Contattaci

Medicina

Peggiora la bimba con il tetano «È tutto assurdo»

Bambina col tetano a 10 anni in rianimazione a Verona, non era vaccinata

Pubblicato

il

Maria, chiamiamola così, è ricoverata da una settimana all’ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento. Padiglione 30, terapia intensiva pediatrica, piano interrato. Si scendono le scale e si arriva davanti al reparto che nel lato sinistro ospita i neonati chiusi nelle incubatrici, oltre la porta di destra, invece, cura i più grandi.

Tra questi c’è Maria, la bimba di 10 anni di Povegliano che lotta disperata da giorni contro il tetano. Nessun vaccino, i genitori non hanno fatto alcuna profilassi nè a lei nè alla sorella più piccola per nessuna delle patologie per le quali la legge impone di «coprire» fin dalla nascita i figli. Per Maria la scelta novax di mamma e papà è stata fatale: s’è sbucciata un ginocchio, è partita l’infezione, il batterio è entrato in circolo e, da quando martedì scorso è stata ricoverata, piano piano le ha tolto le principali funzioni vitali, riducendola in condizioni disperate.  Maria è intubata, è sedata ed è via via peggiorata: non è più in grado di respirare da sola, non è cosciente, drenaggi ovunque e macchine sempre in funzione stanno lavorando per salvarla.

Nella sala d’attesa della Tip (Terapia intensiva pediatrica) si riposano le mamme che assistono i loro piccoli. Escono pochi minuti dal reparto metaforicamente a «prendere aria» – lì sotto non c’è – lasciando le loro creature alle cure delle infermiere. «Stanno cambiando la flebo», diceva ieri una, «ne approfitto per fare due passi qui».

«L’HO VISTA ENTRARE CON UN CEROTTO…»

E parlando di Maria: «È assurdo come in poco tempo il tetano l’abbia ridotta. Io l’ho vista entrare in reparto sulle sue gambe, la settimana scorsa, aveva un cerotto sul ginocchio ma era in piedi, camminava da sola, stava bene. Sapere adesso che è stesa su quel letto in condizioni così gravi fa tanto, tanto male. E fa pensare. Mi auguro che lo facciano tutti quelli che, in tutta questa vicenda, hanno delle responsabilità oggettive». E poi un’altra mamma: «Ognuno dei bambini qui è ricoverato nella propria stanza quindi più di tanto nessuno sa come sta il cucciolo della porta accanto. È ovvio, tra genitori ci scambiamo qualche parola ma non si può fare con tutti: li vedi subito quelli che hanno i figli in condizioni gravi, capisci che non hanno voglia di niente e non ha senso dire nulla. La mamme e il papà di Maria sono gentilissimi ma non si staccano mai dal suo letto. Di sicuro», sospira con gli occhi lucidi, «siamo tutti con il fiato sospeso, speriamo ce la faccia, speriamo che qualcuno guardi in giù».

LA VICENDA IN TRIBUNALE

La vicenda di Maria è finita in Tribunale: l’autorità giudiziaria sta cercando di verificare se ci siano responsabilità penali legate alla mancata vaccinazione della bambina. Le carte sono sul tavolo del procuratore capo di Verona Angela Barbaglio che, pur invitando alla prudenza in attesa di conoscere gli sviluppi dello stato di salute della piccola, fa intendere che è stata scritta una notizia di reatoa carico dei genitori. «Bisogna stare attenti a misurare ogni movimento, con la massima comprensione per il profilo umano», puntualizza, «dall’altra parte però è chiaro che un caso del genere non può passare inosservato, si tratta di una vaccinazione obbligatoria, prevista dalla nostra legislazione».

La legge è la 119 del 2017: prevede, per i genitori inadempienti, «una sanzione amministrativa da 100 a 500 euro e l’accesso vietato alle scuole per l’infanzia incluse quelle private non paritarie». La mamma e il papà di Maria rischiano di essere indagati per lesioni, al momento.



Licenza Creative Commons




Crediti :

l'Arena

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Medicina

Un po’ di chiarezza sul paragone tra coronavirus e influenza

È un’associazione che ha poco senso, ma cerchiamo di guardare ai numeri citati dagli scienziati

Pubblicato

il

Il nuovo coronavirus si è diffuso anche in Italia e ha ormai superato i 100 contagi, con 5 vittime. E ha scatenato un ciclone non solo mediatico ma anche scientifico, con medici di varie discipline che si sfidano a colpi di post sui social network. È importante ricordare, però, che il paragone con l’influenza o con altre polmoniti non è appropriato, come ci ha detto per esempio Pier Luigi Lopalco, epidemiologo docente di Igiene all’università di Pisa, dato che si tratta di un virus completamente nuovo per il sistema immunitario e per cui non abbiamo ancora vaccini o terapie. Ma cerchiamo di fare chiarezza sui dati.

Partiamo dall’ultima polemica, quella di Maria Rita Gismondo, direttore responsabile del laboratorio dell’ospedale Sacco di Milano, che si è sfogata sul suo profilo Facebook scrivendo che la situazione attuale “a me sembra una folliaSi è scambiata un’infezione appena più seria di un’influenza per una pandemia letale. Non è così. Guardate i numeri”.

E riferisce un dato che “durante la scorsa settimana la mortalità per influenza è stata di 217 decessi al giorno!”, indicando che l’influenza uccide più del coronavirus. Il post è stato poi rimosso. Ma questo ha scatenato una polemica fra specialisti, dato che il virologo Roberto Burioni è insorto correggendo le cifre riportate da Gismondo e spiegando che i 217 decessi non sono (o almeno non solo) i morti per influenza. In effetti, non è semplice calcolare con precisione quante persone perdono la vita per complicanze dovute a virus influenzali. Ecco come comparare – per quanto possibile – i dati sulla letalità del nuovo coronavirus Sars-Cov-2 e l’influenza.

I decessi sono per tutte le cause negli over 65

L’Istituto superiore di sanità (Iss), come ogni anno, svolge una sorveglianza (InfluWeb e FluNews) sull’andamento dell’influenza stagionale, con i dati della mortalità e un confronto con i dati dell’anno precedente, nello stesso periodo. I 217 decessi si riferiscono alla settimana dal 3 al 9 febbraio 2020, come si legge sulla pagina dell’Iss, la stessa riportata su Facebook da Maria Rita Gismondo, dove si legge che “durante la sesta settimana del 2020 la mortalità (totale) è stata lievemente inferiore al dato atteso, con una media giornaliera di 217 decessi rispetto ai 238 attesi”.

Studiare l’andamento della mortalità

Il dato è stato poi commentato da Burioni, che ha smentito che il numero 217 indichi i per influenza di quella settimana. Il virologo ha precisato che questa cifra misura un altro parametro (ed è spiegata nei nei principi metodologici spiegati su FluNews). In particolare, si tratta di persone con più di 65 anni decedute per qualsiasi causa in quella settimana, che risiedevano in 19 città italiane campione. Mentre il numero di decessi atteso (in questo caso 238) è una media giornaliera per quella data settimana ottenuta tramite dati storici (degli ultimi 5 anni).

La cifra dei morti dell’anno in corso, poi, viene paragonata con quello atteso. Questo confronto serve a stimare l’andamento della mortalità in persone più a rischio (over 65) e poter eventualmente individuare qualche anomalia – per esempio un aumento dei casi rispetto alla media che possa essere attribuito a un’influenza stagionale più aggressiva della media (l’influenza non è sempre uguale). Ma al 9 febbraio, dati alla mano, quest’anomalia non c’è.

I morti per influenza

Ma un dato sui episodi gravi e sui decessi effettivamente riconducibili all’influenza c’è. Durante tutto il periodo della sorveglianza – a oggi 7 settimane – ci sono stati 5.632.000 casi di influenza, di cui 157 gravi, in cui la presenza del virus influenzale è stata provata in laboratorio e in cui spesso erano presenti patologie preesistenti. Inoltre, nelle sette settimane sono stati registrati 30 decessi. Prendendo in considerazione questi dati, il tasso di mortalità sarebbe molto basso (frazioni dell’unità, in percentuale) – molto inferiore rispetto a quello del coronavirus – anche se ancora non è possibile calcolarlo anche perché la stagione influenzale non è terminata.

Per quanto riguarda la letalità del nuovo coronavirus, stime precise si potranno fare soltanto alla fine. Il conto attuale (numero dei decessi sul totale dei contagiati riferiti dall’Oms) indica che il tasso della mortalità potrebbe aggirarsi intorno al 3%.



Licenza Creative Commons




Crediti :

wired

Continua a leggere

Medicina

Video – Coronavirus: l’intervento di Roberto Burioni sulle ultime notizie in arrivo da Codogno

Pubblicato

il

Video di propretà  di Medical Facts, psternità di Roberto Burioni, inserito in queste pagine aal solo scopo di diffusione scientifica.



Licenza Creative Commons




 

Continua a leggere

Medicina

I casi di coronavirus nel lodigiano sono sei

Ci sono tre casi in più rispetto a quanto fosse stato annunciato questa mattina. Si sta indagano sui collegamenti con l’uomo di 38 anni di Codogno

Pubblicato

il

Sono sei i casi di nuovo coronavirus nel lodigiano, ha affermato durante la conferenza stampa tenuta dall’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera, alla presenza del presidente Attilio Fontana e dell’assessore alla Protezione civile Pietro Foroni. Si tratta di tre casi in più rispetto a quanto riportavano le notizie di questa mattina. “Si tratta di tre persone che si sono presentate in ospedale di Codogno con una polmonite importante. Stiamo indagando e cercando di capire se ci siano stati dei contatti con i casi già conosciuti“, Maria Gramegna, dirigente dell’unità operativa Prevenzione del Dg Welfare. Si tratta di uomini e donne.

Al momento si stanno eseguendo 150 tamponi a operatori sanitari, medici e parenti stretti dell’uomo di 38 anni che nella serata del 21 febbraio si è presentato al pronto soccorso ed è poi risultato positivo al nuovo coronavirus. “L’uomo aveva accusato i primi sintomi il giorno 15 febbraio, si è recato al pronto soccorso il 18 con uno stato febbrile, ma è stato rimandato a casa dopo alcune ore. Essendo peggiorato, è poi tornato al pronto soccorso, è stato ricoverato ed è risultato positivo al coronavirus“, ha raccontato Gallera.

Dopo insistenti domande in terapia intensiva, i medici hanno scoperto dalla moglie, positiva anche lei al coronavirus e al momento ricoverata all’ospedale Sacco di Milano, che l’uomo aveva frequentato un collega tornato il 21 gennaio scorso dalla Cina. Quest’ultimo ha riscontrato una leggera febbre, ma al momento non è risultato positivo al virus: questo significa che l’infezione non è in corso, ma potrebbe essere guarito, per questo si aspettano notizie dall’Istituto superiore di sanità, che verificherà la presenza di anticorpi. Il terzo caso di cui si era a conoscenza riguarda un amico, portato in ambulanza all’ospedale di Codogno per una polmonite, con cui il primo contagiato del lodigiano, con cui condivideva attività sportive. La moglie, insegnante incinta all’ottavo mese, è ricoverata al Sacco ma non lavorava da mesi a scuola.

In via precauzionale, nei comuni di CodognoCastiglione sull’Adda e Casal Pusterlengo, si consiglia di non uscire da casa per evitare una diffusione del virus. Si tratta di una misura volontaria e non obbligatoria, utile a evitare i contatti diretti.

Invece le persone che hanno avuto a che fare direttamente con gli infetti, e di cui si sta ricostruendo la rete sociale, saranno messi in quarantena. Questa è possibile o nel loro domicilio (per chi possiede una stanza e un bagno riservati, portando sempre in casa la mascherina al di fuori di questi locali), oppure in luoghi adatti che la Regione, insieme al ministero della Difesa, sta ancora

individuando.



Licenza Creative Commons




Crediti :

Wired

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

DAL MONDO DELLA RICERCA

  • Le Scienze
  • Nature (EN)
  • Immunologia

Comunicato stampa - Una pellicola sottilissima e biodegradabile in grado di rivestire volumi di acqu [...]

Comunicato stampa - Un nuovo strumento bioinformatico individua rapidamente le alterazioni del genom [...]

Comunicato stampa - Individuate le relazioni causa-effetto che hanno determinato lo sciame simico du [...]

Nature, Published online: 25 February 2020; doi:10.1038/d41586-020-00154-wUpdates on the respiratory [...]

Nature, Published online: 25 February 2020; doi:10.1038/d41586-020-00500-yJournals, funders and scho [...]

Nature, Published online: 25 February 2020; doi:10.1038/d41586-020-00505-7It is irresponsible to sup [...]

Comunicato stampa - Lo rivela uno studio condotto dal Cnr-Ibcn in collaborazione con il laboratorio [...]

Una molecola che si trova nei vasi sanguigni e interagisce con il sistema immunitario contribuisce a [...]

Comunicato stampa - Uno studio internazionale pubblicato su The Lancet mette in discussione la sicur [...]

E’ davvero un medico?

Coronavirus

Casi in tempo reale . Clicca l’immagine per la mappa interattiva

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829 

 

 

 

 

 

I più letti