Radiato dall’Ordine dei Medici Roberto Gava, il medico antivaccini

E' uno dei paladini dei no-vax. Il presidente dell'Istituto superiore di sanità Ricciardi: "Grazie, è il primo allontanato per il suo comportamento non etico e antiscientifico nei confronti dei vaccini"

L’Ordine dei medici di Treviso ha radiato Roberto Gava, considerato uno dei paladini dei no-vax in Italia. E’ la prima volta che un dottore su quelle posizioni subisce la sanzione disciplinare più dura. In carriera, Roberto Gava ha tra l’altro pubblicato vari libri sui rischi legati alla vaccinazione e organizzato convegni sul tema. Sul suo sito riferisce di essersi specializzato in cardiologia, farmacologia clinica, tossicologia medica e perfezionato in agopuntura, omeopatia, bioetica.

“Da una ventina d’anni – scrive ancora online – sta cercando di studiare gli approcci medici non convenzionali rivedendoli anche alla luce delle attuali conoscenze scientifiche, essendosi convinto che il medico deve aprirsi a molte tecniche terapeutiche scegliendo di volta in volta per il suo paziente quella più appropriata”. E ancora: “L’uomo, infatti, è un mistero all’uomo stesso e ogni paziente ha la sua storia e la sua individualità: il medico non può non considerare l’unicità e l’unitarietà di ogni persona, specialmente quando questa è malata e cerca la salute”.

In serata il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) Walter Ricciardi ha affidato la sua soddisfazione ad un tweet: “Grazie a Ordine medici Treviso per aver radiato primo medico per il suo comportamento non etico e antiscientifico nei confronti dei #vaccini “.

 


La decisione dell’Ordine di Treviso si baserebbe anche su un documento della Fnomceo (la Federazione degli Ordini) del luglio scorso nel quale appunto si prevedevano sanzioni disciplinari per i professionisti che sconsigliano la vaccinazione.

Roberto Burioni del San Raffaele parla di radiazione che “porta l’Italia tra i paesi civili. Oggi il nostro riconoscimento deve andare alll’Ordine dei Medici di Treviso che, radiando Roberto Gava ha coraggiosamente scritto una pagina fondamentale nella difesa della dignità della professione medica e della salute dei pazienti nel nostro Paese. Questo importantissimo precedente, che speriamo serva di monito severo ai medici che perseverano sulla linea di chi ha subito l’infamia della radiazione, è di una importanza fondamentale. Oggi è un giorno magnifico per chi crede nella scienza, nella verità, nella medicina vera ed è una drammatica, rovinosa e definitiva sconfitta per gli antivaccinisti. Grazie Treviso, bellissima città a me cara. Questa sera sono orgoglioso di essere Medico come non mai”.

 

Roberto Gava

Roberto Gava, radiato dall’Ordine dei Medici

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha detto di non voler entrare nel merito del caso specifico “perché c’è un principio che bisogna rispettare ed è quello che consegna agli ordini professionali la totale autonomia in merito ai procedimenti e alle sanzioni disciplinari nei confronti degli iscritti. Ma questo è un momento in cui è necessario assumere delle posizioni chiare. La vaccinazione è l’arma di prevenzione più efficace e questo lo dice la #scienza “.

Sono gli avvocati di Roberto Gava, Silvio Riondato e Giorgio Piccolotto, che in un comunicato rendono nota la decisione dell’Ordine dei medici, specificando che ancora non c’è la motivazione, e polemizzano su come è nata. “La difesa del dottor Gava nota che la radiazione è conforme alle attese fin dalle primissime fasi del procedimento, perché già allora il presidente dell’Ordine Luigino Guarini ha comunicato a più persone che il procedimento contro Roberto Gava sarebbe stato un ‘processo a Galileo Galilei’, il quale com’è noto è stato ingiustamente e pesantemente condannato, come ora capita al dottor Gava”.

I legali lamentano violazioni del diritto di difesa. E inoltre “al dottor Gava non è stato contestato alcun pericolo o danno subìto da suoi pazienti, nessuno dei quali si è dimostrato scontento di lui, anzi tutti sono pienamente soddisfatti come ne hanno reso testimonianza e ribadito anche in pubbliche manifestazioni di apprezzamento. Il dottor Gava è stato condannato soltanto per le sue idee, idee ben fondate sull’esigenza di personalizzazione di ogni vaccinazione per prevenire i gravi pericoli e i vari danni da vaccino ai singoli pazienti, contro la vaccinazione indiscriminata di massa”. Nelle settimane dell’indagine della commissione disciplinare dell’Ordine, Gava tra l’altro aveva dichiarato di non essere contrario alle vaccinazioni e di essere stato spesso frainteso quando ne parlava.

Adesso gli avvocati ribadiscono: “Vorrebbero definire il dottor Gava come antivaccinista, mentre egli è un bravo professionista che tende a non utilizzare i vaccini solo quando essi sono sconsigliabili, o quando non può fare altrimenti perché i pazienti li rifiutano com’è nel loro diritto fondamentale costituzionale che va rispettato. E’ una condanna che sta contro i pazienti che non possono o non vogliono vaccinarsi”.

Come prevedono le regole che disciplinano l’Ordine, Gava può fare ricorso, cosa che sospende gli effetti della decisione disciplinare in attesa della decisione del consiglio nazionale. In pratica, in attesa del secondo grado la sanzione non viene comminata.

     
 
 

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

 

Crediti :

la Repubblica

Categorie
LAICITA' E RAZIONALISMO

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE