Contattaci

LAICITA'

Lasciarsi alle spalle Salvini

(e il suo passato 2.0)

Pubblicato

il

Quattro mesi sono un periodo di tempo sufficiente per stilare un primo bilancio. Il governo Conte non è purtroppo nato sotto i migliori auspici per i diritti civili. Il contratto di governo sottoscritto tra Lega e Cinque Stelle li ha semplicemente trascurati, dopo aver pubblicamente preso atto che i punti di vista non erano conciliabili. E dopo aver quindi implicitamente confermato che, qualunque sia il colore della composizione del governo, i diritti civili sono sempre tra i primi a essere accantonati: in questo, il governo del cambiamento è di un’assordante continuità con i precedenti. Tuttavia, i diritti civili in generale, e quelli laici in particolare, sono questioni che, piaccia o no, tendono sempre a ripresentarsi.

Il ritorno del rimosso

Se i diritti non fanno parte dell’accordo di governo, è legittimo chiederci che senso ha avuto la nomina di un ministro specifico per le politiche della famiglia. Un ministro che, nel presentare le sue linee programmatiche, si è peraltro limitato a ribadire l’ostracismo alla gestazione per altri (già vietata dal nostro ordinamento) e ad annunciare misure per impedire il riconoscimento dei figli delle coppie gay (che, ricordiamolo, non è stato inserito nella legge Cirinnà, e deve quindi passare per un’iscrizione anagrafica e/o per un pronunciamento dei tribunali, con tutti i rischi del caso).

Il ministro della famiglia non è però una figura superflua come potrebbe sembrarci. E vien da aggiungere: “purtroppo”. Perché il ministro in questione è un integralista, il leghista Lorenzo Fontana, fieramente ostile agli omosessuali. E non è l’unico leghista di questo stampo. Un altro cattolico conservatore, Marco Bussetti, è diventato ministro dell’istruzione. La deputata Barbara Saltamartini, già di An, già alfaniana, ha depositato una proposta di legge per rendere il crocifisso obbligatorio in ogni ufficio pubblico.

Il senatore Simone Pillon è andato ancora oltre: già co-organizzatore di alcuni Family Day, si è reso protagonista di farneticazioni complottarde anti-gay, ha posto in discussione la normativa sugli affidamenti e la legge sull’aborto, ed è stato tra i promotori dell’intergruppo integralista “Famiglia e vita”, che ha raccolto l’adesione di 150 parlamentari.

L’obbiettivo nemmeno troppo inconfessato è, nell’immediato, il sabotaggio dall’interno dell’applicazione delle leggi laiche

L’inchiesta di copertina del penultimo numero de L’Espresso ha inoltre mostrato come questa sia, ahinoi, soltanto la punta dell’iceberg. Dietro tali personaggi ne agiscono infatti di peggiori. Le frange vaticane più tradizionaliste, per esempio. Ma persino il cattolico Steve Bannon, l’anima nera della vittoria elettorale di Donald Trump – che in seguito è stato liquidato anche perché rivelatosi eccessivamente estremista, persino per gli standard attuali della Casa Bianca. Nella Lega trovano dunque sempre più spazio i movimenti che si ricollegano direttamente alla controriforma e che sputano sulla libertà, sull’eguaglianza e persino sulla fraternità (che pure è un valore illuminista che dovrebbe piacere ai cristiani). L’unica unione che concepiscono è ancora quella tra un uomo e una donna in posizione sottomessa – come peraltro il Nuovo testamento insegna e la Chiesa stessa pratica, al momento delle ordinazioni. L’obbiettivo nemmeno troppo inconfessato è, nell’immediato, il sabotaggio dall’interno dell’applicazione delle leggi laiche e, sul lungo periodo, il ritorno a una società totalitariamente cattolica.

La Lega si è scatenata. Una volta se la prendeva soprattutto con l’islam. Oggi il suo nemico numero uno è la laicità. Siamo noi.

La Lega romana

L’articolo di commento del direttore de L’Espresso, Marco Damilano è molto politico, e politicamente è molto Pd – probabilmente troppo. Arriva addirittura a sostenere che la Dc non agiva “in una logica confessionale ma di autonomia tra le due sfere”, temporale e spirituale. Deve essersi dimenticato le madonne pellegrine e piangenti delle elezioni del 1948. Nei quasi tre decenni in cui la Dc prese oltre il 40% non fu approvato alcun provvedimento laico, senza soluzione di continuità con il regime fascista immediatamente precedente. Se negli anni Settanta furono approvate numerose leggi civili fu soltanto perché in parlamento si era finalmente creata una maggioranza trasversale laica che l’aveva messa in minoranza. Il popolo avrebbe fatto lo stesso nei due grandi referendum su divorzio e aborto.

Sarebbe proprio ora di finirla con la nostalgia della Dc. E tuttavia, Damilano su un punto ha ragione: la Dc veicolava un cattolicesimo diverso da quello della Lega. La fede di Salvini non trasuda devozione o conformismo, ma odio. Non è capace di affermarsi in positivo: è usata come una clava nei confronti di chi cattolico non è – e anche di quei cattolici che non amano l’uso della clava. È una religione che fa leva su quanto di più tradizionale ci sia: il crocifisso, il rosario, il presepe, i canti natalizi. Si ferma ai simboli, ai simulacri di una fede svuotata del suo contenuto.

La Chiesa di Salvini non è cattolica: il leader è un localista che non pensa certo “universale”. Non è nemmeno apostolica: non ama chi viaggia per diffondere opinioni diverse (in fondo, anche gli apostoli erano migranti mediorientali). La Chiesa salviniana è dunque romana, perché della Chiesa cattolica apprezza soltanto il suo essere tradizionale e maggioritaria. Tanto da far tornare in mente quanto affermò Benito Mussolini per difendere i Patti Lateranensi: “questa religione è nata nella Palestina, ma è diventata cattolica a Roma. Se fosse rimasta nella Palestina, molto probabilmente sarebbe stata una dalle tante sette che fiorivano in quell’ambiente arroventato, come ad esempio quelle degli esseni e dei terapeuti, e molto probabilmente si sarebbe spenta, senza lasciare traccia di sé”.

Salvini e Mussolini: cristianisti tutti di un pezzo che sarebbero stati islamisti tutti di un pezzo, se solo fossero nati nello Yemen.

Il passato 2.0

E pazienza se Salvini, come Mussolini, come Trump, non è certo un modello di buon cristiano. Il fedele estremista, come negli Usa, sorvola su questi dettagli: a condizione che attui il programma estremista, il maschio alfa sarà giustificato sempre e ovunque. Una sacra alleanza nel nome della tradizione e dell’identità storica.

Tuttavia, il passato è anche pieno zeppo di vicende (dalle crociate all’inquisizione) che, in democrazia, difficilmente attirano molti elettori. E allora il passato deve essere rimodellato. Le radici della civiltà contemporanea devono essere circoscritte a quelle cristiane – talvolta con l’aggiunta di una giudaica foglia di fico. Le tradizioni e le identità si possono inventare: il culto del dio Po è stato creato (e poi soppresso) proprio dalla Lega. Leggere quanto pubblicato da Hobsbawm e Ranger o scritto da Benedict Anderson è più utile di tanti talk show per capire come agiscono Salvini, Trump, Putin, Orban, Kaczynski, Modi, Duterte, e tutti gli altri “duri” che conducono una campagna elettorale permanente di taglio indentitarista. Accrescendo i propri consensi.

Perché è una strategia politica che spesso funziona. La maggioranza degli esseri umani si caratterizza per due inclinazioni apparentemente inconciliabili: sono attratti dalle novità, ma vogliono che siano rassicuranti. I nuovi tradizionalisti hanno saputo quadrare il cerchio: si presentano come “nuovi” perché combattono i “vecchi” politici, ma lo fanno appoggiandosi a una religione dipinta come tradizionalissima. Anche quando non è vero. Ma può essere efficace lo stesso, perché oggi la storia è spesso sconosciuta ai più. Si esalta l’attimo fuggente, ma è soprattutto la memoria a scomparire: quanti elettori collegano il Salvini sgranarosari al rito dell’ampolla in onore del dio Po, praticato da Bossi fino al 2011?

Quel che è certo è che gli identitaristi cercano apertamente di discriminare i “soliti noti”: donne, omosessuali, non cattolici, tutti coloro che ritengono “diversi” dalle caratteristiche standard che pensano che debba avere la loro tribù. Le lobby integraliste rappresentano soltanto una minoranza anche all’interno dei partiti che sostengono. Ciononostante, hanno concrete possibilità di successo.

Un presente deprimente con un’opposizione assente

Se Salvini dilaga, nei sondaggi e sui mezzi d’informazione, non è però soltanto per merito suo. L’opposizione sembra infatti letteralmente svanita. Il Pd è diviso sul prossimo congresso, Liberi e Uguali è sull’orlo della scissione, Potere al Popolo sta arrivando ai ferri corti con Rifondazione. Di tanto in tanto qualche loro dirigente dà del fascista a Salvini, ma dedica comunque un tempo ben maggiore a criticare i compagni di partito. Pensieri rivolti alla laicità: lo zero assoluto.

Il risultato, comico, è che l’opposizione a Salvini la fa soprattutto il movimento Cinque Stelle. Che non solo è il suo partner nella maggioranza, ma del governo è l’azionista di maggioranza. Il problema è che, se da un lato rispondono spesso a tono ai leghisti, dall’altro tacciono imbarazzati sul loro estremismo. Per carità, ogni tanto i pentastellati ribadiscono la propria laicità. Tuttavia, sembra quasi che lo facciano per tacitare le preoccupazioni scaturite dai baci alla teca con il sangue di san Gennaro o dai pellegrinaggi sui luoghi di padre Pio. Un cattolicesimo più folkloristico che simbolico, ma anche in questo caso arcaico. La politica non sembra aver compiuto molti passi avanti, dall’epoca delle madonne piangenti.

La fede di Di Maio o di Conte non ci interesserebbe minimamente, se fosse accompagnata da risoluti atti laici

Ovviamente, la fede di Di Maio o di Conte non ci interesserebbe minimamente, se fosse accompagnata da risoluti atti laici. Abbiamo invece dovuto assistere alla grottesca altalena sull’obbligo dei vaccini, e leggere di un incontro con Steve Bannon, sempre lui. La situazione sembra disperata, anche se non certo seria.

Un futuro apertissimo

Disperarsi, però, non serve proprio a nulla. Serve agire. E serve smontare la narrazione leghista. Salvini non rappresenta in alcun modo il nuovo. E non è neanche il meglio del passato. Il suo progetto è vecchio e datato quanto gli spot che hanno fatto circolare in Lombardia.

Poiché non ha alcun progetto per il futuro, è costretto a reinventarsi il passato. Anche perché ha imbarcato chi, del passato, incarna la parte peggiore. Gente che sa che gli elettori non voterebbero una Dc ancora più estremista, ma votano e voterebbero (per altri motivi) una Lega che ne fa proprie diverse istanze. È lo stesso entrismo cattolico che ci evidenzia lo scarsissimo appeal elettorale dell’integralismo. È lo stesso identitarismo leghista che ci conferma che non viviamo più nel Seicento, quando si era tutti costretti a essere cattolici: il loro è un identitarismo di parte.

Salvini, Fontana e Pillon sono talmente proiettati sul passato da lasciare ampi margini di manovra a chi ha voglia di costruire un futuro migliore. Sta a ognuno di noi impegnarsi per farlo sapere a chi li vorrebbe votare: deve essere chiaro che votarli significa votare contro la laicità, che stanno attaccando frontalmente.

Non solo. Il precedente parlamento ha approvato alcune leggi laiche: meritorie, anche se potevano essere migliori. Bene, l’attuale parlamento potrebbe fare altrettanto. Abbiamo avuto il divorzio breve, le unioni civili e il testamento biologico perché il Pd, sui diritti, si è tenuto le mani libere, non ha ascoltato gli alfaniani e ha fatto numero con i Cinque Stelle. A parti invertite, potrebbe accadere lo stesso: i Cinque Stelle potrebbero fare numero con il Pd e approvare provvedimenti laici. In questo modo, dimostrerebbero con i fatti che si battono per la laicità e troverebbero una maniera positiva per differenziarsi da Salvini. Se 150 parlamentari si sono auto-dichiarati integralisti, 800 non l’hanno fatto. Il varco c’è.

E comunque, persino la maggioranza potrebbe, di comune accordo, proporre provvedimenti laici. A ben vedere, la pratica del cattolicesimo identitario offre almeno un vantaggio: non richiede rapporti diretti con le gerarchie ecclesiastiche. Il governo è alla ricerca di fondi, necessari per finanziare il suo ambizioso programma? Un taglio deciso ai costi della Chiesa, a cominciare dall’Otto per Mille, gli darebbe una gran bella mano.

Questa sì, sarebbe un’iniziativa popolare e non populista. Un vero cambiamento epocale.


Licenza Creative Commons





 

Crediti e Fonti :

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Clicca per commentare
0 0 vote
Vota articolo
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

LAICITA'

Macron annuncia stretta su islamismo radicale: “Stop a scuole religiose”

“Le scuole devono istruire dei cittadini, non dei credenti”, ha detto il presidente, dopo che le autorità hanno scoperto numerose scuole ‘clandestine’ dove c’è l’obbligo di preghiera e il personale femminile indossa il niqab o il velo.

Pubblicato

il

Stop alle scuole religiose controllate dagli imam, divieto di esporre simboli religiosi come il velo, anche per le dipendenti delle aziende private che forniscono servizi pubblici. Sono alcune delle misure annunciate dal presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron nell’ambito dell’offensiva contro l’islamismo radicale. A partire dal prossimo anno, ha detto Macron, l’iscrizione nelle scuole regolari sarà obbligatoria per tutti i ragazzi francesi, con eccezione per quei casi in cui le lezioni ‘private’ si rendono necessarie per ragioni di salute.

“Le scuole devono istruire dei cittadini, non dei credenti”, ha detto il presidente, dopo che le autorità hanno scoperto numerose scuole ‘clandestine’ dove c’è l’obbligo di preghiera e il personale femminile indossa il niqab o il velo.

Inoltre, ha annunciato il presidente, il divieto di indossare simboli religiosi, che colpisce particolarmente le donne di fede islamica, sarà esteso anche alle lavoratrici del settore privato, impiegate in aziende che forniscono servizi di utilità pubblica. Lo Stato, ha detto Macron, avrà anche il potere di ribaltare le decisioni degli enti locali che cedono alle pressioni degli islamisti, permettendo “menù religiosi nelle mense scolastiche o la separazione tra uomini e donne nelle piscine.


Licenza Creative Commons





Crediti e Fonti :
Continua a leggere

LAICITA'

Il Venti Settembre è una festa. Anche perché l’Italia ha vinto una guerra contro il papa.

Non ci può essere Italia senza Roma, la sua capitale. Tuttavia, Roma diventò italiana quando l’Italia esisteva già da nove anni. Accadde infatti il 20 settembre 1870: esattamente 150 anni dopo, dovremmo quindi festeggiare. Tutti.

Pubblicato

il

Non ci può essere Italia senza Roma, la sua capitale. Tuttavia, Roma diventò italiana quando l’Italia esisteva già da nove anni. Accadde infatti il 20 settembre 1870: esattamente 150 anni dopo, dovremmo quindi festeggiare. Tutti.

Ma non accadrà, per quanto grande possa essere l’impegno dell’Uaar e degli attivisti laici.

Roma era la capitale di uno stato arretrato e illiberale perché il potere era nelle mani del papa e dei cardinali

Non accadrà perché i politici e i mezzi di informazione non hanno molto interesse a ricordare alla popolazione il motivo per cui, 150 anni e un giorno fa, Roma non faceva parte dell’Italia. La città eterna era allora la capitale di un altro stato, diverso dall’Italia. Molto diverso. Uno stato arretrato: anzi, uno dei più arretrati d’Europa. Uno stato illiberale: per la precisione, uno dei meno liberi d’Europa. Roma era la capitale di uno stato arretrato e illiberale perché il potere era nelle mani del papa e dei cardinali. Nel vero senso della parola: governavano loro. Facevano e disfacevano tutto loro.E mandavano alla forca tante persone che volevano un cambiamento.

Poiché si tratta di dati di fatto, chi detiene il potere non ha troppo interesse a trasmetterli alla cittadinanza.

 

Al punto che, nel 2010, le autorità italiane presenti alla cerimonia ufficiale del Venti Settembre rimasero addirittura zitte. Lasciarono parlare, e con toni da vero vincitore, soltanto il segretario vaticano Bertone (quello del superattico costruito con i soldi di un ospedale per bambini). Nello stesso tempo, gli attivisti Uaar venivano bloccati dalla Digos: una specie di rievocazione storica di quanta poca libertà di espressione vi fosse a Roma finché c’era il papa-re. Quest’anno, come se non bastasse la pandemia, il governo ha convocato elezioni e referendum proprio il 20 settembre: quando si dicono le coincidenze (clericali). Così vanno purtroppo le cose in Vaticalia: siamo un paese a sovranità limitata. E non da adesso.

Per oltre mille anni, dalla metà dell’ottavo secolo fino al 1870, una parte importante del territorio italiano somigliava infatti parecchio a quello che oggi è l’Iran (ma da soli quarant’anni): una teocrazia. Era persino peggio, a ben vedere: perché l’Iran è una repubblica, mentre lo Stato pontificio era invece una monarchia, con a capo il papa-re. Il papa deteneva anche il potere militare, quello legislativo, quello esecutivo, quello giudiziario. Con buona pace dei buontemponi che sostengono che la laicità l’ha inventata il cristianesimo, una simile concentrazione del potere in una sola persona è degna semmai di un califfo. Al punto che è forse più facile che siano stati i papi, successori di san Pietro, a copiare i califfi, successori di Maometto.

La loro disinvoltura fu premiata: ottennero tutti i territori ex-bizantini e diverse zone limitrofe

Perché quando nacque lo Stato pontificio, a metà dell’ottavo secolo, la religione trendy era l’islam. Il califfato abbaside, nato proprio in quegli anni, si estendeva ormai dalla Spagna all’Afghanistan. L’islam aveva clamorosamente ridimensionato l’impero bizantino: che non andava ormai molto oltre l’attuale Turchia, ma che in Italia continuava formalmente a possedere parti della Romagna, dell’Umbria e delle Marche, nonché il Lazio. Poiché era un governo remoto e debolissimo, i papi decisero che era venuto il momento di mettersi in proprio. Essendo però molto meno potenti dei califfi, furono costretti ad allearsi: prima con i longobardi contro i bizantini, poi con i franchi contro i longobardi. Senza alcuna preoccupazione etica. Ma la loro disinvoltura fu premiata: ottennero tutti i territori ex-bizantini e diverse zone limitrofe, arrivando fino a Bologna. Giustificarono tali possedimenti inventandosi in modo ancora più spudorato un famosissimo falso storico, la donazione di Costantino.

Nello Stato della chiesa comandavano loro, che assegnavano gli incarichi ai familiari e agli ecclesiastici. Non c’era libertà di espressione: i dissenzienti venivano condannati a morte. Non c’era libertà religiosa: si poteva essere soltanto cattolici (o ebrei: ma a condizione di vivere nel ghetto). Non c’erano nemmeno libertà politiche: non si tenevano elezioni, e anche i governatori locali erano nominati dai papi. Nei territori occupati scoppiavano periodiche rivolte, ma venivano regolarmente represse col sangue: contro i forlivesi fu persino indetta una crociata.

Era un vero e proprio totalitarismo, prima del totalitarismo.

Nel 1849, però, Roma fu lo scenario di un brillante esempio di anti-totalitarismo. In seguito all’ennesimo tumulto popolare, Pio IX fuggì, e fu proclamata la Repubblica romana. Furono introdotte la democrazia, libere elezioni a suffragio universale e le libertà di religione e di parola, e furono abolite la censura, la tortura e la pena di morte. Se vi piace la costituzione italiana, sappiate che è enormemente più vicina a quella della Repubblica romana che a quella attuale del Vaticano, il cui impianto somiglia invece ancora moltissimo a quella del papa-califfo.

Patrioti da ogni regione affluirono allora nella Repubblica romana, con la speranza che la fosse la prima pietra su cui costruire la nazione italiana. Ma durò solo qualche mese. Fu spenta dall’invasione degli eserciti francese, austriaco e spagnolo, tutti accorsi in aiuto del papa.

Tuttavia, dieci anni dopo fu il nascente stato italiano a invadere quello pontificio

Tuttavia, dieci anni dopo fu il nascente stato italiano a invadere quello pontificio, conquistando le Marche e l’Umbria, mentre Bologna e la Romagna si erano già liberate da sole dall’autorità papale. Ancora dieci anni e fu il turno del Lazio: il 20 settembre 1870 fu infine conquistata anche Roma.

Fu una guerra? Sì: anche se fece poche vittime, lo fu. Fu una guerra necessaria per unire l’Italia: la legittimità dell’intervento fu confermata dai successivi plebisciti – svoltisi in regioni dove, finché c’era il papa-re, non si poteva nemmeno votare.

La breccia di Porta Pia non concretizzò tutte le speranze suscitate venti anni prima della Repubblica romana? È vero anche questo. Ma aprì comunque una stagione di riforme e di (parziale) laicità laddove prima c’era un arcaico regime assolutista,inviso a gran parte della popolazione.

Ci sono dunque due buonissime ragioni per celebrare ancora oggi il Venti Settembre. È la data che rappresenta l’Unità d’Italia: non a caso, fino al fascismo fu festa nazionale ogni anno, a differenza del 17 marzo (che fu festeggiato soltanto nel 1911). Ed è la data che rappresenta la nascita, per quanto imperfetta, della laicità dello stato italiano: guarda caso, il fascismo soppresse la festività subito dopo la stipula dei Patti lateranensi e la creazione dello Stato della Città del Vaticano, lo stato più piccolo e meno democratico al mondo.

Festeggiare il Venti Settembre significa quindi anche ricordare che, per essere liberi, vivere in una democrazia, avere uguali diritti – in poche parole, per affermare i migliori valori della nostra società – si dovettero usare controvoglia le armi.

E se le ultime parole vi hanno ricordato anche la Liberazione, meglio.


Licenza Creative Commons





 

Crediti e Fonti :
Continua a leggere

LAICITA'

Cala l’8×1000 alla Chiesa e sale quello allo Stato

Il segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), Roberto Grendene, non nasconde la propria soddisfazione rispetto ai dati diffusi in questi giorni dal Mef

Pubblicato

il

«Nonostante le martellanti e costosissime campagne pubblicitarie in onda su tutte le tv, la Chiesa cattolica continua a perdere colpi in materia di 8×1000. I dati resi noti dal ministero dell’Economia mostrano che nel 2019 è stato il 31,8% dei contribuenti ad apporre la propria firma nella casella della Chiesa: un punto percentuale in meno rispetto all’anno precedente. Un calo costante dal 2014, quando era il 37,04% a scegliere come destinazione la Chiesa cattolica».
Il segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), Roberto Grendene, non nasconde la propria soddisfazione rispetto ai dati diffusi in questi giorni dal Mef: «Si tratta di numeri che certificano non solo un allontanamento degli italiani dalla religione – come confermato dall’Istat che ha reso noto che durante il lockdown solo il 42% degli italiani ha pregato almeno una volta a settimana – ma anche una maggiore propensione alla laicità sul tema della spesa pubblica. Un risultato che ci spinge a continuare con ancora più convinzione nella campagna “Occhiopermille”, che da anni ci vede impegnati in prima linea affinché i contribuenti facciano una scelta informata in materia».
Sulla stessa lunghezza d’onda il responsabile della campagna, Manuel Bianco: «Cresce ancora lo Stato, anche se colpevolmente non fa nessuna forma di pubblicità a suo favore», sottolinea. «E crescono anche i contribuenti che non appongono nessuna firma (quasi il 60% del totale), molti pensando che in questo modo i soldi rimangano allo Stato. Sbagliato! Con il 31,80% delle scelte la Chiesa cattolica metterà le mani sul 77,18% della torta! Proprio per far comprendere i tanti aspetti perversi dell’8×1000, la campagna “Occhiopermille” si è recentemente arricchita di nuove infografiche (“8 fatti per l’8×1000”) e di un quiz per il contribuente che non vuole farsi ingannare. Tutti materiali disponibili sul sito occhiopermille.it. Nonostante la soddisfazione di questi giorni – conclude Bianco – l’Uaar continuerà a lavorare affinché il sistema dell’8×1000 venga abolito o quantomeno sostituito con un sistema di tassazione diretta, ossia con una tassazione aggiuntiva solo per i contribuenti che vogliono espressamente finanziare la propria religione. Come avviene per esempio in Germania, Svizzera, Austria e nei paesi scandinavi».


Licenza Creative Commons





Crediti e Fonti :
Continua a leggere

chi siamo

Dicono di noi

positive review  Difficile spiegare per me.Ho conosciuto i Bambini di Satana tramite mio figlio e ho trovato tanti argomenti interessanti,a volte scomodi,che i perbenisti non affrontano.Grazie ragazzi

Susy Barini Avatar Susy Barini
30 December 2017

Iscriviti alla Newsletter

Sbattezzo

Archive Calendar

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

 

 

 

 

Condividi anche su

I più letti

Bambini di Satana: associazione razionalista di insegnamento senza scopo di lucro. © Copyright 2020 website designed by Marco Dimitri

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x