Bambini di Satana

Medicina

Mano bionica impiantata in una donna italiana

Una donna è la prima italiana alla quale è stata impiantata la mano bionica che percepisce il contatto con gli oggetti, realizzata dal gruppo di Silvestro Micera, della Scuola Superiore Sant’Anna e del Politecnico di Losanna. L’intervento è stato eseguito nel giugno 2016 nel Policlinico Gemelli di Roma dal gruppo del neurologo Paolo Maria Rossini. I risultati della sperimentazione sono in via di pubblicazione su una rivista scientifica internazionale.

Nell’esperimento, durato sei mesi, la mano bionica è stata impiantata in Almerina Mascarello, che vive in Veneto e che aveva perso la mano sinistra in un incidente. “La mano è una versione migliorata di quella impiantata su un uomo danese nel 2014“, ha detto Micera al’ANSA.

mano bionica

La donna è anche la prima a poter uscire con la mano hi-tech perché, rispetto al 2014 ora l’elettronica, realizzata insieme all’Università di Cagliari, è racchiusa in unozainetto. Questo, ha spiegato Micera, “racchiude il sistema che registra i movimenti dei muscoli e li traduce in segnali elettrici, poi trasformati in comandi per la mano; un altro sistema trasforma l’informazione registrata dai sensori della mano in segnali da inviare ai nervi e quindi in informazioni sensoriali“. Gli elettrodi impiantati nei muscoli sono stati realizzati dall’università tedesca di Friburgo.

mano bionica

La donna ha portato con sé lo zainetto uscendo a Roma, nell’ottobre 2016, sotto il controllo dei responsabili del test. “Dopo sei mesi l’impianto è stato tolto. L’obiettivo ultimo – ha concluso Micera – è rendere questa tecnologia utilizzabile clinicamente. Lo zainetto è stato uno step intermedio e il prossimo passo è miniaturizzare l’elettronica“.

 
  

Licenza Creative Commons

 

 

Condividi

Crediti :

Ansa

2 Commenti

2 Comments

  1. Anonimo

    10 gennaio 2018 at 17:37

    Se non fosse esistito il Vaticano e più in generale la religione a quest’ora la biotecnologia sarebbe avanti come minimo di 20/30 anni.

  2. Marco Dimitri

    19 gennaio 2018 at 13:34

    Verissimo

Replica al commento

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top