Poliziotte ferite col machete. Aggressore: “Allah akbar”

Belgio, islamico attacca e ferisce due poliziotte a colpi di machete gridando “Allah akbar”.  Ucciso da un terzo poliziotto

n nuovo episodio di violenza a sfondo religioso riaccende il terrore in Europa: due poliziotte sono rimaste ferite oggi in un attacco con machete a Charleroi, in Belgio. Un terzo poliziotto ha sparato contro l’aggressore, uccidendolo. L’assalitore, secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, prima di attaccare ha urlato “Allah akbar”. Dopo essere stato colpito è stato trasportato in ospedale, dove è morto. Le due poliziotte ferite, una in modo lieve, l’altra più seriamente, sono state portate in ospedale: la più grave ha subito un’operazione, ma non è in pericolo di vita. La reazione delle istituzioni, che parlano di azione dalla “connotazione terrorista“, è stata immediata: il premier belga, Charles Michel, è subito tornato dalle vacanze e ha convocato una riunione dei servizi di sicurezza del Paese, mentre subito dopo l’attacco il ministro dell’interno ha riunito l’antiterrorismo che sta investigando sull’ Isis .

[epq-quote align=”align-left”]Gridava “Allah akbar” mentre colpiva le poliziotte a colpi di machete[/epq-quote]Ancora sconosciuta l’identità dell’assalitore che alle 15.58 si è presentato al check point esterno del commissariato di Charleroi con un borsone. Poco dopo l’arrivo, ha estratto il machete urlando ‘Dio è grande’: poi ha colpito prima al volto una poliziotta. Poi si è scagliato sull’altra. L’assalitore era riuscito a eludere il dispositivo di sicurezza predisposto intorno al principale commissariato della città belga, situata una sessantina di chilometri a sud di Bruxelles. Dopo l’episodio, le forze dell’ordine hanno chiuso l’area, boulevard Pierre Mayence, nel centro di Charleroi. Rimarrà inaccessibile al pubblico fino al termine delle indagini. La vicenda è attualmente al vaglio anche dell’Ocam, l’anti-terrorismo federale.

Su Twitter, il premier Charles Michel e il ministro dell’Interno belga Jan Janbon hanno condannato l’attacco e hanno mandato un messaggio alle famiglie delle due poliziotte.

Su BdS un articolo che potrebbe interessarti:

Soldati dell’ Isis

Il terrorismo islamico non sembra dare tregua

L’assalitore delle poliziotte non è stato ancora identificato, ma sembra essere di nuovo un attacco con connotazione terrorista“, ha detto Michel alla tv Rtl. Secondo le prime ipotesi, sembra probabile che l’episodio sia simile a quelli accaduti negli ultimi tempi: dalla coppia di poliziotti francesi uccisi  da un terrorista affiliato dell’ Isis a Magnanville, nell’hinterland di Parigi il 13 giugno, all’attacco con un’ascia sul treno tedesco a Wurzburg  . È probabile che si tratti di terroristi improvvisati, che si radicalizzano in fretta e compiono attacchi contro obiettivi scelti a caso.

La guerra religiosa contro la laicità

Nota di redazione BdS: gli obiettivi colpiti dall’estremismo islamico continuano ad essere sempre e comunque obiettivi laici fatta eccezione di un singolo episodio dove la vittima è stata un anziano prete,  seguito da una sorta di incontro  generale tra cattolici ed islamici, quest’ultimi ospitati nelle chiese in una sorta di comune unione di fratellanza.

     
 
 

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI

 

Licenza Creative Commons

 
Categorie
Breaking NewsCriminologiaESTERI

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma.
Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni
Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Un Commento
  • Marco Dimitri
    7 agosto 2016 at 02:40
    Replica al Commento

    Una guerra religiosa a tutti gli effetti. Del resto il terrorismo, verbale, ideologico o diretto è il motore delle religioni

  • Replica al Commento

    Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




    *

    *

    Lista Siti fake
    Preti Pedofili
    Libere Donazioni
    Ultimi Commenti

    TI POTREBBE INTERESSARE