Quelle inaccettabili lezioni cielline sull’etica

wyuQuhCCapita anche questo nel terzo millennio, in un paese a forma di penisola sempre più declinante. Capita che il vero leader ciellino, il cardinale di Milano Angelo Scola, arcivescovo di Milano, sia stato invitato dalla Consob, la Commissione nazionale per le società e la Borsa (i cui vertici sono nominati dal presidente della Repubblica su proposta del presidente del Consiglio dei Ministri), quale ospite d’onore all’incontro annuale con il mercato finanziario. Nel corso del quale ha intrattenuto gli astanti spiegando loro la necessità che “tutta l’economia e la finanza siano etiche”. Ottimo auspicio. Che cozza però contro la realtà. Quella dell’economia e quella della finanza. Ma soprattutto quella di Comunione e Liberazione.

 

 Nel­le in­ter­cet­ta­zio­ni si au­to­de­fi­ni­sce or­go­glio­sa­men­te “cri­stia­no”

 

Solo pochi giorni dopo arriva l’ennesima smentita a Scola, e Milano viene travolta dall’ennesimo scandalo-Expo. Che, oltre a diversi residuati della Prima Repubblica e qualche bel nome della Seconda, rigorosamente bipartisan, mette di mezzo anche un cardinale, Giuseppe Versaldi. Quello che in pratica è il ministro delle finanze del Vaticano. Tra gli arrestati il pezzo grosso è Angelo Paris, responsabile dell’ufficio acquisti, che nelle intercettazioni si autodefinisce orgogliosamente “cristiano”, anche se non ciellino. I ciellini erano quelli a cui voleva fare le scarpe. Scontri tra cricche, si direbbe.Agli atti c’è anche il nome di Maurizio Lupi, ministro delle infrastrutture e ciellino doc. Intervistato da Repubblica, visto che non è indagato, ha respinto con decisione l’eventualità di dare le dimissioni. Alla domanda sul perché il movimento fondato da Don Giussani riesca nella difficile impresa di finire coinvolto in tutte le grandi inchieste per corruzione in Lombardia, dove per due decenni ha di fatto amministrato direttamente la Regione, Lupi ha risposto che “Cl non entra in nessuna indagine, Cl è da sempre un movimento che educa la mia fede. Il punto è la responsabilità personale di ognuno di noi e se qualcuno sbaglia deve pagare”.

 

[xyz-ihs snippet=”58″]

 

Fa piacere che nel mondo cattolico si riconosca un po’ di valore alla responsabilità individuale, se si pensa all’aberrante dogma del peccato originale, alle colpe dei padri che devono ricadere sui figli e all’applicazione pratica di tale concetto già nel IV secolo, con l’impossibilità legale per gli apostati di lasciare in eredità i propri beni ai discendenti. Eppure, quando quasi tutti gli esponenti politici di un movimento finiscono coinvolti in inchieste giudiziarie, quel movimento qualche domanda dovrebbe pur porsela, e qualche decisione dovrebbe pur prenderla. Magari allontanando chi ne oscura l’immagine.

E invece niente. Niente da parte di Cielle, niente da parte di Scola, e niente nemmeno da parte della Chiesa cattolica. La circostanza è ancora più evidente in tempi di pontefici frequentemente additati come rivoluzionari (specialmente da chi non appartiene alla Chiesa cattolica, e mostra spesso di conoscerla ben poco). Papi che non hanno avuto alcun problema a ricevere in udienza Lupi e Formigoni.

Nomol­la­no e nes­su­no sem­bra in­te­res­sa­to a ri­muo­ver­li

Qualche domandina potrebbero porsela anche gli elettori. Lupi è ancora ministro e non ha alcuna intenzione di mollare la poltrona, così come è ancora al suo posto l’inossidabile, ma sempre più impresentabile Roberto Formigoni, presidente della commissione agricoltura del Senato. Non mollano e nessuno sembra interessato a rimuoverli. È ancora sul palcoscenico persino Silvio Berlusconi, il cui maestro di politica fu — ve lo ricordate? — Angelo Scola. Proprio colui che ora veste di porpora e ci ammannisce lezioni di eticità.

Nessuno vuole ovviamente impedire che i cattolici entrino in politica. Ma sarebbe utile che non contribuissero ad accrescere il già dilagante malaffare. Soprattutto, sarebbe utile che le istituzioni la finissero di andare a prendere lezioni di moralità dai ciellini, alla Consob o direttamente al Meeting di Rimini (a sua volta rinviato a giudizio): se i maestri sono questi, figuriamoci gli allievi. Perché non li rottamano? Matteo Renzi, simpatizzante giovanile di Cielle, ha un chiacchierato braccio destro, Marco Carrai, letteralmente organico al movimento. Il premier non ha nessuna svolta buona da effettuare in materia?

La redazione

Categorie
LAICITA' E RAZIONALISMO

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE