Contattaci

PRETI PEDOFILI

Milano: Don Inzoli, prete accusato di pedofilia, al congresso omofobo sulla famiglia

Pubblicato

il

Don Inzoli già sacerdote di riferimento di Cl, espulso dalla Chiesa con delibera di papa Francesco e sotto indagine. Il moderatore Luigi Amicone: «Uno scherzo da preti…»

ià sacerdote di riferimento di Comunione e Liberazione. Ex presidente del Banco alimentare. Ma espulso dalla Chiesa con delibera di Papa Francesco inviata al vescovo di Crema per abusi sessuali su minori e sotto indagine dalla Procura di Cremona. Sabato il 64enne don Mauro Inzoli era a Milano. Nel Palazzo della Regione. Al convegno sulla famiglia promosso da Regione Lombardia, Alleanza Cattolica e Fondazione Tempi , e definito omofobo per le tesi sostenute. Don Inzoli non era nella primissima fila affollata di autorità, tra cui l’ex governatore Roberto Formigoni (del quale si dice sia stato uno dei confessori) e l’attuale presidente Roberto Maroni. Era subito dietro. In seconda fila. E nella stessa aula dove un ragazzo gay veniva allontanato dopo aver preso la parola.

Adesso c’è imbarazzo, nelle file di Comunione e Liberazione. Il moderatore del convegno, Luigi Amicone, fondatore di Tempi (rivista vicina a Cl), si limita a dire: «Ci han fatto uno scherzo da preti…». Il convegno non finisce mai di provocare polemiche. Don Inzoli l’ha invitato qualcuno oppure la sua è stata una decisione autonoma? Il professor Stefano Zecchi era il vicino di «posto» del sacerdote. Racconta: «Non c’erano posti pre-assegnati. Quest’uomo non lo conosco. È rimasto zitto tutto il tempo. Applaudiva molto, sì, me lo ricordo. E alla fine mi ha parlato di una storia strana, del fatto che i bimbi down non esistono più in Danimarca perché non li fanno nascere…».

Adesso c’è imbarazzo, nelle file di Comunione e Liberazione. Il moderatore del convegno, Luigi Amicone, fondatore di Tempi (rivista vicina a Cl), si limita a dire: «Ci han fatto uno scherzo da preti…». Il convegno non finisce mai di provocare polemiche. Don Inzoli l’ha invitato qualcuno oppure la sua è stata una decisione autonoma? Il professor Stefano Zecchi era il vicino di «posto» del sacerdote. Racconta: «Non c’erano posti pre-assegnati. Quest’uomo non lo conosco. È rimasto zitto tutto il tempo. Applaudiva molto, sì, me lo ricordo. E alla fine mi ha parlato di una storia strana, del fatto che i bimbi down non esistono più in Danimarca perché non li fanno nascere…».

Al convegno non poteva partecipare chiunque. C’era anche il ministro Maurizio Lupi e bisognava vigilare sugli ingressi. Se don Inzoli si è «registrato», possibile che nessuno se ne sia accorto? Un ruolo importante nell’organizzazione l’ha avuto Comunione e Liberazione: all’interno del movimento il sacerdote è figura ben nota. Certamente don Inzoli può andare ovunque, non ha limitazioni alla sua libertà. Però va ricordata la lettera che, dopo il «messaggio» papale del giugno scorso, il vescovo di Cremona, monsignor Oscar Cantoni indirizzò ai fedeli: «In nome della verità, in questi anni sono state eseguite rigorose ricerche che hanno comportato pazienti e sofferti confronti con le persone che hanno riferito i fatti. La Chiesa ha preso atto della situazione, ha condiviso le sofferenze riportate, ha aiutato le vittime a ritrovare serenità e speranza, e ha concluso che don Mauro potesse responsabilmente riparare le ferite causate dal suo comportamento».

Ignazio La Russa ad uno studente gay: “Culattone!”

Fonti interne al Pirellone rivelano al Corriere che don Inzoli è stato accreditato dalla segreteria del presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo. Un altro di quei politici nella primissima fila nel convegno di sabato ed esponente di spicco di Cl. Un altro a pochi centimetri di distanza dal sacerdote ribattezzato nel corso dei suoi anni turbolenti «don Mercedes», per la costosa macchina con la quale girava.

La portavoce del presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo lunedì mattina ha smentito: «La notizia non corrisponde al vero. Gli accrediti istituzionali sono stati gestiti, come è noto, dalla Giunta regionale e il convegno, peraltro, era aperto al pubblico. Gli unici accrediti effettuati dalla segreteria sono stati per la moglie del presidente e per i collaboratori che lo che lo hanno accompagnato».

Crediti :

il Corriere

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PRETI PEDOFILI

Violenze sui minori da parte di religiosi

Parrocchie chiamate a risarcire le vittime

Pubblicato

il

Una sentenza storica. È quella pronunciata nei mesi scorsi dal Tribunale civile di Como e confermata dai giudici dell’Appello di Milano (non vi è stato ricorso al terzo grado di giudizio).
Una decisione, quella maturata nel palazzo di giustizia lariano ormai tempo addietro (emersa solo in queste ore), che interviene in modo pesante nelle vicende di abusi da parte di religiosi avvenuti all’interno delle parrocchie e che mette nero su bianco il risarcimento alla vittima da parte della Diocesi e pure della parrocchia. La vicenda che ha portato a questa storica sentenza, che ha pochi precedenti in Italia, risale a molti anni fa. Un giovane fu costretto a subire abusi da parte di quello che era il suo parroco. Sentenza penale nel frattempo diventata definitiva. Il fascicolo era quindi finito sul tavolo del giudice civile, cui i parenti della vittima si erano rivolti per tutelare i propri interessi. Con loro, in udienza, erano stati citati anche la Diocesi di Como, dove il prete prestava la propria opera, e la parrocchia cui era stato assegnato e dove sarebbero avvenute le violenze. E il giudice ha riconosciuto la responsabilità di entrambi gli Enti ecclesiastici, chiamati a risarcire in solido la vittima e i genitori.

«Il parroco è il legale rappresentante della parrocchia – si legge nelle motivazioni – La rappresenta in tutti i negozi giuridici, ne amministra i beni. Il parroco è il “pastore” di una comunità di fedeli. Ed è la stessa Diocesi a riconoscere il ruolo di centralità del parroco nella gestione e nella amministrazione della parrocchia».
Premessa che porta poi a dire che «i fatti di grave violenza hanno trovato occasione nell’esercizio delle attività della parrocchia» cui il ragazzo era affidato. Da qui, dunque, le responsabilità dell’Ente religioso che al contrario sosteneva di essere lui stesso parte lesa «per colpa del comportamento del parroco». Sostenendo che quest’ultimo agiva come «privato cittadino» e per un fine «strettamente personale». Tesi tuttavia non accolta dai giudici. Per quanto riguarda la Diocesi, invece, i giudici hanno fatto notare come «il diritto canonico ponga in capo al Vescovo pregnanti doveri di vigilanza, controllo e direzione di tutta la Diocesi, comprese le parrocchie». Il parroco insomma, «pur non essendo legato da vincoli di lavoro subordinato con la Diocesi, è soggetto al potere di indirizzo e di controllo del Vescovo, il quale rappresenta la Diocesi, ed in ciò si sostanzia il rapporto di preposizione che giustifica» la decisione.





Licenza Creative Commons



Continua a leggere

PRETI PEDOFILI

Suore accusate di pedofilia, indagini in Cile

«Minori trattate come schiave»

Pubblicato

il

La Santa Sede ha inviato in Cile una missione per indagare sulle accuse di abuso sessuale rivolte alla Congregazione delle Suoredel Buon Samaritano del Molina, con sede nella diocesi di Talca, 240 chilometri a sud di Santiago del Cile. In un comunicato la Nunziatura della capitale ha precisato che la Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica svolgerà una visita apostolica nell’istituto delle Suore del Buon Samaritano del Molina che, cominciata mercoledì, durerà alcuni mesi.

Gli inviati sono suor Rosario Alonso, figlia di Maria Ausiliatrice, che sarà affiancata da Maurizio Bridio, frate francescano conventuale. Si tratta della prima indagine vaticana in una congregazione femminile del Cile, frutto di denunce fatte da ex suore alcuni mesi fa, filtrate alla stampa. La più sconvolgente è stata quella di Consuelo Gmez che ha raccontato ad un giornale cileno di essere stata vittima di abusi sessuali e di coscienza mentre era religiosa nella congregazione, oltre ad essere stata trattata come una «schiava».





Licenza Creative Commons



 

Crediti :

il Messaggero

Continua a leggere

PRETI PEDOFILI

Pedofilia: perquisiti gli archivi del presidente dei vescovi statunitensi

Decine di agenti di polizia federale e locale sono intervenuti a sorpresa negli uffici della diocesi di Galverston-Houston

Pubblicato

il

NEW YORK – In un drammatico sviluppo nella crisi degli abusi che è tornata a investire la Chiesa cattolica negli USA, decine di agenti di polizia federale e locale hanno fatto una perquisizione a sorpresa negli uffici della diocesi di Galverston-Houston cercando prove di un caso di abusi sessuali di cui l’arcivescovo cardinale Daniel DiNardo sarebbe stato a conoscenza e avrebbe egualmente insabbiato. DiNardo è anche il presidente della Conferenza Episcopale americana. Il raid a Houston è l’ultimo sintomo della nuova crisi degli abusi e relativi cover-up riemersa quando la scorsa estate un gran giurì della Pennsylvania ha pubblicato un dossier contenente i nomi di 300 preti molestatori.

La chiesa americana guidata dal cardinale DiNardo è al centro di inchieste federali in una decina di stati USA e il Dipartimento della Giustizia ha ordinato ai vescovi di non distruggere documenti che potrebbero contribuire a risolvere casi di molestie. Prima del raid di oggi, in ottobre il Procuratore generale del Michigan aveva mandato gli agenti in tutte e sette le diocesi dello stato. I Rangers dello stato del Texas sono usciti con scatoloni di documenti dalla lunga perquisizione a Houston – durata una decina di ore – con quello che i media statunitensi hanno definito “l’archivio segreto” della arcidiocesi.

Come volto pubblico della Chiesa americana, il cardinale DiNardo ha incoraggiato la massima cooperazione di tutti i vescovi e prelati statunitensi con le autorità civili. E tuttavia il suo ufficio ha definito “ingiustificata” la perquisizione asserendo che il materiale richiesto era già stato consegnato. Di diverso avviso è stata la Procura, secondo cui l’arcidiocesi non ha trasmesso tutta la documentazione al centro del caso in questione che riguarda il reverendo Manuel LaRosa-Lopez, arrestato in settembre per atti osceni su minore: “Ma se troviamo materiale relativo ad altri casi raccoglieremo anche quelli”, ha detto il sostituto procuratore J. Tyler Dunmam. Padre LaRosa-Lopez aveva lavorato per decenni per l’arcidiocesi. Il cardinale DiNardo lo aveva assegnato a lavorare con una parrocchia e promosso vicario per gli ispanici pur sapendo che era stato accusato nel 2001 di aver molestato una ragazzina.





Licenza Creative Commons



Continua a leggere

Chi Siamo

Database Preti Pedofili

I Casi più noti

Cerca Prete Pedofilo

Facebook

I più letti