Pedofilia, il Vaticano si oppone all’estradizione di monsignor Capella e invoca immunità diplomatica

La Santa Sede ha opposto l'immunità diplomatica contro il mandato d'arresto emesso dalle autorità canadesi

Monsignor Carlo Alberto Capella, il funzionario della Nunziatura apostolica di Washington destinatario di un mandato d’arresto da parte delle autorità canadesi per detenzione e diffusione di materiale pedopornografico, non sarà estradato in Canada e sarà processato in Vaticano. La Santa Sede ha opposto contro il mandato d’arresto l’immunità diplomatica. Monsignor Capella è attualmente detenuto in Vaticano, presso il Collegio dei Penitenzieri.

RICHIAMATO DA WASHINGTON ALL’INIZIO DI SETTEMBRE

Il religioso era stato richiamato da Washington all’inizio di settembre. La polizia canadese lo accusa di possesso e distribuzione di materiale pedopornografico, scaricato durante un soggiorno in Canada tra il 24 e il 27 dicembre scorsi. Capella avrebbe utilizzato «l’indirizzo di un computer in una chiesa locale».

LA DIOCESI HA COLLABORATO CON GLI INQUIRENTI

L’inchiesta contro di lui è iniziata con una segnalazione del Centro nazionale di coordinamento contro lo sfruttamento dei bambini. La diocesi di London, in Ontario, ha collaborato con gli inquirenti.

     
 
 

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Crediti :

Lettere 43

Categorie
CRIMINI VATICANI SUI MINORI

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma.
Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni
Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni

TI POTREBBE INTERESSARE