Contattaci

Bufale

Manifesti contro l’obbligo vaccinale, ecco i veri dati sulle reazioni avverse dei vaccini

Pubblicato

il

“Vaccini: 21.658 reazioni avverse segnalate nel triennio 2014-2016 secondo i dati dall’Agenzia italiana del farmaco”: così dovrebbe essere letto l’enorme manifesto apparso lunedì a Pesaro e ideato dal Comitato salute e diritti, che nel corso del prossimo mese pianifica di affiggere altri cartelloni pubblicitari analoghi coinvolgendo anche la città di Fano. La conclusione, ovviamente critica nei confronti del decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale, è il solito motto del movimento FreeVax: “se c’è rischio deve esserci [libertà di] scelta”. (Che poi quasi sempre si traduce nella scelta di non vaccinare.)

Il Comitato ha esplicitato su Facebook “di non essere contro le vaccinazioni e di non esserlo mai stato”, secondo una retorica ormai nota. Nel caso di Pesaro non si può negare che il manifesto affisso nel parcheggio San Decenzio susciti timore e avversione nei confronti delle pratiche vaccinali: più che lo sfondo nero e la grafica da film horror, a colpire i passanti è il numero a cinque cifre che dovrebbe rappresentare il conteggio delle reazioni avverse registrate.

Tuttavia su quel numero andrebbe raccontato qualcosa in più, perché senza ulteriori spiegazioni rischia di alimentare un allarmismo ingiustificato.

Come è stato ricavato quel numero?
Prima di approfondire il significato del conteggio, vale la pena di capire da dove sia stato ottenuto quel risultato. Perché non è affatto chiaro. Lo stesso Comitato cita su Facebook alcuni documenti dell’Agenzia italiana del farmaco (l’Aifa), ossia il Rapporto sulla sorveglianza postmarketing dei vaccini in Italia 2014-2015 e il Rapporto nazionale del 2015 sull’uso dei farmaci in Italia. Tuttavia se i dati per il 2014 e per il 2015 mettono tutti d’accordo (rispettivamente 8.873 e 3.772 segnalazioni di effetti avversi), non si sa da dove siano state ricavate le circa 9mila segnalazioni mancanti e probabilmente attribuite all’anno 2016, dato che quell’anno non è incluso nei documenti indicati.

C’è dunque il sospetto che il dato mancante sia stato estrapolato dall’unico altro riferimento indicato dal Comitato, ossia un articolo pubblicato lo scorso maggio sul sito del Codacons (appena querelato sul tema vaccini dal ministero della Salute) in cui viene fornita una stima delle segnalazioni per l’anno 2016. Una stima, si legge, dedotta “da un’elaborazione del Codacons”, per la quale quindi non c’è alcuna fonte ufficiale. Incrociando i dati si osserva inoltre che il totale di “oltre 21mila segnalazioni di reazioni avverse nel periodo 2014-2016” ottenuto dal Codacons è ricavato impiegando valori diversi e gonfiati rispetto a quelli di Aifa per il 2014 e per il 2015. E, infine, anche dando per buona la stima del Codacons per il 2016 (cioè 5.584), il totale per il triennio sarebbe di circa 18mila segnalazioni, anziché 21mila.

Che cosa è incluso nel conteggio delle segnalazioni?
Dettagli numerici a parte, quando i dati vengono ricavati da un documento ufficiale resta doveroso specificarne il significato senza dimenticare di fornire informazioni rilevanti. Un primo aspetto omesso nel manifesto, ma chiaramente descritto nel rapporto dell’Aifa, è che l’85% circa delle segnalazioni relative ai vaccini riguardano presunti effetti avversi non gravi, come qualche linea di febbre, gonfiore al braccio o altri sintomi che si risolvono spontaneamente.

vaccini

Distribuzione delle segnalazioni per gravità, 2014-2015 (Grafico: Aifa

 

Questo riduce quasi di un fattore 10 il numero di effetti avversi significativi. Il conteggio dei decessi, in particolare, riguarda meno dell’1% delle segnalazioni (lo 0,8% nel 2014 e lo 0,2% nel 2015). In termini assoluti gli esiti fatali sono stati 69 nel 2014 e 9 nel 2015, ma di questi la grande maggioranza ha riguardato gli adulti e i vaccini antinfluenzali. Il conteggio delle morti infantili sospette tra il 2014 e il 2015 è fermo a cinque casi, di cui due casi di morte in culla (Sids) presumibilmente non correlabili alle vaccinazioni, un neonato partorito con gravi malformazioni deceduto per altre patologie e due bambini morti per infezione da meningococco (B e C) dopo essere stati vaccinati, ma in un periodo in cui la copertura vaccinale non era completamente efficace (rispettivamente dopo 8 giorni e 8 anni dalla somministrazione). Questi ultimi due casi, in particolare, sono da considerare al più come fallimenti dell’efficacia vaccinale, a causa dei quali la malattia è stata comunque contratta, non certo come morti causate dal vaccino.

Un altro elemento utile per valutare i conteggi è il confronto tra le segnalazioni relative ai vaccini e quelle che riguardano altri farmaci. Come mostra il grafico seguente, sempre incluso nel rapporto Aifa, dal 2013 in poi ci sono state circa 40mila segnalazioni all’anno, grossomodo un ordine di grandezza in più rispetto a quelle vaccinali. In particolare le segnalazioni relative ai vaccini sono state il 18% del totale nel 2014 e il 9% nel 2015.

vaccini

Andamento delle segnalazioni a vaccini e farmaci per anno, 2001-2015 (Grafico: Aifa)

 

Più che ragionare in numeri assoluti, poi, può essere utile anche conoscere la frequenza relativa di queste segnalazioni, tenendo conto di tutti i #vaccini . Ebbene, secondo i dati dell’Aifa le segnalazioni negli ultimi anni sono circa una ventina (tra le 18 e le 25) ogni 100mila dosi iniettate, ossia lo 0,02%.

Infine, come ha ricordato in questi giorni anche Roberto Burioni, il conteggio include tutte le reazioni avverse che avvengono nel periodo successivo alle vaccinazioni, poiché in tutti i casi la segnalazione deve essere fatta. Ciò però non implica che ci sia un rapporto di causa-effetto tra vaccinazione ed effetto avverso, ma indica solo che c’è stata una certa coincidenza temporale. In altri termini, il conteggio riguarda gli effetti avversi possibili, ed è ovviamente una sovrastima siccome buona parte di queste complicanze è collegata al vaccino solo per una sovrapposizione di date.

L’epidemiologo Pier Luigi Lopalco ha dichiarato su Facebook che “chi si è preso la briga di preparare questi manifesti dovrebbe essere passibile di procurato allarme”. Sul versante opposto, invece, la sindaca di Montelabbate Cinzia Ferri del Movimento 5 Stelle ne ha approfittato per riaffermare su Facebook la necessità di riconoscere a tutti i genitori la libertà di scelta. Tuttavia oggi non resta più traccia sui social di quella dichiarazione, che è stata cancellata dopo i commenti critici di Guido Silvestri ed Elena Fattori.

Ovviamente tutte le iniziative politiche, incluso il decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale, sono opinabili. Si potrebbe sostenere, ad esempio, che l’obbligatorietà non sia la strategia migliore per raggiungere una copertura nella popolazione sufficiente a garantire l’immunità di gregge. Ma affermare di essere a favore delle vaccinazioni e contemporaneamente lanciare messaggi che generano ansie e paure ingiustificate ha davvero poco senso. Spulciare i documenti ufficiali alla ricerca di qualche elemento da estrapolare, poi, è un modo di discutibile onestà per lasciare passare comunicazioni distorte e di fatto in contraddizione con il vero contenuto di quei rapporti.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia una recensione

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
Notificami

Bufale

La bufala delle calamite sul frigorifero che provocano il cancro

L’unico studio scientifico legato a questa leggenda metropolitana si è rivelato un falso, e non esiste alcun motivo per temere il campo magnetico generato da una calamita. Per i frigoriferi hi-tech, poi, la bufala è ancora meno sensata

Pubblicato

il

L’idea che una calamita appiccicata alla parte esterna del frigorifero possa esercitare un influsso sui cibi conservati all’interno, fino a farli diventare in qualche modo cancerogeni, può apparire una completa scemenza. E in effetti lo è.

Anticipiamo subito la conclusione: non esiste alcuna prova scientifica – né principio fisico o biologico – che possa giustificare una correlazione tra la presenza di magneti permanenti in prossimità degli alimenti e una loro alterazione tale da generare un rischio cancro. Al di là delle solite precauzioni ovvie (per esempio fare attenzione ai bambini piccoli, che potrebbero ingerire le calamite scambiandole per cibo vero), si possono attaccare quanti magneti si desidera al proprio frigorifero metallico senza alcuna preoccupazione.

Le origini della leggenda metropolitana
La falsa storia sulla pericolosità dei magneti da frigorifero compie proprio questa settimana otto anni, almeno nella sua versione digitale. Era infatti il luglio del 2010 quando iniziò a diffondersi a macchia d’olio, prevalentemente via email, una catena allarmistica nella quale veniva citato un fantomatico studio condotto all’università di Princeton, negli Stati Uniti.

Più recentemente, invece, la stessa catena ha ripreso a circolare tramite WhatsApp.

Secondo questa ricerca scientifica, che in realtà è essa stessa un falso, i ricercatori avrebbero condotto (sui topi) uno studio “lungo molti mesi”, in cui avrebbero somministrato a un primo gruppo il cibo conservato in un frigorifero normale, mentre il secondo gruppo sarebbe stato alimentato con il cibo contenuto in un frigorifero decorato con calamite colorate.

Il risultato? I ricercatori (che, ribadiamo, non esistono) avrebbero concluso che nutrirsi con cibo tenuto in prossimità dei magneti aumenta dell’87% la probabilità di sviluppare il cancro. La ricerca sarebbe, si legge, “uno studio clinico rigoroso”, condotto per capire “come la radiazione elettromagnetica irradia il cibo”.

Perché è una bufala
Di motivi se ne potrebbero citare tanti. Anzitutto lo studio menzionato non esiste, né nell’intera letteratura scientifica mondiale si trovano studi che giungano a conclusioni analoghe o simili. In secondo luogo, i portavoce della stessa università di Princeton, contattati da Hoax Slayer, hanno negato il coinvolgimento dell’ateneo in studi di questo genere e hanno espresso preoccupazione per la circolazione di una simile tesi allarmistica senza fondamento.

In aggiunta, la catena menzognera contiene evidenti errori scientifici, attribuendo alle calamite la generazione di un campo elettromagnetico (quando in realtà si tratta di un campo magnetico statico, come accade per tutti i magneti permanenti) e saltando a pie’ pari diversi passaggi logici tutt’altro che assodati. Tra questi, il fatto che eventuali effetti irradiativi sul cibo si trasmettano a chi lo ingerisce, l’analogia tra la reazione nei topi e negli esseri umani, oltre che l’effettiva intensità del campo magneticogenerato dalle calamite e propagato all’interno del frigorifero.

Già quest’ultima questione, da sola, sarebbe sufficiente a far crollare tutto il castello di sabbia degli allarmismi. I magneti da frigorifero sono di solito delle calamite ben poco potenti e il campo magnetico che generano non penetra in modo apprezzabile nella cavità dove sono contenuti gli alimenti, o comunque ha un’intensità del tutto trascurabile rispetto ad altre fonti di campi magnetici (o elettromagnetici). Quindi il campo magnetico delle calamite non solo è innocuo, ma è anche di fatto assente sulle scaffalature dove c’è il cibo.

Come mai la storia sta diventando via via più folle
Con il passare degli anni, emerge sempre più chiaramente l’assurdità della leggenda metropolitana. I frigoriferi di costruzione più recente, infatti, contengono numerose altre sorgenti di campi magnetici ed elettromagnetici, a iniziare dal motore alimentato elettricamente e senza dimenticare che ormai molti modelli sono dotati di un sistema magnetico di chiusura che garantisce una corretta sigillatura della camera refrigerata. Perché ci dovremmo preoccupare della calamite all’esterno e non delle fonti interne? Come mai gli “studi rigorosi” se ne sono del tutto dimenticati?

Già da tempo nei veri laboratori di ricerca, e recentemente anche in quelli di sviluppo industriale, sono allo studio sistemi di refrigerazione che raffreddano proprio sfruttando le proprietà dei campi magnetici. Nessuno, finora, ha mai sollevato perplessità legate alla sicurezza sanitaria di tali sistemi. E se è vero che il tema dell’effetto dei campi elettromagnetici sulla salute umana è un capitolo tutt’altro che chiuso, il dibattito scientifico verte semmai sull’esposizione diretta di una persona a un simile campo, non sulla trasmissione di questi eventuali effetti negativi attraverso il cibo ingerito.

Qualche esempio di rischio più concreto sui magneti da frigo
Oltre al già citato pericolo di ingestione accidentale da parte dei bambini, un altro elemento a cui fare attenzione è l’interazione tra magneti da frigorifero e pacemaker. Alcuni magneti – soprattutto al neodimio – possono interferire con il funzionamento del dispositivo, e dunque è sconsigliabile per un portatore di pacemaker avvicinarsi a uno sportello del frigorifero decorato con calamite se non se ne conoscono le caratteristiche di fabbricazione.

Infine, trattandosi di oggetti che vengono tipicamente tenuti in cucina, potrebbe essere opportuno fare un controllo sulle certificazioni delle calamite prima di appiccicarle al frigorifero. Non per il campo magnetico in sé, ma per i materiali di costruzione e le caratteristiche di lavorazione. Un prodotto contraffatto, ad esempio, potrebbe rilasciare sostanze non particolarmente desiderabili.

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 
Crediti :

Wired

Continua a leggere

Bufale

La bufala degli incidenti con auto fantasma

Ennesima bufala che sta girando per il Web. Divenuta virale a causa dei soliti ( tanti ) creduloni

Pubblicato

il

Un video, proprio in questi giorni, è divenuto virale, mostra delle automobili che si schiantano contro  auto fantasma o muri invisibili.

 

Prima di tutto vediamo il video:

 

 

Quello che si può subito notare è che gli incidenti avvengono in  sedi stradali praticamente vuole. Le riprese si interrompono subito dopo l’incidente senza mostrare le reazioni successive degli autisti coinvolti, dei passeggeri, dei passanti ecc.

 

Al minuto 00:15 il conducente prosegue la sua corsa senza mostrare alcuna reazione, fermandosi semplicemente  nei pressi delle striscie pedonali.

Al minuto 00:26 un gruppo di automobilisti non mostra alcuna reazione. E’ evidente che l’auto  “incidentata” è stata inserita in un tempo successivo, in fase di montaggio video.

Al minuto 00:36 addirittura  chi è dietro alla telecamera attende l’incidente ed allarga il quadro seguendo l’auto. Preveggenza?

Ma che sia davvero un fake, una bufala colossale, lo si evince al minuto 00:41 , ci sono due pedoni che discutono (indicati dalla freccia rossa) , si verifica l’incidente e nemmeno si girano, nemmeno hanno un sobbalzo, anzi, si salutano e tirano dritto per le loro strade.

Il videomontaggio non è certo da Oscar ma con un po’ di studio grafico, le persone che lo hanno assemblato potrebbero anche trovare  lavoro  nel cinema “fai da te” o in qualche miniserie.

 

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Continua a leggere

Bufale

Come si sconfiggono le fake news?

Una ricerca del Parlamento Europeo fa il punto sulla disinformazione online. La soluzione? Passa dalla cultura

Pubblicato

il

È passato un anno e mezzo dalla vittoria di Donald Trump, ma quale sia stato il ruolo giocato dalle fake news nell’elezione di uno dei più improbabili presidenti degli Stati Uniti (o nella vittoria della Brexit, per fare un altro esempio) è ancora un tema ampiamente dibattuto.

“Un recente studio ha sottoposto a un campione di elettori americani una serie di notizie attendibili e di bufale, chiedendo in quanti le ricordassero e se all’epoca le avessero ritenute vere”, si legge in un recente papercommissionato dal Parlamento Europeo per fare il punto sulla disinformazione online. “Nel caso di notizie da prima pagina attendibili, il 70% del campione ricordava di averle viste e il 60% di averle ritenute attendibili. Solo il 15% ricordava invece di aver visto le notizie false e l’8% di averci creduto. Una percentuale simile alle notizie placebo che sono state ideate appositamente per il test”.

Di conseguenza, “l’impatto delle fake news sulle elezioni potrebbe essere molto inferiore a quanto temuto”, conclude il paper.

Ma è proprio così? Parecchi altri studi – tra cui uno appena condotto dalla Ohio State University – hanno invece confermato quanto la disinformazione potrebbe aver aiutato Donald Trump a conquistare la Casa Bianca; mentre altre ricerche hanno messo in collegamento il fenomeno fake news, inestricabilmente legato ai social network, alla diffusione del populismo in Europa (Italia compresa).

Ovviamente, sarebbe ingenuo pensare che la trasformazione politica in corso in Occidente sia causata dalle bufale.

Allo stesso tempo, è rischioso sottostimare i pericoli che si nascondono dietro a fake news che riescono a circolare con una velocità molto maggiore(anche sei volte superiore) rispetto alle notizie attendibili o ai video complottisti presenti su piattaforme come YouTube che – come è stato dimostrato – possono far entrare alcuni utenti in un turbine infinito di contenuti sempre più estremi e complottisti.

Ma che cos’è una fake news? Secondo Ziga Turk, docente all’Università di Lubiana e autore della ricerca del Parlamento Europeo, sotto questa etichetta si possono riportare “tutte le forme di informazioni false, inaccurate e fuorvianti che vengono create e promosse con lo scopo di fare profitti o causare intenzionalmente un danno pubblico”.

Le due motivazioni sono molto diverse: nel caso economico (probabilmente quello più antico), chi ospita fake news sul proprio sito lo fa sapendo che queste possono ottenere un’enorme circolazione sui social; garantendo ottimi introiti pubblicitari ai siti che le ospitano (considerando anche l’investimento minimo necessario a crearle). Niente di più facile che inventare bufale sugli immigrati che vogliono trasformare il colosseo in un luogo di culto islamico, per fare solo un esempio, per infiammare un certo tipo di utenza e garantirsi una vasta circolazione (e quindi un ritorno economico).

Col tempo, quello che probabilmente è nato come un metodo veloce per fare soldi su internet (Paul Horner, il defunto “re delle fake news”, dichiarava di guadagnare oltre diecimila dollari al mese), si è trasformato in una vera e propria arma politica; utilizzata sia da pagine Facebook artigianali, sia da veri e propri eserciti di professionisti (com’è il caso dei famosi troll russiassoldati allo scopo di destabilizzare le democrazie occidentali). Le bufale, ovviamente, non sono nate oggi (basti pensare al Protocollo dei Savi di Sion o al falso editto di Costantino); ma – come si spiega nella ricerca – la struttura stessa del web ha consentito che potessero circolare con una facilità estremamente superiore.

“Nella struttura tradizionale delle news, un professionista crea un contenuto. Questo viene poi controllato dai redattori che lavorano nei media. Il contenuto che possiede le qualità richieste, viene infine pubblicato”.

In questo processo, quindi, ci sono dei filtri di controllo che offrono una certa garanzia su qualità e veridicità. Sul web, invece, “chiunque può creare un contenuto: gli autori possono o meno fare le proprie verifiche e controlli di qualità; mentre internet fornisce una vasta gamma di servizi per la pubblicazione e diffusione in autonomia”.

Dalle bufale della alt-right diffuse su Reddit, ai siti di controinformazione cospirazionista come InfoWars; fino ai meme riportanti notizie incontrollate (come quella della “cugina di Renzi portaborse al Senato”) che circolano su Facebook e Twitter, “non c’è un solo punto in cui il contenuto scambiato possa essere controllato e verificato prima della diffusione”, scrive Ziga Turk. Questa posizione rischia però di sottostimare quanto ormai le bufale riescano a diffondersi anche sui quotidiani più istituzionali, e quanto alcuni siti di controinformazione possano invece essere portatori di contenuti di qualità.

Ma, allora, come si combattono le fake news? Il tema è estremamente delicato: “La libertà d’espressione è una pietra angolare della democrazia, e coloro che hanno in mano il potere non dovrebbe abusarne per favorire un versante del dibattito pubblico” si sottolinea nel paper, facendo piazza pulita delle proposte di istituire qualcosa di simile a un ministero della Verità (guidato dai governi o appaltato agli stessi social network) deputato a

decidere cosa sia una fake news (soprattutto considerando quanto ciò sarebbe rischioso nei paesi meno democratici).

Allo stesso tempo, l’attenzione del paper nei confronti della libertà d’espressione rischia di essere fuorviante: una fake news non è un’opinione estrema, radicale o scomoda; ma una notizia falsa creata in malafede. E in quanto tale, verificabile. Una delle fake news più importanti degli ultimi tempi è, ovviamente, quella del Pizzagate: la bufala secondo cui in una pizzeria di Washington si nascondeva un giro di pedofilia a uso e consumo delle élite del Partito Democratico (compresi i coniugi Clinton). Una fake news in tutto e per tutto – nata su 4Chan e poi arrivata fino al già citato InfoWars – che ha spinto un 28enne a entrare nel locale armato di fucile.

Bloccare la circolazione di una bufala di questo tipo difficilmente si sarebbe potuta considerare una forma di censura; ma chi dovrebbe essere deputato a farlo? “Il problema di tutti i metodi che interferiscono deliberatamente con l’informazione cui un utente può accedere è che le persone potrebbero non volere che qualcun altro scelga e filtri le notizie per loro”, si legge sempre sul report. “Si potrebbe facilmente pensare che questo venga fatto a scopi politici o ideologici. Se le piattaforme fossero libere di agire in questo modo, inoltre, si darebbe loro un potere spropositato sulla pubblica opinione”.

Ed è qui che entra in gioco quella che, a oggi, sembra essere la soluzione meno controversa per arginare la diffusione delle fake news: “Una tecnica per ridurre il propagarsi delle bufale è l’etichettatura”, scrive Turk. In questo caso, invece di censurare, “Facebook (o altre piattaforme) aggiungono informazioni sulla credibilità di una storia e avvertono l’utente prima che decida di condividerla”Non solo Facebook, ma anche YouTube e altri stanno iniziando ad appoggiarsi con sempre maggiore frequenza alle tante realtà specializzate in fact-checking (tra cui Snopes o FactCheck.org); a cui vengono inviati i contenuti che gli algoritmi della piattaforma ritengono sospetti in modo da verificarne la veridicità.

Non si tratta di incollare l’adesivo di fake news su alcune informazioni (strategia, tentata da Facebook, che si è rivelata un boomerang: trasformando quell’etichetta in una sorta di medaglia al merito); ma di fornire informazioni aggiuntive che forniscano agli utenti un quadro più completo. Ma sarà sufficiente questo per sconfiggere bufale e teorie del complotto?

Probabilmente, no. “Ci sono però anche modi non tecnici per fermare le fake news, o almeno per evitare che le persone ci credano”, conclude la ricerca del Parlamento Europeo. “È chiamato buon senso e alfabetizzazione mediatica. I cittadini devono diventare consapevoli che internet è un ambiente molto diverso dalla televisione e dai giornali. Non ci sono redattori e non ci sono controllori. Gli utenti devono essere vigili e attenti per non cascare in nessuna delle fake news che circolano. Su internet, ogni giorno è il primo di aprile. Ogni giorno, bisogna consumare i contenuti criticamente”. Più di censura, algoritmi e fact-checking, insomma, può fare la cultura.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Newsletter

Bufale

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...