Le bufale sull’attentato terroristico a Berlino

Dai presunti terroristi su Twitter al complotto per manomettere le foto del tir, tutte le bufale sulla strage di Berlino. Sono false anche le dichiarazioni di Cécile Kyenge e le soffiate sugli attentati in Italia
A due giorni dall’attacco terroristico che ha colpito uno dei mercatini di Natale a Breitscheidplatz in centro a Berlino, in rete si sono diffuse molte storie false, come spesso accade in occasione di eventi drammatici dai confini poco chiari.

1. Cécile Kyenge NON è contro i mercatini di Natale
Qualche ora fa il sito satirico (noto diffusore di bufale) Web-News24 ha pubblicato un articolo in cui racconta di come Cécile Kyenge avrebbe detto che “i mercatini di Natale andrebbero vietati” perché “sono un’offesa per le altre religioni”. Ovviamente l’ex ministro dell’integrazione – il cui mandato è scaduto nel febbraio del 2014 – non ha mai pronunciato simili parole, e tutta la dichiarazione è frutto di invenzione. La storia è stata approfondita da molti dei siti di debunking italiani (1, 2, 3), che hanno sottolineato il carattere disonesto di questo tipo di pubblicazioni acchiappa-click, come anche su Wired avevamo ricordato qualche giorno fa in occasione delle bufale sul premier Gentiloni.

2. Le immagini del tir NON sono state manomesse
Secondo una teoria del complotto costruita ad hoc per l’occasione, sul sito dell’impresa di trasporti Ariel Żurawski, proprietaria del tir usato per compiere la strage, sarebbero state caricate a posteriori delle foto con l’obiettivo di nascondere la verità, spacciando come veicolo dell’attentato un mezzo diverso da quello su cui è avvenuto l’attacco. Come ha fatto notare il sito davidpuente.it, il fatto che la targa del tir nelle foto anteriori (GDA 08J5) sia diversa da quella delle immagini che ritraggono l’autocarro da dietro (ZGR US66) non prova alcunché.

     
 
 

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Crediti :

Wired

Categorie
Bufale

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE