Nel Regno Unito sei bambini autistici sono stati “curati” con la candeggina

La folle pratica di trattare i casi di autismo con candeggina diluita pare tornata di moda, almeno Oltremanica. Ecco perché è un trattamento inutile e probabilmente dannoso

Vecchie truffe e nuovi santoni. Era il 2010 quando, partendo dagli Stati Uniti, si era diffusa in tutto il mondo la demenziale pratica di tentare di curare una lunga serie di patologie attraverso un disinfettante a base di composti del cloro. Oggi, a distanza di quasi otto anni, pare che non sia cambiato granché (almeno nel Regno Unito), a parte due dettagli: il nome del guru, che prima era Jim Humble e ora invece è Danny Glass, e la tipologia di disturbi trattati, dato che ci si sta concentrando soprattutto sull’autismo.

ANTIBUFALA Attenzione! Rischio bufala elevato

Il fenomeno è tornato all’attenzione dei media dalla fine di gennaio, quando il quotidiano britannico Daily Mirror ha pubblicato una dettagliata inchiesta sull’attuale diffusione del fenomeno. Scoprendo che, solo negli ultimi mesi, almeno sei coppie di genitori sono state interrogate dalla polizia dopo essere state accusate di aver rischiato di avvelenare i propri figli autistici attraverso la somministrazione di trattamenti alternativi potenzialmente pericolosi.

I media britannici lo hanno definito scandalo Bleachgate, che da noi potrebbe essere tradotto con qualcosa del tipo Candeggiopoli.

Difficile credere che un genitore, seppur mosso dalla disperazione, possa essere così scellerato da somministrare a un infante della candeggina come quella che si trova in vendita nei supermercati. E infatti non è esattamente così poiché, al posto di una soluzione di ipoclorito di sodio al 10% come quella utilizzata per le disinfezioni domestiche, ne viene somministrata un’altra molto più diluita.

candeggina

(Foto: Sunday People)

La tesi pseudo-scientifica di chi promuove il trattamento

Il punto di partenza per giustificare i trattamenti  è l’idea che l’autismo sia causato da (non meglio precisati) parassiti che albergherebbero nel corpo dei bambini, accumulandosi soprattutto nell’apparato digerente e in particolare nel tratto intestinale. La fantomatica cura per l’autismo, dunque, consisterebbe in un lavaggio disinfettante da praticare per bocca o attraverso un clistere, impiegando opportune soluzioni candeggianti che possano uccidere ed eliminare i parassiti. La terapia (se così si può definire) pare possa prevedere fino a 16 somministrazioni al giorno per un periodo prolungato che va dai tre ai sei mesi, anche se solitamente si parla di 7 ingestioni per via orale o 3 clisteri al giorno. Una terapia da portare avanti anche qualora il bambino lamenti dolori e bruciori, confidando che siano il segno dell’efficacia del trattamento e notando che la capacità di sopportazione del paziente tende a migliorare giorno dopo giorno.

Ma cosa c’è dentro?
Su questo punto ormai i dubbi sono pochi, perché la composizione della soluzione è stata stabilita accuratamente. Il prodotto commerciale più spesso associato a questa pratica è la Miracle Mineral Solution (Mms), per la quale Salvo Di Grazia sul suo blog approfondì la questione più di sette anni fa. Originariamente, tra l’altro, la Mms era spacciata come la panacea per tutti i mali, mentre ora pare che il focus sia centrato sui trattamenti per l’autismo. In sintesi si tratta di una miscela molto diluita di ipoclorito di sodio e acido citrico, che reagendo formano una miscela comunemente impiegata (in forma concentrata) anche nelle industrie come detergente, sbiancante e smacchiante.

O è inutile, o fa male
Sul fatto che ingerire o spruzzarsi nell’intestino candeggina possa far male alla salute non c’è molto da aggiungere. I primi sintomi sono generalmente vomitodiarrea e disidratazione, a cui si aggiunge una lunga lista di altri effetti tossici a medio e lungo termine, inclusi possibili danni al dna dovuti al forte potere ossidante della sostanza.

Tuttavia nei prodotti come la Mms si utilizza un piccolo trucco di marketing, nel senso che si millantano fantastiche proprietà disinfettanti nonostante la soluzione in vendita sia poco più che acqua del rubinetto. Abbassando drasticamente la quantità di additivi a base di cloro, infatti, si ottiene nella pratica una miscela così diluita da avere concentrazioni di disinfettante paragonabili a quelle immesse negli acquedotti urbani, o al massimo come quelle di una piscina. In questo caso si riducono drasticamente anche gli effetti nocivi della soluzione, ma a maggior ragione diventa evidente che la miscela non possa avere alcun effetto benefico nel trattare l’autismo. Qualora la soluzione fosse più concentrata, invece, all’assenza di benefici si aggiungerebbero altri effetti collaterali da utilizzo prolungato come corrosione dei tessutiipercloremia e disordini idroelettrolitici, tanto più seri quanto più il bambino è piccolo.

La truffa ha un motore economico?
Con il vecchio santone Jim Humble il legame con il denaro era più evidente, perché oltre alla soluzione Mms (in vendita a 30 euro a flacone) si trovano online anche una serie suoi di libri che promuovono il trattamento e tentano di darne una giustificazione scientifica. Con Danny Glass, invece, la questione è un po’ più sottile, perché (almeno apparentemente) non c’è alcun guadagno diretto dalla promozione dei trattamenti.

(Foto: YouTube)

 

Noto anche come Sunfruit Dan, Glass è un ex tossicodipendente di origini britanniche ora trasferito in Thailandia, che lo scorso mese ha raccontato pubblicamente di aver causato la morte della propria fidanzata incinta in seguito a un incidente stradale dovuto alla sua guida spericolata. Visto il curriculum, è possibile che non ci sia alcun sopraffino piano economico, e probabilmente lo stesso Glass non ha ancora ben chiaro come monetizzare la propria popolarità. Anzi, secondo quanto emerso dall’inchiesta pare che altri abbiano già pensato di sfruttare i suoi video per avviare qualche attività.

Dettagli inquietanti e dove trovarli
Il Daily Mirror ha scoperto, grazie alla testimonianza di alcuni genitori, dell’esistenza di un gruppo segreto su Facebook in cui ci si scambiano consigli e feedback sulla terapia. E in cui si trovano altre persone riconducibili alla catena di distribuzione del Mms o che offrono consulenze a pagamento via Skype. Probabilmente sconfortati dall’assenza di una cura efficace per l’autismo, molti genitori che hanno deciso di tentare il trattamento si sono lasciati convincere da argomentazioni del tutto infondate e anti-scientifiche. Tra chi sostiene che ci sia un complotto da parte delle case farmaceutiche per mantenere sotto censura gli effetti benefici della candeggina diluita, chi realizza una sorta di statistica sulla base dei commenti sui miglioramenti clinici pubblicati online da parte dei genitori e chi chiede l’inserimento a posteriori della Mms tra le cure alternative soggette a sperimentazione clinica sull’uomo, purtroppo è difficile credere che il fenomeno si stia esaurendo.

       
     

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI | DONAZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Crediti :

Wired

Categorie
Bufale

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Lascia una recensione

1 Commento su "Nel Regno Unito sei bambini autistici sono stati “curati” con la candeggina"

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Ospite
Member

I vaccini fanno male, la candeggina invece…

Lista Siti con notizie fake
🔥 i più letti di oggi
Commenti più votati
  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

2

Pedofilia: una lettera mette nei guai il Papa

A giornalate in faccia come in Cile
  • 8 February 2018 by Giuseppe Maccaferri

2

Pedofilia: una lettera mette nei guai il Papa

IL PRETE PEDOFILO è UN CRIMINALE , IL PRETE GAY ...
  • 7 February 2018 by Graziella Di Gasparro

TI POTREBBE INTERESSARE