Contattaci

LAICITA'

Le leggende metropolitane sull’aborto

Dai documentari di propaganda al sofisma di Beethoven, dalle foto miracolose alle bufale sui vaccini, ecco alcune delle leggende metropolitane sull’aborto care ai pro-life

Pubblicato

il

Il 19 maggio la Marcia per la vita ricorderà all’Italia, ancora una volta, come il diritto all’aborto, cioè all’interruzione volontaria di gravidanza, sia ancora in buona parte negato. Non basta infatti la farsa dell’obiezione di coscienza a rendere l’accesso all’intervento, in teoria garantito per legge, una corsa a ostacoli (nelle strutture pubbliche, ovviamente). Come mostra l’ennesimo manifesto antiabortista, bisogna considerare anche il costante linciaggio della libera scelta. L’aborto deve essere una cosa sporca, immorale, criminale, la sola parola deve suscitare repulsione e colpevolezza. Funzionali a questa narrazione, da noi come altrove, oltre alle solite bufale (come quella del rischio di cancro per chi abortisce) si sono affermate anche diverse leggende metropolitane.

«Hai appena ucciso Beethoven»

[…] una donna ha la tubercolosi, e il padre la sifilide; insieme i due hanno avuto e generato quattro bambini – il primo bambino è nato cieco, il secondo è nato prematuro, il terzo era sordo e muto, il quarto è nato con la tubercolosi – ed ora ne aspettano un quinto: raccomandereste loro di abortire? Se la risposta è affermativa, sappiate che non sarebbe mai nato Beethoven (1770 –1827).

Il testo proviene da un articolo del 2015 su Tempi.it, ed è una delle tante incarnazioni del cosiddetto sofisma di Beethoven,  da almeno cinquant’anni  tra le munizioni retoriche dei cosiddetti pro-life. L’argomentazione è in teoria prontamente smontabile con un controesempio, come ha fatto l’ecologo Garret Hardin: se vogliamo giocare al gioco “cosa sarebbe successo se?”, con la stessa onestà potremmo chiederci se la madre di Adolf Hitler avrebbe dovuto abortire.

Ma è importante notare che il sofisma di Beethoven, oltre a essere completamente inutile a qualsiasi discussione sensata sull’interruzione volontaria di gravidanza, è anche disonesto . In poche righe sono infatti concentrate una serie di mirate inesattezze. Ludwig van Beethoven non era il quinto figlio (in alcune versioni è presentato addirittura come l’ottavo), ma il secondo. Il primogenito, anche lui di nome Ludwig come il nonno, visse solo sei giorni. Solo il compositore e due fratelli raggiunsero l’età adulta, ma non sappiamo praticamente nulla dei 3 fratelli e della sorella morti da bambini. La madre, Maria Magdalena Keverich, è morta quarantenne di tubercolosi, ma non si sa quali fossero le sue condizioni quando nacque il compositore. La sifilide del padre non è mai stata diagnosticata, è solo una delle tante ipotesi fatte per spiegare lo stato di salute di Ludwig, morto a 56 anni.

Aborto come doping

Anche famose enciclopedie ne parlano come di un fatto accertato, una pagina buia della storia dello sport. Eppure la realtà è che a oggi non ci sono prove degne di questo nome che esista, o sia esistita, la pratica diffusa di concepire un figlio e abortire allo scopo di esaltare le prestazioni sportive. Le voci cominciarono a circolare durante la Guerra fredda, e in particolare è stata attribuita alle atlete del blocco sovietico a partire dalle olimpiadi del 1956. La teoria alla base della presunta pratica è che, grazie ai cambiamenti ormonali, si sarebbero ottenuti in maniera naturale gli effetti di un doping. Il rapporto costi/benefici di questo metodo è tutt’altro che scontato, ma in tempi di corsa agli armamenti ha poco senso scartare qualcosa come troppo irrazionale: il clima era tale che poteva anche essere vero. Non c’era nessuna prova, ma ormai il sasso era stato lanciato, e la voce riemerse nei decenni successivi, generando molte discussioni ma niente di più. Nel 1994 arriva il colpo di scena: una tv tedesca intervista Olga Karasyova, ginnasta medaglia d’oro alle olimpiadi del ’68 a Città de Messico. L’atleta confessa che a 14 anni, prima dei giochi, è stata costretta a fare sesso con uno degli allenatori per rimanere incinta e poi abortire, pena l’esclusione dalla squadra. Come spiega Snopes, nel 1998 l’atleta denuncia per diffamazione a un giornale russo che aveva ripreso quelle affermazioni. Non era lei l’intervistata dalla tv tedesca, in quel momento era in crociera. L’unica prova della presunta pratica sarebbe quindi una testimonianza poi smentita.

Ma se alla nascita la leggenda sembrava alimentata dalla diffidenza per quello che accadeva oltre la cortina di ferro, in seguito è entrata a far parte dell’armamentario propagandistico dei movimenti pro-life nordamericani.

Il grido silenzioso

Il grido silenzioso è un cortometraggio di propaganda pro-life del 1984. Tradotto in diverse lingue e ora ampiamente disponibile di Youtube, ha l’obiettivo di mostrare l’aborto come uno Snuff movie .

Dopo aver mostrato gli strumenti usati dai medici, il Dr. Bernard Nathanson passa a commentare una serie di ecografie effettuate durante un aborto alla dodicesima settimana. L’obiettivo è dimostrare che l’embrione durante l’aborto soffre ed è spaventato, al punto da spalancare la bocca per urlare. Per farlo si usa ogni manipolazione possibile e immaginabile, non solo con le parole della narrazione, ma anche variando la velocità in modo da far recitare meglio l’embrione. Il film è stato immediatamente smontato dagli esperti (anche oggi il consenso è che entro il trimestre l’embrione non abbia le strutture per percepire il dolore) ma ovviamente non era a questi che era rivolto. Uno dei più grandi fan dello spot anti-abortista fu infatti il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan. Secondo il Dr. Nathanson, la mente dietro al video, a ispirare l’operazione sarebbe stata proprio una frase di Reagan, secondo il quale l’aborto era una lunga agonia per embrione.

La mano della speranza

Durante una delicata operazione fetale, una manina emerge dalla pancia della mamma e afferra il dito del chirurgo. Un fotografo coglie l’attimo ed è nata la leggenda. La mano della speranza e la storia che l’accompagna sono dei primi anni 2000, ma continuano a circolare tra gli antiabortisti. In una discussione razionale sull’aborto, un evento del genere non dovrebbe aggiungere o togliere nulla, a partire dal fatto che la donna non stava nemmeno abortendo. Ma volendo stabilire un’equivalenza tra la scelta di abortire e l’omicidio, non poteva andare diversamente. Intento propagandistico a parte, la foto è al 100% vera, mentre non si può dire lo stesso dei fatti che spesso la accompagnano. Il dottor Dr. Joseph Bruner, autore dell’intervento sul feto malato di spina bifida, ha smentito un particolare fondamentale: la mano della speranza non è uscita dall’utero per volontà del feto, né ha mai afferrato il suo dito. Sia la madre che il feto erano sotto anestesia, e non poteva esserci alcuna azione volontaria. Il braccio è fuoriuscito passivamente e il chirurgo non ha fatto altro che spingerlo dentro. Il fotografo però, si convinse di aver immortalato il miracolo.

Horror story: ristoranti, vaccini, bibite

Anche il destino degli embrioni abortiti genera leggende. Una molto comune si basa sul loro presunto potenziale culinario presso altri popoli, in particolare i cinesi. D’altra parte le leggende sui ristoranti cinesi sono così numerose che non stupisce comprendano carne umana al menù, che si tratti del nonno di cui riciclare i documenti o aborti clandestini in fondo fa poca differenza. Più subdole, specialmente di queste tempi, le leggende che legano aborti e vaccini. Se ci sono feti abortiti nei vaccini, allora secondo alcuni potrebbero addirittura esistere i contorni per una obiezione di coscienza. La realtà è presto detta: esistono linee cellulari ricavate da feti volontariamente abortiti, e sono usate anche per coltivare i virus necessari alla preparazione dei vaccini, e quindi a salvare vite umane. Queste linee cellulari esistono da decenni, cioè le cellule provenienti da campioni prelevati negli anni ’30 o ’40 vengono da allora coltivate: non c’è quindi bisogno di un costante approvvigionamento. Si stima, tra l’altro, che l’immunità garantita dalle principali vaccinazioni prevenga 633000 aborti spontanei solo negli Usa.

Una variante della leggenda vorrebbe addirittura i feti abortiti nelle bibite e in altri alimenti industriali. Anche in questo caso infatti si sfrutta la scarsa dimestichezza del pubblico sull’uso delle colture cellulari, che non sono esclusive del settore biomedico. Nessuna lattina di Pepsi, ovviamente, contiene tessuti o cellule fetali, ma come altre grandi aziende citate nella bufala collabora con Senomyx, una compagnia biotecnologica che studia gli additivi alimentari. E Senomyx detiene dei brevetti in cui compare la sigla HEK293, una linea di cellule di fegato derivata da un feto degli anni ’70. Le cellule sono state modificate per esprimere i recettori che ci permettono di sentire le fragranze, consentendo alla compagnia di testare velocemente nuovi aromi. Questo è bastato a creare la bufala che i grandi marchi che si servono di Senomyx usino feti abortiti per fabbricare loro prodotti. Che il reparto ricerca e sviluppo di Senomyx si serva di una comunissima linea cellulare sul mercato non dovrebbe essere particolarmente sconvolgente, ma non aveva fatto i conti con gli antiabortisti…



Licenza Creative Commons




 

Crediti e Fonti :

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

1 Commento

1 Commento

  1. Susy Barini

    21 Maggio 2018 at 20:03

    Estremamente interessante,grazie Marco

Leave a Reply



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAICITA'

Cala l’8×1000 alla Chiesa e sale quello allo Stato

Il segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), Roberto Grendene, non nasconde la propria soddisfazione rispetto ai dati diffusi in questi giorni dal Mef

Pubblicato

il

«Nonostante le martellanti e costosissime campagne pubblicitarie in onda su tutte le tv, la Chiesa cattolica continua a perdere colpi in materia di 8×1000. I dati resi noti dal ministero dell’Economia mostrano che nel 2019 è stato il 31,8% dei contribuenti ad apporre la propria firma nella casella della Chiesa: un punto percentuale in meno rispetto all’anno precedente. Un calo costante dal 2014, quando era il 37,04% a scegliere come destinazione la Chiesa cattolica».
Il segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), Roberto Grendene, non nasconde la propria soddisfazione rispetto ai dati diffusi in questi giorni dal Mef: «Si tratta di numeri che certificano non solo un allontanamento degli italiani dalla religione – come confermato dall’Istat che ha reso noto che durante il lockdown solo il 42% degli italiani ha pregato almeno una volta a settimana – ma anche una maggiore propensione alla laicità sul tema della spesa pubblica. Un risultato che ci spinge a continuare con ancora più convinzione nella campagna “Occhiopermille”, che da anni ci vede impegnati in prima linea affinché i contribuenti facciano una scelta informata in materia».
Sulla stessa lunghezza d’onda il responsabile della campagna, Manuel Bianco: «Cresce ancora lo Stato, anche se colpevolmente non fa nessuna forma di pubblicità a suo favore», sottolinea. «E crescono anche i contribuenti che non appongono nessuna firma (quasi il 60% del totale), molti pensando che in questo modo i soldi rimangano allo Stato. Sbagliato! Con il 31,80% delle scelte la Chiesa cattolica metterà le mani sul 77,18% della torta! Proprio per far comprendere i tanti aspetti perversi dell’8×1000, la campagna “Occhiopermille” si è recentemente arricchita di nuove infografiche (“8 fatti per l’8×1000”) e di un quiz per il contribuente che non vuole farsi ingannare. Tutti materiali disponibili sul sito occhiopermille.it. Nonostante la soddisfazione di questi giorni – conclude Bianco – l’Uaar continuerà a lavorare affinché il sistema dell’8×1000 venga abolito o quantomeno sostituito con un sistema di tassazione diretta, ossia con una tassazione aggiuntiva solo per i contribuenti che vogliono espressamente finanziare la propria religione. Come avviene per esempio in Germania, Svizzera, Austria e nei paesi scandinavi».



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

LAICITA'

Verso la proroga dello stato di emergenza al 31 ottobre: ecco cosa resta chiuso

Al decreto seguiranno poi come sempre le ordinanze delle regioni volte a restringere o allentare, ciascuna secondo la propria situazione epidemiologica.

Pubblicato

il

Diverse autorità, tra cui il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il governatore della Regione Veneto Luca Zaia, hanno presenziato alla benedizione cattolica per l’inaugurazione del Mose di Venezia. Il Consiglio comunale di Verona ha approvato una mozione, con primo firmatario Andrea Bacciga, contro il disegno di legge Zan-Scalfarotto sull’omofobia e la misoginia. La decisione è stata presa con 17 voti a favore, 4 contro e 4 astensioni. Secondo Bacciga, già famigerato per la vicinanza a movimenti di estrema destra, la legge è “liberticida”. Dello stesso tenore il commento del consigliere leghista Alberto Zelger, integralista cattolico anti-aborto, che parla di “bavaglio contro la libertà di espressione” e di “lobby gay che vorrebbero instaurare un regime di pensiero”. La copertura ideologica autorevole alla mozione viene rintracciata dai firmatari nel comunicato della conferenza episcopale Omofobia, non serve una nuova legge.

La ministra per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti (Italia Viva), intervistata dal Tg3, ha parlato di “opposti ideologismi” in merito al dibattito sulla legge contro l’omotransfobia e la misoginia presentata dall’onorevole Alessandro Zan.

Crediti e Fonti :
Continua a leggere

LAICITA'

No, il burqa non è per nulla una mascherina

Kenneth Roth, direttore esecutivo di Human Rights Watch. Che in un tweet, quasi come un Trump qualsiasi, si è scagliato con veemenza contro la Francia, ritenuta “colpevole” di imporre l’uso delle mascherine durante il lockdown, continuando però nello stesso tempo a vietare di indossare il burqa. Accompagnato da una fotografia del presidente Macron con il volto protetto, il tweet di Roth definiva tale atteggiamento una «trasparente» dimostrazione di «islamofobia».

Pubblicato

il

Indossare un burqa in pubblico può essere considerato un diritto umano? È una domanda che sorge spontanea, vedendo con quanta passione se ne stanno interessando le due più importanti associazioni al mondo che si occupano di diritti umani. Hanno azzardato un paragone tra il velo integrale e le mascherine anti-pandemia, e si sono chieste: perché vietare il primo e imporre le seconde?

Ha cominciato il mese scorso Kenneth Roth, direttore esecutivo di Human Rights Watch. Che in un tweet, quasi come un Trump qualsiasi, si è scagliato con veemenza contro la Francia, ritenuta “colpevole” di imporre l’uso delle mascherine durante il lockdown, continuando però nello stesso tempo a vietare di indossare il burqa. Accompagnato da una fotografia del presidente Macron con il volto protetto, il tweet di Roth definiva tale atteggiamento una «trasparente» dimostrazione di «islamofobia».

L’attacco, ovviamente, non è piaciuto granché ai francesi. Ma nemmeno a tanti altri commentatori

Ma nemmeno a tanti altri commentatori. Karima Bennoune, relatrice Onu nel campo dei diritti culturali, gli ha ricordato che affermazioni di questo tipo rischiano di delegittimare non solo una vitale misura di salute pubblica, ma anche l’impegno di tante donne musulmane contro l’uso del burqa.

Non deve essere sembrata molto convincente. Perché, nei giorni scorsi, le stesse considerazioni di Roth sono state riproposte sul sito della sezione italiana di Amnesty International in modo più approfondito, ma altrettanto netto. L’introduzione del divieto di indossare il velo integrale in pubblico è stata giudicata il frutto di «un’inedita alleanza tra populisti di destra, gruppi del movimento femminista e laici». Le argomentazioni a sostegno dell’interdizione sono state ritenute «assurde»: in particolare, sono state respinte quelle che ritengono che burqa e niqab siano «minacce alla sicurezza e/o una manifestazione di disuguaglianza di genere», in quanto Amnesty le reputa «interpretazioni presentate come dogmi». La sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo che ha dato il via libera alla legge francese è stata definita «una delusione sconcertante», la conferma di una diffusa «ipocrisia». Anche il titolo e la conclusione del pezzo hanno voluto riprendere in pieno le affermazioni di Roth: Una mascherina contro il Covid-19 è davvero così diversa da un niqab?

Beh, sì. Decisamente. L’imposizione della mascherina e del confinamento ha certamente costituito una riduzione temporanea della libertà di tutti, main nome di un principio ancora più elevato, quello della salute di tutti (della libertà di ognuno di non essere contagiato, per essere ancora più precisi) – in un periodo in cui, per le stesse ragioni, le persone autorizzate a spostarsi da casa sono state peraltro poche. Per contro, niqab e burqa sono, nella migliore delle ipotesi, manifestazioni di devozione di alcune fedeli particolarmente zelanti: perché l’appartenenza religiosa dovrebbe essere privilegiata rispetto ad altre forme di copertura del volto (come, per esempio, un casco integrale o un passamontagna)?

Che vi siano donne che vogliano indossarli è indubbio, ma sorprende che si dimentichi così facilmente che, da Khomeini in poi, l’insistente richiesta di indossare il velo è stato un elemento centrale della strategia delle compagini islamiste, ulteriormente accentuato da gruppi terroristici come i talebani e l’Isis: tutta gente che con i diritti umani ha sempre avuto ben poco da spartire. Sfortunatamente, il mondo del volontariato non è stato il solo a sottovalutare il problema. Pensiamo a quello della cultura, ben esemplificato dalla normalizzazione del velo attuata dal Museo Egizio di Torino. L’industria dell’effimero ci si è addirittura buttata a capofitto: dall’uniforme per le bambine delle elementari creata e venduta da Marks&Spencer (e pazienza se, storicamente, la dottrina prevalente pretendeva l’uso del velo soltanto dopo l’arrivo del primo ciclo) alla testimonial di L’Oreal (poi licenziata per i suoi tweet contro Israele – e che ora si presenta senza velo, pur continuando a vendere veli). L’identificazione “musulmana = velata” è diventato ormai un assioma anche in occidente, per la totale soddisfazione degli islamisti di tutto il mondo.

Amnesty è arrivata a sostenere la legittimità di qualunque forma di copertura del volto

Purtroppo, effimero e non centrale è anche l’impegno delle ong contro la legge iraniana che impone il velo a tutte le donne, musulmane o no. Sembra infatti che preferiscano lottare contro i divieti di indossare il velo integrale vigenti in alcuni paesi occidentali, incuranti del fatto che tali divieti sono più frequenti fuori dall’Europa. Al punto che, pur di accreditare le rivendicazioni islamiste, Amnesty è arrivata a sostenere la legittimità di qualunque forma di copertura del volto, perché «una maschera è fondamentale per protestare dove sussistono preoccupazioni del tutto legittime sull’uso delle tecnologie di riconoscimento facciale»: in Europa? Dove a coprirsi il volto sono spesso maneschi neofascisti?

Per coerenza, se veramente ritengono che quella di indossare il burqa sia una libera scelta, Human Rights Watch e Amnesty International dovrebbero chiedere, nello stesso tempo e con le stesse motivazioni, di abolire anche il divieto di poligamia. Per quanto mi riguarda, è sicuramente più libera e pacifica la scelta di girare in pubblico completamente nudi, ma non si vede alcun attivismo in favore dei naturisti. È triste constatare che chi si impegna per i diritti dell’uomo preferisce difendere le prerogative di una religione, anziché i diritti delle donne che patiscono precetti patriarcali. È meritorio battersi ovunque per la libertà: ma confinare le donne tra quattro mura o in un abito che non possono non scegliere, piaccia o no, fascismo è e fascismo resta.



Licenza Creative Commons




Crediti e Fonti :
Continua a leggere

Chi Siamo

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

Sbattezzo

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 

Condividi o invia il post

direzione@bambinidisatana.com
Whatsapp
Tumblr

I più letti