Poliziotte ferite col machete. Aggressore: “Allah akbar”

Belgio, islamico attacca e ferisce due poliziotte a colpi di machete gridando “Allah akbar”.  Ucciso da un terzo poliziotto

n nuovo episodio di violenza a sfondo religioso riaccende il terrore in Europa: due poliziotte sono rimaste ferite oggi in un attacco con machete a Charleroi, in Belgio. Un terzo poliziotto ha sparato contro l’aggressore, uccidendolo. L’assalitore, secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, prima di attaccare ha urlato “Allah akbar”. Dopo essere stato colpito è stato trasportato in ospedale, dove è morto. Le due poliziotte ferite, una in modo lieve, l’altra più seriamente, sono state portate in ospedale: la più grave ha subito un’operazione, ma non è in pericolo di vita. La reazione delle istituzioni, che parlano di azione dalla “connotazione terrorista“, è stata immediata: il premier belga, Charles Michel, è subito tornato dalle vacanze e ha convocato una riunione dei servizi di sicurezza del Paese, mentre subito dopo l’attacco il ministro dell’interno ha riunito l’antiterrorismo che sta investigando sull’ Isis .

[epq-quote align=”align-left”]Gridava “Allah akbar” mentre colpiva le poliziotte a colpi di machete[/epq-quote]Ancora sconosciuta l’identità dell’assalitore che alle 15.58 si è presentato al check point esterno del commissariato di Charleroi con un borsone. Poco dopo l’arrivo, ha estratto il machete urlando ‘Dio è grande’: poi ha colpito prima al volto una poliziotta. Poi si è scagliato sull’altra. L’assalitore era riuscito a eludere il dispositivo di sicurezza predisposto intorno al principale commissariato della città belga, situata una sessantina di chilometri a sud di Bruxelles. Dopo l’episodio, le forze dell’ordine hanno chiuso l’area, boulevard Pierre Mayence, nel centro di Charleroi. Rimarrà inaccessibile al pubblico fino al termine delle indagini. La vicenda è attualmente al vaglio anche dell’Ocam, l’anti-terrorismo federale.

Su Twitter, il premier Charles Michel e il ministro dell’Interno belga Jan Janbon hanno condannato l’attacco e hanno mandato un messaggio alle famiglie delle due poliziotte.

Su BdS un articolo che potrebbe interessarti:

Soldati dell’ Isis

Il terrorismo islamico non sembra dare tregua

L’assalitore delle poliziotte non è stato ancora identificato, ma sembra essere di nuovo un attacco con connotazione terrorista“, ha detto Michel alla tv Rtl. Secondo le prime ipotesi, sembra probabile che l’episodio sia simile a quelli accaduti negli ultimi tempi: dalla coppia di poliziotti francesi uccisi  da un terrorista affiliato dell’ Isis a Magnanville, nell’hinterland di Parigi il 13 giugno, all’attacco con un’ascia sul treno tedesco a Wurzburg  . È probabile che si tratti di terroristi improvvisati, che si radicalizzano in fretta e compiono attacchi contro obiettivi scelti a caso.

La guerra religiosa contro la laicità

Nota di redazione BdS: gli obiettivi colpiti dall’estremismo islamico continuano ad essere sempre e comunque obiettivi laici fatta eccezione di un singolo episodio dove la vittima è stata un anziano prete,  seguito da una sorta di incontro  generale tra cattolici ed islamici, quest’ultimi ospitati nelle chiese in una sorta di comune unione di fratellanza.

 
 

Licenza Creative Commons

 
Categorie
Breaking NewsCriminologiaESTERI

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Un Commento
  • Marco Dimitri
    7 agosto 2016 at 02:40
    Replica al Commento

    Una guerra religiosa a tutti gli effetti. Del resto il terrorismo, verbale, ideologico o diretto è il motore delle religioni

  • Replica al Commento

    Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




    *

    *

    Preti Pedofili
    Libere Donazioni
    Ultimi Commenti

    TI POTREBBE INTERESSARE