Contattaci

ESTERI

Londra, auto sulla folla e attacco al Parlamento: 4 morti

Pubblicato

il

Attacco a Westminster, al cuore del Regno Unito, al simbolo del sistema democratico occidentale nel mondo. #Londra come #Bruxelles nel giorno esatto dell’anniversario della strage in Belgio quando per mano di terroristi che s’ispiravano al radicalismo islamico morirono 32 persone. Il bilancio dell’agguato di ieri pomeriggio, mentre scriviamo, è di quattro morti e venti feriti, alcuni in condizioni gravissime. Mancano ancora i dettagli sulla matrice di quella che gli inquirenti britannici considerano azione «di stampo terroristico». L’atto di un lupo solitario o un complotto in grande stile ? La domanda è ancora senza risposta perché l’indagine è in pieno svolgimento, ma il film della tragedia si racchiude in una sequenza di pochi istanti.

Sono le 14.40 quando un Suv Hyundai incrocia a gran velocità il ponte sul Tamigi che conduce alle Houses of Parliament. Il veicolo investe una ventina di persone poi va a sbattere contro l’inferriata che circonda il parlamento. Scende un uomo, descritto dai testimoni «sulla quarantina e di origine asiatica» e corre verso Palace yard, ingresso laterale dell’assemblea britannica, quello da dove entrano i ministri e il premier. Entra nel perimetro dell’area parlamentare, un angolo fra i più protetti di tutto il Regno Unito, ed è subito affrontato da un agente. «Il terrorista – diranno altri testimoni – colpisce il poliziotto più volte con quello che sembra un coltello o un bastone». È un coltello e si libera, così, dell’agente, poi percorre altri quindici metri fino all’ingresso di Westminster. E lì l’attacco termina sotto i colpi di due uomini della sicurezza in borghese che dopo avergli intimato la resa sparano quattro colpi. Tutti a segno, apparentemente.

Londra

Sul suo nome si concentra ora l’azione dei servizi di sicurezza britannici impegnati a capire se sia trattato dell’azione di un “lone wolf”, magari di un foreign fighter di ritorno dalla Siria, uno dei tanti che il regno di Elisabetta ha prodotto in questi anni, oppure di un attacco più vasto. Si poi parlato, ma senza certezze assolute, di un altro componente del commando. È possibile, è probabile, ma le forze di sicurezza britanniche preferiscono non dare ulteriori dettagli. Per gran parte del pomeriggio ministri, deputati e lords sono rimasti chiusi nel Parlamento. La signora premier, Theresa May, ha seguito le operazioni da Downing street dove pare sia stata portata immediatamente dopo l’attacco.

Lo shock scuote la Gran Bretagna come mai prima d’ora. La dinamica dell’attacco ha svelato la vulnerabilità di una città che è da anni sotto schiaffo, ma sembrava essersi garantita una sorta di incolumità a differenza di quanto accade in Francia e in Belgio. In realtà le autorità di sicurezza da mesi avvertivano di un rischio elevatissimo, svelando che dall’attacco alle torri gemelle nel 2001 fino ad oggi sono stati computi nel Regno Unito tre attentati di varia gravità, ma 17 potenziali attacchi sono stati sventati. Nulla poteva prevenire quello di ieri, l’azione di un uomo armato di un suv e di un coltello. Strumenti improbabili per una strage. Eppure sufficienti per svelare straordinaria fragilità del simbolo della democrazia britannica.





Licenza Creative Commons



 

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

ESTERI

«Bugiardo, non sei stato sulla Luna», regista complottista aggredisce con la Bibbia Buzz Aldrin e lui l’atterra con un pugno Video

Non ha riportato alcuna conseguenza penale per quel pugno sferrato al volto di un tipo che crede che le missioni Apollo siano un inganno

Pubblicato

il

Quando ci vuole ci vuole, tanto è vero che Buzz Aldrin, il secondo uomo a camminare sulla Luna, non ha riportato alcuna conseguenza penale per quel pugno sferrato al volto di un tipo che crede che le missioni Apollo siano un inganno ordito dal governo americano con la complicità della Nasa e degli studios di Hollywood.

Opinione più che legittima, per quanto non sostenuta da prove, ma comunque da non impugnare come una clava aggredendo l’anziano astronauta in pubblico accusandolo di essere  «un codardo, un bugiardo e un ladro». Pesanti calunnie che hanno innescato il destro dell’eroe dell’Apollo 11, come registrato in un video diffuso in questi giorni durante i quali si ricorda il 50° anniversario della conquista della Luna. Un video visto e twittato da oltre due milioni di persone in poche ore.

n realtà l’episodio di Beverly Hills è del 2002 e riguarda, come riporta Usa Today, l’ex regista Bart Sibrel, del Tennesee, che all’epoca aveva 38 anni, così come Buzz Aldrin di anni ne aveva allora 72 quando reagì con le maniere forti a quelle assurde accuse espresse con tanta e immotivata veemenza nei confronti per di più di una persona di quell’età. La polizia lasciò poi perdere ritenendo, con coerenza, che il pluridecorato Aldrin fosse stato provocato.

Il pugno arrivò dopo un lungo tampinamento di Sibrel al quale Aldrin, nella sua spaziale pazienza, aveva comunque inizialmente concesso di esprimere le proprie idee. Niente, l’inseguimento davanti alla sala-conferenze era proseguito a lungo fino a culminare nell’aggressione verbale con una sfilza di calunnie.

Con queste sceneggiate, del resto, Sibrel, autore di alcuni film “corti, si era un fatto un nome utile a sostenere la tesi del complotto firmando alcuni “documentari” puntualmente smentiti dagli scienziati. Per anni ha inoltre molestato  Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins chiedendo loro di giurare sulla Bibbia. Di solito incassava un cortese diniego ma quel giorno del 2002 gli andò peggio. Buzz Aldrin era a Beverly Hills per assistere a un programma giapponese per ragazzi e venne avvicinato pià volte da Sibrel, con la Bibbia in mano, all’uscita dell’hotel. Aldrin gentilmente rifiutò per l’ennesima volta di prestarsi all’assurda “cerimonia”, ma poi Sibrel continuò a importunarlo fino a urlargli in faccia quella serie di ingiurie. Nonostate la differenza di età e di altezza, l’anziano e assai più basso astronauta si liberò infine del molestatore.

In questi giorni dedicati all’epopea lunare la vicenda è stata rievocata andando a cercare lo stesso Sibrel che non ha cambiato idea: crede anncora alla – ridicola – ipotesi della cospirazione che avrebbe coinvolto 400mila persone per fingere di mandare l’uomo sulla Luna persino con la complicità indiretta anche dei russi che seguirono in diretta lo sbarco con le loro sonde senza poter fare altro che ammettere la sconfitta.

Come ha ricordato anche di recente Samantha Cristoforetti, citando i protagonisti di quell’impresa, sarebbe stato molto più difficile fare finita di andare sulla Luna che sbarcarci davvero.





Licenza Creative Commons



Crediti :

il Messaggero

Continua a leggere

ESTERI

Violenza a Parigi, scontri sugli Champs Elysées dopo la parata militare

Le tv hanno mostrato immagini di manifestanti che erigevano barricate e davano fuoco a cestini della spazzatura, prima di essere dispersi dalla polizia con i lacrimogeni.

Pubblicato

il

Scontri fra polizia e manifestanti dei gilet gialli sono avvenuti a Parigi sugli Champs Elysèes, alcune ore dopo la fine della parata del 14 luglio. L’emittente Bfmtv ha mostrato immagini di manifestanti che erigevano barricate e davano fuoco a cestini della spazzatura, prima di essere dispersi dalla polizia con i lacrimogeni.
La prefettura ha poi reso noto su Twitter di “aver evacuato l’area con la forza” di fronte alle “violenze” sugli Champs Elysées. Secondo Le Figaro, la polizia ha creato un cordone di sicurezza attorno a Fouquet’s, la nota brasserie, che ha riaperto ieri dopo essere stata date alle fiamme e devastata dai gilet gialli in marzo.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

ESTERI

Chi è Carola Rackete, il capitano della Sea Watch 3 che ha forzato il blocco navale

La 31enne tedesca è entrata in acque italiane dopo 14 giorni di stallo, infrangendo il divieto imposto dal decreto sicurezza. In un’intervista ha detto che aiutare gli altri è un “obbligo morale”

Pubblicato

il

Carola Rackete (foto: Till M. Egen/Sea-Watch.org.)

Il 26 giugno verrà ricordata come una data in cui è successo un fatto straordinario: una nave di una ong del Mediterraneo, la Sea Watch 3, ha infranto il divieto d’ingresso imposto dal ministro Salvini ed è entrata in acque italiane. La decisione, annunciata su Twitter dalla stessa ong e confermata dai dati Gps sulla navigazione, è stata presa dal capitano della nave Carola Rackete, dopo che la Corte di Strasburgo aveva respinto il ricorso presentato dai 42 migranti a bordo della nave per sbarcare in Italia.

“Sono allo stremo. Li porto in salvo”, ha detto Rackete, aggiungendo di essere consapevole dei rischi cui va incontro: una sanzione che va da un minimo di diecimila a un massimo di cinquantamila euro – non solo per il comandante, ma anche per l’armatore e il proprietario della nave – e il sequestro dell’imbarcazione (due misure introdotte dal decreto sicurezza bis, approvato lo scorso 11 giugno dallo stesso ministro dell’Interno).

La rotta di Sea Watch negli ultimi giorni

Dal salvataggio in mare dei migranti a bordo della nave a oggi sono passati 14 giorni. Da allora, sono sbarcate solo dieci persone per ragioni mediche. Rackete ha raccontato che gli altri sono disperati. “Qualcuno minaccia lo sciopero della fame, altri dicono di volersi buttare in mare o tagliarsi la pelle”.

Chi è Carola Rackete

Trentun anni d’età, nazionalità tedesca, Carola Rackete conosce cinque lingue e ha una laurea in Conservazione ambientale, ottenuta alla Edge University nel Lancashire. Nonostante la giovane età, ha già una lunga esperienza in mare. Non ancora venticinquenne, è stata al timone di una nave rompighiaccio nel Polo Nord nell’ambito di una missione per uno dei maggiori istituti oceanografici tedeschi. Ha poi lavorato come secondo ufficiale di bordo per la Ocean Diamond e per la Arctic Sunrise di Greenpeace, e collaborato con la flotta della British Antarctic Survey, un’organizzazione del Regno Unito impegnata in progetti di ricerca nell’Antartide.

Fa parte di Sea Watch dal 2016. In un’intervista a Repubblica, ha detto a questo proposito: “La mia vita è stata facile, ho potuto frequentare tre università, sono bianca, tedesca, nata in un paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto ho sentito un obbligo morale di aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità”.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

"Con il viaggio in Italia spesi tutti i soldi a disposizione" [...]

Cambi: yen stabile su dollaro ed euro [...]

'Nascondono tragedia con razionamenti, ma fallimento evidente' [...]

Folla ha costretto navi da crociera a cancellare tappa nel Paese [...]

Sabato Haftar ha annunciato nuova offensiva contro capitale [...]

Il piccolo, di origine olandese, trasferito al Meyer con Pegaso [...]

Provvedimento "a tutela del decoro", non valido per zona marina [...]

Sul posto intervento sommozzatori Vvf e capitaneria porto [...]

Per lesioni personali gravissime [...]

Fino a 39 gradi in Toscana, 37 a Roma e in Pianura Padana [...]

"Con il viaggio in Italia spesi tutti i soldi a disposizione" [...]

'Nascondono tragedia con razionamenti, ma fallimento evidente' [...]

Folla ha costretto navi da crociera a cancellare tappa nel Paese [...]

Sabato Haftar ha annunciato nuova offensiva contro capitale [...]

Proposta del ministro Hunt dopo il sequestro della petroliera britannica da parte dei pasdaran [...]

'Crediamo che rappresenterà club e Turchia nel modo migliore' [...]

L'attaccante italiano firma una doppietta per il 2-1 finale [...]

Incontro fra patron del club e giocatore che piace alla Juventus [...]

Esterno argentino dovrebbe sbarcare in blucerchiato in settimana [...]

Così il procuratore Wolfson dopo avere esaminato nuove indagini [...]

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

I più letti