentando la stessa notizia: “Immigrato malato e in fuga, forse inconsapevole della gravità della sua condizione. Purtroppo la tubercolosi è tornata a diffondersi, gli italiani pagano i costi sociali e sanitari di anni di disastri e di invasione senza regole e senza controlli”.

Reazioni e repliche
La prima risposta è arrivata da Maurizio Marceca, presidente della Società italiana di medicina delle migrazioni. Ai giornalisti di Ansa Marceca ha rivolto un invito alla prudenza, spiegando che “in Italia non abbiamo alcun allarme tubercolosi legato agli immigrati” e che con le dichiarazioni inquiete sulla tubercolosi “si rischia di creare allarme, anche laddove un allarme non esiste. Intervenendo con affermazioni poco scientifiche”, ha aggiunto, “si rischia di creare panico sociale”. Mareca ha richiamato anche le linee guida dell’Istituto superiore di sanità per il contrasto delle tubercolosi tra gli immigrati in Italia (pdf), e ha dichiarato che al momento il sistema sanitario dispone “di tutti gli strumenti per governare il fenomeno”.

Nella stessa giornata è intervenuto anche Roberto Cauda, direttore del dipartimento di malattie infettive del policlinico Gemelli di Roma. Il medico ha riferito che “almeno in Italia non assistiamo in questo momento a un aumento dei casi”, e ha ricordato che le fluttuazioni statistiche sono il risultato di fenomeni “estremamente complessi, non attribuibili a un unico fattore”.

Un’ulteriore rassicurazione è giunta poi su scala locale, da parte del viceprefetto vicario di Vicenza Lucio Parente“Il protocollo è stato rispettato come da normativa, quindi sotto l’aspetto sanitario non c’è nulla da temere”, ha dichiarato. Il protocollo, in questo caso, è consistito nell’isolare i locali frequentati dal malato a Sandrigo e nell’esecuzione di screening di controllo sulle persone con cui ha avuto contatti. La trasmissione del batterio della tubercolosi, Mycobacterium tuberculosis, avviene infatti per via aerea, tramite saliva, con un colpo di tosse o uno starnuto. Contemporaneamente, Parente ha confermato che la persona in fuga continua a essere irreperibile, e che le forze di polizia sono al lavoro per rintracciarlo.

Il senso dei dati
Ma quindi la tubercolosi si diffonde sempre più, oppure no? Come abbiamo già raccontato in diverse occasioni, ragionando sul lungo periodo l’incidenza della malattia è drasticamente in calo. Basta pensare ai 12mila casi del 1955 conto i 4.032 del 2016. Solo negli ultimi 10 anni si è passati da 7,4 casi ogni 100mila abitanti nel 2008 a 6,6 nel 2016. In media ogni anno il numero di pazienti a cui viene diagnosticata la tubercolosi cala dell’1,8% (anche se ci sono fluttuazioni significative da un anno all’altro: basta pensare ai 5.200 casi del 2010), e in termini assoluti i decessi sono poco più di 300 all’anno sui 4mila malati totali.

In questo trend di diminuzione, è pur vero che sale sempre più l’incidenza degli stranieri. Il sorpasso rispetto ai nati in Italia è avvenuto nel 2009, e attualmente i cittadini stranieri coprono circa il 60% dei casi complessivi. A seconda di che cosa si vuol fare emergere, numeri uguali possono raccontare storie diverse. Se infatti si valuta l’incidenza della malattia sugli stranieri (e cioè si tiene conto anche dell’aumento nel numero di persone straniere in Italia negli ultimi anni), si scopre che l’incidenza della tubercolosi su soli stranieri è stata di 84 casi ogni 100mila stranieri nel 2006, e di 44 nel 2016. Il rischio di contrarre la malattia sta dunque calando anche per questa fascia di popolazione, nonostante in termini quantitativi l’incidenza resti quasi 10 volte più alta rispetto ai nati in Italia.

Per avere un’idea di quanto il tema sia articolato, anche dal punto di vista delle autorità sanitarie, basta dare un’occhiata al documento di 64 pagineredatto in proposito a febbraio dall’Istituto superiore di sanità. Per fare un’esempio, per gli immigrati esiste una dipendenza estremamente forte tra l’incidenza della tubercolosi e il Paese d’origine, anche di un fattore 10.

Che la presenza di stranieri sia un fattore che incrementa il numero di casi di tubercolosi è fuori discussione, ma ventilare l’idea di un’emergenza sanitaria – in un contesto in cui il trend generale complessivo è di diminuzione dell’incidenza – sa di allarmismo ingiustificato. Sempre ammesso che la statistica citata da Ciambetti e relativa alla provincia di Vicenza (ossia che si è passati dai 16 casi del 2015 ai 40 di quest’anno) non si dimostri in linea con un nuovo trend nazionale. Per ora, però, il dato è decisamente troppo locale per trarre conclusioni generali.

LEGG

Crediti :

Wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bufale

Bufale, un potente strumento di marketing

La viralità delle bufale sui social e nella rete è un assist che le aziende devono solo accogliere, nell’epoca della sospensione continua dell’ incredulità

Pubblicato

il

Se la società ama le bufale, il marketing non può certo ignorarlo. Spesso queste assumono caratteristiche virali, e di bacheca in bacheca riescono a propagarsi in brevissimo tempo attraverso la Rete: perché non sfruttare apertamente questa caratteristica e usare la bufala come un singolare cavallo di Troia per promuovere qualcosa?

Un esempio lo abbiamo visto di recente. La macchina dei miracoli, che prometteva di trasformare l’acqua in vino non era altro che una furba trovata dell’associazione no-profit Wine to Water per sensibilizzare il prossimo riguardo alle nostre risorse idriche, che non sono infinite.

Ma questo modo di fare comunicazione è tutt’altro che raro, tanto che che di fronte ad affermazioni incredibili oggi è sempre bene tenere in considerazione, tra le possibili soluzioni del mistero, l’opzione “trovata promozionale”.

Ecco qualche esempio.

Una Luna più brillante contro il riscaldamento globale

L’azienda produttrice di cosmetici Foreo ha un piano geniale per ridurre le emissioni di gas serra: rendere la Luna più brillante. In questo modo si potrebbe infatti ridurre l’illuminazione notturna e far risparmiare al pianeta miliardi di tonnellate di anidride carbonica. Il sito del progetto snocciola qualche dato sui nostri consumi, ma si guarda bene dall’approfondire il procedimento con cui vorrebbe “trasformare la struttura fisica e chimica del suolo lunare” in modo da renderlo più riflettente. Una volta superato il piccolo particolare della mancanza di atmosfera, solamente le magiche “scie chimiche” potrebbero forse essere lo strumento adatto a lucidare il nostro caro satellite per un proposito così squinternato.

La compagnia svedese per ora non ha esplicitato che si tratti di una campagna promozionale, ma come evidenziato anche sul sito Museum of Hoaxes, basta dare un’occhiata al catalogo per trovare LUNATM, una linea di prodotti per la pulizia del viso.

Ma non è certo la prima volta che i pubblicitari provano a sfruttare il nostro satellite: il New York Times racconta che a cavallo del 2000 Steve Cooning, allora marketing executive alla Coca-Cola, lesse in un articolo su come gli scienziati usavano i laser per misurare la distanza della Luna. Folgorato dalla rivelazione, mise assieme qualche ingegnere per capire se non fosse possibile utilizzare i fasci per proiettare il logo dell’azienda, ma il “moonvertising” per ora, è solo alla portata delle bufale.

Cerchi nel grano
Non sarà delle dimensioni della Luna, ma un logo disegnato in un campo di cereali fa la sua bella figura, e non manca mai di guadagnarsi un po’ di copertura mediatica. Tra gli ultimi casi si può ricordare la campagna per l’ultimo processore di Nvidia, durante la quale è stato realizzato un crop circle in un campo vicino a Salinas, California. Qui la bufala è data dall’aura soprannaturale che circonda i cerchi nei campi di cereali, fin troppo spesso interpretati come opera di alieni. Tutta colpa di due buontemponi, Doug Bower and Dave Chorley, che alla fine degli anni ‘70, nel pieno della mania per gli UFO, cominciarono disseminare la campagna inglese di disegni creati piegando gli steli delle piante nei campi, apprezzabili solo da una certa distanza. Anche dopo la confessione di Bowe e Chorley e le ripetute dimostrazioni che non è necessario tirare in ballo gli extraterrestri per spiegare l’origine delle figure, i crop circle sono ancora qualcosa di intrinsecamente misterioso: i media li inseguono, e il marketing si adatta.

Found footage
Diversi horror oggi sono girati grazie agli espedienti offerti dal found footage, dove quello che ci viene mostrato è presentato come il contenuto di pellicole, nastri magnetici o schede di memoria rinvenuti tipicamente dopo la morte o la scomparsa delle persone delle persone presenti nel girato. Questa tecnica, per alcuni un vero e proprio genere, preme particolarmente sulla nostra sospensione dell’incredulità, ma a volte i distributori esagerano un po’ e arrivano a basarci l’intera campagna promozionale. The Blair Witch Project, uscito nel 1999, non è il capostipite del found footage, ma lo è per quanto riguarda la strategia di marketing basata sull’estendere la “bufala” oltre lo schermo. Per promuovere il film gli autori hanno creato un sito web e hanno usato la Rete per disseminare pian piano sempre più dettagli sulla fantomatica strega di Blair e la misteriosa scomparsa di tre ragazzi avvenuta cinque anni prima. Persino gli attori avevano creduto che la leggenda della strega fosse vera e solo dopo l’assalto ai botteghini, assieme a molti altri, accettarono di essere stati beffati. Oggi la promozione via Internet e le campagne virali sono la norma, ma 15 anni fa nessuno aveva mai visto nulla del genere.

Primo aprile

I grandi brand devono mostrare di essere sempre sul pezzo, e perché allora non partecipare a quella grande festa delle bufale che è il primo aprile? Tra tutti si è distinta in particolare la Bbc che negli anni ha ripetutamente gabbato sia i suoi ascoltatori che i suoi spettatori.Il primo aprile 1965, all’interno di di quello che sembrava un normale servizio giornalistico, ai sudditi della regina venne presentato un nuovo ritrovato della tecnica: la Smellovision. Come spiegava il “professore” intervistato, grazie a essa i telespettatori avrebbero potuto annusare gli odori presenti nello studio televisivo, e anzi invitavano a contattare l’emittente per comunicare l’esito positivo dell’esperimento. Diversi spettatori chiamarono dicendo di essere riusciti a sentire distintamente l’odore delle cipolle inquadrate, alcuni fino al punto di cominciare a lacrimare. Anche Google il primo aprile del 2013 ha giocato sullo stesso tema presentando in un video Google Nose, una nuova funzione che avrebbe esteso il motore di ricerca anche agli odori.

SocialVEVO

Le possibilità di sfruttare le bufale per il marketing sembrano infinite: perché non specializzarsi? È quello che sembra stia facendo SocialVEVO, oggi Swenzy, una delle compagnie grazie alle quali è possibile gonfiare le statistiche dei propri social network. Ricordate quando sembrava che Seth MacFarlane avesse ucciso Brian, l’amatissimo cane della famiglia Griffin? SocialVEVO ha prontamente registrato il dominio briansannouncement.com e realizzato un sito dove campeggiava un conto alla rovescia: a breve sarebbe dovuto arrivare un grande annuncio, magari quello di uno spin-off della serie con Brian protagonista. Allo scadere del countdown, ripreso dai moltissimi media, il sito si è trasformato in quello di una campagna per chiedere ai produttori di far tornare Brian.

Il business model, come rivelato da un’inchiesta di The Daily Dot, è quello di sfruttare opportunisticamente la popolarità di marchi famosi per attrarre rapidamente enormi flussi di visitatori da monetizzare. La prima vittima è stata nientemeno che la NASA. Mentre tutti i siti della celeberrima agenzia spaziale erano inutilizzabili a causa dello shutdown federale, SocialVEVO,  ha realizzato il sito rememberthe13.com nel quale, con tanto di logo ufficiale, si preannunciava per il 13 novembre 2013 la rivelazione della “più grande scoperta di tutti i tempi”. Se si mettono NASA e “scoperta epocale”nella stessa frase è facile capire “alieni”, e non stupisce quindi l’immediato successo del sito sui social network. Scriveva in proposito l’astronomo e attivista scettico Phil Plait su Slate “alle persone di solito non piace e essere prese in giro o manipolate. Una campagna di marketing come questa può facilmente ritorcersi contro”.

Ne siamo ancora così sicuri?

 
  

Licenza Creative Commons

 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Bufale

Finalmente la guerra… Alle Fake News

I social network si preparano ad affrontare le prossime elezioni statunitensi difendendosi dagli attacchi della propaganda e della manipolazione politica

Pubblicato

il

Stop a fake news e spam politico,

Facebook, Twitter, YouTube e

WhatsApp vanno alla guerra

 

 

 

 

Per Facebook, gli ultimi due anni sono stati difficili. Il social network fondato da Mark Zuckerberg si è trovato al centro di polemiche infuocate sulle infiltrazioni da parte di attori stranieri – in particolar modo russi e iraniani – volte a destabilizzare le elezioni statunitensi del 2016, diffondendo disinformazione, fake news, propaganda politica e messaggi quanto più possibile divisivi.

Non bastassero gli attacchi esterni, Facebook ha anche dovuto fronteggiare il caso Cambridge Analytica, società di consulenza politica che – sfruttando i dati di decine di milioni di elettori americani, ottenuti in maniera illegittima – potrebbe aver contribuito alla vittoria di Donald Trump. La ciliegina sulla torta (se così possiamo dire) è il furto di dati personali da parte di un gruppo di hacker, che ha colpito la piattaforma agli inizi di ottobre e sottratto le informazioni di circa 29 milioni di utenti.

Dopo aver promesso in ogni modo di volersi impegnare a fondo per affrontare questi problemi, per Facebook sta arrivando il momento della verità. Il 6 novembre si terranno le elezioni di metà mandato negli Stati Uniti (con le quali si rinnovano la Camera e un terzo del Senato) e già da mesi, per il Washington Post, hanno ricominciato a proliferare pagine e profili che avrebbero l’obiettivo di influenzare l’opinione pubblicaattraverso azioni coordinate di disinformazione. Zuckerberg, questa volta, spera di farsi trovare pronto.

La war room
Da pochi giorni, racconta Wired Us, è stata completata la war room di Facebook, considerata “l’ultima linea di difesa” in caso di attacchi.

 
  

Licenza Creative Commons

 

 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Bufale

Pesci vivi nel Mar Morto come in una profezia di Ezechiele nella Bibbia: l’ennesima fake news

Pesci vivi nel Mar Morto? Come sostiene Ezechiele nella Bibbia, dovrebbero fare presto ritorno. Ma l’immagine che circola recentemente in Rete non lo dimostra, né il fotografo a cui viene attribuita l’immagine sembra aver mai dimostrato di averli visti. Nessuna associazione – nemmeno la sua – ha annunciato la scoperta.

Pubblicato

il

Secondo diverse testate il fotoreporter israeliano Noam Bedin avrebbe fotogragato dei pesci vivi e vegeti nel Mar Morto. Non se ne vedevano letteralmente da tempi “biblici”, infatti alla foto che li immortala si correla volentieri una profezia di Ezechiele.

Queste acque escono di nuovo nella regione orientale, scendono nell’Araba ed entrano nel mare: sboccate in mare, ne risanano le acque. Ogni essere vivente che si muove dovunque arriva il fiume, vivrà: il pesce vi sarà abbondantissimo, perché quelle acque dove giungono, risanano e là dove giungerà il torrente tutto rivivrà. (Ezechiele 47:8-9)

A tutto questo si aggiunge anche un messaggio volto a sensibilizzare l’opinione pubblica, infatti il Mar Morto perde ogni anno l’equivalente in acqua di 600 piscine olimpiche. Il problema è che – a prescindere dai passi biblici – non ci spiegano come sarebbe possibile trovare dei pesci vivi in un lago dall’alta concentrazione salina.

 

Il mistero odell’autore della foto

 

 

La notizia è stata riportata esattamente come viene descritta originariamente dai tabloid inglesi. La prima cosa che notiamo è che il fotografo in questione – anche se sembra affermare di aver visto pesci nel Mar Morto in un video – non fa accenno alla foto in questione, mentre ne mostra altre citando la profezia della Bibbia. Infine sensibilizza sui problemi relativi all’abbassamento del livello delle sue acque. É sufficiente dare un’occhiata all’associazione di cui Bedin fa parte per capire meglio. Come riportato nei vari articoli che rilanciano la notizia infatti risulta membro della Dead Sea Ravival. Secondo quanto scritto dagli autori degli articoli l’immagine associata proverrebbe proprio dal loro sito. Peccato che svolgendo una ricerca per immagini non si arriva mai a questa fonte. Non vi è traccia nemmeno nel profilo Instagram del fotografo. Continuando la nostra ricerca per immagini scopriamo in un sito di lingua polacca che rilancia la presunta scoperta, che esistono altri osservatori, i quali avrebbero visto questi pesci nel Mar Morto fin dal 2016, in particolare si cita una immigrata polacca in Israele, Samantha Siegel.

Cosa ha affermato davvero Noam Bedin?

 

Forse non sapremo mai chi è il vero autore dell’immagine, né se si tratta effettivamente di una pozza d’acqua situata nel Mar Morto – cosa piuttosto improbabile. Fatto sta che in diverse testate israeliane come Breaking Israel News nella foto si riporta la dicitura “Credit: Noam Bedein/Dead Sea Revival Project”, cosa che potrebbe far pensare che egli stesso sia stato contattato e si sia attribuito l’immagine. Una cosa sola è certa in tutta questa vicenda: Bedin nell’intervista originale non sostiene di aver fotografato pesci vivi nel Mar Morto, né viene riportata l’immagine in questione. Si specifica solo che i pesci da lui visti si trovavano in pozze d’acqua dolce nei dintorni, ed è probabile che siano stati messi lì da delle persone.

 
  

Licenza Creative Commons

 

 

 

Crediti :

Fanpage

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Bufale

  • BUTAC
  • Bufale.net
  • Dott ma è vero che

Blast from the past: La truffa della “formula” Allen Collins (2016) http://www.butac.it/formula-alle [...]

Blasting Pop riporta il caso di Eleonora, una 59enne che la mattina del 12 novembre, vedendo passare [...]

Sono davvero inaspettati i numeri emersi in queste ore per quanto concerne le offerte Iliad ed il su [...]

Un post divenuto virale nelle ultime ore su WhatsApp, Messenger e Facebook parla di un bambino di ap [...]

Un’immagine tendente rischiosamente al virale, pubblicata su un profilo Facebook e già in tour di ba [...]

Secondo il blog Movimento Sovrano, la morte in serie di uccelli caduti improvvisamente dal cielo sar [...]

L'articolo La dieta alcalina combatte i tumori? proviene da Dottore, ma è vero che... ?. [...]

L'articolo Come parlare ai più piccoli del cancro proviene da Dottore, ma è vero che... ?. [...]

L'articolo Gli epatoprotettori proteggono il fegato? proviene da Dottore, ma è vero che... ?. [...]

L'articolo Si può sconfiggere la cellulite con una crema? proviene da Dottore, ma è vero che... [...]

L'articolo Sui rischi del calendario vaccinale fai-da-te proviene da Dottore, ma è vero che... [...]

Facebook

I più letti