Contattaci

ESTERI

Londra, inferno nel grattacielo. La polizia: “Ci sono sei morti”

Pubblicato

il

LONDRA – “Ci sono sei morti”. Dopo aver lottato per ore contro il fuoco vigili del fuoco e #polizia di Londra hanno dato le prime notizie sul numero delle vittime, un bilancio che gli stessi soccorritori spiegano che è destinato a salire. Nell’incendio che da ore sta devastando un grattacielo a nord Kensington ci sono anche almeno 50 feriti, e si cercano molti dispersi.

“Ho sentito urla di bambini che chiedevano aiuto”, dice un testimone. “Ho visto persone gettarsi dalle finestre su materassi gonfiabili portati dai pompieri”, racconta un altro. “Terrificante, non ho mai assistito a nulla di così spaventoso”, è un terza testimonianza. Tutte da lontano, perché la polizia ha tirato cordoni di plastica a isolati di distanza, nel timore che il grattacielo di Latimer Road, dove verso l’una di notte è scoppiato il rogo, possa crollare – come le Torri Gemelle di New York nell’attentato dell’11 settembre 2001. Questa volta il terrorismo non sembra entrarci, ma la causa del rogo resta per il momento sconosciuta: forse un corto circuito, forse una disattenzione, una sbadataggine, come una padella dimenticata accesa sui fornelli o qualcuno che si è addormentato con una sigaretta accesa. Ma ci sono anche resoconti che parlano di un’esplosione, forse dovuta a una fuga di gas, al quarto piano. E i residenti ricordano di essersi lamentati di recente del rischio di incendi, un problema apparentemente causato da una ristrutturazione non compiuta secondo le norme un paio di anni or sono. E nel loro blog, alcuni inquilini nel novembre 2016 scrivevano: “Solo un grande incendio nel grattacielo, con conseguenze devastanti, dimostrerà le vostre responsabilità”, riferendosi alla società che gestisce l’immobile per conto della proprietà pubblica e citando, tra l’altro, pericolosi difetti nell’impianto di cablaggio dell’edificio e un principio di incendio nel 2013 “che poteva essere devastante”.

Cinquanta persone sono ricoverate in ospedale per ustioni, intossicazione, cadute nella corsa forsennata nel cuore della notte attraverso i 24 piani dell’edificio per raggiungere l’uscita. Ma c’è il forte timore che delle persone siano rimaste intrappolate dentro. Ci sono molti dispersi. E il timore che possano esserci delle vittime si è concretizzato nella dichiarazione del responsabile dei vigili del fuoco. Quando il grattacielo era ancora avvolto dalle fiamme, sono state viste delle luci sul tetto, forse telefonini, forse torce, per segnalare che qualcuno aveva cercato rifugio lassù, scegliendo una via tragicamente sbagliata, ma probabilmente l’unica se fiamme e fumo impedivano l’accesso verso il basso. “Ho visto gente disperata buttarsi dalle finestre e sfracellarsi”, ha detto una donna alla Bbc. “Come un film dell’orrore di Hollywood“, ha raccontato un uomo.

 

 

Il fuoco sembra avere avuto origine nella parte inferiore della torre di cemento, intorno al quarto o quinto piano. Quaranta mezzi di soccorso con duecento vigili del fuoco sono stati impegnati nelle operazioni per spegnerlo. Purtroppo sembra che l’acqua sparata dai pompieri poteva raggiungere soltanto la metà inferiore del palazzo, che ha così continuato a bruciare per ore, riducendosi a uno scheletro annerito, fino a quando l’intensità delle fiamme si è ridotta da sola. Dall’alba in avanti tanto fumo nero dal grattacielo e qualche fiammata isolata.  Intorno alle 12, ora italiana, i vigili del fuoco hanno fatto sapere che “l’edificio non è al momento a rischio crollo e continua ad essere sicuro per le nostre squadre”. Sul posto sono presenti ingegneri strutturali che ne stanno monitorando la stabilità.

Denominato Grenfell Tower, il grattacielo in cemento fu costruito nei primi anni ’70 e fa parte della Lancaster West Estate. È una delle tante case popolari costruite dal governo britannico per fornire alloggi sovvenzionati dallo Stato a famiglie a basso reddito. Nei suoi 120 appartamenti vivevano circa 500 persone di tutte le etnie e le religioni. Due anni fa aveva subito un ampio restauro, al termine del quale è possibile che qualche unità sia stata privatizzata e messa sul mercato immobiliare. L’edificio si trova nel quartiere di Notting Hill, a circa dieci isolati di distanza da Portobello Road, la strada del celebre mercato delle pulci, un’area piena di residenze di lusso che valgono milioni di sterline – ci abitava David Cameron prima di andare a Downing Street – ma anche con strade povere e disagiate.

Come Latimer Road, la strada dove sorge il grattacielo, che si trova nelle vicinanze della A40, la tangenziale che porta verso l’aeroporto di Heathrow, che è stata chiusa stamattina come conseguenza dell’incendio. Chiuse anche le più vicine stazioni della metropolitana ed evacuate le abitazioni circostanti. Sadiq Khan, il sindaco di Londra, ha parlato di “grave incidente” e predisposto misure speciali per fronteggiare l’evenienza.

Dany Cotton, capo della Fire Brigade dei pompieri della città, ha detto che i vigili del fuoco hanno lavorato “in condizioni estremamente difficili”. Squadre di infermieri e medici appositamente addestrati per situazioni del genere stanno partecipando all’operazione. “Sono coperto di cenere dalla testa ai piedi”, ha dichiarato George Clark, presentatore del programma televisivo Amazing Spaces, che vive da quelle parti ed è andato a vedere l’incendio da dietro gli sbarramenti della polizia. “Sono a 100 metri di distanza, eppure la cenere mi ricopre – ha aggiunto il presentatore tivù – E’ una scena che spezza il cuore”. Andy Moore ha detto di avere visto detriti cadere dall’alto e avere sentito esplosioni dall’interno: “La polizia ci spingeva indietro per paura che venisse tutto giù”. C’è anche chi, come Jody Martin, un’altra residente della zona, nei primi minuti dell’incendio ha provato a correre verso il grattacielo per aiutare in qualche modo i suoi abitanti a scappare: “Gridavo alla gente che era alla finestra, fuggite, fuggite, ma mi hanno risposto che erano bloccati dal fumo e non potevano passare dal corridoio”. Chi ce l’ha fatta è uscito con i figli in braccio, in pigiama o in mutande. “Ma ho sentito urla di aiuto dall’interno di gente che non ce l’ha fatta”, riferisce Safyiha, un’altra testimone. “E’ terribile”.



Licenza Creative Commons




 

Crediti :

la Repubblica

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ESTERI

Coronavirus, in Tunisia i robot effettuano i controlli in strada

Coronavirus, in Tunisia i robot effettuano i controlli in strada. Video più news

Pubblicato

il

“Dove stai andando? Da dove vieni? Sei a conoscenza delle regole del lockdown?”. Queste sono alcune delle domande poste ai cittadini della Tunisia che, come molti altri Paesi, ha chiesto alle persone di restare a casa e uscire solo in caso di necessità. A porle però non è un agente di polizia, ma un ‘robot car’ che gira per le strade con una telecamera, come mostra un video rilasciato dal ministero dell’Interno tunisino.



Licenza Creative Commons




Crediti :

la Repubblica

Continua a leggere

ESTERI

Coronavirus, mascherine per l’Italia sequestrate dalla Repubblica Ceca

In attesa che si concluda l’indagine su quanto è accaduto, il governo, secono quanto riporta una nota della nostra sede diplomatica, ci manderà lo stesso quantitativo che è stato sequestrato. Il caso sollevato dal GR1 grazie al lavoro del ricercatore ceco Lukas Lev Cervink

Pubblicato

il

GRAVE caso di mancanza di solidarietà nell’Unione europea nell’emergenza coronavirus, da parte della Repubblica ceca ai danni dell’Italia. Lo aveva denunciato ieri il GR1 grazie alla denuncia di un onesto e coraggioso ricercatore ceco, Lukas Lev Cervinka, membro del partito Pirata (all’opposizione ma al potere al municipio della capitale Praga). Le autorità locali hanno sequestrato arbitrariamente un enorme carico di 110mila mascherine – alcuni avevano parlato addirittura di 680mila – e migliaia di respiratori, che la Repubblica popolare aveva inviato al nostro Paese per aiutarci. Solo oggi pomeriggio, dopo passi appropriati della Farnesina, l’ambasciata d´Italia a Praga ha detto che le autorità ceche si sono impegnate a restituire il materiale medico inviato da Pechino e destinato a Roma per aiuto e solidarietà.

Dice la nota della nostra sede diplomatica a Praga: “Questa mattina il ministro degli Affari Esteri della Repubblica ceca, Tomas Petricek, ha comunicato all’ambasciatore Nisio che, in attesa che si concluda l’inchiesta della polizia ceca sul furto del materiale sanitario avvenuto a Lovosice, la Repubblica ceca invierà al più presto all’Italia 110mila mascherine dalle proprie scorte, in numero pari a quelle che avrebbero dovuto raggiungere il nostro Paese e che invece sono state trafugate e sequestrate dalle autorità ceche”.

“Il carico partirà entro 48 ore”, prosegue la nota dell’ambasciata, e spiega ancora: “A fronte dell’urgenza di forniture mediche il governo ceco, in stretta collaborazione con l’ambasciata d´Italia a Praga, ha deciso di inviare subito il carico destinato al nostro Paese senza attendere la conclusione dell’inchiesta tuttora in corso, e focalizzata a scoprire come l’ingente refurtiva sia stata trafugata e dove. La complessità del caso, che si dirama su altri Paesi, richiederebbe altri giorni, ma la situazione in Italia non consente attese”. Il comunicato annuncia poi “sull’argomento il ministro Tomas Petricek sta scrivendo una lettera personale al titolare degli Esteri in Italia Di Maio”.

I fatti, come mi ha raccontato al telefono Lukas Lev Cervinka confermando totalmente la notizia data dal Gr1, sarebbero andati così. Martedì le autorità ceche avevano vantanto un grande successo nella lotta a chi specula sui costi di mascherine e altro materiale medico indispensabile per fermare la pandemia. “La versione ufficiale con i primi comunicati diceva all’inizio che si trattava di mascherine e respiratori confiscati, parlando di materiale rubato a imprese ceche da criminali senza scrupoli che volevano venderle a costo maggiorato sul mercato internazionale, sfidando i severi limiti all’export medico imposti in Cechia come altrove dall´emergenza”. Ma poi sono apparsi foto e filmati mostrati da Cervinka e dalle ong democratiche ed europeiste, che hanno fatto capire la brutta verità. Almeno gran parte del materiale sequestrato e fotografato a bordo di camion della polizia erano scatoloni con le bandiere cinese e italiana, e scritte in italiano inglese e mandarino in cui le autorità di Pechino scrivevano “Forza Italia, siamo al tuo fianco”, lanciavano saluti, incoraggiamenti e desiderio di aiuto all’Italia.

“Il ministero dell’Interno ceco è stato contattato”, continua Lukas Lev Cervinka, “e all’inizio ha insistito nella versione ufficiale, ripetendo la menzogna del sequestro di materiale destinato a vendite illegale. Tutti i media diffusero allora la storia, ma poi la verità è stata scoperta, e si vedevano chiaramente le etichettature sugli scatoloni inviati da Pechino: aiuto umanitario cinese per l’Italia. Eppure il governo ceco ci ha messo tre giorni prima di dire, all’inizio non ufficialmente ma solo con tweet del ministero dell´interno, che ammetteva che almeno parte, cito i tweet, del carico, in realtà veniva dalla Repubblica popolare ed era destinato al vostro Paese come aiuto umanitario. Aggiungendo in termini generici che l’Italia non avrebbe perso nulla”. Poi davanti alle denunce e alla pronte reazioni della diplomazia italiana si è arrivati al chiarimento, spiegato appunto oggi domenica pomeriggio dalla nota della nostra ambasciata a Praga.

Inizialmente, si era venuto a sapere ieri sabato pomeriggio che l’azienda responsabile del trasporto degli aiuti cinesi in Italia aveva deciso d’accordo con Pechino e Roma di assicurare l’arrivo in Italia di un secondo equivalente carico di aiuti cinesi. “Questa domenica si è giunti a un chiarimento ma quanto accaduto nei giorni scorsi non è affatto un gesto di politica europea, è una storia molto vergognosa”, mi dice Lukas Lev Cervinka. E lascia capire che come dice il movimento giovanile e della società civile ceco, la “Nuova primavera” guidata da Verdi, Pirati, gruppi giovanili, ong, associazioni culturali, un movimento europeista, ambientalista e per la difesa della democrazia contro Babis, dall’autocrate e dai suoi ci si può sempre aspettare il peggio.



Licenza Creative Commons




Crediti :

Repubblica

Continua a leggere

ESTERI

Giallo sul tampone coronavirus al Papa, il Vaticano non commenta

Nessun commento da parte della Santa Sede alla notizia pubblicata su alcuni organi di stampa secondo cui papa Francesco “si sarebbe sottoposto per precauzione al tampone risultando ovviamente negativo”. Da alcuni giorni il Pontefice, per sua stessa ammissione, accusa un raffreddore che l’ha costretto a limitare le udienze e a rinunciare alla trasferta ad Ariccia per gli esercizi spirituali di Curia.

Pubblicato

il

Nessun commento da parte della Santa Sede alla notizia pubblicata su alcuni organi di stampa secondo cui papa Francesco “si sarebbe sottoposto per precauzione al tampone risultando ovviamente negativo”. Da alcuni giorni il Pontefice, per sua stessa ammissione, accusa un raffreddore che l’ha costretto a limitare le udienze e a rinunciare alla trasferta ad Ariccia per gli esercizi spirituali di Curia.

Due giorni fa il Santo Padre aveva annunciato di dover rinunciare al ritiro quaresimale ad Ariccia, alla Casa del Divin Maestro, proprio a causa di un raffreddore.  “Vi chiedo un ricordo nella preghiera per gli Esercizi spirituali della Curia Romana. Purtroppo, il raffreddore mi costringe a non partecipare, quest’anno: seguirò da qui le meditazioni”, aveva annunciato il Papa affacciato dalla finestra del Palazzo Apostolico per la consueta preghiera dell’Angelus.

Il Papa è affetto da raffreddore e tosse. Piu’ volte, nel corso dell’Angelus, si è dovuto interrompere proprio a causa della tosse. E’ da giovedì che il pontefice, a causa di questa “lieve indisposizione”, come definita in Vaticano, è a Santa Marta, dove ha proseguito a celebrare messa e ad avere degli incontri, rinunciando invece agli appuntamenti fuori dal Vaticano e anche a quelli previsti nel Palazzo Apostolico.

In Vaticano misure precauzionali – Intanto intorno al Vaticano sale l’allerta per il coronavirus. Sono infatti state messe in atto nuove disposizioni per i controlli. Per accedere a piazza San Pietro le forze di sicurezza hanno fatto in modo che le file fossero più ordinate agli ingressi. I pellegrini sono stati controllati uno alla volta, garantendo una distanza di diversi metri tra chi viene controllato e le persone che erano dietro. L’obiettivo era quello di evitare assembramenti e calca. Dopo il primo filtro ce n’era un secondo, come al solito ai metal detector sotto il colonnato, dove gli addetti non sono comunque al momento dotati di termo-scanner.

Il giallo del tampone – Da quel che risulta a Tgcom24 il tampone al Papa non è stato effettuato fino a lunedì. Non è dato sapere se nelle ultime 24 ore Francesco è stato sottoposto al controllo per coronavirus.



Licenza Creative Commons




Crediti :

ANSA

Continua a leggere

Chi Siamo

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

A rischio povertà 11 milioni persone dopo emergenza coronavirus [...]

Comuni più vicini all'epicentro Fontanelice e Borgo Tossignano [...]

500 vittime solo nelle ultime 24 ore [...]

Ministra Catalfo, "Un risultato molto importante" [...]

Ok a protocollo da Catalfo, Abi e parti sociali [...]

Pasionaria No Tav chiede beneficio e torna a casa in Val Susa [...]

Angelo De Donatis ricoverato al Policlinico Gemelli [...]

'Ha la febbre ma le sue condizioni generali sono buone' [...]

In aumento i guariti, sono 88. 454 in terapia intensiva [...]

A rischio povertà 11 milioni persone dopo emergenza coronavirus [...]

500 vittime solo nelle ultime 24 ore [...]

A bordo materiale sanitario, un aereo di aiuti anche in Spagna [...]

Lo annuncia su Facebook, 'sono a casa e sto bene' [...]

Molti hanno chiesto il posticipo al 2021. Presto la decisione [...]

Tecnico Galatasaray su Instagram "Imparerò molto da tutto cio'" [...]

Nota del sindacato calciatori su trattativa taglio stipendi [...]

Pensa al presente, spero sarà ricompensato come merita [...]

La conference call rinviata ai prossimi giorni [...]

Soluzione drastica a Belo Horizonte, ma ora tutti messi in ferie [...]

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031 

 

 

 

 

 

I più letti