L’origine dell’albero di Natale

Le immagini in alto sono raffigurazioni dell'”Albero della Vita”, a testimonianza del fatto che l’albero come simbolo di vita (e talvolta anche di morte) era diffuso in tutte le culture e in tutte le epoche, anche molto prima della nascita del cristianesimo.

Anche nella cultura cristiana l’albero è presente fin dall’inizio e si mescola spesso con il candelabro. Entrambi portano le luci che illuminano e che si spengono. L’anticho tema dell’Albero della vita si fonde anche con la croce di Cristo: è il legno che fiorisce e che fruttifica come si vede in molte catacombe e battisteri paleocristiani e come si vede nel quadro in basso, di Pacino di Bonaguida (1280-1340):

“Albero della Vita” di Pacino di Buonaguida (1305-1310 circa) Galleria dell’Accademia a Firenze fonte: Wikimedia Commons

La nascita dell’albero di Natale

Sembra che l’albero di Natale, così come viene usato oggi, sia nato a Tallinn, in Estonia nel 1441, quando fu eretto un grande abete nella piazza del Municipio, attorno al quale giovani scapoli, uomini e donne, ballavano insieme alla ricerca dell’anima gemella. Questa usanza venne poi ripresa in Germania: una cronaca di Brema del 1570 racconta di un albero che veniva decorato con mele, noci, datteri e fiori di carta. Anche la città di Riga (in Lettonia) è fra quelle che si proclamano sedi del primo albero di Natale: vi si trova infatti una targa scritta in otto lingue, secondo cui il “primo albero di capodanno” fu addobbato in questa città nel 1510. Un’altra notizia sull’uso dell’albero di Natale viene dall’Alsazia: una cronaca di Strasburgo annota nel 1605: “Per Natale i cittadini si portano in casa degli abeti (‘Dannenbaumen’ nel tedesco dell’epoca), li mettono nelle stanze, li ornano con rose di carta di vari colori, mele, zucchero, oggetti di similoro”.

Un’antecedente dell’albero potrebbe essere l’antico rito pagano di portare in casa, prima del nuovo anno, un ramo beneaugurante. Nel Medioevo si diffonde la tradizione degli “Adam und Eva Spiele” (giochi di Adamo ed Eva) che prevedevano la ricostruzione nelle chiese dello scenario del paradiso in terra, proprio il 24 di dicembre, alla vigilia di Natale, con tanto di alberi di frutta, simboli dell’abbondanza e del mistero della vita.

Poi, a questi alberi di frutta si preferirono sempre di più gli abeti. L’abete, il “Tannenbaum”, ha la caratteristica “magica” di essere sempreverde, che, secondo una favola, ha avuto come dono da Gesù stesso, per avergli offerto rifugio mentre era inseguito dai suoi nemici. Così non stupisce che l’abete, con la sua sagoma triangolare che rispecchiava anche bene la struttura piramidale e gerarchica della società medievale, diventa nel folclore tedesco anche l’albero cicogna dal quale la levatrice scuote i neonati.

Per molto tempo, la tradizione dell’albero di Natale rimase tipica delle regioni a nord delle Alpi. All’inizio, i cattolici la consideravano un uso protestante e solo nel ‘900 questa tradizione si diffuse anche nel mondo cattolico.

Illustrazione di Ludwig Richter (1800), pittore e disegnatore del romanticismo fonte: Wikimedia Commons

Grazie a Goethe l’albero di Natale trionfa a Weimar

Johann Wolfgang Goethe, pur non essendo propriamente di fede cattolica o protestante, amava moltissimo questa usanza e grazie a lui l’albero si impose a Weimar che era il centro culturale dell’epoca. Nella sua famosa opera “I dolori del giovane Werther” l’albero di Natale compare per la prima volta anche nella grande letteratura. Anche i romantici che cercavano di valorizzare le tradizioni popolari non potevano non apprezzare questa antica usanza. In quell’epoca nasce anche la famosissima canzone “Oh Tannenbaum, oh Tannenbaum” che fino ad oggi è la canzone natalizia più cantata in tutta la Germania.

“Weihnachtsabend im protestantischen Deutschland” (La sera di Natale nella Germania protestante) Illustrazione di un libro (1863) fonte: Wikimedia Commons

Oggi: l’albero è diventato una moda

Nel nostro secolo assistiamo a una diffusione massiccia e capillare di questa usanza. Ma anche la festa di Natale non poteva certo fuggire al crescente consumismo. Molte tradizioni natalizie sono ormai quasi sparite (p.e. la recitazione di poesie natalizie da parte dei bambini, il cantare insieme le canzoni di natale, il “Wunschzettel”, un biglietto che i bambini dovevano inviare a Babbo Natale o Gesù Bambino – a seconda della regione della Germania – elencando i regali desiderati, la preparazione in famiglia dei dolci tipici di Natale, etc.). La domanda principale di Natale spesso non è più: “Come rendiamo felice il nostro prossimo?”, ma piuttosto: “Quanto possiamo spendere quest’anno?”.

marco dimitri

Marco Dimitri

 

Ma l’albero ha resistito, anzi, ha rafforzato la sua posizione, ormai sembra proprio lui il vero simbolo di Natale. Inoltre, si sono sviluppate anche delle nuove usanze: nei paesi di lingua tedesca sono nati i mercatini di Natale che si stanno diffondendo ormai in molti altri paesi. Questi, oltre ad essere belli e accoglienti, hanno la simpatica caratteristica di essere molto utili agli affari. E l’albero, molte volte, non è più l’abete, ma un sostituto di plastica, più o meno verosimile (ringraziano le guardie forestali che protestavano da sempre – già all’epoca di Goethe – contro le devastazioni dei boschi nel mese di dicembre). Le candele di cera sono diventate delle luci elettriche (ringraziano i vigili del fuoco che a Natale, almeno in passato, dovevano sempre fare gli straordinari). Ma rinunciare all’albero? – Mai!

     
 
 

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Categorie
Cultura Generale

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

  • Le migliori bufale dell’estate

    Anche quest’estate le #bufale non sono andate in vacanza, anzi: è proprio in questo periodo dell’anno che sembrano dover fare gli straordinari per soddisfare il traffico vitale di molti siti,...
  • Corto Maltese

    Il mio nome è Corto, Corto Maltese. Sono nato a Malta, il 10 luglio del 1887, almeno così mi dicono. Della mia prima infanzia ricordo una bandiera piena di...
  • The Phantom, l’uomo mascherato

    L’eroe  fu creato da Lee Falk, già artefice del personaggio di Mandrake il mago, ed appare per la prima volta sua una striscia a fumetti dei quotidiani nel 1936....
Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE