Si costituisce in carcere Don Aldo Nuvola il prete condannato per pedofilia

Il prete era stato condannato sia in primo che secondo grado. Si è costituito dopo che anche la Cassazione ne ha stabilito la colpevolezza

Si è costituito in carcere Don Aldo Nuvola, il parrocco accusato di pedofilia e condannato sia in primo che in secondo grado. Si è presentato dopo che la Cassazione ha confermato definitivamente la sua condanna a cinque anni e dieci mesi di reclusione. Aldo Nuvola è stato parroco della chiesa di Regina Pacis a Palermo. Le relazioni dell’allora sacerdote con giovani provenienti dai quartieri più poveri di Palermo emersero nel corso dell’indagine sull’omicidio dell’imprenditore Massimo Pandolfo, ucciso il 24 aprile del 2013 e il cui cadavere venne trovato nell’area del teatro del Sole. Indagando su quel delitto i carabinieri intercettarono una telefonata tra un diciassettenne che era stato arrestato proprio per quell’omicidio e Don Nuvola nella quale il ragazzo cercava aiuto

Il giovane chiamò il parroco poco dopo l’omicidio e quando venne messo alle strette spiegò i suoi rapporti col sacerdote. Da qui iniziarono le intercettazioni a carico di Don Nuvola che portarono a scoprire quello che l’accusa ha definito un vero e proprio giro di prostituzione minorile che il parroco frequentava. Già da tempo Nuvola è stato rimosso dal sacerdozio. Le condanne a suo carico furono sempre coerenti nei vari gradi di giudizio: 6 anni in primo grado, 5 anni e dieci mesi in secondo e ora la conferma dalla Cassazione.

 

IL CASO

     
 
 

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Crediti :

Canicattiweb

Categorie
CRIMINI VATICANI SUI MINORI

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma.
Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni
Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE