Contattaci

ESTERI

#ParisAttacks | Anonymous dietro le quinte

Pubblicato

il

Storia, origini e attualità del movimento hacker che combatte banche, governi e terroristi sul web

nonymous combatte una guerra senza quartiere contro l’ #ISIS da oltre un anno, prima ancora dell’attentato alla redazione di Charlie Hebdo. In diverse operazioni contro l’ISIS, ha dato un importante contributo a denunciare simpatizzanti, affiliati, militanti e reclutatori del network del terrore autoproclamatosi Stato Islamico. È cronaca di questi giorni che #Anonymous ha sferrato un attacco alla galassia jihadista dopo i terribili attentati di #Parigi del 13 novembre in cui sono morte centinaia di persone. Grazie ad un software da loro realizzato sono stati capaci di inibire 11mila account #twitter pro-ISIS, e annunciano nuove ed eclatanti azioni. Nessuno sa con certezza chi veste i panni di Anonymous, eppure la loro origine e le prime azioni dicono molto di più di quello che si può pensare.

jesuisparis2

MA CHI È ANONYMOUS?

Anonymous è un vasto ed eterogeneo gruppo di attivisti informatici aggregatosi inizialmente intorno al forum americano 4chan. Noti dal 2008 per gli attacchi informatici alla setta di Scientology, sono diventati famosi con l’operazione Payback e altre iniziative per rivendicare l’inutilità del copyright e le sentenze contro i downloader di materiali coperti da diritto d’autore.

Sono divenuti un soggetto riconosciuto a livello globale solo in occasione degli attacchi a Visa, Paypal, Mastercard e agli altri intermediari che avevano bloccato i conti di Wikileaks in seguito al cosiddetto Cablegate, cioè dopo la rivelazione dei cables, le comunicazioni riservate dell’apparato diplomatico statunitense. Si sono segnalati anche per attacchi alla #Cia, all’ #Fbi, a polizie e governi locali come quello ungherese, da loro considerato un governo fascista per aver limitato costituzionalmente il diritto all’informazione nel paese europeo.

wikileaks-op4-creative-commons-wikimedia

Il collettivo-non collettivo Anonymous interviene sempre quando c’è da difendere la diffusione dal basso di informazioni, o per punire coloro che la ostacolano, come nel caso di proposte di legge sul copyright che a loro dire limitano direttamente il diritto alla cultura e all’informazione. Quindi l’elemento che per lungo li ha caratterizzati è stata la battaglia contro la censura dei governi e la manipolazione religiosa. La prima aggregazione di Anonymous risale infatti al conflitto innescato contro la Chiesa di Scientology, con l’operazione Chanology.

Gli strumenti che usano sono molti e vari, dalle chat private per coordinarsi alle whiteboard come Pastebin per pubblicare comunicati, fino a blog a loro intestati gestiti anonimamente. Hanno tra i propri simboli la maschera di Guy Fawkes, il celebre rivoluzionario inglese, e un solo imperativo “non attaccare i media”.

ANONYMOUS, UNO PSEUDONIMO COLLETTIVO

Dati questi caratteri ricorrenti, il “fenomeno” Anonymous, non ha tuttavia forme definite che invece si possono cogliere solo nell’analisi dettagliata di singoli soggetti e singoli comportamenti che via via si rifanno alla sua filosofia. Anonymous è un movimento, non un’organizzazione. Non si sa chi ci sia dietro Anonymous. Singoli, gruppi organizzati, crew informatiche? Anonymous è uno pseudonimo collettivo, come lo fu Luther Blisset – l’agitatore culturale degli anni ’90 -, come lo fu il subcomandante Marcos – generale dell’esercito zapatista di liberazione nazionale (EZLN) -, e segue le stesse logiche:

Anonymous si mostra per nascondersi, si nasconde per mostrarsi. Chiunque può indossare la sua maschera e usarne il nome

Chiunque se ne può appropriare. Tranne in pochi e limitati casi svelati da Fbi e Interpol, e attualmente ancora al vaglio della magistratura, nessuno sa per certo quali soggetti e gruppi attivi sul web autonominatisi Anonymous abbiano deciso a tavolino azioni e logiche di sviluppo del movimento come accaduto nel caso degli attacchi a H. B. Gary e alla Stratfor. Le due società di consulenza strategica e di intelligence sotto contratto delle Difesa Americana, sono state più volte attaccate da Anonymous e nel caso di Stratfor, Anonymous ha reso pubbliche cinque milioni di email che hanno svelato la strategia di delegittimazione immaginata contro Julian Assange e Wikileaks.

Anonymous-Knowledge-is-Free-Expect-Us

Verosimile è ritenere che la dinamica prevalente sia quella dell’emulazione, supportata poi dalla diffusione di competenze all’interno di comunità impermamenti basate su vincoli di reciprocità, fiducia e appartenenza. La grande forza del movimento è proprio questa: la capacità di socializzare tecniche e tattiche di guerriglia digitale con i meno versati (nell’informatica e nella comunicazione), anche se la forza e l’efficacia delle loro azioni riposa sempre su stretti legami personali precedenti o costruiti ad hoc durante le operazioni e sulla capacità di coinvolgere un pubblico più vasto e non sempre preparato a parteciparvi sia dal punto di vista politico che tecnico. E in effetti alcuni dei risultati mediaticamente più importanti sono stati ottenuti attraverso attacchi DDoS organizzati via botnet e gestiti da uno sparuto gruppo di attivisti che per questo loro ruolo hanno anche egemonizzato il fenomeno per un breve lasso di tempo.

DDOS, I CANNONI INFORMATICI DI ANONYMOUS

I DDoS, i Distributed denial of service (la negazione temporanea di un servizio #internet) – realizzati con strumenti molto semplici, e non tecnicamente sicuri, quali il LOIC (Low orbit Ion Cannon) – che intasano le connessioni dei server web fino a farli collassare, sono un’evoluzione del Netstrike, ma una volta scaricati, se non correttamente configurati e usati con precauzione possono e sono diventati un cavallo di troia per gli apparati di sorveglianza e repressione. E tuttavia la logica di Anonymous è sempre stata che una volta individuato un target, che si usino certi strumenti anziché altri, da quel momento in poi

chiunque partecipi all’azione ha la responsabilità personale di quello che fa

Nonostante i pesanti interventi della polizia verso alcuni dei partecipanti a questi attacchi, individuati più per la loro leggerezza che per le competenze degli investigatori, nessuno può sostenere con certezza di averne individuato i leader o dichiarare con sicumera di aver messo fuori gioco il collettivo/movimento. Anonymous è un meme, come le prime goliardate su 4chan. Anche se prendessero 100 sedicenti appartenenti ad Anonymous non cambierebbe niente. Quando in #Europa 100 mila persone vanno in piazza lo stesso giorno con le maschere di Guy Fawkes per protestare contro ACTA, e innalzano cartelli ad Anonymous, la repressione ha già perso.

We are Anonymous
We are a Legion
We do not forgive
We do not forget
Expect us

DAGLI ARRESTI ALLA MILLION MASK MARCH DI ANONYMOUS

E infatti nonostante alcuni elementi di spicco della sua galassia, come Sabu, siano stati costretti a collaborare con l’FBI dopo essere stati scoperti, e nonostante una serie di arresti condotti sia in #USA che in Europa, dal 2008 al 2013, Anonymous ha continuato a condurre attacchi informatici contro siti istituzionali o di grandi aziende, anche dopo la vasta eco mediatica prodotta dall’operazione di #polizia contro Lulzsec negli Usa. In Italia, dove un’operazione di polizia ha prodotto 4 arresti fra gli Anonymous, la stravagante compagine di attivisti ha “defacciato” e “dossato” numerosi siti istituzionali come quello di Equitalia, l’agenzia di riscossione crediti del ministero dell’Economia, e sono entrati furtivamente anche in quello del #Vaticano. Molte sono le azioni a loro intitolate. Una di queste, a carattere internazionale, “l’operazione Lolita” (#OpDarknet), ha avuto come target una serie di forum di dedicati alla pedopornografia nel Darkweb.

anonymous_remember

 

Il 5 novembre 2010, nel giorno della ricorrenza della Congiura delle polveri, in omaggio al rivoluzionario inglese Guy Fawkes denunciato e torturato prima di riuscire nell’intento di far esplodere la Camera dei Lord con 36 barili di polvere pirica, gli Anonymous hanno convocato attraverso #Facebook la Million Mask March per protestare a livello globale contro la società della sorveglianza e delle disuguaglianze chiedendo libertà per Edward Snowden, il whistleblower del Datagate. La data non è quindi causale. L’immagine stilizzata del rivoluzionario cattolico Guy Fawkes  è diventata da tempo il volto di Anonymous. Una maschera, un simbolo di ribellione tornato alla ribalta delle cronache per il futuristico V per Vendetta, la graphic novel di Alan Moore immortalata dalla cinepresa dei fratelli Wachowsky nell’omonimo film dove V, vestendo i panni di Guy Fawkes fa tremare un regime orwelliano che controlla e indirizza in maniera autoritaria i suoi cittadini terrorizzandoli. Anche il nome dato alla manifestazione ha una forte valenza simbolica. La marcia evoca la Million Marijuana March che si svolge anche in Italia e quella organizzata nel 1995 dal controverso leader della Nation of Islam, Louis Farrakhan, per i diritti dei neri denominata Million Man March e che pure ricalcava la gande marcia del 1963 quando Martin Luther King pronunciò il suo celebre discorso alla nazione.

La marcia da allora si ripete ogni anno all’insegna di una canzone folk inglese che comincia così: “Remeber, remember, the 5th of November.

#OPKKK E #OPISIS, ANONYMOUS FINO AD OGGI

Le iniziative di Anonymous contro ogni forma di ingiustizia sono molte. Vale la pena di ricordare l’operazione contro i cappucci bianchi del Ku Klu Klan. Nell’ #OpKKK gli Anonymous hanno deciso di agire in seguito all’uccisione di un giovane afroamericano a Ferguson, in Missouri, denunciando nomi, email e account Facebook degli appartenenti al movimento dei suprematisti bianchi razzisti che in America continua a perseguitare minoranze etniche e religiose. Qualcosa simile all’#OpIsrael in cui hanno svelato i nomi degli impiegati statali filosionisti, per denunciare le terribili condizioni dei palestinesi di Gaza, fino ad arrivare alla violazione delle infrastrutture informatiche dell’ISIS.

In una serie di operazioni anti-ISIS hanno violato account Facebook e Twitter, pubblicato email di simpatizzanti e fiancheggiatori del sedicente Califfato, oscurato siti di propaganda #jihadista nell’ordine di migliaia. Un’attività condotta con strumenti diversificati, con un lavoro certosino di intelligence gathering, cioè di raccolta di informazioni da loro chiamata “doxing“, che è servita innanzitutto agli inizi del 2015 a individuare i reclutatori e gli informatici dell’ISIS per inibire alla base la loro capacità di propaganda web e che ha portato anche all’arresto di alcuni hacker jihadisti.

 

È stato proprio in questa occasione che è risultato evidente come il “movimento” fosse variegato e diffuso. Il video che annunciava l’operazione Ice-ISIS, (Congeliamo l’ISIS) era stato realizzato da un gruppo parallelo, The Red Cult che, che pur non rinunciando al proprio nome aveva adottato lo stile e l’immaginario di Anonymous, chiarendo per la prima volta l’eterogeneità dei partecipanti alle azioni intitolate ad Anonymous “Siamo ebrei e musulmani, ricchi e poveri, eterosessuali e gay, attivisti e poliziotti, ricchi e poveri.”

Lo schema degli attacchi alla galassia filo-jihadista si è in parte ripetuto con l’operazione Parigi (#OpParis), all’indomani degli attentati che il 13 novembre a Parigi hanno ucciso 130 persone. Annunciata da un video, l’operazione ha portato alla chiusura di oltre 10mila account twitter di propaganda islamista, motivo delle minacce successivamente ricevute dagli Anonymous che avevano messo in piedi l’operazione coordinata da un gruppo di italiani.

Anche qui, per quanto l’operazione principale fosse condotta dagli Anons italiani sotto il cappello di Anonymous, altri due gruppi come GhostSec e Ghost Security Group (una sorta di spin-off del primo, considerata emanazione dei servizi d’intelligence americani), hanno partecipato, con mezzi, strategie e metodi diversificati.

ANONYMOUS IN ITALIA: #FREEAKEN, #FREEOTHERWISE

In effetti gli Anons italiani hanno spesso avuto un ruolo di primo piano nelle operazioni di vigilantismo e denuncia targate Anonymous. E si sono caratterizzati per la scelta di target “politici” come il Cnaipic, l’Agenzia delle Entrate, Equitalia, i siti della Polizia di Stato e quelli dei fascisti di Forza Nuova, come pure del Ministero della Difesa e di quello della Giustizia. Anche qui il discrimine per distinguere se i protagonisti fossero dentro o fuori, emuli o fork di Anonymous non è sempre facile. Come nel caso di un gruppo che ha attaccato i server di Intesa San Paolo e Unipol banca per diffondere email e password di direttori e impiegati. Unico modo per attribuire ad #AnonymousItaly le operazioni è verificarne la legittimazione attraverso il blog ufficiale impegnato da tempo nella campagna per la liberazione di due anon italiani, Aken e Otherwise. E poi ancora le azioni contro l’EXPO2015 che hanno portato nella notte del 30 aprile 2015 alla chiusura temporanea della biglietteria virtuale dell’esposizione mondiale nonostante le smentite dei responsabili dell’evento milanese. Oppure quella del giorno precedente contro l’Agenzia del Farmaco per denunciare gli effetti devastanti degli psicofarmaci, degli ogm, dei pesticidi della Monsanto e l’inquinamento globale.

E in omaggio a una tradizione risalente agli albori della telematica sociale italiana cresciuta intorno ai Centri Sociali Occupati e Autogestiti e agli hacker meeting italiani, le azioni delle crew italiane degli hacker di Anonymous hanno avuto sempre un alto livello di politicizzazione. Con una particolarità: l’argomentazione precisa e fattuale dei motivi degli attacchi, fossero defacciamenti o DDoS, con comunicati sempre ben scritti e documentati.

 

 

Crediti :

Chefuturo.it

ESTERI

La Germania accoglierà il 25% dei migranti che arrivano in Italia

Lo ha confermato il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer in un’intervista alla Sueddeutsche Zeitung. Una analoga disponibilità è stata manifestata, spiega, anche dalla Francia

Pubblicato

il

La Germania è pronta ad accogliere un quarto dei migranti salvati nel Mediterraneo e approdati in Italia. Lo ha confermato il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer in un’intervista alla Sueddeutsche Zeitung, spiegando che una analoga disponibilità è stata manifestata dalla Francia. Questa proposta per una soluzione temporanea della suddivisione dei migranti fra i Paesi europei verrà presentata, a detta della SZ, al vertice dei ministri degli Interni dell’Ue fissata per il 23 settembre a Malta per essere esposta ufficialmente al Consiglio europeo di ottobre.

“Io ho sempre detto che la nostra politica migratoria debba anche essere umana e che non faremo affogare nessuno”, ha spiegato Seehofer al giornale bavarese. “I colloqui stanno continuando, ma se tutto rimane come abbiamo detto, possiamo accogliere il 25% delle persone salvate in mare che finiscono in Italia. Con questo la nostra politica migratoria non sarà sovraccaricata”.

Una precedente ipotesi lanciata da Seehofer, secondo la quale i profughi andrebbero riportati in appositi centri in Nordafrica dove esaminare prima le domande d’asilo, è invece stato messo da parte, per ora. “Per quello sarebbe necessario l’assenso di uno o due Paesi nordafricani, e quello per ora non c’è”.

A Italia, Francia, Germania e Malta che sono intenti a fissare un primo e provvisorio regolamento per la suddivisione delle quote, dovrebbero seguire altri Paesi, afferma il ministro dell’Interno del governo di Angela Merkel: “La nostra aspettativa è che altri Stati si aggiungeranno”, ha detto Seehofer, secondo il quale finora la Germania ha già accolto più o meno un quarto delle persone salvate in mare. Stando ai dati del ministero federale dell’Interno, negli scorsi dodici mesi sono stati 561 i profughi salvati nel Mediterraneo che sono giunti in Germania passando dall’Italia.





Licenza Creative Commons



Crediti :

AGI

Continua a leggere

ESTERI

11 settembre 2001: il video del secolo

Le nuove immagini, pubblicate su Youtube a 17 anni dall’attentato che ha cambiato il mondo, mostrano quanto accaduto negli attimi dopo la caduta delle Torri Gemelle a New York

Pubblicato

il

Tenetevi forte, come dicono i venditori di emozioni. Possiamo garantirvi che non avete mai visto ciò che state per vedere. Queste immagini non provengono dalla fabbrica delle illusioni, non siamo a Hollywood, e non vedrete mirabolanti effetti speciali inventati da un computer.
L’effetto speciale qui è un uomo. Un uomo di origine italiana, Mark LaGanga, che lavorava come operatore per la CBS la mattina dell’11 Settembre 2001, quando sono venute giù le Torri Gemelle al World Trade Center.
Mark LaGanga è soltanto uno che fa il suo lavoro. E lo fa senza accorgersi, nemmeno per un attimo, che sta per lasciarci la pelle.
Dopo il crollo di una delle due Torri, Mark LaGanga cammina contromano rispetto alla folla che fugge dal disastro.
Mark si avvicina alla Torre Sud che è ancora in piedi, inquadra a lungo gli ultimi piani avvolti dalle fiamme, aspetta a piè fermo che la tragedia si compia. Poi viene anche lui travolto dal crollo, cade a terra, lo schermo diventa completamente nero, ma il suo microfono continua a registrare i suoni attorno a lui.
Pochi minuti di un’angoscia indescrivibile, sprofondati nel buio.

Ma ecco che Mark si rialza, riesce persino a trovare la forza di pulire l’obiettivo come un automobilista pulirebbe il parabrezza, e riparte.
Mark LaGanga incontra altri uomini come lui e ha il coraggio di intervistarli. Si imbatte nel dirigente di un’azienda, anche lui di origine italiana, Mike Benfante, che gli racconta di essere appena venuto giù a piedi dalla Torre Nord portando sulle spalle una donna paralitica per 68 piani.
L’operatore della CBS incontra addirittura un agente appartenente a un non meglio identificato reparto dei Servizi Segreti, alquanto smarrito, che si dichiara candidamente come tale.
Mark registra le reazioni più diverse. Quella di chi stenta a credere di essere ancora vivo e si rallegra con se stesso di poter “ancora correre a 69 anni”, come quella di chi non vuole nemmeno parlare perché non sa più, da quel preciso momento, che senso potrà ancora avere la propria vita.
È un film folle come è folle, da quel giorno, la nostra vita.
Perché tutto è cominciato quel giorno.
Perché da allora tutto è cambiato.

Perché da quel giorno conviviamo tutti i giorni con l’odio, con il terrorismo, con la fine del mondo.
Perché la storia dell’umanità si spezza tra il prima e il dopo l’11 Settembre 2001.
Quel giorno, al World Trade Center hanno perso la vita circa 3300 persone.
Un terzo è letteralmente sparito dalla faccia della Terra.
Di 1100 vittime non è stata trovata neppure un’unghia.

Tutti quei corpi si sono squagliati lentamente, molto lentamente, sotto le macerie. Immagino cosa proveranno nel vedere queste immagini tutti coloro che erano legati a queste 1100 persone e che continuano a pregare, da diciassette anni a questa parte, davanti a bare vuote. Io stesso, arrivato a New York tre giorni dopo, non potrò mai dimenticare quel tanfo di bruciato, così diverso da quello di MacDonald, che correva inesorabile nel vento, di giorno e di notte, tra i blocks di Manhattan, Harlem, Bronx e Tribeca.
Questi 29 minuti di footage straordinariamente restaurato in HD, e dotato di un suono altrettanto limpido, potrebbero rappresentare la fine e l’inizio di qualcosa. Forse segneranno il declino di tanti blockbuster catastrofici hollywoodiani che mettono in scena disastri per puro intrattenimento.
Oggi che viviamo a stretto contatto con una quantità impressionante di immagini che intasano i nostri cervelli come pattumiere indifferenziate, dopo aver vissuto con gli occhi di Mark LaGanga ciò che accadde l’11 Settembre del 2001 a New York, molto probabilmente tutti noi non saremo più gli stessi.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

ESTERI

«Bugiardo, non sei stato sulla Luna», regista complottista aggredisce con la Bibbia Buzz Aldrin e lui l’atterra con un pugno Video

Non ha riportato alcuna conseguenza penale per quel pugno sferrato al volto di un tipo che crede che le missioni Apollo siano un inganno

Pubblicato

il

Quando ci vuole ci vuole, tanto è vero che Buzz Aldrin, il secondo uomo a camminare sulla Luna, non ha riportato alcuna conseguenza penale per quel pugno sferrato al volto di un tipo che crede che le missioni Apollo siano un inganno ordito dal governo americano con la complicità della Nasa e degli studios di Hollywood.

Opinione più che legittima, per quanto non sostenuta da prove, ma comunque da non impugnare come una clava aggredendo l’anziano astronauta in pubblico accusandolo di essere  «un codardo, un bugiardo e un ladro». Pesanti calunnie che hanno innescato il destro dell’eroe dell’Apollo 11, come registrato in un video diffuso in questi giorni durante i quali si ricorda il 50° anniversario della conquista della Luna. Un video visto e twittato da oltre due milioni di persone in poche ore.

n realtà l’episodio di Beverly Hills è del 2002 e riguarda, come riporta Usa Today, l’ex regista Bart Sibrel, del Tennesee, che all’epoca aveva 38 anni, così come Buzz Aldrin di anni ne aveva allora 72 quando reagì con le maniere forti a quelle assurde accuse espresse con tanta e immotivata veemenza nei confronti per di più di una persona di quell’età. La polizia lasciò poi perdere ritenendo, con coerenza, che il pluridecorato Aldrin fosse stato provocato.

Il pugno arrivò dopo un lungo tampinamento di Sibrel al quale Aldrin, nella sua spaziale pazienza, aveva comunque inizialmente concesso di esprimere le proprie idee. Niente, l’inseguimento davanti alla sala-conferenze era proseguito a lungo fino a culminare nell’aggressione verbale con una sfilza di calunnie.

Con queste sceneggiate, del resto, Sibrel, autore di alcuni film “corti, si era un fatto un nome utile a sostenere la tesi del complotto firmando alcuni “documentari” puntualmente smentiti dagli scienziati. Per anni ha inoltre molestato  Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins chiedendo loro di giurare sulla Bibbia. Di solito incassava un cortese diniego ma quel giorno del 2002 gli andò peggio. Buzz Aldrin era a Beverly Hills per assistere a un programma giapponese per ragazzi e venne avvicinato pià volte da Sibrel, con la Bibbia in mano, all’uscita dell’hotel. Aldrin gentilmente rifiutò per l’ennesima volta di prestarsi all’assurda “cerimonia”, ma poi Sibrel continuò a importunarlo fino a urlargli in faccia quella serie di ingiurie. Nonostate la differenza di età e di altezza, l’anziano e assai più basso astronauta si liberò infine del molestatore.

In questi giorni dedicati all’epopea lunare la vicenda è stata rievocata andando a cercare lo stesso Sibrel che non ha cambiato idea: crede anncora alla – ridicola – ipotesi della cospirazione che avrebbe coinvolto 400mila persone per fingere di mandare l’uomo sulla Luna persino con la complicità indiretta anche dei russi che seguirono in diretta lo sbarco con le loro sonde senza poter fare altro che ammettere la sconfitta.

Come ha ricordato anche di recente Samantha Cristoforetti, citando i protagonisti di quell’impresa, sarebbe stato molto più difficile fare finita di andare sulla Luna che sbarcarci davvero.





Licenza Creative Commons



Crediti :

il Messaggero

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Per compensare interruzioni mercati dopo stop produzione saudita [...]

Stop a circa 5,7 mln barili al giorno, 50% della Aramco [...]

Rivendicati da Houthi. Trump, sostegno ad autodifesa Riad [...]

Secondo Giulio Cavalli e terzo Paolo Colagrande [...]

Doc Kapadia, già a Cannes fuori concorso, in sala dal 23 al 27 [...]

"Per avere dedicato la sua vita agli altri senza chiedere nulla" [...]

Cobas Scuola, aveva esercitato proprio diritto di critica [...]

La vittima un 60enne. Era in coda a gruppo di cicloescursionisti [...]

Il marchigiano Giuseppe Ottaviani, ha iniziato sport a 70 anni [...]

Presidente, fetta importante economia e nuove norme corrette [...]

Stop a circa 5,7 mln barili al giorno, 50% della Aramco [...]

Rivendicati da Houthi. Trump, sostegno ad autodifesa Riad [...]

Katica Janeva è in carcere per corruzione e abuso di potere [...]

Ormeggiata a Pevek, presto in funzione [...]

Coincidenze numerologiche ne fanno simbolo di speranza [...]

'Guai a farci prendere da facili entusiasmi, ci sarà da lottare' [...]

Il 16enne sblocca, Suarez firma doppietta. In gol anche De Jong [...]

L'Inter è da sola al comando della classifica provvisoria [...]

Ha deciso il confronto una rete nel primo tempo di Sensi [...]

Comincia male l'avvicinamento al match Champions contro la Juve [...]

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

I più letti