Contattaci

Comunicati BdS

Santoni, sétte, previsioni dei terremoti, abusi

Pubblicato

il

Nei precedenti articoli ho messo in evidenza le “previsioni” sismiche di Giuliani e Calandra. Il modus agendi, oltre che a costituire un pericolo per  la collettività, sembra proprio aderire ad un tipico contesto settario

marco dimitri

Moltissime persone che hanno vissuto un terremoto subiscono comprensibilmente un grande trauma psicologico. Il trauma si sviluppa in varie direzioni, le più frequenti vanno dall’ansia fino al vero e proprio disturbo da attacchi di panico (denominato DAP). Il DAP  è l’ultimo stadio dello spettro dell’ansia e può essere molto violento,  una sua caratteristica è quella di  manifestarsi anche dopo anni che si è subito un trauma psicologico. Non è raro che si manifesti quando un soggetto è in un periodo di quiete, di relax. Del resto prende proprio il nome dal greco Pan, vista la tipicità di aggredire all’improvviso.

Nel caso  il trauma sia dovuto all’argomento “terremoto” subentra sovente uno stato di IPERVIGILANZA dove il soggetto vive nel costante terrore di una scossa di terremoto, questo terrore si proietta anche negli affetti, è tipico il timore costante che possa accadere qualcosa ai propri figli o ai propri cari.

In questi frangenti il livello culturale del soggetto può scendere in secondo piano, vista l’odierna imprevedibilità di un sisma da parte della scienza, subentra una meccanica ossessiva di ricerca per una soluzione, per avere un attimo di tranquillità. Questa ricerca viene effettuata a 360 gradi ed Internet è un terreno molto facile perchè di accesso immediato.

Si tenga presente che il terremoto distrugge e / o minaccia le basi fondamentali della sicurezza personale e dell’intimità (casa, affetti…). Il disturbo che ne deriva porta le persone a non dormire più tanto è l’apprensione dell’arrivo di una nuova scossa.
Finiscono sovente col cadere nelle spire di queste sétte, capeggiate da santoni che dichiarano di essere ambasciatori di verità.
Il tipico atteggiamento del santone è tenere letteralmente al guinzaglio le persone, quindi arriva a dire di essere l’unico al mondo in grado di prevedere un sisma, in grado di misurarne la magnitudo. La vittima viene istruita a non dare retta alla scienza perchè tutti gli scienziati sbagliano e / o sono in accordo a nascondere verità.
E’ tipico di questi personaggi non dialogare coi seguaci ma adottare un sistema in cui delle “spalle” comunque dei sottoposti rispondano in loro vece ed in modo meccanico (stesse risposte a molteplici domande, quasi una nenia imparata a memoria).

Le obiezioni delle vittime vengono subito attaccate, la tipica frase che viene loro detta è “Se non credi a quello che LUI dice, perchè stai qua?“.
La vittima viene quindi ammonita, gli viene fatto intendere che perderebbe la speranza di sapere in anticipo se vi sarà un terremoto, quindi desiste e continua col proprio atteggiamento sottomissivo. In questi frangenti la serena capacità di intendere e ragionare razionalmente viene vinta dalla paura.

Ma, il vero punto di forza dei capi setta è sfruttare lo stato di inibizione della ragione dei sottomessi e di fare leva sul loro stato di ipervigilanza in maniera da non abbassare MAI la loro tensione. Un tipico comunicato di “previsione” sismica si conclude sempre con frasi di minaccia tipiche e bene conosciute: “State attenti” “Prestate attenzione” “State con le orecchie dritte” . Lo fanno per aumentare ancora di più l’agonia delle proprie vittime e fare in maniera che queste non possano allontanarsi dal controllo psicologico.

Le repliche alle millantate quanto impossibili “previsioni” constano solo in ringraziamenti rilasciati a “coro”. Al primo dubbio il soggetto viene assalito dai seguaci, invitato a desistere pena l’espulsione. Il “ban” o l’espulsione viene vissuto come una punizione, un castigo in cui “chi rimane sa cosa accadrà ma chi viene allontanato rimane nell’oblio, solo con le proprie paure”.
La soluzione più ovvia e fare chiudere i canali di diffusione in maniera da dare uno stop inviolabile a quello che appare a tutti gli effetti come un crimine di abuso di persone in stato di bisogno, di procurato allarme ed altri ancora.
Non esitate a denunciare alle autorità questi personaggi nel caso stiate vivendo un’esperienza simile. Non sarete mai soli.

Ricapitolando il modus agendi dei santoni:

  • Affermano di essere gli unici a prevedere i terremoti
  • Affermano di essere in possesso di metodi e macchinari speciali per prevedere i terremoti
  • Lamentano di essere perseguitati dalla comunità scientifica
  • Affermano che la scienza è inutile, composta da incapaci, manovrata dalle lobby
  • Lamentano di essere in possesso di metodi per prevedere i terremoti ma questi metodi sono da perfezionare e / o da estendere e quindi servono donazioni di denaro
  • Diventano irascibili ed intolleranti a qualsiasi obiezione gli venga sollevata
  • Raramente rispondono alle domande, anzi evitano il dialogo
  • Sottomettono i seguaci  premendo sullo stato di sofferenza psicologica

Comportamento del seguace:

  • Rifiuto di ogni evidenza logica
  • Incapacità di notare che spesso le “previsioni sismiche” vengono  diffuse quando un terremoto è già avvenuto
  • Incapacità di notare che spesso, le “previsioni” riguardano zone già compromesse e che rilasciano eventi sismici di magnitudo pari o superiorea quella “profetizzata”
  • Atteggiamento remissivo nei confronti del santone
  • Costante ricerca di attenzioni da parte del santone osannando le sue millantate capacità
  • Continui ringraziamenti e “like” qualsiasi cosa il santone dica
  • Rifiuto di essere appellati come persone sofferenti di un disagio psicologico dovuto ad un forte trauma
  • Dipendenza quasi maniacale dalle parole del santone

Per quanto riguarda l’ansia ed il panico  dovuti all’argomento “terremoto” chiunque può avere quei disturbi indipendentemente dal tempo o dall’esperienza vissuta.  Anche gente al di fuori dell’epicentro dove è avvenuto il sisma, sviluppa patologie a volte molto marcate dettate dalla paura di quello che ha visto o di quello che potrebbe accadere a se stessi, ai propri figli (moltissime mamme in quelle pagine che attendono dove dovere dormire).  I disturbi psicologici legati al DAP possono subentrare anche dopo anni da una situazione metabolizzata male.
Del resto Il panico è una fase molto successiva, è un’elaborazione molto più profonda e si può sviluppare anche dopo anni. Chi già ne soffre può avere un input nel trauma anche sentendo in tv che c’è stato un terremoto, iniziano a manifestare crisi in cui si ha il terrore ingestibile che possa accadere anche alla propria famiglia. Subentra una sensazione di “morte imminente”, ripetuti attacchi, ansia anticipatoria tra un attacco e l’altro.

Il terremoto è quindi il nemico invisibile ma consistente, è il nemico che ti punta il coltello alla gola, ti porta via le persone amate, i beni, la casa. Il santone, solo lui ha la soluzione perchè la scienza non fa nulla, non è capace di prevedere un terremoto.

il DAP è un disturbo ripetitivo, anche giornaliero, di attacchi di panico ed è poliedrico, sviluppa paure infantili, depersonalizzazione, anoressia, bulimia, ovvio da soggetto a soggetto e subentrano anche psicosi molto marcate. Le cure ci sono fortunatamente ma servono anche anni di costanza. Questo i santoni lo sanno benissimo e fanno leva proprio sulla sofferenza psicologica dei seguaci.

Ora, se si trattasse di cartomanzia, se si trattasse di ruba-soldi e polli da spennare, potrebbe anche starci ma qua siamo all’interno di un circolo molto pericoloso: i terremoti uccidono e rilasciare, come purtroppo spesso accade, delle “previsioni” in cui si tranquillizza, potrebbe risultare fatale per persone, famiglie, intere comunità.

Se pensate ad una mia esagerazione, guardate il messaggio di una professionista che lavora in sala operatoria (oscuro il nome per motivi di evidente privacy)

 

Quello che ho risposto è di rivolgersi alla Polizia di Stato la quale ha anche uno sportello pubblico su Facebook di dialogo ed informazione col cittadino, si chiama Agente Lisa . Questo nel caso si sentisse abusata psicologicamente dal santone.

L’Autorità Giudiziaria può fare molto, nonostante reati come l’abuso della credulità siano stati depenalizzati. Rimangono in piedi reati come il procurato allarme, anche se non viene esercitato direttamente dal santone alle autorità o ai pubblici esercizi, può essere un reato istigato dai falsi comunicati di previsione. Un cittadino apprensivo legge che ci sarà un terremoto molto forte ed informerà le autorità. In questo caso il reato rimane istigato dal santone che ha diffuso  le false previsioni che hanno portato all’allarme.

Anche chiedere soldi, donazioni, 5 X 1.000 ed iscrizioni con la promessa di estendere sistemi di monitoraggio sismico rivolto ad abbozzare una previsione è reato nel momento in cui si millanta di avere metodi e macchinari allo stato inesistenti (truffa).

Anche l’esercizio del mestiere di ciarlatano è un reato:

L’art. 121, ultimo comma, del Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza (T. U. L. P. S. Regio decreto 1816/31, n. 773) dice:

È vietato il mestiere di ciarlatano

L’art. 231 del relativo regolamento per l’esecuzione (Regio decreto 615/40, n. 635) specifica:

Sotto la denominazione di “mestiere di ciarlatano” si comprende ogni attività diretta a speculare sull’altrui credulità, o a sfruttare od alimentare l’altrui pregiudizio, come gli indovini, gli interpreti di sogni, i cartomanti, coloro che esercitano giochi di sortilegio, incantesimi, esorcismi, o millantano o affettano in pubblico grande valentia nella propria arte o professione, o magnificano ricette o specifici, cui attribuiscono virtù straordinarie o miracolose.

Non solo Stefano Calandra, Giampaolo Giuliani e soci sono i dispensatori di  falsi comunicati, purtroppo nella nostra bella Italia anche altri stanno  percorrendo il terreno dell’abuso psicologico e del relativo facile profitto.

Giuliani prevedeva un terremoto al di sotto e non superiore a magnitudo 3, perchè aveva visto che lo sciame del centro Italia attivato dopo il terremoto di Amatrice stava rilasciando proprio diverse repliche (assestamenti) di quella magnitudo, quindi giocare  puntando sul 3 era una vittoria assicurata, invece è arrivato un 5.4 , per fortuna perchè così la zona è stata evacuata ed è arrivato il sisma di 6.5 quando  la gente si era già messa in salvo, altrimenti ci sarebbe stata una nuova strage ed un’altra data da ricordare come se non ne avessimo già abbastanza.

Quindi Giampaolo Giuliani “prevede” un sisma di magnitudo 3 ed arriva un sisma di magnitudo 6.5.

Quattro giorni fa torna a “prevedere” degli assestamenti ed afferma che  saranno al massimo di magnitudo 3, invece è arrivata una replica di magnitudo 4.3. Già due volte è andata bene alla popolzaione ma statisticamente non può andare sempre bene ed arriverà purtroppo il giorno che ci saranno tanti morti. Mai scherzare coi terremoti, ci sono tanti modi di fare dei soldi ma mai scherzare con la vita delle persone.

La stessa cosa vale per Stefano Calandra, altro amico di Giuliani, millanta di avere previsto un terremoto nel centro Italia quando chiunque poteva aspettarselo visto che era compromesso da una  intensa attività sismica. Tra l’altro sbaglia di un giorno, ipotizza sia l’Italia che la Grecia che altre zone.

Segue un’altra “previsione” in cui Stefano Calandra prevede un sisma nientemeno che in tutta Italia, nell’arco di tre giorni. Ovviamente non è successo nulla tranne il fatto che ha collezionato  l’ennesimo riscontro di non essere padrone di alcun metodo di previsione e di essere un cialatano.





Licenza Creative Commons



 

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Comunicati BdS

Caro complottista, sulla Luna ci siamo stati davvero

Houston abbiamo un problema: migliaia di complottisti che negano l’impresa più bella del mondo. Un mondo piatto ovviamente, partorito da menti piatte

Pubblicato

il

A distanza di 50 anni c’è ancora chi crede che  l’allunaggio  fu un falso mostrato in faccia al mondo. Ma dai complottisti  possiamo aspettarci di tutto, li abbiamo visti in azione negli ultimi anni. Oggi sono arrivati alla conclusione che la Terra sia piatta, che l’immunità di gregge sia inutile. Tutto un complotto globale insomma…

marco dimitri

Menti mediocri che non accettano il fatto che possano esistere menti non mediocri, l’autodifesa di poveri stupidi incapaci di accettare che altri uomini abbiano  conquistato, abbiano compiuto imprese sollevando per quanto possibile il genere umano dal profondo dell’oscurantismo.

Per fingere un viaggio sulla Luna avrebbero dovuto essere complici un mare di persone: l’esercito, la Marina militare, la polizia, tutti gli impiegati della Nasa, tutti gli astronomi che hanno seguito l’impresa coi telescopi, i Russi, gli scienziati…

Quale complotto? Vediamo cosa dicono i signori complottisti:

1 Sulla superficie lunare c’è una grande escursione termica fra il giorno e la notte: la temperatura diurna può raggiungere anche i 130° C, mentre quella diurna può scendere a -170 °C. Con le tute di allora non sarebbe stato possibile sopravvivere.

Apollo/Skylab A7L, la tuta creata per il programma Apollo, utilizzata anche per le tre missioni Skylab e la missione Apollo-Sojuz

La tuta era pressurizzata, i complottisti dimenticano che sulla Luna non c’è atmosfera, quindi a raggiungere i  130°C ed i -170°C è solo il suolo lunare. Stiamo parlando di temperature estreme, le “passeggiate lunari” venivano fatte ad orari precisi, quando il suolo aveva una temperatura intermedia ed accettabile.

scarponi ad isolamento termico

2 nel 1969 non avevamo la tecnologia per un’impresa simile

Falso, la tecnologia l’avevamo leggi il .pdf:

3 La bandiera sventolava ma non c’è atmosfera sulla Luna

La bandiera in realtà era plastificata e steccata in modo di dare la parvenza di una bandiera che sventola al posto  di una afflosciata. Anche gli astronauti sapevano che non c’è atmosfera, mica solo voi  complottari.

4 Non c’era l’ombra della bandiera sul terreno

Falso anche questo, l’immagine ad alta risoluzione degli archivi della NASA mostra chiaramente l’ombra della bandiera

5 Le Fasce di Van Allen avrebbero distrutto ogni radio e le comunicazioni sarebbero state impossibili

Falso, le radio erano schermate e le “fasce” non furono mai attraversate.

In ultimo degli astronauti  non giurarono sulla bibbia di essere stati sulla Luna, questa è una mezza verità ma c’è da considerare che chi pretendeva il giuramento non era un’autorità ma un regista, Bart Sibrel. Alcuni  astronauti giurarono, altri si offesero, Il 9 settembre 2002, ci provò con Buzz Aldrin, urlandogli addosso come un pazzo, dalla strada fino  alla hall di un albergo di Los Angeles, oltre che aggressivo, il regista si comportò come un vero cafone gridando ingiurie come “Sei un bugiardo, un ladro e un codardo, mentitore, mentitore, mentitore..” tutto questo sventolandogli  una Bibbia  all’altezza della faccia. Aldrin, gli mollò un pugno e lo stese. Fu assolto per legittima difesa.





Licenza Creative Commons



 

Continua a leggere

Bufale

Pietro Crisafulli e la bufala della bimba danneggiata dal vaccino

Una bufala che nasce da un No-Vax e racconta la falsa storia di una bimba danneggiata da un vaccino. Giusto per spargere il panico

Pubblicato

il

Mi sono imbattuto post su Facebook. Uno di quei post contro i vaccini, scritto palesemente da un no-vax, in un italiano approssimativo.

marco dimitri

Premetto che le vaccinazioni vanno fatte, per varie evidenti ragioni, alcune malattie come il morbillo sono mortali, in più esistono persone immunodepresse, non possono essere vaccinate perchè sofferenti di malattie, ad esempio la leucemia, bambini in età prevaccinale.

Chiedete comunque al vostro medico immunologo, io non ho titolo.

Torniamo al messaggio in oggetto, incorporo da Facebook

“VACCINI, SONO SCONVOLTO. 
Ho assistito oggi, ad una straziante scena al pronto soccorso pediatrico.
Una giovane madre, con una piccola bambina in braccio, ed altri parenti urlavano e piangevano disperatamente. Alla piccola bambina sotto un anno di età, nelle ore precedenti avevano fatto il vaccino. Qualche ora dopo, la bambina stava malissimo, gli occhi che non si vedevano più, febbre alta, tremava, ed urlava. Erano tutti nel totale panico. Sono veramente sconvolto. Parlando poi con i medici del PS pediatrico, concordavano con quello che gli avevo detto, ma alzavano le mani. Anche qualche operatore sanitario, mi diceva i miei non li ho vaccinati, è mai li vaccineró. 
Dobbiamo fare qualcosa, per il bene dei nostri figli, nipoti, è per la nuova generazione. Tutti uniti, fermiamo questi criminali per il bene dell’umanità. Auguri piccola, mi auguro che non sia stata danneggiata.
Pietro Crisafulli

Il messaggio è stato scritto da un certo Pietro Crisafulli, non so chi sia ma la storia raccontata è davvero lacunosa “Alla piccola bambina sotto un anno di età, nelle ore precedenti avevano fatto il vaccino”.

Avevano fatto il vaccino? Non specifica quale tipo di vaccinazione sia stata iniettata alla presunta bambina, nemmeno specifica quale relazione medica abbia assodato  “il vaccino” al malore che  Pietro Crisafulli descrive.L’uomo afferma di trovarsi  in un pronto soccorso pediatrico.

Sempre in un italiano approssimativo, afferma “Parlando poi con i medici del PS pediatrico, concordavano con quello che gli avevo detto, ma alzavano le mani. Anche qualche operatore sanitario, mi diceva i miei non li ho vaccinati, è mai li vaccineró. “. Questa è un’affermazione gravissima, in quanto  il personale medico non fornisce informazioni a terze persone, tantomeno consiglia di non vaccinare.

Anche se è palese essere una bufala inventata e scritta pure male, è stata condivisa da 700 persone. Bisogna sempre controllare la veridicità di ciò che si condivide, la notizia, ad esempio, non appare in nessun giornale, in nessuna  agenzia stampa.

Semplicemente una bufala che potrebbe (dovrebbe) sfociare nel reato, visto che gioca con la vita delle persone più fragili: i bambini.

Oggi una bimba non vaccinata  sta lottando tra la vita e la morte, succede a Verona, la bambina ha 10 anni ed ha contratto il tetano perchè i suoi genitori non l’hanno vaccinata.

Persone che postano messaggi con storie false come il Sig. Pietro Crisafulli, contribuiscono a seminare il panico ed a desistere di vaccinare i propri figli.  La bimba di Verona è una vittima dei No-Vax, non è una vittima del tetano, il tetano l’abbiamo scongiurato grazie ai vaccini.

Il resto della pagina di Pietro Crisafulli è pieno zeppo di offese rivolte all’immunologo Roberto Burioni, offese tipo “somaro” “vaccinati il cervello”. Questo per dire a che punto i No-Vax sono arrivati. Non resta che sperare in una legge severa che punisca questi untori.





Licenza Creative Commons



 

Continua a leggere

Comunicati BdS

Insulti razzisti ad un ragazzino di 13 anni durante una partita di basket

«Sono la mamma di un ragazzino che oggi ha giocato un triangolare under 13. Mio figlio è stato adottato in Etiopia. È italiano dalla pelle nera. Vorrei ringraziare quei genitori che dagli spalti gli hanno urlato “negro di merda”. Complimenti», ha scritto la mamma su Facebook

Pubblicato

il

Non voglio fare la morale a nessuno, odio le morali e poi non vengono capite. La persona più debole è chi ha urlato, durante una partita di basket: “Neg… di merda” ad un ragazzino  di 13 anni, davanti ai suoi amici. Uno dei tanti genitori che assistevano alla partita, ha urlato la stupida frase. Quindi è impossibile fare della morale, fingersi indignati. C’è chi nasce intelligente, chi nasce stupido, chi nasce bianco, chi nasce nero. Non importa se siamo nel 2019, gli stupidi ci sono stati in ogni epoca.

marco dimitri

Su Facebook, la madre del 13enne, Rita A. scrive:

«Sono la mamma di un ragazzino che oggi ha giocato un triangolare under 13. Mio figlio è stato adottato in Etiopia. È italiano dalla pelle nera. Vorrei ringraziare quei genitori che dagli spalti gli hanno urlato “negro di merda”. Complimenti». «Lo sapevo. Me lo aspettavo. Lo temevo. È successo. Un bel pomeriggio di sport, un torneo di basket tra ragazzini di 13 anni e i genitori dagli spalti urlano “negro di merda” a mio figlio. Non ho parole e, quel che è peggio, non ne ho neanche da dire a lui».

Il fatto è accaduto a Milano durante un torneo triangolare. Le partite si svolgono tra tre squadre da Basket della categoria under 13. A un certo punto, il figlio di Rita viene preso di mira dagli insulti: dagli spalti si sente gridare «Negro di merda». E la mamma non sa davvero cosa dire a suo figlio.

La mia considerazione:

Albert Einstein diceva che era più facile infrangere l’’atomo che un pregiudizio. Comunque, sarò impopolare, ma il problema è proprio nel DNA di chi, anche con tre lauree, continua a manifestare la propria imbecillità ovunque ed in ogni modo. Insomma, una scala corta non porterà mai in vetta alle regole fondamentali di diritto. Proprio non ci arriva così come quando spieghi un fatto ad un complottista, gli dici che la Terra è tonda ma non arriverà mai a capirlo, gli dici che senza vaccini non saremmo qua a discutere, inutile, non ci arriva. Non puoi mettere un litro d’acqua in una bottiglia da mezzo litro, la sua natura glielo impedisce.

In breve c’è chi nasce bianco, c’è chi nasce giallo, c’è chi nasce nero, c’è chi nasce genio e c’è chi nasce stupido.

Per questo gli stupidi ci saranno sempre ed in tutte le epoche.  E… fidatevi, insultare una persona per il colore della pelle è davvero stupido, ma stupido!

Visto che abbiamo svegliato il buon Albert Einstein, la sua visione concisa è bene nota: “Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi.”





Licenza Creative Commons



Continua a leggere

Chi Siamo

Dicono di noi

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

I più letti