Marsiglia, uomini incappucciati: colpi di kalashnikov contro polizia. Quartiere bloccato.

La notizia è data dal sito di La Provence. Un asilo è stato evacuato, sul posto decine di poliziotti e un elicottero sorvola la zona. Oggi in città è attesa la visita del premier Valls

n quartiere di Marsiglia, la Castellane, è stato totalmente bloccato dopo che diversi testimoni hanno parlato di uomini incappucciati che “sparavano in aria” col Kalashnikov. Un asilo nido è stato evacuato, decine di poliziotti e un elicottero sono già sul posto. Secondo altre testimonianze i colpi di arma da fuoco erano indirizzati anche agli agenti. Nel mirino dei mitra anche il capo della polizia della città Pierre-Marie Bourniquel (VIDEO). Le teste di cuoio del Gipn sono giunte all’interno del quartiere la Castellane, una delle zone più calde della banlieue di Marsiglia.

L’episodio di violenza è avvenuto proprio nel giorno in cui il premier Manuel Valls si trova a Marsiglia per fare i complimenti alla polizia per il miglioramento della situazione di sicurezza. Secondo le Figaro sarebbe stato un regolamento di conti tra bande rivali a provocare la sparatoria a colpi di kalashnikov a Marsiglia. Due gruppi si stavano contendendo un punto di vendita della droga.

“Almeno cinque individui in divisa militare armati con almeno due kalashnikov”: è quanto riferisce Jean-Marie Allemand, sindacalista della polizia di Marsiglia, intervistato da I-Télé. “Al 90% è una questione legata al traffico di droga”, ha aggiunto. “Non penso sia una sfida lanciata allo Stato, ma succede spesso quando ci sono visite importanti”.

TESTIMONI: SPARI CONTRO AUTO POLIZIA – “Giovani armati hanno sparato sulle auto della polizia che stavano perlustrando la zona”: è la testimonianza di Samia Ghali, senatrice socialista delle Bouches-du-Rhone, intervistata in diretta da I-télé. “Sono giovani senza scrupoli, probabilmente legati al traffico di droga”, ha detto ancora la senatrice, chiedendo al premier Manuel Valls di non cancellare la visita in programma per oggi a Marsiglia: “Lo Stato non può cedere davanti a queste violenze, sarebbe un fallimento”.

NON CI SONO FERITI  – “In teoria non ci sono feriti”: lo dice I-Télé. Le teste di cuoio sono ancora alla ricerca dei responsabili, mentre gli studenti sono ancora chiusi per motivi di sicurezza all’interno delle tre scuole della zona.

CASTELLANE, UN GHETTO DA 8MILA ABITANTI  – “Un ghetto di ottomila abitanti, dove non c’è niente, a parte palazzoni senza verde e traffico di droga”: il deputato delle Bouches-du-Rhone, Henri Jibrayel, descrive così la Castellane, il quartiere del nord di Marsiglia. “Bisogna fare in modo che le armi non entrano più nei nostri quartieri”, ha detto il deputato. L’attuale situazione “non è accettabile”.

 

Categorie
ESTERI

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE