Scoperto il pianeta extrasolare più simile alla Terra

keLa caccia al pianeta gemello della Terra è sempre più concitata e ricca di novità come dimostra il risultato ottenuto questa volta da scienziati italiani con un telescopio italiano. Attorno alla stella Kepler-78 (individuata dal satellite astronomico Kepler della Nasa) visibile nella costellazione del Cigno e un po’ più piccola del nostro Sole, è stata rilevata la presenza di un pianeta roccioso della consistenza e della taglia del nostro pianeta azzurro; le più simili finora individuate.

VICINO ALLA SUA STELLA – Le condizioni in cui si trova sono molto particolari. Dista circa un milione di chilometri dall’astro madre (la Terra è a 150 milioni di chilometri) e compie un giro velocissimo intorno ad esso in appena otto ore e mezza. La grande vicinanza rende il suo ambiente tremendamente incandescente e quindi è difficile immaginare che possa ospitare qualche forma di vita.

UN PO’ DI ITALIA – Il risultato pubblicato dalla rivista britannica Nature è stato raggiunto dal gruppo di scienziati guidato da Francesco Pepe dell’Osservatorio di Ginevra, grazie allo strumento Harps-N installato sul telescopio dell’Istituto nazionale di astrofisica alle Canarie. L’apparato è stato concepito proprio per inseguire pianeti extrasolari rilevandone presenza e caratteristiche. Per il momento tuttavia ancora non si riesce a fotografarli. Anche se l’identikit del nuovo pianeta («un passo avanti notevole», ha sottolineato Giovanni Fabrizio Bignami, presidente dell’Inaf) ha destato attenzione, purtroppo non essendo collocato nella «zona abitabile» (con condizioni per la presenza dell’acqua) allontana, appunto, il sogno della vita. Ma qui è importante la capacità di cogliere la consistenza del nuovo corpo celeste grazie alla raffinatezza di Harps-N che ha già dimostrato la sua efficacia anche con i telescopi dell’Eso in Cile.
[asa book3]B0009U7KBS[/asa]
OLTRE 1.000 PIANETI – Finora i pianeti scoperti intorno ad altre stelle della Via Lattea sono 1.010 e sono stati individuati misurando gli anomali movimenti dell’astro indotti dalla presenza del pianeta oppure dalla luce che si affievolisce impercettibilmente quando questo le transita davanti. Degli oltre mille, però, soltanto 12 si trovano nella zona abitabile ad una giusta distanza per raccogliere l’energia necessaria. Ma in realtà i pianeti extrasolari sono sicuramente ben più numerosi di quelli accertati. Solo il satellite Kepler ha individuato 3500 candidati ora attentamente valutati. E proprio grazie alle sue osservazioni gli astronomi hanno stimato che nella galassia possano esserci addirittura 17 miliardi di pianeti extrasolari. La tecnologia corre, come dimostra Harps-N e dunque possiamo aspettarci altre sorprese.
Corriere della Sera

 

Categorie
Ricerca

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE